Cosa significano le croce sulle cime?

Mi sembra che si dia per scontato che le croci le vanno a mettere i preti. Non conosco come funziona la faccenda ma non credo che sia così. Credo che sia nata l'esigenza di individuare il punto più alto di un rilievo e in passato abbiano scelto come simbolo la croce. Ora: premesso che a me non importa se ci siano o che vengano tolte tutte, non capisco questo ostracismo verso un simbolo. E' solo un simbolo. Che ce ne frega?? In Himalaya usano le bandierine colorate con le loro preghiere, a me piacciono un sacco e non chiedo che le tolgano dalle loro montagne o pretendo che ci mettano la croce. In Tibet usano statue di Buddha. E allora? Vogliamo far togliere tutti i simboli dalle montagne del Mondo? Le croci di ferro non sono molto belle e vorrei che non proliferassero più di così, ma delle croci in vetta chi se ne frega!
 
Oltretutto vedere il cadevere macilento, sanguinante è macabro e fa ribrezzo... Se sei cristiano la croce e la morte sono superate nella resurrezione del Cristo. Come la leggete la Bibbia?/

Non tutti progrediscono spiritualmente alla stessa velocità. Chi si è fermato a Gesù morto sulla croce è semplicemente come una persona che si è fermata alle scuole elementari. Personalmente non mi sento superiore, solo una classe scolastica più avanti.
 
W

Wolf84

Guest
Non tutti progrediscono spiritualmente alla stessa velocità. Chi si è fermato a Gesù morto sulla croce è semplicemente come una persona che si è fermata alle scuole elementari. Personalmente non mi sento superiore, solo una classe scolastica più avanti.
Pero' sembra che ti senta superiore.Non importa, il titolo di studio, se credi o no e' una cosa personale.Ognuno e' libero di credere o meno in qualsiasi cosa.Se per quello anche un ateo crede nelle sue idee.Viva la liberta'.:)
 
Pero' sembra che ti senta superiore.Non importa, il titolo di studio, se credi o no e' una cosa personale.Ognuno e' libero di credere o meno in qualsiasi cosa.Se per quello anche un ateo crede nelle sue idee.Viva la liberta'.:)

Sembra ma ti assicuro che ti sbagli :)
Ho usato me per non citare chi si rivolge a una categoria dicendo "ma ancora non vi siete evoluti?" ;)
 
Si' argomento gia' trattato, ridico quello che penso: Se vogliamo pulire le vette, non facciamo la solita figura di occidentali presuntuosi che pensano che solo noi possiamo godere dell' illuminismo, possiamo fare questi discorsi e pensiamo solo ai nostri simboli religiosi; Facciamo un bell' atto di pluralismo globale e mettiamo tutti sullo stesso piano, non farlo sarebbe trattare gli altri da inferiori. I tibetani, per esempio, dobbiamo dirgli subito che sbagliano, d'altronde le montagne sono di tutti, quindi quelle la' sono nostre...

Guarda qua' che schifezza sulla mia montagna che si chiama Everest.

Summit-prayer-flags-left-by-others-at-the-top-of-Everest.jpg



Troppo politically incorrect? :)


.
 
Appunto, se sono di tutti sono anche dei cristiani, come degli atei, mussulmani ect ect ..... perchè il "tuo", in senso lato, dev'essere più importante del "suo" ?..... Perchè è il tuo ?

Quindi? Vogliamo mettere la stella di davide, la basmala coranica, una statua di budda, il flying spaghetti monster sulla cima di ogni monte?
Dicendo che è di tutti, significa che è di tutti indistintamente, non di tutti i gruppi. Se la montagna è mia, e a me piace il porno, ci metto una statua di Hugh Hefner in cima? Ma dai, su.
 
Sono un simbolo di arrogante affermazione e potere religioso che trovo sbagliato, visto che le montagne con le loro vette non sono proprietà del clero ma di atei, buddisti, ebrei, islamici, insomma non solo dei cattolici ma di tutti.

Non è proprio così: la montagna è accessibile a tutti, non "di tutti": esistono enti e comunità montane che hanno la responsabilità di tenerle in maniera adeguata (segni rossi, sistemazione sentieri, sgombero frane, taglio boschi, catene, ecc.. ecc..) e queste comunità sono o almeno erano storicamente attraversate da una fede profonda (basti vedere le cappellette e le icone sparse sui sentieri) e quindi a loro discrezione decidono se seguire ancora questa "consuetudine".

Io, come molti qui, sono solo un semplice turista che però riconosce il lavoro svolto da chi sopra, per farmi godere la montagna nella massima sicurezza e se vogliono ringraziare qualcuno di più "alto" apponendovi i simboli del loro credo (che poi è anche il mio) penso che sia buon senso non impedirlo.

My 2 cent.
 
Io sono dell'idea che ogni cosa ha un suo senso se è una espressione della maggioranza poichè cercare un qualcosa che vada bene a tutti è pura teoria, se la maggioranza di chi può vantare un determinato diritto, nel caso specifico, decidesse di accomunare tutti i credi e renderli pari diritto nulla da eccepire, come non avrei nulla da dire se la stessa maggioranza decidesse per una laicizzazione senza se e senza ma, ovviamente maggioranza che può variare anche di periodo in periodo.

Ovviamente come ogni "cosa" questo ragionamento non può nè essere universale nè esente da abusi (in relazione alla propria valutazione) poiché, un esempio su tutti, le leggi raziali del '38 erano una espressione di una maggioranza, anche se di tipo rappresentativa, ma, a posteri ovviamente, non è che erano buona cosa.

