Disidratazione grave

Non me né vogliano le signore o signorine, ma credo che buona parte dei lettori di sesso maschile già dal titolo avranno le mani sui c0gI0?i.
Discussioni infinite su cani (ok ci sta)cinghiali imbufaliti (ok tirandola un po' ci sta) lupi famelici?? .... ORSI?!?

Tutto questo preambolo per dire: cerchiamo di essere razionali, e di cosa si deve preoccupare veramente un EE.
IHMO o devo di mia opinabile modesta opinione, dopo il freddo (che però è molto più legato a stagioni altitudini ecc, )c'è la disidratazione, poi le cadute gravi dallo scivolamento in un burrone di 30 metri al volo giù per un nevaio senza ramponi piccozze e non in cordata..
Si noti che i primi due fattori di morte o incidente gravissimo sono legati spesso con l perdita di orientamento monchè col verificarsi antecrdente di uno dei due sinistri elencati (cadute/scivolate su nevai)

che precauzioni prendete contro la disidratazione?

Ps poi se uno. Paura dei cinghiali può sempre portarsi un machete, o x un orso un fucile a pompa:D
 
Ultima modifica:
Premesso che come al solito la fai troppo grossa, non ti offendere, il rischio non è sicuramente la morte, ma qualche problema la disidratazione lo può causare.

Il rischio è elevato soprattutto in estate, come direbbe il buon Lapalisse, cosa possiamo fare?
Portarsi tanta acqua o prevedere punti sosta a fonti/fontane, occhio che sono rimasto fregato un paio di volte, nel senso che la fontana c'era, ma non usciva una goccia d'acqua.
Poi dei sali minerali da integrare l'acqua.

Se sei in quota (>2.000 metri) puoi pure arrischiarti a bere direttamente dai ruscelli, ma con i pipponi che ti fai è meglio potabilizzare.

Riassumendo, portati almeno 2 litri di acqua al giorno (solo bere, no cucinare), se fa particolarmente caldo o umido anche 3, verifica che in zona ci siano fonti d'acqua o alla peggio corsi d'acqua, portati dietro sali minerali e se vuoi qualcosa per potabilizzare l'acqua.

Comunque per l'escursioni di un giorno morire disidrati non è un'opzione; una volta d'estate, contando sulle fonti lungo il percorso, ho portato poca acqua che ho finito al mattino, e non ne ho più vista fino a sera. Non ho passato una bella giornata, ma alla fine niente di insopportabile.
 
Ultima modifica:
Premesso che come al solito la fai troppo grossa,
Sì ma io non sono in giornalista che sbatte su un giornale tirato in decine di migliaia di copie che si crepa x un p0mp?n0
Sono un utente di un forum bello di nicchia senza l ombra della visibilità di un giornale. Ma non è questo il punto. Il punto è che con scarsa razionalità uno potrebbe cagarsi sotto per i lupi orsi e via e andare in escursione a luglio con una borraccia da mezzo in zaino e BASTA, e non avere alba di dove siano le zone idriche nel raggio di 15/20km dal tracciato dell' escursione. Poi magari ti perdi, cosa non rara un giorno diventano 2..
Pessimista? Sì ma realista almeno credo
 
Tutto le volte che parto, nello zaino ho sempre 1 litro e mezzo di acqua (preferibilmente Ferrarelle perchè è ricca di sali minerali e quindi aiuta nel reintegro di quelli persi) e 1 di vino. :biggrin:
Sapevo che usavi l'etanolo come integratore:lol:
Un litro e mezzo è una buona scorta...

IHMO
1dovresti portarti il doppio o quasi dell'acqua che consumi per sete (non per il gusto di bere) durante la escursione
2 sapere dove sono fonti idriche paesini fontane ruscelli torrenti nel raggio di 15 o,20 km e segnarle sulla topografica
3ovviamente saperti orientare quindi topografica altimetro bussola scontate, un buon GPS vicino non guasta.



se cominci già a soffrire di sete è più facile perdere la lucidità e perdersi ...e non avere più alba di dove trovare acqua
 
Sapevo che usavi l'etanolo come integratore:lol:
Un litro e mezzo è una buona scorta...
:lol::rofl:

In realtà il vino serve poco per la sete. La digestione dell'etanolo fa consumare acqua per cui inconsciamente portandosi il vino ci si disidrata... :wall:

IHMO
1dovresti portarti il doppio o quasi dell'acqua che consumi per sete (non per il gusto di bere) durante la escursione
2 sapere dove sono fonti idriche paesini fontane ruscelli torrenti nel raggio di 15 o,20 km e segnarle sulla topografica
3ovviamente saperti orientare quindi topografica altimetro bussola scontate, un buon GPS vicino non guasta.
Raramente vado da solo ma più spesso in gruppo.

Mai andiamo senza avere una carta della zona dove, tra l'altro, sono indicate anche le fonti. Se sappiamo che non troveremo acqua durante il percorso o nel punto dove si bivacca, è chiaro che si parte con una maggior scorta d'acqua.

A volte le fonti indicate sulle carte non ci sono o sono asciutte e in quei casi... sò caxxi!

Però al massimo si soffre la sete per mezza giornata, prima o poi un rifornimento si trova. Non corriamo mai rischi di disidratazione a livello patologico.
 
Ultima modifica:
... ricordiamo però che l'ipotermia arriva anche a livello del mare e in piena estate ;)
Senza contare ovviamente l'ipertermia, ecc... tutte cose molto presenti nei soccorsi ad escursionisti, della montagna, ma anche della pianura.

