COSTO ZERO batterie 18650

Buongiorno ragazzi avventurosi....ho ripreso dopo una settimana il forum perche' a casa forzatamente mi sono dedicato al giardino...........

complimenti a tutti per la discussione molto tecnica....a Giobax per i dettagli e le info che ci ha dato.....

io viaggio piu a forza di prove ....delle mie oltre 20 torce e torcette e faretti che lavorano con le 18650 un paio le lascio accese di notte nei corridoi di casa ....(questa abitudine dall ultima scossa di terremoto di un paio di anni fa.... come anti blackout)................di prove ne ho fatte tante.....e adoro sempre di piu' queste magnifiche batterie...........
io non ne ho mai comprata una ma quelle che uso abitualmente sono le panasonic le LG e le samsung ......che a comprarle costano circa 5 euro l una ....minimo.................

quelle tipo ultra fire e altre cinesate riportano dati di carica assolutamenti sballati ...i loro valori veri si aggirano a molto meno di un terzo reale e poi ribadisco dagli ultimi post che per saldarle BASTA un saldatore discreto e sopratutto dello ottimo stagno.......
 
domandassima: qualcuno ha provato anche l'inverso? Ovvero recuperare delle celle nuove per "ricostruire" il pacco batteria di un portatile? Una batteria nuova compatibile costa un patrimonio.
 
L inverso e' possibile tecnicamente ...ma alcuni pacchi batterie sono pressofusi o quasi e quindi e' piu difficile fare un buon lavoro estetico............altra incognita e' il circuito di avvenuta ricarica e di regolazione delle soglie di carica ......se e' rotto quello e' tutto tempo perso sostituire le singole batterie.............................lavoro fattibile con incognite
 
Si qualcosa di simile... magari è scontato, ma questi scatolini integrano tutti il circuito di ricarica, vero?

Ne trovassi un con USB-C in ingresso sarebbe perfetto, così abbandono i cavetti micro-usb finalmente.
 
Si qualcosa di simile... magari è scontato, ma questi scatolini integrano tutti il circuito di ricarica, vero?

Ne trovassi un con USB-C in ingresso sarebbe perfetto, così abbandono i cavetti micro-usb finalmente.
Il circuito di ricarica è ovviamente compreso, mentre non ho ancora visto (ma non ho cercato) quelli con USB-C
 
cavoli giusto settimana scorsa mio papà ha cambiato le batterie al notebook e quello ha le 18650...
spero non le abbia buttate che x speleologia io le uso!
Grazie per le dritte!
 
Ok, ho fatto la stupidata: ho preso 3 TP4056 e 5 porta batteria... l'idea è di farmi 2 caricatori a batteria singola con i quali provare a caricare la 20ina di 18650 che ho recuperato e verificare quali sono ancora buone (4 in teoria sono abbastanza nuove).

Gli altri due porta batteria li userò per fare il pacco da 2 batterie da collegare ad uno step up per portarlo alla tensione che mi serve (12V se lo userò per la barra led). Insomma, si è trasformato un un progetto DIY! Ahah
 
Ok, ho fatto la stupidata: ho preso 3 TP4056 e 5 porta batteria... l'idea è di farmi 2 caricatori a batteria singola con i quali provare a caricare la 20ina di 18650 che ho recuperato e verificare quali sono ancora buone (4 in teoria sono abbastanza nuove).

Gli altri due porta batteria li userò per fare il pacco da 2 batterie da collegare ad uno step up per portarlo alla tensione che mi serve (12V se lo userò per la barra led). Insomma, si è trasformato un un progetto DIY! Ahah
E allora non puoi farti mancare un monitor Usb tipo l'UM24C e un carico fittizio per le misure in fase di scarica.

https://a.aliexpress.com/_BTl9lR

https://a.aliexpress.com/_B16yG9
 
Fidati io faccio questo mestiere da 22 anni...
e da non trascurare ...LA DURATA...quella delle batterie cinesi in dotazione e' un quarto di quelle riciclate ....prove fatte 1000 volte
ti ringrazio perchè della tua esperienza ci si può fidare sicuramente. Bene, si recuperano batterie invece che buttarle o portarle in discarica. ottimo !!
 
Avevo già in mente di prendere uno di questi tester per altri progetti, ma sbaglio o il range ti V misurabile parte sempre da circa 3.7-4V? per verificare la scarica della la singola batteria non andrebbe bene, giusto?
La scarica la fai sempre attraverso lo stepup di un powerbank che riporta la tensione a 5V.
 
ti ringrazio perchè della tua esperienza ci si può fidare sicuramente. Bene, si recuperano batterie invece che buttarle o portarle in discarica. ottimo !!
Grazie a te....ultimamente le sto mettendo anche nei fari ad energia solare in sostituzione di quelle esistenti e vanno benisssiiiiimmoo..........le applicazioni sono infinite e se te le porti in montagna non deludono mai!
 
Arrivato l'occorrente per giocare con le 18650 di recupero!

Rispetto alla foto, la carica è iniziata a 0.3A per poi portarsi in breve a 1A stabile e poi al valore indicato in foto dopo circa un'ora (non guardate il timer, che non avevo resettato). Come devo interpretare gli altri dati? Ho il sospetto che quegli Ohm potrebbero essere un indicatore dello stato della batteria, erano a 5.7 inizialmente e sono via via saliti.
 

Allegati

Quel valore espresso in ohm non è altro che l'impedenza interna della batteria in quel preciso istante. Tutto "il gioco" è regolato dalla formula V=IxR (rispettivamente tensione, corrente e resistenza) quindi è facile capire come quel valore dipenda costantemente dal rapporto tensione/corrente. Ad un certo punto vedrai il valore di corrente scendere drasticamente ed attestarsi intorno a pochi mA: questo significa che la batteria è carica. Il valore di mAh che leggerai dovrebbe più o meno corrispondere a quello dei dati di targa della batteria, sostanziali differenze invece ne indicano la scarsa efficienza (o che si tratta di un fake). Puoi anche fare la prova inversa mettendo la batteria in un powerbank e scaricarla su un carico: al termine dovresti leggere un valore di mWh prossimo a quello che leggi a fine carica ma decurtato di un buon 15%...25% a causa del rendimento dei vari convertitori di tensione che entrano a far parte della catena e che per funzionare pretendono un "obolo" di energia.
 
Ho provato a caricare le 4 batterie che sembravano nelle condizioni migliori:

Prima carica il tester USB ha registrato circa 2200/2300mA a carica completa, su ognuna delle 4, caricate singolarmente.

Le ho accoppiate in 2 "pacchi" da 2 batterie ciascuno, in parallelo, e le ho testate utilizzandole per caricare un powerbank. Ognuno dei due pacchi (portato a 5V con step up) ha erogato circa 2000mAh, ma non si sarebbero dovuti sommare? Mi aspettavo circa 4000mA.

Secondo carica, luce blu di carica completa a circa 1500mA (-700mA della carica precedente).

Che dite? Sono andate? Sarebbe più che accettabile e comprensibile, hanno 15 anni queste, ne ho altre più fresche, nel caso terrò solo queste ultime.
 
È la dimostrazione che le batterie non sono eterne e hanno un certo numero limitato di cicli di carica/scarica, dopo i quali le loro prestazioni decadono drasticamente. Inoltre la pratica di mettere in parallelo le batterie è da prendere con le molle, in quanto si rischia che una delle due finisca per erogare costantemente corrente a quella con tensione inferiore. Cmq facendo due calcoli le tue batterie hanno avuto bisogno di 2200x5=11000mWh per raggiungere la carica, che con un rendimento dell'80% del circuito di carica fanno 8800mWh. Il parallelo delle stesse porta il pacco a17600mWh. La successiva conversione a 5V comporta un altro 20% che se ne va sullo stepup....e siamo a 14000mWh, ovvero la potenza che avrebbe dovuto erogare quel pacco, circa 14000/5=2800mAh che è comunque molto più vicino ai 2000mAh che hai ottenuto rispetto ai 4000 o 4400 che ti saresti aspettato. Considerando poi che ci sono delle batterie che prevedono un circuito di protezione che non permette che esse si scarichino entro un certo valore (magari integrato anche nello stepup) potremmo avere anche il perché dei secondi cicli di carica con valori inferiori: 3000mAh sono 15000mWh a 5V. La fase di carica li riduce a 15000x80%=12000mWh. Successivamente torniamo nuovamente a riportarli a 5V e di nuovo perdiamo qualcosa:12000x80%=9600mWh, ovvero 1920mAh erogabili dal pacco....ed ecco i tuoi 2000mAh che hai ottenuto. Basta modificare di qualche punti quel 20% di rendimento ipotizzato sui convertitori ed ecco svelato quello che un mistero non è. In pratica: nel mondo di Bamby si potrebbe usare un powerbank per caricarne un altro all'infinito...in quello reale dopo 2 o 3 cicli ce li ritroviamo tutti scarichi.
 
Grazie della spiegazione, ho qualche competenza elettronica per capire quanto mi viene spiegato, non abbastanza per arrivarci da solo probabilmente, ehehe.

Comunque, direi che con una 20€ di materiali, il gioco è valso la spesa, adesso non mi resta che testare quante ore di luce mi danno 2 di queste batteria accoppiate alla mia barretta led da campo e poi mi confeziono un paio di pacchi "fatti bene", da portare in future escursioni.

Ps ricaricare 2 batterie insieme, invece che singolarmente, con i modulini TP4056 è fattibile? sarebbe ideale!
 
Autore Discussioni simili Forum Risposte Data
scarponcino Illuminazione 8

Discussioni simili



Alto Basso