Cosa ne pensate del ritorno al Nucleare?

beh allo stesso modo bisogna capire il vero costo delle centrali.
analizzare il rapporto costo/durata durata della centrale/costo di smaltimento delle scorie. (una volta che una centrale esaurisce il suo ciclo, comunque prevede dei lunghissimi anni di attività; vedi le centrali che avevano chiuso ancora operative)

Leggendo in giro molti sostengono che non è vero che sia la soluzione più economica, anzi...

Purtroppo per analizzare un problema come questo bisognerebbe essere dei "tecnici" e avere una visione costo/opportunità che a me manca
 
Mot@ba ha scritto:
Certo che le risposte potrebbero essere tutte SI, certo che potrei privarmi del computer e della televisione per far risparmiare corrente certo certo
Non conosco a fondo il problema.... certamente.... ma qualcuno sa dare dei dati? Tipo:
Costo, durata di un impianto fotovoltaico per una famiglia con due stipendi da 1000 euro e due bambini, un affitto o mutuo da pagare
Quantità e di fotovoltaico, eolico, geotermico bla bla bla per arrivare a produrre l'energia di una nuova centrale nucleare,
Costo e durata dei pannelli solari
Quantità di emissioni tossiche e nocive da un termovalorizzatore
Quantità di corrente prodotta da un termovalorizzatore.
Etc etc.
Certo che vedo che le soluzioni ci sono, le fattorie solari a stirling, il progetto archimede, sistemi di efficenza energetica...insomma, un futuro sostenibile esiste ma a che prezzi per una famiglia con le caratteristiche sopraelencate?

perchè poni in questo modo le domande? sono tendeziose, e io ti rispondo in egual modo:
intanto di bimbi la famiglia ne fa uno o ne fa a meno, così riduciamo un pò la pressione demografica che sta schiacciando il globo.

e poi....
guarda che esiste l'80% della popolazione mondiale che fa a meno di TUTTO, naturalmente per necessità.
detto questo: nel tuo ragionamento c'è un problema, il fatto di non comprendere che in futuro dovremo fare delle rinunce...che non saranno la televisione o internet...
le rinunce saranno nell'ambito dell'alimentazione, del vestirsi ...di tutte quelle cose BASE per l'uomo....ancora non abbiamo capito che il nostro modo di vivere non è sostenibile? davvero non si è capito?
pensiamo davvero che inquinare fiumi, aria, terra per fare il week-end in campagna sia per noi una possibile alternativa in futuro? pensiamo davvero che in futuro l'uomo sarà ancora così tanto svincolato dalle leggi naturali come finge di esserlo ora?

regà: è triste parecchio se è vero questo... ehhhh
 
Federico, leggiti il sito che ho linkato, leggiti le interviste e le dichiarazioni di Zichichi (premio nobel), vedrai che non ci sono alternative al nucleare. E i tempi e i costi non sono quelli che dici tu. Lo dicono scienziati di fama mondiale, e lo dicono le altre grandi potenze europee che sul nucleare stanno investendo da anni, arrivando a produrre tanta energia da poterla vendere all'estero. E non essendoci alternative ci si dovrà per forza andare. Quindi è meglio farlo subito.

Troverai anche analisi tecniche che fanno chiarezza su fotovoltaico, biomasse ed altro.

Ma leggili !!! La giusta informazione è alla base di tutto !!
 
tanto per fare i conti della serva:

il circuito di comando di un televisore con led e ricevitore infrarossi sempre accesso e in "ascolto" consuma circa 40 mW/ora
quanti apparecchi ha una famiglia media dentro casa? 2 televisori, 1 videoregistratore, 1 computer, 1 stereo
quindi siamo a 160mW ora, per 24 ore => 3,84 KW

ok, quante case ci sono in italia? siamo 60 milioni, diviso 4 persone di media fanno 15 milioni di case.

quindi siamo a 57.600,00 KW al giorno , 57 MegaWatt.....
 
Questo è vero. E ci sono un sacco di altre cose. Il PC acceso e noi che facciamo altro. La luce accesa e noi che siamo in giardino. La TV accesa e nessuno che la guarda. Cinque luci in una stanza, quindo una basterebbe. Lampadine a incandescenza invece di quelle a basso consumo. E il riscaldamento a 23° invece che a 19°. E le auto da 8 km/l. E l'auto per andare dal tabaccaio a 100 metri da casa. E gli elettrodomestici in classe C...

Si potrebbe risparmiare molto, con un po' di buon senso.

Ma i problemi verrebbero solo posticipati di qualche anno. C'è anche questo, nelle ricerche che ho linkato.

Quindi il risparmio non è la soluzione, ma solo un rimandare. Dobbiamo agire subito, non posticipare ancora. Il problema va risolto, non rimandato.

