Io resto avventurosamente a casa! Consigli per sopravvivere a casa in tempo di pandemia

Creare una carta topografica

Una CARTA TOPOGRAFICA può essere creata agevolmente in casa se si dispone di uno di questi strumenti:

1) 1 programma di grafica capace di gestire più layer
2) foglio di calcolo

Fase 1, procurarsi il materiale.
Per l'italia è facile.
Coi soldi delle nostre tasse paghiamo l'istituto geografico miliare e il servizio cartografico, i quali hanno tirato su l'Atlante italiano il portale che contiene tutte le foto aeree georeferenziate e le carte topografiche 1:25000, 1:50000 e 1:100000 pure georeferenziate.
Bello eh?
Basta accedere alla cartografia 2D, scegliere regione, provincia e comune e prendere dimestichezza con l'interfaccia.

In breve tempo si scopre come sovrapporre più mappe (trovo interessante vedere la serie ortofoto_colore_2008 con la igm1:25000 in trasparenza) e tentare anche l'aggiornamento manuale (solo col programma di grafica).
Quello che ci interessa per questo articolo è come stampare un riquadro.

Il limite della cartina "stampabile" è dato dalle dimensioni dello schermo: maggiore è la risoluzione e maggiori saranno le dimensioni della carta, ma c'è comunque un limite fisico.

Per ottenere una mappa grande abbastanza da occupare anche un foglio A1 si deve cominciare con l'immaginarla. Per esempio immaginiamo una mappa grande 16 volte il riquadro offerto dal sito, la suddividiamo in 16 riquadri, quattro righe di quattro riquadri ciascuno.

Per prima cosa si decide la scala e si inserisce nel campo "scala" a sinistra, sotto i pulsanti. Io mi trovo molto bene con la 1:12500, ma va bene anche 1:10000, sconsiglio la 1:25000 perché stampata rende male.

Dopodiché ci si sposta usando lo strumento "mano" lungo la mappa fino a posizionarsi sul primo riquadro in alto a sinistra.

Si clicca su "stampa", poi sul pulsante stampa html che compare in basso e, se non lo si ha già fatto, si autorizza atlanteitaliano.it ad aprire popup.
Questa operazione si fa una volta sola.

Compare una nuova finestra piena di immagini, tra cui la mappa.
Si clicca col tasto destro del mouse e si sceglie "salva immagine". I possessori di un mac dovranno tenere premuto il tasto alt.

Si salva l'immagine in una cartella con un nome appropriato (ad es: mappa escursione xxxx) e si chiude la finestra appena aperta.
Il nome da dare all'immagine salvata sarà nome_mappa_01.jpg dove nome_mappa sarà il nome della zona che stiamo "mappando" e lo 01 è un numero progressivo.

Verifica che la scala sia sempre quella prescelta, se cambia e non te ne accorgi subito devi ricominciare .

Con lo strumento "mano" ci si posiziona in basso a destra del riquadro della mappa e si trascina la medesima fino a raggiungere QUASI l'angolo in basso a sinistra. Di nuovo si stampa e si salva l'immagine come nome_mappa_02.
Si prosegue così fino alla quarta immagine salvata (siamo lavorando su una griglia 4x4) e salvare nome_mappa_04.jpg

Ora bisogna tornare indietro al punto di partenza, cliccare sull'angolo in basso a sinistra e trascinare verso l'alto fino a raggiungere QUASI l'angolo in basso a destra.
Ogni riquadro deve avere un pezzetto in comune con quelli accanto così da semplificare la successiva sovrapposizione.

Si ripete l'operazione fino a nome_mappa_16.jpg.

Quando si diventa più esperti si puo' anche evitare di ritornare al punto di partenza e continuare a prendere pezzi di mappa mentre si ritorna al punto di partenza, ma si rischia di fare molta confusione.

Ora che avete i 16 frammenti bisogna metterli insieme.

Un programma di grafica come GIMP (thegimp.org) è gratuito e permette di fare praticamente tutto, incluse le correzioni (va bene anche Photoshop, paint shop pro... ecc...), chi non dispone di un software di grafica puo' pero' ricorrere al foglio di calcolo.
Che si tratti di Openoffice.org o Excel la procedura è la stessa.

1) Crea il foglio di calcolo
2) seleziona tutte le caselle (clicca sul quadratino che sta nell'angolo in alto a sinistra
3) Fissa la larghezza di tutte le celle a 0,5mm (o quello che ti è più comodo)
4) Fissa l'altezza di tutte le celle allo stesso valore di 3

Complimenti: hai appena realizzato un foglio di calcolo a quadretti :biggrin:

La griglia 4x4 realizzata con una risoluzione di 1280*1024 permette di creare una mappa che ricopre quasi un A3.
Per cui va impostata l'area di stampa per il tipo di carta corretto e attenersi all'area di stampa scelta.
L'orientamento sara' orizzontale (landscape), penso.

