Consiglio scarpone trekking autunno/inverno tra alcuni modelli

Mi sono imbarcato nella ricerca di uno scarpone autunno/inverno e naturalmente l'abbondanza dell'offerta genera confusione.
Lo so che ci sono tremila discussioni già aperte (che ho già letto), ma vi chiedo la pazienza di darmi qualche consiglio.

Ho già due paia di scarpe:
- Forclaz Trek 300 che mi hanno soddisfatto come calzata ma molto meno come grip, sono vecchie e tenderei a eliminarle
- AKU Arriba II gtx basse, molto leggere, grande comodità, ottimo grip.

Cerco uno scarpone uso trekking, che mi permetta anche qualche ciaspolata invernale a quote entro i 2000, quindi con una certa tenuta termica e impermeabilità sicura. Non sono invece preoccupato di "soffrire il caldo" avendo le AKU come alternativa per i percorsi leggeri.
Le altre caratteristiche per me importanti sono: grip (non capisco perché con le Forclaz scivolo e con le AKU no), ammortizzamento (ho 55 anni...) e precisione. La comodità è importante, anche se a dire il vero non ho praticamente mai avuto problemi ai piedi in vita mia.
E una bella suola robusta per le pietraie.
Budget entro i 200 euro circa. Preferisco un prodotto che duri piuttosto che risparmiare subito e poi dover cambiare scarpe fra due anni...

Ho visto diversi prodotti di cui magari qui qualcuno ha esperienza.
AKU: Superalp gtx oppure Conero gtx
Scarpa: R-Evolution Active gtx, Kinesis Pro gtx, Ladakh gtx
La Sportiva: Trango Extreme Evo Light gtx oppure Trango Alp Evo gtx
Salewa: Mountain Trainer Mid oppure Rapace

Un'ultima domanda: cosa ci si deve aspettare da una scarpa classificata come "backpacking"? Maggiore effetto ammortizzatore?

Grazie in anticipo.
 
Ultima modifica:
Secondo me la ricchezza di cataloghi commerciali su internet sta creando un mare di confusione, prova ne è che hai postato modelli molto differenti tra loro. Alcuni vanno bene per semplici passeggiate, altri sono da alpinismo tecnico.
Consigli sparsi:
- lo scarpone va provato. Se guardi i modelli su internet ti confondi solo le idee. Non è solo una questione di calzata, è anche un problema di sensazione sulla rigidità, sul calore, sul contenimento ecc... Prova ne sia che su uno stesso percorso/via alpinistica si trovano varie persone con scarpe diverse e tutti probabilmente ti diranno che si trovano bene con le proprie.
- corollario: spesso sul forum si dice "io mi trovo perfettamente con il modello xy". Vale quanto vale: ovvero, una percezione soggettiva, magari da persone che fanno attività differenti (dire ciaspolate o trekking è molto generico).
- hai inserito scarponi da alpinismo, anche tecnico, come i Trango. La suola semiramponabile è più rigida, cosa sostanzialmente inutile se non si ha intenzione di fare alpinismo e non si usano i ramponi su vie impegnative. Io ti consiglio di orientarti su modelli più adatti al trekking, come i La Sportiva Trango trek oppure i modelli Scarpa che hai citato, due marchi che posso garantirti come affidabili.
- le suole Vibram hanno tutte un buon grip, più che sufficiente per l'escursionismo anche avanzato.
- l'ammortizzazione va provata sul proprio piede, il resto è solo pubblicità.
- la scarpa da "backpacking" è generalmente una scarpa in cuoio, più pesante e contenitiva, considerata adatta per terreni molto sassosi e impegnativi e per sostenere il carico di uno zaino ben carico.
- io, per motivi di impermeabilità, preferisco la pelle. Gli scarponi con inserti sono generalmente meno durevoli da quel punto di vista, nonostante le varie membrane.
 
Sulla confusione (la mia...) siamo d'accordo. Così come sul fatto che i giudizi sono sempre soggettivi. Ma è vero che è utile conoscere l'esperienza degli altri.
D'altra parte ho inserito un range ampio di possibili scelte, proprio anche per sentire dei "no".

Elimino quindi dalle mie opzioni i modelli più per alpinismo, che non mi servono.

