"coppia di piccole ricetrasmittenti" per attivita' con ragazzi

Salve a tutti,

stavolta non e' per me, "chiedo per un amico", come si dice online :)

Mi ha chiesto di indicargli su Amazon (perche' gli servono in fretta e ha Prime) una "coppia di piccole ricetrasmittenti" (testuale) per fare attivita' all'aperto con oratorio e/o scout. In pratica, gli servono per attivita' nei boschi o in campagna che durano al massimo 24 ore, per tenere i contatti fra gli animatori di due squadre, a qualche km di distanza.

Non serve roba che resista sull'Himalaya, o anche solo in invernale sul Velino, ma prodotti che non costino troppo e siano robusti e semplici da usare, perche' verrebbero usati anche da ragazzi di 12/13/14 anni, ovviamente dopo formazione con adulti, e loro supervisione. Piu' che temperature estreme, qui i rischi molto probabili sono da distrazione (cadute accidentali dalle mani, camminarci sopra o versarci sopra l'acqua della borraccia...). Ah, e se esistono sono molto preferibili prodotti che vadano a batterie normali (A/AA/AAA/C/D, quelle), anziche' ricaricabili via USB.

Di piu' non so, e questo e' un "mercato" che non conosco affatto, quindi attendo fiducioso consigli da esperti, grazie.
 
Economiche e resistenti non stanno bene insieme.

Midland XT60, siamo sui 60/70€ a coppia, usa batterie normali

Midland G10, siamo sui 40/50€ l'una, usa batterie ricaricabili sue

Motorotal T82, siamo 70/80€ a coppia, usa batterie normali e ricaricabili (mi sembra)

In generale, radio tipo "PMR446", omologate ovvero 500mW di potenza, antenna fissa, 8 canali.

Ciao :si:, Gianluca
 
Economiche e resistenti non stanno bene insieme.

Midland XT60, siamo sui 60/70€ a coppia, usa batterie normali...

In generale, radio tipo "PMR446", omologate ovvero 500mW di potenza, antenna fissa, 8 canali.

Ciao :si:, Gianluca

Grazie @znnglc . Ovviamente qualita' e costo stanno quasi sempre in contrasto, ma 80 Euro a coppia ci sta senza problemi come costo, se non e' roba che dura due settimane...
 
Tralascio i commenti sulla regolarità, amministrativa o legale, ci sono altri post (anche qui sul forum) e altre sedi. Sicuramente saprete come informarvi, regolarvi e come assumervi le eventuali responsabilità.
I Baofeng 888 sono ottimali per questo uso: sia agli scout da noi che per le uscite famigliari con bimbi/ragazzi ormai ci affidiamo da anni a quelli.
Il costo è irrisorio, si trovano anche a lotti da 5/10 ed in media costano sui 10-15 euro l'uno.
L'affidabilità è abbastanza buona, li usiamo anche in sezione ARI per lavori "veloci" e da dare a chi collabora con noi per montaggi o opere occasionali e non è radioamatore.
Due soli punti "negativi". Il primo è la batteria entrocontenuta da ricaricare con la rete, il secondo è che vanno programmati con pc, con apposito cavetto.
Ma, dopo, sono eccezionali
 
Tralascio i commenti sulla regolarità, amministrativa o legale, ci sono altri post (anche qui sul forum) e altre sedi. Sicuramente saprete come informarvi...

il tipo per cui sto scrivendo mi dice "anche no, se potete riassumere i problemi di questo tipo o anche solo passare link da studiarsi, grazie infinite @GiulioSherpa ".

Quanto ai Baofeng, forse ne prendero' un paio io per giocarci, ma batteria da ricaricare in quel modo e configurazione da PC non vanno bene nel caso che hanno chiesto, e comunque per ora gliene bastano due, massimo 4 in futuro, quindi quelli gia' indicati da @znnglc, o altri modelli simili, sembrano preferibili.
--- Aggiornamento ---

Riguardo a regolarita' amministrativa e legale come osservato da @GiulioSherpa , da quanto capisco su Wikipedia non c'e' nessuna limitazione/licenza da chiedere/imposte da pagare o altro nel caso d'uso in questione, cioe' PMR 446 senza installare nessuna apparecchiatura fissa, e usando le radio solo per coordinare attivita' fra varie squadre della stessa comitiva, oltre che ovviamente a chiamarsi in caso di emergenze se il cellulare non prende. Sbaglio?
 
