Escursione DA LI FARFARI A SERRA RIPOLLATA (18 maggio 2017)

Parchi della Calabria
  1. Parco Nazionale della Sila
Regione e provincia: Calabria / Cosenza
Località di partenza: Alta Val Neto
Località di arrivo: Serra Ripollata
Tempo di percorrenza: 7 ore A/R
Grado di difficoltà: E
Periodo consigliato: Tutto l'anno. Da metà dicembre fino a metà aprile possibilità di effettuare magnifiche ciaspolate
Segnaletica: nessuno, percorso in parte libero nella foresta

18 maggio 2017
L'escursione di oggi ci porta nuovamente nella Val Neto, per seguire un costone nuovo, a ovest rispetto al vallone tributario Macchia di Pietro, dunque esterno all'area che prende il nome di Arnocampo. La mappa topografica riporta la scritta Farfari.


Screenshot_2017-09-04-21-46-57_2.png


L'area che va da Zarella a Germano è praticamente uno scrigno di meraviglie: un susseguirsi di costoni ricoperti interamente da una sublime pineta di pino nero silano, a tratti vetusta, con grandi cerri e anche faggeta.
Diciamo che i più si limitano a esplorare l'area attraversata dal classico sentiero n.10 di Arnocampo, che passa da Colonia Don Bosco.

Il punto di arrivo di questa bella giornata di maggio è la Serra Ripollata, a quota 1682 m.

Come raggiungere l'inizio dell'escursione?
Per chi viene da Cosenza abbandonare la SS 107 a Croce di Magara-Germano. Seguire sempre per Germano, dunque la strada che passa accanto al Lago di Ariamacina. Superata Zarella proseguire fino al primo ponte sul Fiume Neto (poco prima del ponte c'è uno spiazzo per lasciar la macchia).

Screenshot_2017-09-06-12-13-04.png


Ci inerpichiamo così sul dolce costone di fronte al ponte. La salita non presenta una pendenza eccessiva e la pineta si mostra sin dal principio in tutta la sua superba magnificenza. Evidenti i segni un vecchio incendio.

DSC_0721.jpg


DSC_0720.jpg


DSC_0724.jpg

La pineta montana de li Farfari nei pressi del fondovalle. Da notare i segni dell'incendio

DSC_0727.jpg


Sparsi anche piante di cerro e faggio, in una selva che lascia davvero senza parole e che mani malvagie, anni fa, tentarono di distruggere.

DSC_0729.jpg


DSC_0730.jpg


DSC_0734.jpg


DSC_0735.jpg


DSC_0737.jpg


DSC_0738.jpg


DSC_0739.jpg


In alcuni punti è possibile scorgere il fondo del vallone Macchia di Pietro, il qual emana un selvaggio alone arcano.

DSC_0743.jpg


DSC_0744.jpg


DSC_0746.jpg


DSC_0749.jpg


DSC_0757.jpg


DSC_0759.jpg


DSC_0761.jpg


DSC_0763.jpg


DSC_0774.jpg


DSC_0777.jpg


DSC_0778.jpg


DSC_0780.jpg


Salendo iniziano a esserci tracce di sentiero che via via si fa uno sterrato, utilizzato in passato per l'esbosco del materiale legnoso.
Più in alto la faggeta prende il sopravvento, ma mai sostituendosi completamente al pino, che continua comunque a crear spettacolo. Inoltre prende la scena anche qualche radura, ricchissime di flora in codesto periodo dell'anno, con le orchidee selvatiche e le viole che abbondano il contesto montano. A breve sarà il tempo degli asfodeli, dei nontiscordardimè e di tante altre varietà floristiche di cui la Sila ne vanta un incommensurabile profusione, un vero eden della botanica.


DSC_0788.jpg


DSC_0794.jpg


DSC_0795.jpg


DSC_0808.jpg


DSC_0810.jpg


DSC_0811.jpg


Il costone de li Farfari si unisce così a quello più ampio proveniente da Zarella. Al bivio con il sentiero proveniente da quest'ultima località andiamo a destra. Siamo praticamente arrivati e, a sinistra, si apre il primo dei magnifici panorami di questa montagna, con il Lago Cecita sullo sfondo.

DSC_0818.jpg


DSC_0820.jpg


Infine eccoci in cima, dove ci viene incontro una comitiva di escursionisti a cavallo.

DSC_0822.jpg


DSC_0828.jpg


DSC_0829.jpg


DSC_0830.jpg


DSC_0834.jpg


Non ci rimane che scrutar il superbo belvedere. Dopo di che torniamo al punto di partenza seguendo lo stesso percorso di andata.

DSC_0835.jpg

L'alpeggio di Macchialonga

DSC_0840.jpg


DSC_0841.jpg


DSC_0843.jpg


DSC_0855.jpg


DSC_0865.jpg



 
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso