Informazione Domande sull'Alta Via delle Alpi Apuan

Parchi della Toscana
Parco Alpi Apuane
Salve a tutti! :)

Sto accarezzando l'idea di compiere, insieme a un'altra persona, l'Alta Via delle Alpi Apuane (Alta Via delle Alpi Apuane). In attesa di acquistare il libro-guida di Angelo Nerli, sto cercando di informarmi il più possibile, sfruttando anche una carta online che ho trovato (Alpi Apuane - Carta escursionistica).

Volevo quindi porvi alcune domande riguardo questo trekking.

1) Alcune descrizioni rinvenute online citano nella seconda e terza tappa la presenza di tratti esposti, come giustificazione alla difficoltà EE. Cosa significa "tratti esposti"? È possibile evitarli, eventualmente, passando per delle varianti del percorso?

2) Ho visto che la zona è ricca di sentieri, quindi temo si possa sbagliare prendendo un altro sentiero anziché uno di quelli che compongono l'Alta Via. È facile confondere i segnavia dei sentieri? Ci sono i numeri segnati o cartelli nei bivi per sapere su quale sentiero proseguire?

3) Esiste una cartina escursionistica della zona che riporti i sentieri CAI presenti? Se sì, potete linkarmi un sito in cui è possibile acquistarla?

4) Come periodo - dal punto di vista di temperature e meteo - fine agosto/inizi settembre è una buona scelta?

5) In generale come reputate la difficoltà di questo trekking? Lo consigliereste oppure no?


Se dovessero venirmi altri dubbi non mancherò di inondarvi di domande. :D Intanto ringrazio chiunque sappia aiutarmi nella preparazione di questo trekking. :)
 
Ciao
io una volta ho fatto dalla tappa 8 alla 6 e ti posso parlare solo di questo tratto di strada.
Ti posso dire che le difficoltà sono minime. non ci sono ascese troppo impegnative e tratti esposti ed i sentieri sono battuti . Più in su vai e più diventa un po più difficile come mi hanno detto e come ho potuto constatare facendo un trekking da campocatino a orto di donna passando per il passo della focalaccia.
Per quanto riguarda il clima ti posso dire che ad agosto settebre la probabilità di imbattersi in temporali è alta anche se il clima pazzo di questi anni non permette di fare previsioni. Per queste ultime ti consiglio di monitorare l'ottimo sito meteoapuane molto ben fatto e professionale
La mappa del Cai la puoi trovare qui
CAI LUCCA - Cartina Alpi Apuane
Ti consiglio anche di visitare il sito di apuanextreme un gruppo di cicloescursionisti veramente forte che si muove soprattutto sulle apuane.
I cartelli ci sono, e sono molto chiari grazie al lavoro del gruppo sentieristica del CAI che sè molto attivo
Eppoi fattelo dire. Tu che sei un sardo come me (lo sono per metà) che vivi nella terra più selvaggia d'italia e d'europa, che hai il selvaggio blu come palestra nonchè i selvaggi paesaggi del supramonte e del gennargentu, dovrebbe essere una passeggiata questa via.
a volte d'estate andare per quei posti sulle apuane sembra di essere in una piazza affollata di una qualsiasi centro cittadino!!! E questo anche è dovuto alla presenza di numerosi centri abitati di vie di comunicazione e dellla limitata estensione territoriale dell'area ed ad una corposa organizzazione dei soccorsi e dei vari CAI e dei rifugi (sono ben 8 circa) Se pensi che in sardegna non ce n'è nemmeno uno!!!!
 
Ultima modifica:
Grazie per le informazioni, raboso! :)

Devo dire che la cartina è poco leggibile dal file PDF, io ho trovato in rete questa: Ed. Mulitigraphic Alpi Apuane Cartine Topografiche SPORT IMPIANTI WebStore Saldi Golf Ping pong Calcio Balilla Volley Basket Subacqua Nautica Campeggio Trekking Abbigliamento Sportivo Calzature Sportive Moto Pesca
Qualcuno la conosce? Potete dirmi se va bene, se è abbastanza recente/aggiornata? :)

Eppoi fattelo dire. Tu che sei un sardo come me (lo sono per metà) che vivi nella terra più selvaggia d'italia e d'europa, che hai il selvaggio blu come palestra nonchè i selvaggi paesaggi del supramonte e del gennargentu, dovrebbe essere una passeggiata questa via.
a volte d'estate andare per quei posti sulle apuane sembra di essere in una piazza affollata di una qualsiasi centro cittadino!!! E questo anche è dovuto alla presenza di numerosi centri abitati di vie di comunicazione e dellla limitata estensione territoriale dell'area ed ad una corposa organizzazione dei soccorsi e dei vari CAI e dei rifugi (sono ben 8 circa) Se pensi che in sardegna non ce n'è nemmeno uno!!!!
Eheh, in effetti sono appena tornato da una tre giorni piuttosto selvaggia in Supramonte :D
 
Alpi Apuane - Carta escursionistica

L'unica alternativa cartacea è quella della multigraphic che puoi trovare su stella alpina e che è stata da poco aggiornata
Per la difficoltà dei percorsi se non ti piacciono i punti esposti non andare sulle Apuane, ne troverai quasi ovunque specie su sentieri dati EE
Per il periodo meglio settembre perchè le quote sono modeste e di giorno di solito può fare molto caldo
 
L'unica alternativa cartacea è quella della multigraphic che puoi trovare su stella alpina e che è stata da poco aggiornata
Quindi mi confermi che quella che ho linkato nel mio precedente messaggio va bene? :)

Per la difficoltà dei percorsi se non ti piacciono i punti esposti non andare sulle Apuane, ne troverai quasi ovunque specie su sentieri dati EE
Per il periodo meglio settembre perchè le quote sono modeste e di giorno di solito può fare molto caldo
Eh, su questo avevo posto una domanda nel primo messaggio ma mi sa che è andata persa in mezzo alle altre... Qualcuno può chiarirmi il significato di "tratto esposto"?

