Io resto avventurosamente a casa! Consigli per sopravvivere a casa in tempo di pandemia

Escursione Da Roccantica al monte Pizzuto passando per la via degli eremi

Data: 22 novembre 2019
Regione e provincia: Lazio RI
Località di partenza: Roccantinca
Località di arrivo: Roccantinca
Tempo di percorrenza: 7 ore
Chilometri: 19
Grado di difficoltà: medio
Descrizione delle difficoltà: nessuna in particolare, qualche difficoltà solo all'inizio per trovare il sentiero in salita che porta alla cresta del monte Pizzuto
Periodo consigliato: Autunno/primavera
Segnaletica: per lo più buona, tranne il punto evidenziato sopra
Dislivello in salita: 1300 mt
Dislivello in discesa: 1300 mt
Quota massima: monte Pizzuto 1288
Traccia GPS: https://it.wikiloc.com/percorsi-escursionismo/monte-pizzuto-da-roccantica-passando-per-la-via-degli-eremi-43783755

Descrizione
Era un periodo che ero a corto d'idee per poter fare un'escursione diversa e interessante utilizzando i mezzi pubblici. La scelta quindi ricadeva spesso su qualche ripetizione o al massimo con piccole varianti oppure su percorsi poco interessanti. Poi grazie ai social ho sentito parlare molto bene di questo itinerario.
Non so perchè ho sempre snobbato i monti Sabini, reputandoli poco interessanti per i miei gusti. Mi sono sbagliato alla grande e sono rimasto piacevolmente sorpreso.
Verifico la fattibilità dell'utilizzo dei mezzi e programmo l'uscita alla prima data utile. Ma poi il giorno prima della prevista partenza mi chiede di unirsi una mia amica con auto al seguito. Comunque ho lasciato il tag mezzi pubblici in quanto è un'escursione molto adatta a questo tipo di trasporto.
[si arriva a Poggio Mirteto Scalo con il treno da Roma Ostiense o Tiburtina per le 7,30. Qui si prende un bus Cotral fino a Roccantica dove si arriva per le 8,30 il ritorno per Poggio Mirteto Scalo è previsto per le 15,00 per i più veloci oppure per le 18,00, poi treni ogni mezz'ora circa per Roma, possibilità di acquisto dei biglietti Cotral al bar della stazione di Poggio Mirteto]

Ora parliamo dell'escursione. La bellezza di questo anello sta nel riuscire a racchiudere in un unica camminata un po' di tutto: un bellissimo borgo, storia, panorami a 360°, boschi mediterranei dalle più svariate essenze, faggete, ruscelli dalle acque limpidissime, radure appenniniche in quota molto estese. Si parte e si arriva dal paese di Roccantica e suggerisco di fare il percorso in senso antiorario come ho fatto io.
Inizialmente si percorre la via degli eremi, due piccole deviazioni consentono di visitare l'eremo di San Leonardo e poi quello di San Michele Arcangelo, entrambi molto antichi, posizionati su falesie di calcare (con vie di arrampicata sportiva) e con affreschi ancora conservati. Il sentiero è molto agevole e la salita non è mai troppo ripida fino ad arrivare alla deviazione che porta sulla lunga cresta del monte Pizzuto. Qui le pendenze aumentano, si cammina prima all'interno di un bosco di vegetazione mediterranea, ma verso quota 950 metri il bosco si dirada di colpo e lascia spazio alla classica radura appenninica. Si cammina con lunghissimi sali e scendi su un'area molto panoramica. Si riesce a vedere benissimo il mare, il monte Viglio, Velino, Gran Sasso, Monte Corvo, Terminillo... praticamente mezza Italia centrale.
Prima di arrivare in vetta si attraversano due anticime molto rotonde. La discesa verso Roccantica è ora molto più diretta e logica e avviene inizialmente dentro una faggeta. Arrivati a quota 870 metri circa, troverete il posto ideale per riposarsi prima di arrivare al paese, un fonte e dei tavoli in una bella radura. Qui il sentiero lascia spazio in una comoda strada sterrata che arriva fin dentro il borgo di Roccantica dove è d'obbligo una sosta nell'unico bar del paese.
Oltre alle due deviazioni agli eremi se ne possono fare altre due, leggermente più lunghe che mi sono riservato di fare per la prossima volta: l'abisso del Revotano (una voragine larga 250 metri di diametro e profonda 150 metri, dovuta al cedimento della volta di una grotta e ben visibile anche da google satellite) e le pozze del diavolo, alcune cascatelle nelle acque limpide di un torrente.

Ora le foto
DSC00197.jpg

Il monte Soratte

DSC00204.jpg

Il paese di Roccantica dalla Via degli eremi

DSC00205.jpg

eremo di San Leonardo

DSC00208.jpg

eremo di San Leonardo

DSC00209.jpg

eremo di San Leonardo

DSC00213.jpg

eremo di San Leonardo

DSC00221.jpg



DSC00225.jpg

Eremo di San Michele Arcangelo

DSC00227.jpg

Eremo di San Michele Arcangelo

DSC00230.jpg

Eremo di San Michele Arcangelo

DSC00231.jpg

Eremo di San Michele Arcangelo

DSC00232.jpg


DSC00239.jpg


DSC00240.jpg


DSC00241.jpg


DSC00243.jpg


DSC00245.jpg


DSC00247.jpg


DSC00252.jpg


DSC00257.jpg


DSC00258.jpg


DSC00259.jpg


DSC00264.jpg

Monte Pizzuto, sulla sinistra ben visibile sulla vegetazione l'abisso del Revotano

DSC00265.jpg

Terminillo e sotto la città di Rieti

DSC00266.jpg

Corvo, Intermesoli e Corno Grande

DSC00267.jpg


DSC00269.jpg


DSC00272.jpg


DSC00273.jpg


DSC00275.jpg


DSC00276.jpg


DSC00277.jpg


DSC00280.jpg


DSC00283.jpg


DSC00284.jpg


DSC00285.jpg


DSC00287.jpg
 
Ultima modifica:
Ma pensa tu?! Anche io ho sempre snobbato i Sabini perché ritenuti troppo antropizzati.
Di questi eremi mi aveva parlato Giuseppe Albrizio, quello del Club2000m, che fra l'altro è di Cittaducale.
Anche tu hai preso un bellissimo foliage.
La tua difficoltà a trovare nuovi percorsi è anche la mia. La mia frustrazione è che invece ce ne sono un'infinità, ma è difficile venire a sapere che esistono.
 

Discussioni simili



Alto Basso