Io resto avventurosamente a casa! Consigli per sopravvivere a casa in tempo di pandemia

Dormire sotto un poncho-tarp, un'idea per migliorarne l'abitabilità

Da poco possessore di un nuovo poncho-tarp (di dimensioni 225x150, con fettucce agli angoli), mi sono chiesto se... sia poi effettivamente possibile dormirci sotto (edit: principalmente in caso di addiaccio imprevisto) con sacco e stuoino e ripararsi da un'eventuale pioggia.

Come montaggio immagino che la scelta migliore con un tarp così piccolo sia l'A-frame (ma se avete altri consigli ben vengano!)

Per la larghezza, 150cm potrebbero anche bastare, è la lunghezza che mi preoccupa: io sono alto 1.85, col sacco penso di arrivare tranquillamente sui 2 m.... se piovesse e ci fosse anche solo una bava di vento, l'unica possibilità per non lavarsi è dormire tutta la notte rannicchiato al centro del tarp!

Poi mi è venuta una piccola idea che forse potrebbe salvare la situazione: e se si infilasse il fondo del sacco a pelo dentro ad un bel sacchettone di nylon? Basterebbe coprire 50-70cm di sacco a pelo, e già l'abitabilità lato testa aumenterebbe di un bel po'!

Il sacco dovrebbe avere alla fine un bel "risvolto" che faccia da "grondaia" per evitare che qualche rigolo coli magari dal sacchetto al sacco a pelo; dovrebbe inoltre essere abbastanza aperto per far girare aria ed evitare che si formi condensa.

...Secondo voi può funzionare?
 
Ultima modifica:
S

Speleoalp

Guest
Che si possa dormire solo col "poncho-tarp" con una protezione paragonabile ad una tenda è sicuro al 100%, il problema è proprio quello che dici tu, la dimensione del "telo" e la dimensione di chi lo usa, ah
Capirai che io non ho alcun problema ad adattarlo spianarlo, ecc visto che son piccolo, come ben sai avendomi visto, ahah

Però si, con un sacco impermeabile, oppure un altro piccolo telo da aggiungere come falda aggiunta, potrebbe funzionare.

Poi dipenderà dalle condizioni meteo se estreme o nella norma ;) Ma sicuramente con i giusti adattamenti, prove ed esperienze e ri-adattamenti... penso sia sicuramente possibile.

Funziona anche un semplice compri sacco a pelo impermeabile.... ho dormito spesso con pioggia forte con questi oggetti e con una protezione quasi limitata alla zona testa... senza alcun problema...

Poi ovviamente ci si adatta anche al luogo in cui ci si piazza, se ci sono anfratti, materiali da poter usare,... perché non usarli, ahah
 
Funziona anche un semplice compri sacco a pelo impermeabile.... ho dormito spesso con pioggia forte con questi oggetti e con una protezione quasi limitata alla zona testa... senza alcun problema...
Concordo anch'io, un bivybag che copre tutto il sacco a pelo e che oltretutto è molto leggero e occupa pochissimo posto nello zaino, abbinato al poncho-tarp che a questo punto puoi adattare come meglio credi nella zona testa-busto, magari per riuscire a dare riparo anche allo zaino, cucinarti qualcosa etc.
Oppure usi il poncho direttamente come bivybag accettando la condensa che ne deriverà...:azz:
 
S

Speleoalp

Guest
Usandolo in diagonale copre anche più spazio e potrebbe bastare per arrivare a terra con ogni angolo e coprire per bene. Sicuro fino ad un metro e settantacinque circa funziona, l'ho fatto per un soci, ahah
Ormai bisogna provare, testare, adattarsi e le soluzioni, anche pratiche e veloci si trovano ;)
 
Correggo meglio il tiro: se uno sa che si deve passare la notte fuori e magari sa anche che è facile che piova, magari può decidere di equipaggiarsi meglio (io di sicuro lo farei, non avendo l'esperienza di Luca! ;) ). Però può capitare l'addiaccio imprevisto, oppure uno vuole farsi l'addiaccio un po' "scialla" che tanto "il meteo dice che il tempo tiene"...ed invece poi piove.

L'idea di base è capire se ce la si può fare ad arrangiarsi dignitosamente anche con quel poco che si ha sempre in zaino...nel mio caso un poncho ed un sacchettone di nylon ci sono sempre, tutto qua!