Ultima modifica:
Per quanto riguarda i Motorola,ne hanno parlato male su YouTube per esempio. Cattiva ricezione.

La tassa annuale di 12 euro è stata abolita mesi fa, ora è di libero uso di nome e di fatto.

I Baofeng NON si possono usare senza il patentino di radioamatore. Se ti beccano vai nel penale.




Utile imparare l'alfabeto NATO per evitare espressioni fraintendibili tipo "B di Bologna" che in caso di cattiva ricezione può essere essere intesa "P di Polonia". Vedi allegato.
 

Allegati

  • Tabella codici internazionali.pdf
    226,9 KB · Visite: 57
Ni, la regolarità a cui fa riferimento @GiulioSherpa non è nel utilizzo in sè, sui canali PMR446 ci puoi fare quello che vuoi, coordinare attività fra varie squadre ma anche semplice puro ****eggio o decantare poesie alla morosa, l'importante è che la comunicazione sia in chiaro ovvero senza l'ausilio di filtri che impediscono la comprensione della trasmissione (scrambler) a terzi.

Il problema della regolarità è nell'apparato radio in sè.

In Italia le radio PMR446 (analogiche) sono liberamente utilizzabili da chiunque, ora senza pagare neanche una lira, purchè l'apparato abbia delle caratteristiche specifiche che sono:

500 mW max in uscita
Antenna non removibile, ovvero fissa
8 canali fissi sulla frequenza da 446.00625 MHz a 446.09375 con passi da 12.5kHz

a titolo informativo esistono anche radio che utilizzano, legalmente, i canali PMR446 da 446.10625 MHz a 446.19375 MHz per trasmissioni in digitale.

Se la radio che utilizzi ha queste specifiche sei, sostanzialmente, in un ambito di legalità e nessuno ti può contestare nulla.

Se però usi radio che nascono per operare su frequenze differenti, anche se programmate per operare solo sui canali PMR446, anche se le utilizzi con una potenza inferiore a 500 mW, anche se hanno l'antenna fissa SEI formalmente perseguibile poichè stai usando una radio NON omologata come PMR446. Le baofeng 888S appartengono a queste ultime, ovvero radio programmabili ma con un range di frequenze da 400 a 470 MHz per cui usabili solo se si ha la licenza per radioamatori.

Questo è la legge, dopo di che se nessuno ti vede (FdO) e se le usi sulle frequenze PMR446 nessuno ti dirà nulla ma, ovviamente, non sei a norma.
Grazie @znnglc . Ovviamente qualita' e costo stanno quasi sempre in contrasto, ma 80 Euro a coppia ci sta senza problemi come costo, se non e' roba che dura due settimane...
Midland e Motorola sono comunque due marche di un certo spessore e, se trattate come si devono, durano tranquillamente anni (salvo il normale decadimento della batterie ricaricabili), il problema è se ti cadono o se si "lavano", su quella fascia di prezzo non sono il massimo, dopo di che non è che sono di cristallo ma neanche di acciaio :)

Ciao :si:, Gianluca
 
OK, quindi ricapitolando anche quanto ha scritto @capkoenig, se comprano solo apparecchi con queste specifiche:

500 mW max in uscita
Antenna non removibile, ovvero fissa
8 canali fissi sulla frequenza da 446.00625 MHz a 446.09375 con passi da 12.5kHz

a titolo informativo esistono anche radio che utilizzano, legalmente, i canali PMR446 da 446.10625 MHz a 446.19375 MHz per trasmissioni in digitale.

e non le programmabili come le Baofeng staranno tranquilli, perche' di certo non cripteranno nulla, e non faranno mai alcuna modifica a parte ricarica o cambio di batterie! Quindi queste Midland a 70 Euro/coppia sarebbero 100% a norma, e poiche' vanno pure con normali batterie AAA andrebbero bene. Giusto?