Personalmente più che il politicamente corretto mi piacerebbe il socialmente corretto :) anche perchè, il politicamente corretto (come pensiero), ha ritenuto opportuno chiamare gli spazzini, i netturbini, operatori ecologici ma, da quanto mi risulta, fanno le stesse identiche cose di quando si chiamavano spazzini.

Ciao :si:, Gianluca
 
Quindi? Vogliamo mettere la stella di davide, la basmala coranica, una statua di budda, il flying spaghetti monster sulla cima di ogni monte?
Io non voglio mettere nulla da nessuna parte, non mi interessa, ma se chi vanta diritti in un determinato luogo autorizza la stella di david o la foto di una diva del porno ....... amen. La democrazia non è sempre nè condivisibile nè necessariamente accettabile ma neanche prevalicabile solo perché non mi stà bene a me (sempre in teoria).

Poi, per carità, ognuno è libero di pensarla come ritiene opportuno come di fare come crede.

Ciao :si:, Gianluca
 
Anche a me non piacciono per niente i "tralicci" immensi sulle vette ma non capisco che fastidio possano dare due umili legni incrociati. Se uno è cristiano sono carichi di significato, se uno è ateo son solo due legni che segnano un punto; altrimenti che facciamo, cancelliamo la croce anche dalle ambulanze e dalle farmacie?:D

Ormai pare ci sia la "caccia al cristiano" e mi fa sorridere un po' l'atteggiamento di certi atei che si professano tali cadendo in un bizzarro paradosso, in realtà sono solamente seguaci di un'altra "religione" chiamata ateismo coi suoi riti, simboli, luoghi di riunione, slogan ecc ecc ;)

Il discorso del perchè la croce e non, che so, una statuina del budda è presto detto, in italia oggigiorno la religione cristiana è quella più diffusa con percentuale di oltre 90%, fino a qualche decennio fa penso raggiungesse quasi il 100%, c'è un campanile se non più di uno per ogni paesucolo, mi pare naturale, proprio per un livello di probabilità, che venisse scelta la croce per indicare la cima, luogo da sempre e da tutte le religioni considerato "divino".

Poi non penso che nessuno si offenda se, che so, un cittadino giapponese vuol lasciare una piccola statuina del budda accanto ad una modesta croce di legno.......ecco secondo me il punto è proprio quello, la moderazione.
 
Anche a me non piacciono per niente i "tralicci" immensi sulle vette ma non capisco che fastidio possano dare due umili legni incrociati. Se uno è cristiano sono carichi di significato, se uno è ateo son solo due legni che segnano un punto; altrimenti che facciamo, cancelliamo la croce anche dalle ambulanze e dalle farmacie?:D
Magari. Tra l'altro c'è l'assurdo che nei paesi cristiani c'è la croce rossa, in quelli musulmani la mezzaluna rossa e in Israele la stella di davide rossa. Ridicolo. L'emergenza sanitaria non è confessionale.

Ormai pare ci sia la "caccia al cristiano" e mi fa sorridere un po' l'atteggiamento di certi atei che si professano tali cadendo in un bizzarro paradosso, in realtà sono solamente seguaci di un'altra "religione" chiamata ateismo coi suoi riti, simboli, luoghi di riunione, slogan ecc ecc ;)
Non è una religione, si chiama democrazia.
 
Che c'entra l'ateismo con la democrazia? la democrazia è il governo del popolo (o la dittatura della maggioranza se vuoi:D) .

Riguardo al fatto che l'ateismo non sia una religione concordo nella sostanza, ma non per quanto riguarda la forma, conosco atei più fissati e intransigenti dei talebani più coriacei ;)

Per quanto riguarda i simboli delle ambulanze per me possono metterci anche il mandala tibetano, basta che vengano a curarmi quando sto male, non credo che il personale del suem voglia convertire gli infedeli:lol:
 
E cmq ho avuto la fortuna di girare un po', sono stato in paesi musulmani, buddisti ecc.......sono entrato in moschee, templi, chiese ortodosse, sinagoghe e via discorrendo, sempre attenendomi alle loro "regole" per un fatto di rispetto non certo di "creduloneria" e non mi sono mai sentito affatto discriminato, anzi mi sono arricchito con ciò che ho visto e mi è stato trasmesso.

Poi per carità gli esempi di lotte e discriminazioni ci sono, è inutile negarlo ma le stesse avvengono anche per fede politica, per tifo calcistico, appartenenza a diversi paesi e quant'altro.....ma sono solamente manifestazioni "distorte" e da condannare senza se e senza ma che nulla hanno a che fare con gli ideali per i quali hanno origine.
 
Magari. Tra l'altro c'è l'assurdo che nei paesi cristiani c'è la croce rossa, in quelli musulmani la mezzaluna rossa e in Israele la stella di davide rossa. Ridicolo. L'emergenza sanitaria non è confessionale.

Ah è ridicolo, hai ragione.
Tu lo sai sì, xkè il simbolo è una croce rossa, vero?
Ecco, sono stati ridicoli i mussulmani e gli ebrei.
Tieni presente che stai parlando con un (se va bene) agnostico
 
Quindi? Vogliamo mettere la stella di davide, la basmala coranica, una statua di budda, il flying spaghetti monster sulla cima di ogni monte?
Dicendo che è di tutti, significa che è di tutti indistintamente, non di tutti i gruppi. Se la montagna è mia, e a me piace il porno, ci metto una statua di Hugh Hefner in cima? Ma dai, su.
Ma se non ci mettessimo niente?
 
Corso di Orientamento
Alto Basso