@Hathi: Avevo visto il tuo resoconto, anzi a dirla tutta la scelta della Alta Via è nata proprio leggendo vecchie discussioni del forum, tra cui le due riguardanti la tua esperienza. :)
 
Come ho scritto sul mio resoconto, non esistono grosse difficoltà. I tratti "esposti", e lo scrivo virgolettato apposta, sono: nord del Sagro (2^ tappa), pericolosa solo in caso di neve o ghiaccio sul paleo; cresta della Tambura (3^ tappa), qualche tratto da vertigine, ma niente di pericoloso se non con la neve; Passo degli Uomini della Neve (7^ tappa), una decina di metri su una sorta di cengia, larga 2 o 3 metri, con vista sul vuoto....molta paura ma nessun pericolo; Costa Pulita (7^ tappa), classificata EE per tratti esposti, ma assolutamente nessun pericolo e niente vertigine. Le foto che ho pubblicato sono piuttosto esplicative.
E' un percorso che ti consiglio caldamente, che rifarei volentieri, ma con diverse varianti per fare sentieri che ho percorso più di 30 anni fa o che non ho mai fatto (vedi Sumbra)....Ti invidio, ma penso che, appena rifaranno la Capanne Garnerone, mi farò passare l'invidia!
 
l'unica accortezza è di NON SOTTOVALUTARE MAI le apuane: moltissimi che lo hanno fatto ne sono usciti con le ossa rotte (o peggio).
le apuane sono bellissime ma anche pericolose in molti tratti.
Be', su questo sono ampiamente d'accordo. È qualcosa che farei - e faccio - a prescindere, qualunque siano le montagne in cui vado. :)

Hathi ha scritto:
Come ho scritto sul mio resoconto, non esistono grosse difficoltà. I tratti "esposti", e lo scrivo virgolettato apposta, sono: nord del Sagro (2^ tappa), pericolosa solo in caso di neve o ghiaccio sul paleo; cresta della Tambura (3^ tappa), qualche tratto da vertigine, ma niente di pericoloso se non con la neve; Passo degli Uomini della Neve (7^ tappa), una decina di metri su una sorta di cengia, larga 2 o 3 metri, con vista sul vuoto....molta paura ma nessun pericolo; Costa Pulita (7^ tappa), classificata EE per tratti esposti, ma assolutamente nessun pericolo e niente vertigine. Le foto che ho pubblicato sono piuttosto esplicative.
Ti ringrazio molto per queste informazioni, Hathi, era proprio il genere di risposta che mi aspettavo da chi ha già compiuto l'intero trekking! :D Ho dato uno sguardo alle tue foto e ho osservato i luoghi "incriminati", ora ho più chiaro cosa mi aspetterà. :)

E sempre il tuo messaggio mi fa sorgere una domanda nuova: nel periodo in cui andrò (fine agosto/inizi settembre) non dovrei avere problemi di neve, giusto?
 
assolutamente niente neve.....già adesso, nelle pareti a nord, è scomparsa (l'ho visto su facebook, sul profilo del Rifugio Rossi)
 
Abito a Massa e, a prescindere da qualsiasi considerazione specifica, vi do un solo consiglio: occhio ai nostri monti!
La verticalità delle pareti e i sentieri "tranquilli" ma con centinaia di metri di vuoto al loro fianco fanno diverse vittime ogni anno.
Vero è che non arrivano a 2.000 metri ma volare per 40 o 500 metri NON è inusuale.
Comunque, venite e avisitare le Alpi Apuane, sono veramente splendide e selvagge.
 
CONDIVIDO IN PIENO QUELLO CHE DICE charliecharlie.

Sono appena tornato dalle Apuane e devo dire che "SENTIERI FACILI" non ce ne sono!
Quelli che ti dicono che i sentieri delle Apuane sono una CAZZATA.... secondo me non ci sono stati o sottovalutano i rischi!
Le Apuane sono bellissime ma per la loro stessa natura carsica e franosa sono tutti sentieri da affrontare con MOOOLTA attenzione. Se metti un piede male puoi farti molto male anche salendo sul Monte Tambura che è una delle cime più facili.
Detto questo.... vacci che ne vale la pena!!!!
 
S

Sconosciuto

Guest
Ciao RolandDeschain

Un consiglio! vuoi farti un giro sulle Apuane - Consulta questo sito è molto probabilmente il più completo ed esauriente che puoi trovare in proposito .

Escursioni Apuane
 

Alto Basso