Magari ad altri vengono ideee migliori: altre idee che mi son passate per la testa ad esempio è di coprire i piedi col coprizaino, o col telo termico...

l'importante è sfruttare qlc che ci si porta comunemente dietro, e non un pezzo di equipaggiamento aggiuntivo da portare apposta
 
S

Speleoalp

Guest
ah, ok. Allora la mia opinione è che in quella situazioni ci si può arrangiare dignitosamente ;)
 
@paiolo, ho un tarp verde (o blu, quelli da ferramenta per intenderci) non i modelli pesanti ma quelli leggeri, 4x3 mt pesa 930 gr.
Facendo un rapido calcolo il modello 3x2 peserebbe circa 465 gr.
A mio avviso tutto si può fare, anche dormire scomodi e con una buona probabilità di bagnarsi (dipende molto dal meteo), è anche carino avere un poncho/tarp che in emergenza possa venire utile...per come la vedo io, una persona di altezza media, non programmerei il suo utilizzo per passarci la notte in caso di pioggia, se proprio non volessi utilizzare la tenda prenderei un tarp adeguato e anche senza spendere una fortuna (il mio meno di 8€), e senza per forza dovermi camallare un peso esagerato (come pesi a parità di metratura non siamo molto lontani a modelli blasonati tipo DD hammock) alla fine dell'estate ci abbiamo dormito in due riportandolo anche sotto per isolarci dall'umido del terreno: 3 mt. di lato x 2 mt. di seduta x 2 mt di tetto.
Se piove forte l'acqua oltre ad infilarsi dai lati ti scorrerebbe sotto...

Per rispondere alla tua domanda io non mi ci vorrei trovare sotto, almeno non per scelta...al limite lo.porterei per fare un test, per curiosità....con un rifugio più sicuro a qualche metro :)
 
S

Speleoalp

Guest
Il cappuccio è un punto critico dei poncho.... se ci sono pieghe in cui si accumula l'acqua potrebbero rivelarsi infiltrazioni, ah Una soluzione tattica, così facendo il rischio si riduce moltissimo.
È un'ottima soluzione la piramide, scegliendo il luogo giusto, la direzione adeguata è una bella protezione... poi ovviamente, tutto più succedere, ahah
 
È il modello un foto ? carino....
Ma è giusto un poncho....se piove, se c'è vento, se il vento gira....immaginati, io lo indosserei come poncho, seduto, ranicchiato, aspettando che passi la bufera
 
S

Speleoalp

Guest
p1030107.jpg


(interessante ad esempio in queste foto il tensionatore sul cappuccio a cui magari non avrei pensato...)

Ma è come il tuo ? Sul lato sembra essere bello largo e sembra permettere di abbassarlo per una maggiore protezione,.... almeno sembra, vedendo la larghezza del lato rispetto al materassino... Mettendo un paletto più o meno a metà e avvicinandosi alle pareti,....
 
idea interessante :)

un problema che noto, almeno per i terreni che frequento, e' che si inzuppano facilmente di acqua, e quindi dopo un po' e' impossibile starci seduti o sdraiati... un mio amico proponeva di prendersi un materassino da spiaggia cinese di quelli da un paio di euro, gonfiarlo e dormire sopra quello. altre idee???
 
@paiolo, ho un tarp verde (o blu, quelli da ferramenta per intenderci) non i modelli pesanti ma quelli leggeri, 4x3 mt pesa 930 gr....alla fine dell'estate ci abbiamo dormito in due riportandolo anche sotto per isolarci dall'umido del terreno: 3 mt. di lato x 2 mt. di seduta x 2 mt di tetto.
Se piove forte l'acqua oltre ad infilarsi dai lati ti scorrerebbe sotto...
idea interessante :)

