Escursione Da Marmore a Rieti sulla Via di Francesco (Via di Roma)

Dati

Data: Dal 21/04/2023 al 23/04/2023
Regione e provincia: Umbria - Lazio / Terni - Rieti
Località di partenza: Marmore FS (Terni)
Località di arrivo: Rieti
Tempo di percorrenza: 14h35m soste comprese
Chilometri: 47,33
Grado di difficoltà: T/E
Descrizione delle difficoltà: Direi nessuna
Periodo consigliato: Sempre
Segnaletica: Via di Francesco - ottimamente segnato
Dislivello in salita: 1409 m
Dislivello in discesa: 1049m
Quota massima: 1092 m s.l.m.
Accesso stradale:
Traccia GPS: [puoi caricare la tua traccia GPS nella Mappa Escursioni ed inserire il link permanente al posto di questo testo]

Giorno 01_Marmore - Labro
Giorno 02_Labro - Poggio Bustone
Giorno 03_Poggio Bustone - Rieti

Descrizione

Data l'impossibilità di fare il Cammino dei Briganti durante il ponte del 25 aprile causa affollamento pazzesco nelle strutture (tutto pieno manco fossimo a Marzamemi a Ferragosto) abbiamo "ripiegato" su un tratto della Via di Francesco sia per saggiare il terreno in vista magari del Cammino completo, sia perché è una zona tanto bella quanto abbastanza tranquilla.
La stazione FS di Marmore è facilmente raggiungibile in treno da Rieti, luogo dove abbiamo lasciato l'auto, ma è possibile arrivarci anche da Roma con un treno da/per Tiburtina.
Non abbiamo rispettato le tappe ufficiali ma pianificato i tre giorni facendoci guidare principalmente dalla logistica quindi l'unica tappa che ricalca effettivamente la scansione della Via di Francesco (Via di Roma) è l'ultima, per il resto ci siamo mossi a cavallo delle tappe ufficiali.
La segnaletica è ottima e l'atmosfera nei borghi in cui si arriva, pur non essendo da cammino super sociale, è chiaramente influenzata dal passaggio dei pellegrini noti un po' ovunque ed accolti sempre con simpatia e gentilezza.
Il percorso è stato gradevole e senza grandi difficoltà tecniche o fisiche con paesaggi principalmente di boschi di castagno (spesso purtroppo trattati a ceduo), aree coltivate e piccoli insediamenti antropici. Il paesaggio è tipicamente di media montagna con numerosi e splendidi affacci prima sul lago di Piediluco e successivamente sulla Valle Reatina e i suoi laghi (Lungo e Ripasottile).
Da segnalare come punti salienti il passaggio accanto all'incantato lago di Piediluco, il borgo di Labro semplicemente pazzesco, il faggio di S.Francesco e la relativa faggeta, l'affaccio sulla Valle Santa da Poggio Bustone, uno splendido bosco intatto sotto Poggio Bustone dove si vede tutta la meravigliosa complessità che la natura è in grado di costruire se la si lascia in pace, il borgo di Cantalice e il Santuario de La Foresta.
A Cantalice ci siamo per caso imbattuti nella festa del patrono con tanto di ingresso della statua portata in spalla nel duomo locale: a spasso nel tempo.
Mi è dispiaciuto constatare come il borgo di Poggio Bustone, dotato di un gran potenziale e soprattutto paese natale del mio adorato Battisti, sia abbastanza trasandato.
 

Allegati

  • IMG_20230421_145506719.jpg
    IMG_20230421_145506719.jpg
    322,5 KB · Visite: 56
  • IMG_20230421_165107274_HDR.jpg
    IMG_20230421_165107274_HDR.jpg
    204,2 KB · Visite: 61
  • IMG_20230422_111414802.jpg
    IMG_20230422_111414802.jpg
    688,1 KB · Visite: 57
  • 2023-04-22_12-05-10.jpg
    2023-04-22_12-05-10.jpg
    600,5 KB · Visite: 148
  • IMG_20230422_215132019.jpg
    IMG_20230422_215132019.jpg
    333,6 KB · Visite: 60
  • IMG_20230423_110757294.jpg
    IMG_20230423_110757294.jpg
    507,4 KB · Visite: 56
  • IMG_20230423_111612008~2.jpg
    IMG_20230423_111612008~2.jpg
    275,9 KB · Visite: 56
  • IMG_20230423_112507285.jpg
    IMG_20230423_112507285.jpg
    518,9 KB · Visite: 57
Ultima modifica:
Ciao @southrim era un pò che mancavi! Bellissimo percorso semplice, che ho più volte battuto da solo o col CAI in varie direzioni. Regala sempre emozioni.
Foto molto belle
 