Lo dobbiamo ai nostri figli !!
 
sono pienamente d'accordo con Federico..........deve cambiare la coscienza dell'uomo................la terra non è solo nostra e non è stata creata per essere sfruttata dall'uomo e inquinata...........inoltre bisogna iniziare a voler bene a questo pianeta convincendosi che il nostro sistema di vita è sbagliato ............e tante delle cose che ci sembrano indispensabili o necessarie non lo sono............è frutto del mercato e di chi vende.............ogni volta che si cambia un elettrodomestico perchè rotto( spesso un buon tecnico lo riparerebbe....) si fa prima a ricomprarlo ,ma questo genera spreco e inquinamento...........visto che molto spesso non c'è una raccolta differenziata ....................adesso non ho tempo ma continuerò il discorso più tardi....................
 
wizzardo ha scritto:
beh allo stesso modo bisogna capire il vero costo delle centrali.
analizzare il rapporto costo/durata durata della centrale/costo di smaltimento delle scorie. (una volta che una centrale esaurisce il suo ciclo, comunque prevede dei lunghissimi anni di attività; vedi le centrali che avevano chiuso ancora operative)

Leggendo in giro molti sostengono che non è vero che sia la soluzione più economica, anzi...

Purtroppo per analizzare un problema come questo bisognerebbe essere dei "tecnici" e avere una visione costo/opportunità che a me manca
Questo si che è parlare! chi sa parli chi non sa o parla "Per partito preso" o che probabilmente ha le stesse idee sulla demografia del governo "CINESE" faccia a meno. Io nn sono daccordo o in disaccordo sulle centrali ma nn conosco i dati come certamente qualcuno conosce.
Io nn ho fornito dati!
Le mie domande nn volevano essere tendenziose... volevo solo avere dei dati in modo che una famiglia con 2 stipendi da 1000 euro l'uno e due figli (Tendenzialmente fino a 5 anni si riusciva a vivere tranquillamente chi nn li ha nn può sapere) possa fare 4 conti per poter concorrere all'energia sostenibile.
Le mie domande sono quelle che la maggior parte degli Italiani si pone. Ma in fondo la domanda è e rimane una sola
Si può, tramite le energie sostenibili, insegnando alla popolazione il risparmio energetico, fare a meno delle centrali? Oppure questa è una nuova via che potrebbe assomigliare all'utopia comunista ormai rimasta solo in pochissimi paesi?
Dice il saggio Confucio (SQUALLOR)....
i veldi sono come i pomodoli....... plima sono veldi poi vilano in lossi.....
 
Solo una precisazione: Zichichi non ha avuto nessun premio Nobel per la Fisica.
Per il resto, viva il nucleare!
Uno dei miei sogni è quello di costruire una casa a basso impatto energetico. Tempo fa vidi in tv un servizio su un'impresa di Udine specializzata in questo tipo di costruzioni. Case bellissime e nemmeno troppo costose. Magari se trovo il link ve lo posto
 
dati dati...
allora, i dati sono un conto, le informazioni un altro....
le informazioni sono i dati "convertiti" in parole da interlocutori.

quindi mi sono informato riguardo Franco Battaglia
http://www.ilgiornale.it/la_aut.pic1?ID=5750

mamma mia quanti articoli "cattivi"!!!

questo Franco Battaglia grida contro tutti i tipi di fonti energetiche, esclusa il nucleare....questo mi fa pensare parecchio!!
allora: tempo fa su "le scienze" c'era un articolo di diverse pagine riguardo i possibili futuri sviluppi delle energie (tutte) nel quale veniva messa in primo piano il nucleare e le altre buttate nel cesso...andando a guardare chi fosse l'autore ho scoperto che faceva parte della commissione nucleare europea, ....forse di parte?

morale: se volete dati prendete i dati, analizzateli con le vostre conoscenze e traete le vs. conclusioni, poi confrontateli.
se invece prendete le riviste dei giornali o le pubblicazioni di altri, mettete da conto che sono DI PARTE sempre e comunque.
 
Mot@ba ha scritto:
chi non sa o parla "Per partito preso" o che probabilmente ha le stesse idee sulla demografia del governo "CINESE" faccia a meno. .
MA FACCIA A MENO DI COSA???

senti un pò: se nel mondo in futuro saremo 4000 miliardi di persone, tu pensi davvero che possa essere una cosa logica? pensi che ci sarà da mangiare per tutti?
I CRICETI autolimitano la propria popolazione al variare delle scorte alimentare
NOI UMANI invece no! ce ne sbattiamo ampiamente le ba//e e continuiamo a crescere....non siamo all'altezza dell'evoluzione di un criceto!!! :? :?

SERVE-UN-CONTENIMENTO-DELLE-NASCITE a livello GLOBALE
 
Dice il saggio....
I cliceti sono come i lossi..... mangiano i bambini opssss clicetini...
A parte i flame :) Non si può escludere nessuna fonte energetica a priori, io volevo capire solo questo ma chiaramente gli estremisti ci sono dappertutto e quando qualcuno chiede delle precisazioni o hanno idee diverse si infervorano (GREGGIO DOCET) attaccando.... ma daltronde.... l'uomo non è un criceto? ops scusate.. un animale?
 
topic enorme come contenuti.