Midland e Motorola sono comunque due marche di un certo spessore [ma] se ti cadono o se si "lavano", su quella fascia di prezzo non sono il massimo

Chiaro. Diciamo allora che se non saltano fuori entro stasera controindicazioni per quelle Midland che ho trovato, o alternative migliori di quelle sempre su Amazon, domattina gli dico di comprare due Midland.
 
Come sempre Gianluca ha il dono della sintesi, ma anche qui non possiamo riprendere decine e decine di post già scritti sull'argomento. Cerca anche tu la discussione (adesso sono fuori studio) poi semmai vediamo i particolari.
In sostanza appunto ci sono apparati per cui anche solo il semplice possesso è al 99% senza problemi, e altre che al 99% possono dare un mare di problemi.
Poi, ignorantia legis non excusat...
 
Sarò di parte, ma penso che leggendo qui --> www.reteradiomontana.it/emergenze-gestite mi giustificherete.

Vada per le comunicazioni interne al gruppo (es: tra aprifila e chiudifila), dove anche un apparato economico (e poco robusto) può andare bene... Ma consiglio ad un responsabile/referente del gruppo di dotarsi di un apparato valido e sintonizzarlo sul canale in uso dalla “RRM”:
1) impermeabile (perché il maltempo improvviso può inficiare la funzionalità del dispositivo);
2) meccanicamente robusto (per preservarlo da eventuali cadute);
3) dotato di antenna di serie lunga (perché effettivamente, a parità di potenza, eroga correttamente tutta la potenza - debole - e riceve meglio i segnali deboli);
4) dotato di un'elettronica buona (perché permette di ricevere segnali deboli, che un apparato economico non ti farebbe ascoltare);
5) batterie al Litio (perché ti permettono di gestire meglio la potenza quando la carica è bassa, ovvero utilizzano completamente i già pochi 0,5 W legali in caso di batteria quasi scarica);
6) apparato omologato (e non Baofeng, perché vi assicuro che alcuni utenti sono stati "salati").

In merito alla RRM vi rimando al topic dedicato: www.avventurosamente.it/xf/threads/rete-radio-montana-sicurezza-in-montagna-con-le-comunicazioni-radio.2367/

In merito al discorso legale, in realtà le sanzioni sono amministrative (in caso di utilizzo di apparati tipo Baofeng). Si rischia una multa fino ad oltre 2000 € e il sequestro dell'apparato.

Tali apparati sono utilizzabili esclusivamente dai titolari di patente radioamatore, e comunque quest'ultimi possono usarla esclusivamente su frequenze dedicate al servizio di radioamatore (potenzialmente 430-433 MHz e 144-145 MHz). Fuori da questi range sono sanzionabili anche i radioamatori.

Diventa penale quando questi Baofeng sono sintonizzati/configurati su frequenze "proibite" (FF.PP., istituti di vigilanza privata, 118, pubbliche assistenze, associazioni di protezione civile, società di trasporti, aziende e ditte varie, e compresi i "canali VHF nautici").

Ahimè, sono stati sanzionati anche appartenuti ad associazioni di protezione civile (anche in questo caso, pure se la frequenza è autorizzata, meno lo sono le radio "cinesine"... Ogni apparato autorizzato deve infatti avere caratteristiche specifiche e deve essere registrato nella concessione della frequenza)... Quindi sinceramente sconsiglio i Baofeng (e simili).

Leggete anche qui: https://polstradaforum.forumfree.it/?t=78356314
 
Ultima modifica:
Più che temperature estreme, qui i rischi molto probabili sono da distrazione (cadute accidentali dalle mani, camminarci sopra o versarci sopra l'acqua della borraccia...). Ah, e se esistono sono molto preferibili prodotti che vadano a batterie normali (A/AA/AAA/C/D, quelle), anziche' ricaricabili via USB.

