Convivenza Escursionismo e Caccia

QUESTO THREAD NON È PRO O CONTRO LA CACCIA!
Lo apro a valle del thread: http://www.avventurosamente.it/vb/18-storie-di-emergenza/23966-tragedia-macerata-convivere-con-la-stagione-della-caccia.html, e vuole essere un canale di informazioni così come in buona parte lo è diventato il sopraccitato thread, quindi vorrei che fosse mantenuto rigorosamente In Topic (IT), evitando provocazioni, polemiche, sarcasmi etc. etc..
Gli O.T. di alleggerimento saranno ovviamente i benvenuti, io stesso sono abbastanza goliardico, tuttavia sul tema O.T. valuterò e deciderò se, come e quando stopparli, chiedendo, qui lo dico senza problemi, l’intervento di moderatori e admin. Le domande sono benvenute, gli esempi e le richieste di chiarimento a riguardo pure.
Tuttavia ci saranno cose che non piaceranno, ma sappiate che saranno state scritte con onestà intellettuale.
In questo forum improntato sulla passione per l’Outdoor ed il Wilderness, vi sono curiosità e preoccupazioni legate sia alla fauna selvatica, composta da ciò che in una definizione contadina dei miei antenati piacentini sono le bestie, ossia ciò che non è domestico/di allevamento, come lo sono invece gli animali (l’animale, ‘l‘nimal, per eccellenza era, ed è tuttora il maiale), ed il comportamento delle bestie, sia all’attività venatoria che sul territorio viene praticata nei confronti delle succitate bestie.
Di quest’ultima vorrei dialogare, scendendo anche in spiegazioni e che per qualcuno saranno magari un po’ “oltraggiose” MA state sicuri che NON verranno pubblicate né foto né descrizioni horror, truculente, sanguinarie e VENGHINO SIGNORI VENGHINO.........OPS mi sto facendo prendere la mano :lol:.
Se poi qualcuno vuole parlare anche della fauna selvatica, you are welcome.
Sull’attività venatoria ritengo che ci sia, lo dico senza nessuna velleità offensiva della maggior parte dei cittadini, la cosa riguarda in parte, anche se in modo diverso, i cacciatori, una profonda ignoranza su tutte le norme che la governano e che regolano i rapporti con chi cacciatore non è, stabilendo diritti e doveri dei cittadini siano essi cacciatori o meno. Quindi di TUTTI NOI che usufruiamo del territorio extracittadino.
La legge di cui parliamo è la Legge quadro nazionale n°157/92 all’interno della quale ogni Regione ha emanato la sua Legge regionale e su cui ogni Provincia stila Regolamento e Calendario Venatorio, che viene applicato all’interno degli ATC (Ambito Territoriale Caccia).
Prima nota: 1 Legge Nazionale (n°157/92), 20 Leggi Regionali (L.R.) - non chiedetemi i riferimenti di tutte, 109 Regolamenti Provinciali (R.P.) – vedi sopra, centinaia di regolamenti fatti dagli ATC (R.ATC) - idem con patate. E poi ci sono le regolamentazioni della Zona Alpi.
Saltuariamente le L.R. e i R.P. derogano dalla Legge Nazionale, spesso pongono invece limitazioni e così pure fanno gli ATC al fine di migliorare la quantità di selvaggina e la qualità della selvaggina nonché del territorio.
Aggiungo: Please, non venite a contestarmi che “no Stefano (io), guarda che nell’ATC3 di non so quale Provincia all’interno di quella Regione, le cose non stanno esattamente come dici”, vivo la realtà di due ATC di confine 1 Pacentino e 1 Genovese, all’interno di una squadra di caccia al cinghiale interregionale, interprovinciale e anche interATC, da un certo punto di vista sono già abbastanza incasinato di mio.
(continua)
 
Ultima modifica di un moderatore:
Scusi ... lei che se ne intende :D che mi dice del ferro invece del piombo per i migratori ?

Non sono ancora convinto da quando 40 anni fa' qui dalle mie parti hanno abolito il piombo che se 'na papera si pappa i pallini di ferro li digerisce meglio di quelli di piombo :D

Beh ... certo il piombo e' velenoso basta un solo pallino ingerito .... ma il ferro non mi convince lo stesso :no:

Poi adesso sono uscite certe leghe ultra High Tech ..... che ogni schioppettata mi viene a costare $35 :biggrin:

Vai Che Buono ...... e non dimentichiamo la ' convivenza e l'escursionismo ' :si:

Cheers ...... Vin
 
BIRICHINO,
Se ti legge Spyrozzo ti ammonisce subito per O.T. :rofl:

??? 35$ ??? Sti ciufoli ... per me è stata bieca mossa dell'industria siderurgica. Comunque non mi riguarda quasi per nulla, io sono carabiniere nel senso che sono uso a cacciare quasi unicamente a palla.

non muovo il breda in 20 gauge da parecchio ormai
 
QUESTO THREAD NON È PRO O CONTRO LA CACCIA!
Credo che tale preambolo ( a valle di quel titolo ) sia molto ipocrita.

Basta leggere qualche intervento nel merito del citato 3D precedente.