Ultima modifica:
Ciao @southrim era un pò che mancavi! Bellissimo percorso semplice, che ho più volte battuto da solo o col CAI in varie direzioni. Regala sempre.emoIomi. foto molto.belle

Sì effettivamente è un periodo un po' così per varie ragioni e sto pubblicando poco ed anche uscendo poco a parte qualche allenamento e gara di trail (anche questi ben pochi).
Se tutto va bene la prossima settimana dovrei riuscire a fare il Cammino dei Briganti.
Riguardo le zone attorno alla Valle Santa che dire, troppo belle. Peraltro cercando informazioni in giro pare che stiano segnando meglio l'anello della Valle Santa, ovvero dei santuari reatini. Noi abbiamo evitato perché non ci andava di passare nella piana con il caldo.
 
In effetti quando feci il giro della valle (il mio primo giro in assoluto) decisi di non collegare Greccio e Poggio Bustone passando per la valle, bensì passando da Piediluco, Labro, il Faggio di Francesco e le montagne. Splendido!
 
In effetti quando feci il giro della valle (il mio primo giro in assoluto) decisi di non collegare Greccio e Poggio Bustone passando per la valle, bensì passando da Piediluco, Labro, il Faggio di Francesco e le montagne. Splendido!
Mi ricordo anche se il collegamento tra Greccio e Piediluco ho letto che non è granché e passa per qualche strada privata, insomma non mi sembrava una roba troppo segnata quindi abbiamo preferito non avere problemi di cancelli, cani ecc.
L'anello con il passaggio nella piana ha il suo fascino ma magari nelle giornate fredde.
Bello!
Che albero è? Un Faggio?

2023-04-22_12-05-10-jpg.247605
Sì, è il famoso faggio di San Francesco. Dovrebbe essere un esemplare secolare, certamente monumentale, anche se non so quanto sia realmente il faggio sotto cui amava meditare il santo. Di certo è uno spettacolo imperdibile.
 
Ho fatto anche io diverse tappe - un po' qui e un po' là - della Via di San Francesco. Diciamo che è il mio buen retiro quando non so che altro fare. Un cammino con luci e ombre, come tanti di quelli che sono sorti negli ultimi anni.
Sicuramente per noi romani il plus è la facile raggiungibilità con i mezzi pubblici. Per tutti la piacevolezza di molti suoi borghi. Da impazzire di noia la periferia di Foligno. Mistico l'arrivo ad Assisi dal Monte Subasio.
Da piccolo fun di Battisti anche io sono rimasto deluso dalle condizioni di Poggio Bustone.

Infatti io la piana l'ho fatta a dicembre con la corona di montagne innevate.
 
Ho fatto anche io diverse tappe - un po' qui e un po' là - della Via di San Francesco. Diciamo che è il mio buen retiro quando non so che altro fare. Un cammino con luci e ombre, come tanti di quelli che sono sorti negli ultimi anni.
Sicuramente per noi romani il plus è la facile raggiungibilità con i mezzi pubblici. Per tutti la piacevolezza di molti suoi borghi. Da impazzire di noia la periferia di Foligno. Mistico l'arrivo ad Assisi dal Monte Subasio.
Da piccolo fun di Battisti anche io sono rimasto deluso dalle condizioni di Poggio Bustone.

Infatti io la piana l'ho fatta a dicembre con la corona di montagne innevate.
Eh infatti in inverno la piana merita secondo me.
La Via di Francesco, come tutti i cammini in traversata di una certa lunghezza, secondo me sarebbe da fare in un'unica soluzione per poterla apprezzare a pieno (scegliendo tra Via del Nord e Via del Sud). Altrimenti è come giudicare il tour de France dalle tappe per velocisti. :D
In ogni caso i cammini non mi entusiasmano mai troppo se fatti in maniera spezzettata: per come la vedo io andrebbero sempre percorsi integralmente ma anche io, come nel tuo caso, vista la grande accessibilità e comodità fare sezioni della Via di Francesco o della Via Francigena, le trovo ottime soluzione per traversatine giornaliere o per weekend da 2-3 giorni zaino in spalla.
Peraltro notavo come cammini da 2-3 giorni da percorrere per intero (salvo approcciarli in maniera sportiva con chilometraggi importanti) siano ben poco diffusi per non direi inesistenti.
 
