Consiglio ramponi

Di recente ho partecipato ad un'escursione organizzata dal CAI sulle Dolomiti del Brenta, stupendo trekking di due giorni, ma non avevano considerato alcuni nevai particolarmente impegnativi. Niente di esageratamente estremo, ma in un tratto in particolare che abbiamo dovuto attraversare avrebbe richiesto l'uso di ramponi.

Ora quello che volevo chiedere, non facendo attività di alpinismo (ma non lo escludo) o cascate di ghiaccio (questo lo escludo), è se sia utile munirsi di ramponi e se si, quale modello mi consigliereste.

Grazie :)

Ps. : ho delle pedule de La Sportiva GTX Micro Evo, rigide, ma senza predisposizione ai ramponi.
 
Per quelle pedule vanno bene dei ramponi classici 10 punte in acciaio. Coprono perfettamente le esigenze di un escursionista avanzato o di un alpinista principiante: li usi per i traversi, progressione su ghiacciaio, piccoli muri di neve o ghiaccio, su pendenze fino ai 45° circa. Poi se ci prendi gusto.... ne riparliamo ;)

Intanto, un paio di classici non li butti mai via: per l'alpinismo F e PD, d'estate, son molto meglio dei pesanti scarponi+ramponi 12 punte semiautomatici. Se hai dubbi, li butti nello zaino e via. Ti consiglierei una cosa così: http://www.grivel.com/products/ice/crampons/2-g10
 
Ecco, magari sarebbe meglio comprarli in un negozio fisico specializzato, portandosi dietro gli scarponi: di solito non ci sono problemi di compatibilità, però è meglio ch i ramponie te li regoli qualcuno di competente.

Mi raccomando, non farti rifilare cose inadatte, tipo ramponcini antiscivolo, o, dall'altra parte, mega ramponi automatici con annessi scarponi da 300 euro. I ramponi classici 10 punte in acciaio sono perfetti. Non i 12 punte, specie se hanno le anteriori pronunciate, perché sul piano tendono a far inciampare, più che a sostenere, l'alpinista. Io ancora adesso per le uscite tranquille uso i 10 punte classic, anche con gli scarponi attrezzati per i semi-automatici.
 
se ti servono una tantum per emergenza ti consiglio quelli leggeri in alluminio, sono talmente leggeri che li porti senza pensarci e vanno benissimo per cose come ti sono successe.
se invece conti di usarli in situazioni più pesanti, meglio quelli in acciaio, lo svantaggio è che pesando di più la tentazione di lasciarli a casa nelle situazioni dubbie è più alta
 
io ce li ho e servono proprio per le situazioni come le tue.
li ho usati pochissimo ma una delle volte sono stati utilissimi.
un giro di tre giorni, proprio alla fine dopo sei sette ore di camminata senza aver mangiato niente durante il giorno, un canalone ghiacciato...
in acciaio non li avrei mai portati, in alluminio si (se non sbaglio pesano 500 gr)
 
Anch'io prima pensavo che quelli di alluminio fossero più adatti all'escursionismo, ma mi sono ricreduta quando li ho visti rompersi dopo pochi metri di cresta, ai piedi di un mio amico. Il problema dei nevai estivi è che sono molto penetrabili e le punte di alluminio, a contatto con la roccia o i sassi si piegano subito. Andrebbero meglio per l'escursionismo invernale.
In fondo son poi 300 grammi di differenza, o poco più. Io preferisco qualcosa di più durevole.
 
non so che alluminio avessero quelli del tuo amico, quelli miei dubito si possano piegare, più facile che si spezzino.
 
lascia perdere, già quelli in alluminio costano una cifra!
la cosa positiva dell'acciaio è che puoi affilarlo, l'alluminio no.
 
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso