Corso di affilatura cercasi

a furia di provare mi sono depilato tutto l'avambraccio
Forse ho dimenticato di dire che va bene provare la lama anche sul unghia (e la stessa sostanza dei capelli), sempre con un movimento a radere, non a tagliare, come ho visto fare qualcuno:no:, anche se fa più effetto radere i pelli.:biggrin::biggrin::biggrin:
 

Ultima modifica:
Buona Pasqua a tutti!
Finalmente dopo anni dall'apertura della discussione ho provato veramente ad affilare. Forse tutti i vostri commenti e i video su YouTube sono serviti a qualcosa!
Fino ad ora avevo utilizzato solamente la mini pietra presente in alcuni set Victorinox (ovviamente senza ottenere risultati) e l'affilatore a penna sempre della Victorinox acquistato a Tokio (la "V" in ceramica è a prova di idiota quale sono, ma non crea comunque dei rasoi). [P.S.: la bacchetta di quest'ultimo affilatore è da considerarsi come pietra o va utilizzata come un acciaino?]
Alla fine ho acquistato da Leroy Merlin la pietra a doppia grana della Bahco. Le dimensioni sono circa quelle della DC4 per dare un'idea (l'ho acquistata pensando di portarla durante le rare uscite).
I primi esperimenti li ho fatti su una accetta economica. Ovviamente tenendo ferma l'accetta ed utilizzando la pietra come se fosse una piccola cote. Considerato che l'accetta non deve essere utilizzata per farsi la barba, non mi posso lamentare del risultato.
Oggi invece ho provato con due vecchi Opinel e con due Vic (uno versione portachiavi e lo Swisschamp che porto solitamente con me).
Ho iniziato grattando avanti e indietro sulla pietra e le ultime passate le ho date solo in un senso (per intenderci come nel video di Ray Mears).
Credo di aver provato a fare un profilo saber... o full flat? ... Credo... Per il convex non credo che avrò mai la mano adatta...
Non ho provato a stroppare in quanto non ho una coramella, ma il risultato mi è comunque parso decente per quasi tutta la lunghezza del filo. Ho provato a tagliare un foglio di carta e sono riuscito a fare quei tagli a "S" che mi piacciono tantissimo. Ovvio, in alcuni punti capitava che il foglio si strappasse invece di tagliarsi. Ma nel complesso, per essere praticamente il primo vero tentativo, mi reputo abbastanza soddisfatto (più che per l'outdoor, le lame le utilizzo in ambito EDC).
Ora, però, mi è venuta ancora più voglia di imparare. Senza spendere una fortuna, volevo chiedervi consiglio per acquistare:
1) PIETRA DI DIMENSIONI PIÙ GENEROSE (se fosse possibile usarne solo una sarebbe perfetto);
2) CORAMELLA + PASTA ABRASIVA/COMPOUND;
3) EVENTUALE ALTRA ATTREZZATURA NECESSARIO.
Grazie mille in anticipo a tutti!

Lorenzo
 
Ultima modifica:
Molto bene, adesso ricordati di mantenere le facce della pietra sempre piane, e vedrai che continuerai ad avere risultati sempre migliori.

P.
 
Grazie @IlColtellaio, infatti mi sono accorto che lavorando sulla pietra venivano via delle mini schegge. Non so se sia normale o se sia un mio errore. Come si riporta in piano la pietra?
Non so se raggiungerò mai grandi risultati, ma so che mi sono divertito un sacco!!! Grazie ancora!
 
Ci sono delle "mattonelle" da rettifica in carburo di silicio proprio per la manutenzione delle pietre da affilatura.
Ma potresti usare anche della carta abrasiva (utilizzo umido) incollata su una superfice piana (vetro, granito, marmo), che per piccoli lavori risulta più economica.

Buon divertimento.
P.
 
Ci sono delle "mattonelle" da rettifica in carburo di silicio proprio per la manutenzione delle pietre da affilatura.
Ma potresti usare anche della carta abrasiva (utilizzo umido) incollata su una superfice piana (vetro, granito, marmo), che per piccoli lavori risulta più economica.

Buon divertimento.
P.
Ah umido? Quindi parli di grane fini, dai P600 in su?
 
Ah umido? Quindi parli di grane fini, dai P600 in su?
Da calibrare in base alla pietra che vai a rettificare, 600 o 1000 per pietre oltre i 5000 grit.
Poi dipende anche da quanto messe male sono, ma se mantieni una cura periodica e sono di buona qualità grane fini ti fanno sprecare meno. Se una pietra la ho pagata 200 euro mi darebbe fastidio scartare più del minimo necessario...
Le carte umide partono anche da grane molto grosse, dipende tutto dal supporto, ed usate umide sono meno aggressive comunque.

P.
 
Ultima modifica:
Mi sto già perdendo di nuovo (non che mi ci voglia tanto...)...
Una curiosità @Scala, il metodo che ti ha consigliato @aleks di cui parli qui
La maniera a me più congeniale è quella insegnatami da @aleks con due soldi e pochissimo peso ho tutto quello che serve per affilare qualsiasi cosa fino ad arrivare a "rasoio" se occorre.
per caso è questo?
Per i coltelli io faccio cosi, in base a quanto e rovinata la lama posso saltare alcuni passagi primari.
Passo prima sulla parte della pietra 250 poi sulla parte 1000. Dopo passo sulla pietra con la parte in ceramica che dovrebbe avere intorno ai 2000 grit. Poi passo sulla pietra belga che dovrebbe avere intorno ai 8000 grit. Poi passo sulla coramella, se serve, ma di solito mi fermo appena il coltello comincia a radere i pelli (pietra o carta vetrata, niente corramella). Con la carta abrasiva, che ha una codifica diversa rispetto alle pietre faccio cosi. Prima passo con la carta 150. Poi con la carta 250. Già con la carta 250 rade il pello. Se devo lucidare vado avanti con carta 400, 600 etc.
Al raduno avevo due affilatori autocostruiti incolando con Bostik su un pezzo di plastica spesso 2mm. sul primo la carta abrasiva 150 da un lato e 250 dal'altro lato. Sul secondo avevo la carta da 250 usata da un lato e la pelle riciclata da un guanto di lavoro dal'altra parte. Funzionava benissimo e non pesa niente.
Grazie,
Lorenzo
 
Ultima modifica:
Mi sto già perdendo di nuovo (non che mi ci voglia tanto...)...
Una curiosità @Scala, il metodo che ti ha consigliato @aleks di cui parli qui

per caso è questo?


Grazie,
Lorenzo
Si, è quello.
Adesso ho perfezionato un pò tutto e ho incolato su un pezzo di plastica da una parte la pelle, dall'altra parte la carta vetrata 1500. :)

N.B. QUANDO SI USA LA CARTA VETRATA INCOLATA SI DEVE AFILLARE MUOVENDO LA LAMA COME PER STROPPARE,CIOE CON IL DORSO DELLA LAMA IN DIREZIONE DI MOVIMENTO, FACENDO SCIVOLARE IL FILLO. Diversamente rischi di tagliare la carta.( Gli yakut, e anche altri coltelli gli afillo sempre cosi)
 
Ultima modifica:
Se posso dire una considerazione, purtroppo a chiacchiere è molto difficile capirsi... Anche io provavo, provavo e provavo.
Il discorso è che ogni due tre passate bisogna guardare ció che si è fatto è correggerlo. Altrimenti si fa la cosa giusta nel modo sbagliato.
Il mio (umilissimo) consiglio è guarda bene il filo prima di iniziare ad affilare e cerca di capire se ci sono delle imprecisioni. Poi mentre affili, continua a guardare quello che fai.
Dovresti vedere di persona secondo me
Ed Aleksej è sicuramente uno dei più bravi. :si:
 
Se posso dire una considerazione, purtroppo a chiacchiere è molto difficile capirsi... Anche io provavo, provavo e provavo.
Il discorso è che ogni due tre passate bisogna guardare ció che si è fatto è correggerlo. Altrimenti si fa la cosa giusta nel modo sbagliato.
Il mio (umilissimo) consiglio è guarda bene il filo prima di iniziare ad affilare e cerca di capire se ci sono delle imprecisioni. Poi mentre affili, continua a guardare quello che fai.
Dovresti vedere di persona secondo me
Ed Aleksej è sicuramente uno dei più bravi. :si:
Concordo. In particolare, in merito a quello che ho grassettato, è sempre molto utile passare un pennarello nero sul filo per vedere come si sta agendo in fase di affilatura (troppo inclinato, troppo poco ecc.).
 
impossibile dire a distanza come è una pietra. Certo costa troppo poco per essere fenomenale e cmq i GRIT non sono sicuramente giusti. X coltelli prendi la 1000/3000 non l' altra
 
L'unico modo per prendere una pietra a 10euro... È trovarla usata. Altrimenti fallknFall Dc4 . 23 euro piccola ma eccezionale.
 
Ciao @Scala, ho letto molto bene della DC4. Sicuramente sarà la mia prossima pietra da campo, quando (e se) migliorerà la mia mano ;)
Adesso ho acquistato una pietra di minor qualità, ma di dimensioni più generose, proprio per fare esperienza. Ho optato per quella di Amazon, ma con grit 1000/3000 come consigliato da @Jk74.
Ho anche recuperato un vecchio pezzo di cuoio spesso circa 3 mm. da un calzolaio. Ma ora mi è venuto un dubbio: devo utilizzare la parte esterna liscia o quella interna più ruvida? Io ero convinto servisse quella liscia, ma nella discussione Affilatore portatile fai da te Spartano mi sembra di capire che @MisterNo utilizzi il lato più grezzo, anzi che vada addirittura ad "ingrezzirlo" ancora di più prima di impregnarlo con la pasta lucidante.
Rimanendo in tema di pasta lucidante, dite che questa potrebbe andare bene?
Grazie mille come sempre,
Lorenzo
 

Discussioni simili


Contenuti correlati

Alto