Ultima modifica:
Bel giro e belle foto.
La piana reatina e i suoi borghi la conosco più per averla girata in bici piuttosto che a piedi. Anni fa feci la variante opposta del cammino a piedi: ovvero dalla stazione di Terni a Greccio con i mezzi pubblici in giornata. Peccato che Poggio Bustone sia ridotto in quel modo, lì confluisce anche il cammino di San Benedetto è potrebbe essere un'attrazione turistica notevole.
Per quanto riguarda il cammino dei Briganti ultimamente ha avuto una grande richiesta e ultimamente hanno creato anche la versione in MTB lunga circa 215 km.
Secondo me è sopravvalutato, parlo di quello a piedi. Alla Duchessa ho incontrato un piccolo gruppo di veneti che si lamentavano per il costo eccessivo delle strutture.
 
Bel giro e belle foto.
La piana reatina e i suoi borghi la conosco più per averla girata in bici piuttosto che a piedi. Anni fa feci la variante opposta del cammino a piedi: ovvero dalla stazione di Terni a Greccio con i mezzi pubblici in giornata. Peccato che Poggio Bustone sia ridotto in quel modo, lì confluisce anche il cammino di San Benedetto è potrebbe essere un'attrazione turistica notevole.
Per quanto riguarda il cammino dei Briganti ultimamente ha avuto una grande richiesta e ultimamente hanno creato anche la versione in MTB lunga circa 215 km.
Secondo me è sopravvalutato, parlo di quello a piedi. Alla Duchessa ho incontrato un piccolo gruppo di veneti che si lamentavano per il costo eccessivo delle strutture.
Sì, è assurdo che Poggio Bustone sia in quelle condizioni. Ha due santuari bellissimi (San Giacomo e lo Speco a cui si arriva con una scarpinata di un paio di km), due cammini che confluiscono e in più un sacco di gente che viene per Battisti e che se ne va delusa (abbiamo incontrato diverse persone del Nord Italia che cercavano casa e monumento). In più ha una vista irreale sulla piana, vabbé.
Riguardo il Cammino dei Briganti: avevo sentito anche io le stesse lamentele salendo alla Duchessa ma devo dire che noi abbiamo prenotazioni in stanza privata a circa 45-50 euro a testa comprese cena e colazione (quindi notte tra i 25 e i 30). Non mi sembrano cifre folli per gli standard italiani (la Via degli Dei mi risulta abbia prezzi analoghi) e ultimamente ha aperto anche un donativo a Rosciolo.
Sulla sopravvalutazione ti saprò dire, non ho particolari aspettative.
Comunque se mi piacerà lo riproverò in tenda perché sembra sia ben organizzato con agricampeggi e simili.
 
Ultima modifica:
Bel giro e belle foto.
La piana reatina e i suoi borghi la conosco più per averla girata in bici piuttosto che a piedi. Anni fa feci la variante opposta del cammino a piedi: ovvero dalla stazione di Terni a Greccio con i mezzi pubblici in giornata. Peccato che Poggio Bustone sia ridotto in quel modo, lì confluisce anche il cammino di San Benedetto è potrebbe essere un'attrazione turistica notevole.
Per quanto riguarda il cammino dei Briganti ultimamente ha avuto una grande richiesta e ultimamente hanno creato anche la versione in MTB lunga circa 215 km.
Secondo me è sopravvalutato, parlo di quello a piedi. Alla Duchessa ho incontrato un piccolo gruppo di veneti che si lamentavano per il costo eccessivo delle strutture.
Concordo
 
Eh infatti in inverno la piana merita secondo me.
La Via di Francesco, come tutti i cammini in traversata di una certa lunghezza, secondo me sarebbe da fare in un'unica soluzione per poterla apprezzare a pieno (scegliendo tra Via del Nord e Via del Sud). Altrimenti è come giudicare il tour de France dalle tappe per velocisti. :D
In ogni caso i cammini non mi entusiasmano mai troppo se fatti in maniera spezzettata: per come la vedo io andrebbero sempre percorsi integralmente ma anche io, come nel tuo caso, vista la grande accessibilità e comodità fare sezioni della Via di Francesco o della Via Francigena, le trovo ottime soluzione per traversatine giornaliere o per weekend da 2-3 giorni zaino in spalla.
Peraltro notavo come cammini da 2-3 giorni da percorrere per intero (salvo approcciarli in maniera sportiva con chilometraggi importanti) siano ben poco diffusi per non direi inesistenti.
Piacerebbe anche e me farli senza interruzioni, ma penso che poi mia moglie mi disconosce.
 
Alto Basso