Una volta scelta l'area di stampa sul foglio di calcolo comparirà un rettangolo che indica quali celle saranno incluse nella prima pagina del foglio.

Clicca su una cella dell'area di stampa, in questa cella inserirai nome_mappa_01.jpg per cui prendi la cella in una posizione "strategica", magari vicino l'angolo superiore sinistro.
Clicca su "Inserisci", poi "immagine" e "da File", si apre la finestra di servizio e sfoglia le cartelle del tuo PC fino a raggiungere quella in cui hai salvato nome_mappa_01.jpg.
Puoi aggiustare la posizione dell'immagine appena inserita, fai in modo di avere 2-3 celle di distanza dai bordi dell'area di stampa.

Procedi con nome_mappa_02.jpg che posizionerai circa accanto a nome_mappa_01.jpg, non perdere tempo ad allineare adesso le immagini.

Nome_mappa_05.jpg la posizionerai SOTTO nome_mappa_01.jpg e via così.

Quando le hai posizionate tutte e 16 non preoccuparti se i lati destro e inferiore escono dall'area di stampa o tutti i bordi sono irregolari, è normale.
Salva.
Questa operazione causa, sovente, una ridisposizione degli elementi sullo schermo (specie con excel 2000) dovuta ad errori nella programmazione.

Ora, agendo finemente sulla posizione di ogni immagine devi posizionare ogni immagine in modo che si sovrapponga alle altre in modo esatto.
Usa lo zoom per aiutarti e i tasti cursore per spostare ogni immagine pixel per pixel, e il mouse per gli spostamenti "grossolani".

Comincia sempre dall'immagine in alto a sinistra e prosegui per righe.
Prima di cominciare a posizionare una immagine devi cliccarci sopra col tasto destro del mouse, cliccare su "ordine" (arrange in open office) e portare in primo piano (bring to front).

Quando sei arrivato alla immagine 16 devi applicare, proprio sui bordi, dei rettangoli bianchi senza bordo, uno per ogni lato, e li allarghi fino a "tagliare" il bordo irregolare (assicurati di averli portati in primo piano) senza sconfinare fuori dell'area di stampa.

Ora puoi passare alla stampa, assicurati di non "adattare l'immagine al foglio", non dovrebbe servire.

Puoi salvare di nuovo, ma l'operazione di allineamento potrebbe essere nuovamente necessaria.

Con il programma di grafica è più facile, ma attenzione:
un'area di stampa grande quanto un A3 richiede alcune centinaia di mega di ram (circa 100)
Saranno necessari 3 layer di quella dimensione e quindi il triplo della ram necessaria.
Per un A1 si sfiora il giga e non è possibile lavorare in A0.

Eventualmente, se il programma lo consente, limitare l'UNDO history a 1 passaggio.

Per prima cosa si crea una nuova immagine con le dimensioni in centimetri appropriate e una densità di 75 DPI (di più aumenta il consumo di RAM e di meno si riduce la qualità).

Il primo layer (background) rimane bianco.
Il secondo è quello che accoglie le immagini salvate, vanno copia-E-incollate qui dentro, una per volta e allineate subito.
Il terzo layer è di nuovo tutto bianco, si seleziona un rettangolo di dimensioni opportune e si taglia, così si fanno i bordi.
Se il programma di grafica consente di gestire il vettoriale si possono fondere i layer per risparmiare ram (operazione irreversibile, assicuratevi di aver fatto un backup dell'immagine multilayer prima) e aggiungere un rettangolo trasparente con bordo nero per fare la cornice e, eventualmente, un ulteriore layer per aggiungere le correzioni "a mano" o qualche testo di annotazione sulla mappa.

Anche qui, in fase di stampa, non deve essere necessario adattare il documento.

La Legenda con le indicazioni, la scala e tutto il resto è una immagine da preparare a parte, salvare com jpg e mettere "sopra" la mappa, come se fosse un altro pezzo del mosaico o "dietro" a pagina 2 se la vostra stampante supporta il fronte-retro.

Con excel sara' facile gestire il fronte-retro, mentre col programma di grafica si dovrà procedere manualmente.

Se ci sono domande scrivetemi un PM, se posso rispondo se no aggiorno questo thread.

Nettuno
 

Discussioni simili



Alto Basso