Escursione Direttissima alla vetta occidentale - Corno Grande - Gran Sasso

Dati

Data: 04/10/2021
Regione e provincia: Abruzzo - L'Aquila
Località di partenza: Parcheggio Campo Imperatore
Località di arrivo: Vetta occidentale - Corno Grande
Tempo di percorrenza: 6 h
Chilometri:
Grado di difficoltà: III
Descrizione delle difficoltà:
Periodo consigliato:
Segnaletica:
Dislivello in salita: 800 mt
Dislivello in discesa: 800 mt
Quota massima: 2912
Accesso stradale:
Traccia GPS: [puoi caricare la tua traccia GPS nella Mappa Escursioni ed inserire il link permanente al posto di questo testo]


Descrizione

Complice il bel tempo, ho voluto ripetere la direttissima alla vetta occidentale del Corno Grande, ancora una volta da solo e in un giorno feriale ( lunedì ) proprio per godere appieno della salita in silenzio accompagnato dal solo rumore del mio respiro e del vento ( tranne qualche occasionale verso dei corvi di montagna che accompagnano sempre le escursioni sul Gran Sasso ). Volevo poi provare lungo il sentiero di avvicinamento il nuovo paio di scarponi alpinistici Annapurna della Gronell ( perfetti in salita ma soprattutto in discesa - ma troppo pesanti in questa stagione ) e usare le scarpette da arrampicata ( Millet Rock-up ) lungo tutto il percorso alpinistico dal bivio della ferrata del Bafile fino in vetta. Confermo ancora una volta la bellezza della via di salita complice la voglia di scalare in solitaria ( arrampicare sui tratti di III grado o anche meno con le scarpette in ambiente montano è una goduria ) ma come al solito la v e r a difficoltà è stata la discesa: inizio a scendere la via delle creste e panico!!!!! mi blocco su un filo di cresta! Che fare ? ( arrampico su vie anche difficili ma poi scendo in moulinette o in corda doppia ma mi blocco se gurdo in basso per via delle vertigini ). Ecco la soluzione: risalgo facilmente la via delle creste e mi dirigo verso la via normale che discendo con tante difficoltà spesso disarrampicando per non guardare giù!!! Lungo la discesa incontro alcuni escursionisti che percorrono la via normale in salita ma credo di essere stato l'unico ad aver fatto la Direttissima oggi ( tutti mi guardano con sospetto indossando casco e imbrago ), ma anche alcuni camosci giù nella valle. Decido allora di andare verso il rifugio Duca degli Abruzzi ( chiuso ma lo sapevo perchè alla partenza c'era il cartello ) perchè sono sicuro di incontrare altri camosci e andando piano senza fare rumore potrò fotografarli. Infatti eccoli lungo la strada che per nulla sp avenatati mi concedono il passaggio.
 

Allegati

Complimenti,la direttissima è sempre molto apprezzata e i panorami grandiosi.Probabilmente hai gli stessi miei scarponi che per un errore di valutazione del meteo ho usato l'altra volta sulla Cima Grande di Lavaredo (prossimo post) su passaggi estremamente levigati e passi di IV.Ho dovuto metterci il doppio dell'attenzione per non prendere qualche scivolone.La via delle Creste non la vedo così da panico...a parte qualche passaggio delicato è abbastanza tranquilla.Pero' se soffri di vertigini ti puoi bloccare.... è capitato ad un amico con me su una cresta tranquilla e arrotondata.
 
Complimenti,la direttissima è sempre molto apprezzata e i panorami grandiosi.Probabilmente hai gli stessi miei scarponi che per un errore di valutazione del meteo ho usato l'altra volta sulla Cima Grande di Lavaredo (prossimo post) su passaggi estremamente levigati e passi di IV.Ho dovuto metterci il doppio dell'attenzione per non prendere qualche scivolone.La via delle Creste non la vedo così da panico...a parte qualche passaggio delicato è abbastanza tranquilla.Pero' se soffri di vertigini ti puoi bloccare.... è capitato ad un amico con me su una cresta tranquilla e arrotondata.
Ho da sempre problemi in discesa visto che soffro di vertigini, e quindi sono costretto a scendere disarrampicando volgendo le spalle alla discesa. Non capisco perchè n on mettono funivie per la discesa in cima alle vette più frequentate e famose!!!!!!!!!!!!!!!!:rofl::rofl::rofl::rofl:
 

Discussioni simili



Alto Basso