Siamo assolutamente d'accordo anche sul fatto che lo scarpone va provato e non solo scelto davanti ad un monitor. Per quanto la pedana inclinata del negoziante possa essere considerata una prova...

Anch'io tendenzialmente preferirei la pelle per maggiore impermeabilità. Ma la vedo soprattutto nei modelli più tecnici.


Intanto grazie mille per i tuoi suggerimenti.
 
Il cerchio si stringe.
Ho provato alcuni modelli, rendendomi conto che non ha senso che io vada su rigidità del sottopiede maggiori di scarpe come la AKU Conero nbk gtx o la Garmont Sentinel gtx. Anzi rischio di avere per assurdo una certa scomodità sui percorsi più tranquilli.

In entrambi i casi la tomaia in nbk credo mi dia una certa garanzia di impermeabilità e di durata. La scarpa in pelle richiede una particolare attenzione/manutenzione? Quale?

Purtroppo in una città come Bologna, anche facendo il tour di tutti i negozi specializzati, non è che si abbia a disposizione un gran panorama di scarponi da provare...
Mi manca ancora un negozio, quello che mi pare più fornito. Lo tengo per ultimo per arrivarci con le idee un po' più chiare.

Sempre grazie per pareri, consigli, ecc.
 
Concordo alla lettera con quanto ti ha già detto Anfisbena, aggiungo un paio di cose alla luce del tuo ultimo intervento :si:

Quanto affermi sulla rigidità (comodità) è vero ma.. ma anche no.. Io con scarpe con suola troppo morbida non son capace, anzi mi snerva. E non soffro le suole rigide, ho un paio di invernali ramponabili che uso tranquillamente anche quando potrei usare cose più leggere. Non lo dico per aumentare la confusione, quanto per corroborare quella soggettività della quale si era parlato sulle scarpe e tu hai già fatto delle ottime e soggettive valutazioni che ti hanno orientato su un paio di modelli :si:

Per quanto attiene il trattamento della pelle, mi è stato detto di non esagerare ovvero di effettuarlo solo dopo un certo periodo e quando iniziano a vedersi segni di "stanchezza"... Addirittura per i modelli in "crosta" mi è stato consigliato di evitare trattamenti... Sono certo che comunque esistano diverse scuole di pensiero sull'argomento ;)

A Bologna c'è un bel negozio con persone competenti per consigliarti proprio sotto le due torri. Ho ottime esperienze anche con lo staff di Salewa sempre in centro, ma quest'ultimo è monomarca anche se non guasta secondo me farci un giro anche solo per provare/farsi un'idea/esperienza.

Mi dicono bene anche di Cisalfa in zona centro Lame, ma me ne parlarono per materiale da alpinismo (piccozza ecc) non so dirti per gli scarponi e non ho mai parlato con chi ci lavora.
 
Concordo. Infatti alla fin fine "chiarirsi le idee" significa fondamentalmente adeguare la scelta alle proprie esigenze, che per definizione sono "soggettive".
Comunque mi pare che i due modelli che ho citato abbiano già una buona rigidità.

In effetti non avevo pensato anche al negozio Salewa, ci faccio un salto.
Mentre il negozio "sotto le due torri" a cui ti riferisci penso sia quello che anch'io preferisco.
:)

grazie, ciao
 
Concordo. Infatti alla fin fine "chiarirsi le idee" significa fondamentalmente adeguare la scelta alle proprie esigenze, che per definizione sono "soggettive".
Comunque mi pare che i due modelli che ho citato abbiano già una buona rigidità.

In effetti non avevo pensato anche al negozio Salewa, ci faccio un salto.
Mentre il negozio "sotto le due torri" a cui ti riferisci penso sia quello che anch'io preferisco.
:)

grazie, ciao
Le scarpe con vocazione per il cosiddetto "backpacking", come ti diceva mi pare anche Anfisbena, hanno comunque una certa struttura erelativa rigidità per supportare l'eventuale zainone pesante :si:

Credo che, a Bologna, Villa sia "negozio storico" per la montagna... Io purtroppo non ne conosco altri, sono certo che andando verso l'Appennino, in qualche paese ci sarà anche altro, ma non conosco...