E se proprio tenti di farlo digerire, almeno dovresti correggere con :
QUESTO THREAD NON È PRO O CONTRO I CACCIATORI !

Infatti spero siano molti gli avventurosi che ( intelligentemente ) non intendano mettere in dubbio il diritto dell' "uomo" a sentirsi predatore, visto che dalla propria comparsa sulla terra si è dovuto sfamare con la caccia.

Semplicemente vorrei riportare la discussione su una convivenza improbabile, senza prendere in considerazione una massa di leggi e leggine, scritte quasi sempre da incompetenti.
La propria posizione, credo dovrebbe tenere in conto solo l'aspetto che riguarda il diritto tra due realtà che vorrebbero realizzare i propri istinti e piaceri ma nel rispetto reciproco, oltre che nel rispetto della natura.

(....e in quest'ultima frase la vedo dura per i cacciatori ).

J
 
Io, avendolo scritto quel preambolo, pertanto sarei un ipocrita?

Il fatto di essere rispettoso degli altri e delle loro idee non significa affatto che io non sia capace di essere diretto, chiaro o franco fino ad essere rude.

Non avendo il benchè minimo desiderio di farti digerire alcunché non intendo cambiare il titolo del thread.

Non ti piace come ho impostato il thread, non leggerlo.

Anche perchè il tono ostile fin da subito e basta leggere le ultime tre righe avvelenerebbe subito il thread, che altri con meno chiusure mentali mi hanno sollecitato di aprire.
 
Grazie olasvadas per aver cominciato a scivere questo thread.

Credo possa essere fonte di informazione per tutti coloro facciano attività outdoor, spero non venga "attaccato" da polemiche che non servono a nulla perchè in altri thread che riguardano la caccia abbiamo tutti polemizzato abbastanza, quindi non sarebbe costruttivo farlo anche qui.

Ci avevi detto che stavi preparando una discussione che chiarisse dei punti focali sulla caccia e ti ringrazio per aver iniziato a farlo.
In attesa del proseguimento....:):):)
 
Ultima modifica di un moderatore:
Daniel,
dato che non pratico quasi per nulla la caccia a pallini non sono sicuro al 100% ma non mi ricordo nulla del genere, anche se c'è una tendenza amministrativa in quel senso supportata anche da un movimento anche di cacciatori che spinge verso l'abolizione del piombo sia nelle cartucce a pallini che a palla. Il tutto per proteggere eventualmete sia gli uccelli che si cibano di ciò che trovano sul fondo degli spechi d'acqua che degli animali saprofagi.

Qualcuno cerca di vendere di rischi saturnismo per l'uomo, ma a parte che non ci sono dati epidemiologici, c'è da tenere in considerazione che non è che ci si cibi tutti i giorni di selvaggina abbattuta, né che la la contaminazione da piombo sia così presente e diffusa negli animali abbattuti. Insomma non è come l'uranio impoverito.

Last but not the least, l'effetto terminale balistico delle monolitiche non è sempre efficace come quello dei proiettili in cui è presente il piombo. Comunque le monolitiche sono usate da troppo poco tempo e
 
OPS, scusa, ho clicato l'invio risposta per sbaglio, stavo scrivendo in modo troppo limitato qui in Italia per capire se e quanto sia efficace.

Talvolta l'effetto è esplosivo, talvolta è passante e l'animale muore dopo parecchio tempo, soprattutto il colpo non è stato piazzato al meglio.

In America per che si stiano tirando le prime somme e si sta considerando un roll back sulle palle da carabina.
 
Il piombo nelle cartucce a pallini è vietato solo nelle ZPS; per quello che riguarda le palle da carabina non c'è alcuna legge in merito, sono alcuni regolamenti locali a rendere obbligatorie le palle lead-free per la caccia di selezione o, in rari casi, per le battute al cinghiale.
Per quello che riguarda le monolitiche, ho delle slide di Garolini molto esaustive, se le ritrovo posso girartele.