Se ti preoccupa la disidratazione... l'unica soluzione certa é portarsi l'acqua nel proprio zaino.
Purtroppo più acqua a disposizione, corrispondono più chilogrammi, che corrispondono ad un maggiore sforzo, che corrisponde (solitamente) ad una maggiore sudorazione ;)

Quindi... portarsi qualche litro di liquidi, senza esagerare in ambe due le direzioni, é la soluzione migliore.
Poi cone s'é sempre sentito dire ;) una buona organizzazione su carta può aiutare moltissimo, questo non vuol dire solamente cercare "punti acqua" presenti sul o vicino al percorso, ma impegnandosi e cercando informazioni aggiornate, nel periodo il più vicino possibile all''uscita, sulle varei riserve idriche trovate. Visto che al di fuori di ciò che si ha nello zaino.... nulla é garantito ;)

Inoltre bisogna valutare bene la zona/regione in cui si và.... organizzare un'uscita o un trekking in zone realmente desertiche é differente che farlo in ambienti alpini.

Inoltre é importantissimo valutare le proprie esigenze personali, per esempio io sono abituato a bere molto poco e raramente riesco a terminare una borraccia da 750 ml durante la giornata e sudo non tanto, ma tantissimo.

In ogni caso la magia, purtroppo, non esiste e un compromesso uno lo deve trovare ;)
 
In realtà il vino serve poco per la sete. La digestione dell'etanolo fa consumare acqua per cui inconsciamen
Quindi il vino/grappino non sono non scalda, cioè ti fa sentire caldo x vasodilatazione periferica, ma così disperdi solo calore più in fretta, ma la sua digestione fa anche consumare acqua (classico dopo una gran bevuta bersi 1litro d acqua a canna al mattino) aumentando la disidratazione.
Praticamente, non potendo guidate già al terzo bicchiere, puoi bere solo a casa tua con un rubinetto nei paraggi :rofl:
 
Quindi il vino/grappino non sono non scalda, cioè ti fa sentire caldo x vasodilatazione periferica, ma così disperdi solo calore più in fretta, ma la sua digestione fa anche consumare acqua (classico dopo una gran bevuta bersi 1litro d acqua a canna al mattino) aumentando la disidratazione.
Praticamente, non potendo guidate già al terzo bicchiere, puoi bere solo a casa tua con un rubinetto nei paraggi :rofl:
Non importa, la fiaschetta con il Genepy :sbav: non manca mai nello zaino, il brindisi in vetta è irrinunciabile :biggrin:.
IMG_20190420_140739.jpg
 
Ultima modifica:
IMHO il rischio più grande per gli escursionisti è rappresentato dalle condizioni meteo (temporali, vento forte), anche se ovviamente spesso anche i percorsi escursionistici non sono esenti dal rischio di cadute o infortuni gravi. Il rischio di morire per disidratazione o perdita di orientamento mi sembra veramente basso alle nostre latitudini, almeno in ambienti (e quote) escursionistici.

tu dici "1dovresti portarti il doppio o quasi dell'acqua che consumi per sete (non per il gusto di bere) durante la escursione ", ma ti chiedo: perchè il doppio? Basta e avanza il necessario (anche perchè altrimenti ci si dovrebbe portare 5 litri d'acqua anche per le escursioni giornaliere), l'importante è non lesinare e portarsene 2/3 litri al giorno (chiaramente in percorsi di più giorni l'acqua si dovrà recuperare sul posto, da fonti/corsi d'acqua o rifugi).
 
Senza mangiare puoi resistere giorni.
Senza bere (ma anche dormire) no.

Quindi il mio consiglio è sempre quello di pianificare la scorta d'acqua in base a:
- territorio, considerando la presenza o meno di ruscelli o fonti potabili.
- all'intensità dello sforzo, quanto è impegnativo il percorso?
- al clima.

Circa il trasporto, come dice Wildlife è meglio distribuire il peso ai lati dello zaino. Io ad esempio porto due borracce ai lati per un totale di 1.5 litri.
(Ed una di jack Daniels alla base dello zaino stesso in quanto è una bottiglia quadrata ed aiuta a distribuire il peso.:rofl:)

Evitare con la massima cura le borracce attaccate col moschettone che ballano di qua e di la....
Evitare il vetro, meglio l'alluminio.
 
doppio o quasi
Forse ho esagerato..dai se prevedi di farne fuori 2 litri in un escursione classica di 7 ore e un 900 m Di dislivello tarda primavera inizio estate, te ne porti 3...1kg paraculo in più sulla schiena.
Ti fai male perché come dici tu non è difficile cadere e farsi male sulle Alpi, hai un litro di scorta per i ritmi a cui sarai costretto a scendere..magari con un compagno e una frattura lieve caviglia slogata arrivi giù a mezzogiorno del giorno dopo quel litro in più te lo ciucci tutto
tra l'altro una bella birra va davvero bene dopo la camminata, magari non gelata però!
Ma si che se ne frega ..ti tieni il cassone e refrigerato in baule e al tramonto te ne bevi due ...alla barba della scienza dissetano eccome. Tanto poi guida la moglie:biggrin:
 
Ultima modifica:
Quindi il mio consiglio è sempre quello di pianificare la scorta d'acqua in base a:
- territorio, considerando la presenza o meno di ruscelli o fonti potabili.
- all'intensità dello sforzo, quanto è impegnativo il percorso?
- al clima.
Quello per i 2 litri..
Ovvioma non per chiunque scontato il consiglio di non fare sballottare le borracce fuori attaccate a un moschettone.
Circa il trasporto, come dice Wildlife è meglio distribuire il peso ai lati dello zaino
Questo è già meno ovvio. Se non c'è la bottiglia di jack che occupa il fondo:biggrin:
Meglio metterle più verso il basso o verso l' a lato dello zaino??
 

Contenuti correlati

Alto Basso