"Le mie domande nn volevano essere tendenziose... volevo solo avere dei dati in modo che una famiglia con 2 stipendi da 1000 euro l'uno e due figli (Tendenzialmente fino a 5 anni si riusciva a vivere tranquillamente chi nn li ha nn può sapere) possa fare 4 conti per poter concorrere all'energia sostenibile. "


Come privato cittadino, dalle possibilità economiche non disastrose ma limitate, direi che il tuo approccio alle rinnovabili/risparmio energetico deve essere di convenienza.
Ovvero che interventi ti conviene fare ed in che misura.
Tenendo conto che molto probabilmente il costo dell'energia nei prossimi 10/15 abnni sarà destinato a salire.

Tutto, dando per scontato che hai una casa di proprietà e che non è in un condominio (qui le scelte devono essere collegiali).

Gli interventi più comuni sono tre.
Fotovoltaico
Solare termico.
Isolamento.

Ognuno dei tre interventi ha un costo per una casa media che si aggira sui 15000/20000 euro.

Al momento la mia priorità va all'isolamento.
Vetri ad effetto serra e cappotto alla casa. un cappotto ben fatto ti riduce la dispersione della casa al 30%, non del al.
Il che spannometricamente vuol dire che se pagavi 1000 euro l'anno ora ne paghi circa 300.
Con ventimila euro fai un signor cappotto, 20000/600 = 30 anni
è il tempo in cui ti paghi, l'intervento.
ora potresti pensare che non ne valga la pena, ma:

L'isolamento funziona anche d'estate, diminuiscono le spese dei condizionatori, se li usi.
come detto l'energia costerà cara.
il tuo impianto di riscaldamento verrà usato meno, durerà di più e
quando lo cambierai ne prenderai uno più piccolo.
l'isolamento è fortemente propedutico al solare termico( ma di questo parlerò poi).

quindi riassumendo, se la situazione energetica rimane stabile il cappotto è una cosa che si pagherà da sè.
Se la situazione cambia e cambia in peggio sarà stato un fruttuoso investimento..

a continuare
 
wizzardo ha scritto:
...........L'ha preso Rubbia però...........
Vero, e anche lui ha dichiarato che il nucleare è necessario ! E aveva pure trovato un sistema per eliminare le scorie, che è stato bocciato dai precedenti governi.
 
Stefanobi ha scritto:
wizzardo ha scritto:
...........L'ha preso Rubbia però...........
Vero, e anche lui ha dichiarato che il nucleare è necessario ! E aveva pure trovato un sistema per eliminare le scorie, che è stato bocciato dai precedenti governi.
... ma Rubbia non è casualmente andato a lavorare in Spagna promuovendo solare ed eolico con un forte aumento della produzione di energia elettrica da queste fonti???
... o ho detto un'emerita stron***ta ??
 
Mah, personalmente, e premtto, da perfetto ingorante in materia, ho qualche dubbio sul nucleare.

Ho dei dubbi, non certezze, pechè in internet e sulle riviste si trovano articoli di professori (italiani e stranieri) discordanti e personalmente non so a chi credere.

Premesso questo l'uranio è una fonte di energia non rinnovabile e limitata. Quando finiranno le scorte di uranio? Non lo so.

Il nucleare sarà pure meno inquinante del petrolio o del carbone ma inquina comunque. C'è il problema delle scorie ad esempio.

Il nucleare è potenzialmente pericoloso. Certo, oggi i rischi sono molto limitati, però ci sono, senza tener conto che anche dopo la "chiusura" di una centrale nucleare essa deve comunque rimanere attiva ed essere controllata per diversi anni.

Il nucleare non risolverebbe totalmente i problemi energetici dell'Italia.

Ci sono però fonti di energia rinnovabili, che forniscono energia pulita.

Il solare e l'eolico per esempio, ma non solo.

Allora perchè non li sfruttiamo? Perchè nssuno li prende seriamente in considerazione? Va bene, non garantiranno un apporto energetico pari a quello del nucleare (ma questa è una mia ipotesi) ma sono fonti più sicure, più pulite, rinnovabili e che credo possano essere funzionanti prima delle centrali nucleari.

Forse il solare e l'eolico (e altre fonti di energia) OGGI non saranno all'altezza (per certi versi) del nucleare ma hanno molti vantaggi e secondo me potrebbero essere la scelta giusta per mettersi avanti per un DOMANi, magari neanche troppo lontano.

Credo ci sia il rischio che tra venti o trent'anni il nucleare diventi "obsoleto",a favore proprie delle altre tecnologie che oggi sono già presenti, anche se in fase di sviluppo.

Inoltre, per quanto rigaurda i costi che dovrebbero sotenere le famiglie, credo non siano olti, dato che i soldi destinati alle centralli nucleari, verrbero convogliati per lo sfruttamento delle fonti di energia pulita e rinnovabile.

Ciao.
 

Discussioni simili



Alto Basso