Se adocchi qualcosa da Salewa, ricorda che a Castel Guelfo c'è l'outlet di quel marchio... è raro, soprattutto per le scarpe, ma non si sa mai, potresti trovare qualcosa ;)
 
ciao ragazzi......anche io non so bene che scarpe comprare....
chiedo a voi un consiglio , cerco un paio di scarpe da trekking per terreno prettamente roccioso tenendo conto che io le userei solo in sardegna quindi niente o poca neve.....sono orientato a modelli con fascione protettivo visto che quelle che ho sono usurate nella parte bassa ...Da quello che letto riguardo alle ramponabili non sono adatte al mio uso, peccato che tra loro ho visto modelli molto belli.....
consigliatemi qualche modello ........
grazie
 
ciao ragazzi......anche io non so bene che scarpe comprare....
chiedo a voi un consiglio , cerco un paio di scarpe da trekking per terreno prettamente roccioso tenendo conto che io le userei solo in sardegna quindi niente o poca neve.....sono orientato a modelli con fascione protettivo visto che quelle che ho sono usurate nella parte bassa ...Da quello che letto riguardo alle ramponabili non sono adatte al mio uso, peccato che tra loro ho visto modelli molto belli.....
consigliatemi qualche modello ........
grazie
Più che belle, che non ti rompano i piedi... ;) io ci sono passato è davvero è una cosa mooooolto fastidiosa se ti succede..

Comunque non solo le ramponabili hanno la fascia protettiva (che anche secondo me su zone prettamente rocciose è preferibile) io ho tre paia di scarpe (una è quella che mi rompe i piedi ma solo dopo 5/6 km di camminata, prima no, quindi le ho tenute per altri usi) di cui un solo paio ramponabile, ma son tutte e tre col fascione di gomma.. ;)
 
Io ti consiglio di guardare tra i modelli solo pelle, senza Gore-tex: sono i più traspiranti e spesso sono anche molto comodi. Generalmente li producono gli artigiani, ma anche Scarpa fa qualche modello così.
Tra l'altro sono anche più economici.
 
concordo con Anfi, se come immagino non hai problemi di pioggia e bagnato in genere.
io l'ultimo scarpone che ho avuto era uno Scarpa tutto in pelle, compreso all'interno, senza membrana.
col clima asciutto è più confortevole
 
forse è meglio in goretex perchè mi capita avvolte di attraversare fango o erba bagnata e comunque se piove sono piu sicuro....
 
sta a te scegliere tra comodità e impermeabilità.
comunque sia chiaro, non è che con uno scarpone in gore dopo otto ore di pioggia sei asciutto, eh?! :D
diciamo che non navighi nell'acqua rispetto all'altro
 
Guarda, io nella casa di montagna tengo un paio di pedule Scarpa, modello da trekking leggero che va per la maggiore, con tomaia in pelle e piccoli inserti in cordura, con fodera in Gore-tex. E' comoda e leggera, ma nella neve resiste 4/5 ore, non di più, con la pioggia anche meno. Le pedule che uso normalmente, tutta pelle senza membrana, tengono tranquillamente 7 o 8 ore, se ben ingrassate. Uso lo stesso modello da anni: il paio precedente, dopo la risuolatura, aveva perso un po', mentre quello prima non ne aveva risentito affatto.
Una volta ho avuto uno scarpone artigianale solo pelle con la suola cucita: pesava come un masso erratico di granito, però teneva anche 3 giorni di neve consecutiva, a patto di ingrassarlo in abbondanza.
 
Cmq se li compri un nubuck e goretex non usarci assolutamente il grasso generico... Devo usare prodotti appositi, studiati per essere compatibili con le membrana... Se lo passi correttamente il giorno prima dell'uscita, puoi stare tranquillamente tutto il giorno nella neve bagnata
 
per adesso devo scegliere tra:
scarpa r-evolution pro gtx
scarpa r-evolution gtx
asolo shiraz
garmont vetta
spero di trovarle e misurarle.....
 
I modelli sono migliaia e difficilmente un negozio ben fornito ne tiene più di 5 o 6 per tipologia. Non credo che riuscirai a trovare tutti quelli che ti piacciono. L'importante è sapere quale tipo di pedula ti serve (e mi pare che tu l'abbia individuata) e saper valutare la qualità e la calzata.
 

Discussioni simili



Alto Basso