@MarcoF suggerisco di fare sostituire il cinghiello normalmente in dotazione con una tracolla, la radio rimane sempre addosso alla persona e non si rischia di perderla per disattenzione o altro, mi ricordo la ricerca estenuante di un mio portatile buttato nelle frasche dal capocaccia per correre dietro a un cinghiale. Lo teneva in mano e opplaa, mezz'ora di ricerche, trovato perché siamo riusciti a sentirlo, mai più prestato, ovviamente, ma l'avesse avuto a tracolla.....

Normalmente le radio hanno dei caricabatterie dedicati, ma anche una vita operativa di ore e ore soprattutto se in ascolto, ma anche se usate in trasmissione durano parecchio. Alcune avevano la doppia possibilità di alimentazione, batterie ricaricabili o pàcco da riempire con le commerciali. Tuttavia il pacco ricaricabile è anche più economico, anche perché le batterie usa e getta costano e inquinano, questo non toglie che l'eventuale pacchetto di emergenza con batterie commerciali non abbia una sua validità indiscutibile.
Per il discorso impermeabilità, leggi eventuali segnalazioni e caratteristiche IPXX se IP67 o giù di lì, manca poco che ci si vada a fare il bagno.
 
Ultima modifica:
@MarcoF suggerisco di fare sostituire il cinghiello normalmente in dotazione con una tracolla, la radio rimane sempre addosso alla persona e non si rischia di perderla per disattenzione o altro
esatto,questo e' proprio il genere di rischi da cui dovranno guardarsi. Ottimo consiglio grazie.
 
Che problema c'è con le radio ricaricabili tramite USB? Troppo delicate?

come dicevo all'inizio, stavolta faccio solo da tramite, di piu' non so. A me le cose che si devono ricaricare le batterie interne via USB anziche' CAMBIARGLI le pile con altre cariche... in escursionismo danno fastidio, perche' di pile ricaricabili posso portarne quante ne voglio, passarle da un apparecchio a un altro se serve (es alla frontale), trovarne altre se mi servono anche nel negozietto del paesino sperduto eccetera. Ma quello e' un criterio mio.
 
...E hai perfettamente ragione...!
L'ideale sarebbe utilizzare un unico tipo batterie per tutti i dispositivi che si usano.
Personalmente, infatti, mi sono organizzato proprio così, GPS, torcia e radio funzionano tutti con pile AA, quindi basta qualche pila di scorta e sei tranquillo, addirittura, in caso di necessità sono intercambiabili e puoi sostituirle da un dispositivo all'altro.
 
L'importante è buttarle negli appositi raccoglitori, ma ripeto, le attuali batterie al litio entrocontenute non dovrebbero, ma non ci posso giurare, avere porte USB per la ricarica e durano anche un paio di giorni se non si mette la radio in trasmissione fissa.
 
Volendo preservare un pò di più le radio potreste adottare questa soluzione:

Microfono con altoparlante esterno IP67
https://www.amazon.it/dp/B07YY4Q7GP/ref=cm_sw_r_cp_apa_glt_i_WFBHSAC2DZWAN6SXYXAH
(dovrebbe essere compatibile)

Pellicola trasparente, domopack, intorno alla radio agganciata agli spallacci dello zaino o alla cintura in una custodia, la tracolla potrebbe far ballare la radio e se non ci stai attento potrebbe agganciarsi da qualche parte o sbattere contro qualcosa.

Una soluzione del genere non è il massimo per cambiare canali etc etc ma se le usi su un canale predefinito, con volume alto......

Ciao :si:, Gianluca
 
....... magari :p ma sono mezzo, tre quarti, acciaccato :( e di passi ne posso far pochi ..... quelli a 12 anni saltano come stambecchi.

Ciao :si:, Gianluca
 
Maddai, le lezioni teoriche al campo base, quelle pratiche, noi al campo base e loro a saltabeccare come stambecchi.
C'ha cosa ti è successo?
 
Alto Basso