• Informiamo tutti gli utenti che attualmente abbiamo un problema sul server che non ci permette di inviare e ricevere e-mail. Pertanto momentaneamente non è possibile effettuare nuove registrazioni e ricevere notifiche via mail. Stiamo provvedendo per risolvere il malfunzionamento nel più breve tempo possibile.

Domanda su acciai

Ciao vorrei chiedere a chi è più esperto di me nella costruzione di coltelli quale, tra gli acciai carboniosi facilmente temprabili, ha una discreta resistenza alla corrosione. Io finora ho usato il k720, il c70 e il 80crv2. E forse tra questi quello che mi sembra leggermente meno corrodibile dall'umidità mi sembra il k720. Ma forse.
 
1) K720
2) c70
3) 80crv2
Con il pomodoro 5 minuti

In base alla mia modesta esperienza la corrosione, lacune in depressione nel materiale, é più legata alla contaminizione chimica con i sali residui della concia del cuoio dei foderi.
La semplice umidità da solitamente luogo all'ossidazione cio la presenza di metallo ossidato come sale in rilievo.

1095 in fodero in Kydex corrode, meno del D2 in cuoi vegetale.

Anche se il D2 é semi-inossidabile.
 
Ultima modifica:
Aggiungo che più lucida è la finitura e meno la lama è attaccabile delľ ossido.....se non dispiace si può fare anche una passivazione per ritardare ancora di più ľossidazione ...
 
Interessanti considerazioni. In effetti risulterebbe anche giustificare l'uso del guscio in legno protettivo(lesta) all'interno dei foderi in cuoio dei coltelli scandinavi. Così come l'abitudine comune a lasciarli coperti dal nero della tempra
 
allora tutti gli acciai sono ugualmente ossidabili ,gli inox per l'alto contenuto di cromo e nichel molto meno,la protezione si ottiene con trattamenti di passivazione ,io metto un sottile strato di vasellina ,il microfilm che si ottiene limita il contatto con l'ossigeno dell'aria e l'umidità in essa contenuta ...un pò come l'azione che compie una vernice che è quella di isolare i metalli dall'aria ovvero dall'ossigeno che la compone .
L'umidità che ristagna nei foderi è quella che ossida le lame ,e questa dipende da molti fattori climatici non ultimo la temperatura,sarebbe meglio conservare le lame fuori dalle custudie e riporli solo per trasporto o ricoprirle con film di prodotti isolanti ,cere, ecc.
 
Si anche io uso olio per coprire le lame carbo. A volte olio da cucina a volte wd40. Specie se so che non le userò per diverso tempo.
 
Io sono passato al 1095 per il coltello che uso tutti i giorni, il BK2, trattato dopo l'affilatura quotidiana con vaselina enologica.

L' inox, N690co, lo uso col WP4 ma tende ad essere meno resilente.
 
La mia domanda era perché ultimamente i coltelli mi diverto a farmeli da solo ma l'inox e' impossibile da tempra re con i miei mezzi
salute,a livello domestico è quasi impossibile dico quasi perchè la botta di fortuna ci può stare ,però sembra bisogna usare l'olio esausto da auto per ottenere un risultato quasi accettabile ,io ho provato piu volte e al momento sono riuscito a temprarne 1 su 3 ma è acciaio inox industriale quindi non ne conosco le specifiche so solo che ci vuole un sacco di tempo e pazienza
 
Per temprare ľinox bisogna rispettare temperature ben precise e tempi di permanenza in forno a temperatura stabile.cosa impossibile da fare con una forgia o Forno casalingo a gas....Ci vuole un forno elettrico ben tarato......
 
di inox ce ne sono svariati tipi 316,318,420 e come tutti gli acciai cambia la percentuale di carbonio,cromo e nichel oltre che le cartteristiche meccaniche
 
di inox ce ne sono svariati tipi 316,318,420 e come tutti gli acciai cambia la percentuale di carbonio,cromo e nichel oltre che le cartteristiche meccaniche
Esatto....ma la procedura per la tempra rimane uguale per tutti,cambia solo la temperatura da raggiungere. ....inoltre mi ero dimenticato di dire che negli inox bisogna proteggere la lama dalla decarburazione,particolare non irrilevante.....
 
Si appunto come avevo premesso io e' praticamente impossibile per me lavorare con l'inox a casa. Poi in generale preferisco il carbo per coltelli come i miei da bushcraft - escursioni. Carbo per me ha sempre significato ottima affilatura e facilità di riaffilare. Per questo cercavo di capire se c'era un carbo preferibile e meno ruggine vole. Perché solo carbo posso fare inutile per ora parlare di inox
 
Si appunto come avevo premesso io e' praticamente impossibile per me lavorare con l'inox a casa. Poi in generale preferisco il carbo per coltelli come i miei da bushcraft - escursioni. Carbo per me ha sempre significato ottima affilatura e facilità di riaffilare. Per questo cercavo di capire se c'era un carbo preferibile e meno ruggine vole. Perché solo carbo posso fare inutile per ora parlare di inox
Ma qui in zona siamo in parecchi.....se c'è da temprare una lama ogni tanto puoi portarla anche da me....o sentire altri coltellinai se si rendono disponibili....
 
Grazie davvero gentile. :)
Io tempo ľinox con il browsnell....che è abbastanza rognoso da pulire in seguito....Se vuoi praticare altri sistemi dovresti procurarti il materiale,cioè inconel oppure condursal,ma il secondo costa un botto e per una lama ogni tanto non credo valga la spesa.....
 
Chiedo scusa per l'ignoranza ma purtroppo non so bene di cosa parli. Però visto che mi sembri sicuramente sapere più di me in materia vorrei farti una domanda. Io ho a disposizione un bel forno grande elettrico per ceramica di mia moglie. Lei fa ceramica per hobby oltre il lavoro. Pensi che potrebbe essere usato per il trattamento preciso di coltelli carboniosi? Come temperatura non ci sono problemi a raggiungere i 1000°c, quindi dovrebbe andare bene. In teoria si può programmare anche se non so bene come. Devo però capire se si può raggiungere la temperatura in tempo breve e se un forno così grande da scaldare per uno o due coltelli non sia troppo oneroso. Ora per coltelli sui 10-12 cm di lama come i miei di solito uso la mia forgetta a gas Mapp che funziona alla grande. In 2 o 3 minuti sono già in temperatura utile. Ma pensavo di creare una più economica e grande forgia a carbone
 
Intanto Buon Anno !
Non dovrebbero esserci problemi con il forno da ceramica ,dovresti calcolare il consumo elettrico per quanto riguarda la convenienza.
Naturalmente un forno grande impiegherà molto tempo per arrivare in temperatura. ...ho visto che alcuni forni da ceramica sono fatti in sezioni che si possono sovrapporre, non è il tuo caso?
Le lame inox,vista la temperatura alla quale devono essere portate,devono essere protette dalla decarburazione superficiale. Questo si ottiene con i diversi sistemi che ti ho già indicato,più altri che con sistemi casalinghi non si possono applicare....
Se hai intenzione di provare a fare damasco vai di forgia,la mia ľho trovata usata per 50 euri.....altrimenti per temprare comincia a pensare ad un forno su misura ma elettrico....
Ti mando il mio numero in MP ,così hai un modo più veloce per sentirci e magari trovarci....
 

Discussioni simili



Alto Basso