un problema che noto, almeno per i terreni che frequento, e' che si inzuppano facilmente di acqua, e quindi dopo un po' e' impossibile starci seduti o sdraiati... un mio amico proponeva di prendersi un materassino da spiaggia cinese di quelli da un paio di euro, gonfiarlo e dormire sopra quello. altre idee???
È un po' quello che dicevo io, il problema vero è che in alcuni terreni dal drenaggio scarso l'acqua comunque passerebbe da sotto il riparo...si potrebbero scavare dei canali, come ci avevano insegnato nei campi scout, ma oltre ad aver bisogno di un attrezzo per scavare (si, ho capito che potrei scavare anche con un coltello..) ci vorrebbe anche del tempo per realizzare uno scolo efficiente, che magari in una situazione di "emergenza" non si avrebbe, o peggio non ci sarebbe la possibilità di fare per vari motivi....a mio avviso un tarp abbondante da poter ripiegare sotto a mo di pavimento non sarebbe male come rifugio improvvisato e funzionale.
Il materassino sinceramente non mi convince molto, quelli da mare sono alti ma comunque pesanti (pesano veramente un botto), quelli da escursionismo leggeri ma sempre di misure risicate, alla fine se dovessi staccarmi dal terreno solo col materassino salverei a malapena il sacco a pelo (e non ne sono totalmente convinto) ma non il resto dell'attrezzatura...poi comunque sotto ad un materassino gonfiabile qualcosa bisogna mettere, per non forarlo, altrimenti adios
 
Ultima modifica:
azz... a questo punto l'amaca e' l'unica???
Mica è detto....io un acquazzone sotto un tarp piccolo come quello che ha segnalato paiolo non l'ho mai preso (e neanche ci terrei a fare l'esperienza), i miei sono ragionamenti, magari mi sbaglio, ma sinceramente la vedrei durissima dormirci (da sdraiato, altrimenti lo utilizzo come poncho) e rimanere asciutti...
 
Ultima modifica:
S

Speleoalp

Guest
idea interessante :)

un problema che noto, almeno per i terreni che frequento, e' che si inzuppano facilmente di acqua, e quindi dopo un po' e' impossibile starci seduti o sdraiati... un mio amico proponeva di prendersi un materassino da spiaggia cinese di quelli da un paio di euro, gonfiarlo e dormire sopra quello. altre idee???
Ciao, un'alternativa c'è, ah spesso è anche una delle "regole base" per la scelta del luogo".... ovviamente non sono regole assolute o per forza le migliori...
-Non mettersi in una depressione in cui si accumula l'acqua/aria fredda
- Non mettersi su un pendio, che sia piccolo o grande, in cui l'acqua ci scorrerebbe sotto, ecc

-Piazzarsi in un punto a mò di "monticello", in quanto la pioggia non si accumula, non si ferma e quella che lo fa seguirebbe la corsa verso il basso. Lasciando asciutto un punto coperto e sulla" sommità".

Chiaramente non sempre è possibile trovare il luogo adatto, ma questo capita on ogni tipo di materiale/oggetto (tende, poncho, tarp, amache, bivy, ecc).... in certe situazioni tocca cercare un punto adatto anche a costo di spostarsi un bel po', oppure adattarsi e sperare nel meglio...
D'altra parte, dipende tutto anche dall'organizzazione o se si predilige prendere e partire. Se si organizza, sulla cartina ci si possono già fare delle idee su dove pernottare, sia volontariamente che in caso di imprevisti.
Se invece si và in "esplorazione"... anche qui, si è abituati ad arrangiarsi senza perdere troppo la comodità e sicurezza.

Inoltre se la questione poi si basa sull'emergenza, il problema non sarebbe sicuramente quello di potersi sdraiare, ecc ma di accovacciarsi sotto al telo o comunque lo scopo diventerebbe quello di superare la notte... e non di piazzarsi comodamente, ecc Anche se effettivamente ci sono persone che anche in emergenza cercano comodità, ecc questo sicuro,...

Ad ognuno il suo, ahah
 
Ultima modifica di un moderatore:
Funziona ... l'ho sempre fatto :)
@Piervi per curiosità, ma anche @Anfisbena a cui piace questa soluzione (il sacchetto piace anche a me ma..) posso chiedervi il resto del fondo come lo riparate dalla pioggia ?
Io quando ho beccato il maltempo ero fortunatamente sempre col culetto sull'asciutto in tenda e credo che con un attrezzo come quello segnalato da @paiolo mi sarei trovato lavato.
Accoppiato ad un bivy sarebbe l'ideale e garantitebbe la parte inferiore all'asciutto, o no ?
Secondo me ci vuole un pavimento per essere tranquilli in caso di maltempo...anche se sicuramente in estate avere un riparo con un peso ed una trasportabilità del genere sarebbe una manna...

Grazie :)
 
Ultima modifica:

Discussioni simili


Alto Basso