Torno IT con delle riflessioni personali.
La caccia è un'attività che comporta la frequentazione di alcune zone rurali da parte di alcune persone, fin qui nulla di nuovo.
Le stesse zone rurali sono frequentate da una miriade di altre categorie di persone che esercitano altrettante attività, che spaziano dal trekking all'equitazione, dalla raccolta di funghi al fuoristrada passando per il mountain-biking, il bird watching, la fotografia naturalistica e chi più ne ha più ne metta.
Ora, tutte queste categorie convivono più o meno in pace, nella condivisione degli spazi (limitati) che la natura del nostro paese ci offre.
Quando si parla di caccia, però, la stessa condivisione degli spazi sembra venir meno, per un'innegabile intransigenza di fondo che vede la contrapposizione tra cacciatori e "resto del mondo". Perchè?
Nel mio piccolo ho cercato di analizzare la situazione, e sono giunto ad alcune conclusioni:
-Il fattore principale e più obbiettivamente pericoloso è quello del porto delle armi: i cacciatori, per ovvi motivi, portano ed utilizzano delle armi. Vuoi per l'innegabile pericolosità di tali oggetti (che, d'altronde, nascono per uccidere), vuoi per un'idiosincrasia di fondo che molta gente ha nei confronti delle "canne tonanti", chiunque porti in giro un'arma pronta all'uso, seppur del tutto lecitamente e nel rispetto delle normative, è visto come un personaggio potenzialmente, se non certamente, pericoloso.
-Altro fattore, sempre a mio modestissimo parere, è quello dell'odio nei confronti del cacciatore in quanto tale: c'è una parte di persone (una minoranza rumorosa, a mio parere) che non tollera la caccia come attività e considera degli assassini coloro che la praticano. Ogni opinione, ovviamente, è del tutto lecita, ma voler negare a qualcuno l'esercizio di un'attività sulla base di convinzioni personali la ritengo una mossa degna di qualsiasi dittatore. Diverso sarebbe se si evidenziasse un legame certo ed incontrovertibile tra l'esercizio di tale attività e dei danni all'ambiente, ma ad ora (ovviamente, dico io) mancano tali prove.
-Ulteriore fattore è la diffusa ed errata sovrapposizione tra cacciatori e bracconieri. Sovrapporre le due figure "perchè sparano tutti e due alle bestie" è come sovrapporre gli automobilisti ai pirati della strada "perchè guidano tutti e due la macchina".
-Vi è poi, purtroppo, un'innegabile ignoranza che dilaga tra molti cacciatori, spesso appartenenti alle vecchie generazioni. Ho avuto modo di conoscerne molti e mi sono accorto che talvolta (non sempre) sono in buona fede, se così si può dire, essendo legati a tempi ormai passati nei quali l'esercizio venatorio era ben visto dai contadini e da chi popolava le campagne (spesso cacciatori anche loro), ma che oggi -in un mondo in cui gli anticaccia sono più "rumorosi" che mai- si trovano, passatemi il paragone, a girare in carretto ai tempi delle automobili.
-Ultima considerazione, più filosofica: una volta la campagna era abitata da chi la viveva per davvero, non da cittadini in fuga. I contadini conoscevano l'importanza della caccia, che si rivelava sia uno svago a costo zero sia una valida integrazione di carne sulla tavola. Lungi da me qualsiasi stupido nostalgismo, nonchè la considerazione che la caccia serva ancora per vivere nel nostro mondo occidentale: è pacifico che non sia più così da qualche decennio. Tuttavia ciò ci fornisce la testimonianza inoppugnabile che la caccia possa convivere tranquillamente con una natura equilibrata e rigogliosa. Che tale equilibrio si sia ormai incrinato è, a mio parere, pacifico. Ma imputare tale rottura alla pressione venatoria è, secondo me, cercare un facile capro espiatorio.
 
Sovrapporre le due figure "perchè sparano tutti e due alle bestie" è come sovrapporre gli automobilisti ai pirati della strada "perchè guidano tutti e due la macchina".
[divagazione]
Questo non lo puoi dire perche' non c'entra nulla, cosi' mi e' stato fatto notare nell'altro 3D!
[/divagazione]
 
Il concetto è che se viene ucciso un lupo, leggi sempre da qualche parte la parola cacciatore SENZA il completamento corretto della definizione "di frodo", anche se secondo me sarebbe meglio dire delinquente, e quando la gente legge l'articolo tende alla fine ad associare il cacciatore al bracconiere.

Un Ufficiale della forestale ha corretto in maniera quietamente decisa la signora Sveva Sagramola che faceva questa confusione in un numero di Geo&Geo.

E comunque perchè"Questo non lo puoi dire perche' non c'entra nulla, cosi' mi e' stato fatto notare nell'altro 3D!"? e poi quale altro thread?
 
Io l'unica variazione alle tue note la fare là dove scrivi:
" I contadini conoscevano l'importanza della caccia, che si rivelava sia uno svago a costo zero sia una valida integrazione di carne sulla tavola."

Io la girerei in " I contadini conoscevano l'importanza della caccia, che sia una valida integrazione di carne sulla tavola, sia uno svago ad un costo limitato."

Mio bisnonno, benestante padrone di un'azienda agricola, in alcuni periodi di difficoltà lo spedivano a caccia con un numero limitato di cartucce.

Talvolta tornava con più capi dei colpi che aveva avuto in dotazione.

Ma era un cacciatore anomalo per l'epoca, tiravaai volatili. La vera preda era la lepre, un bel po' ci carne in tavola!
 
potrei avere anche io le slide, per favore?

in zona polesine, anche fuori dalle aree protette e dal parco del delta volevano proibire il piombo perche' spesso avvelenano i fenicotteri.
 
@ Stefano : Di cosa dobbiamo o possiamo parlare in questo post ?
Scusami non ho capito bene .... credevo si poteva parlare di caccia :azz:

Spiegami please ..... che mi sun " Ignurant " :D

Se era permesso volevo approfondire su tanti particolari .... comunque si puo' sempre aprire un altro post .... a valle di questo post

Cheers ..... Vin
 
Yes, of course, so we will compare the two systems and evaluate the differences.

Take however in consideration that the target is to give some light comportamental guideline or suggestion to the hikers an the right that they have vs hunters and viceversa.
 

Discussioni simili



Alto Basso