Ebike per città consigli

Ciao a tutti, mi servirebbero delle info riguardo alla prima ebike da acquistare per un uso casa-lavoro , giri centro città. (Genova)
Possibilmente con il bonus incentivo - limite dei 250w - pieghevole ( in quanto dovrei portarla in casa a mano)- budget 1500 con bonus
I miei dubbi sono sia per le ruote, molte vendute con ruote da sterrato "fatbike" ma in città non so se ne vale la pena
Altro dubbio cosa guardare in una ebike pieghevole se uno deve cambiare o smontare catena/ruote
--- Aggiornamento ---

https://www.losielosi.it/bici-elettriche-pedalata-assistita-ebike/ questo negozio si trova qui a Genova. Le bici che stavo osservando sono queste in foto
--- Aggiornamento ---

Farò comunque un salto a vederle e a chiedere.
 

Allegati

Ultima modifica:
in città con le strade pessime in certi punti la sezione minima ammessa è 1,75 (che poi era quella della graziella) che poi corrisponde grosso modo a una larghezza gomma di 44 millimetri nel punto più largo.

Non a caso i fautori delle "ruote grandi" o ruote dopate,io le chiamo così hanno dei copertoni specifici per la città che si chiamano 700C38 al posto di 25 (o peggio 18) che normalmente montano al posto di quelle filiformi e indegne ruote da corsa che sanno solo bucarsi e entrare nel primo tombino.

Se andiamo a vedere i tombini "intelligenti" hanno feritoie pericolose larghe solo 20 mm (le hanno fatte pensando alla graziella probabilmente) ,quelli un pò meno intelligenti hanno quello che hanno.

Ricordo che le rotaie del tram sono larghe circa 2 cm
https://it.wikipedia.org/wiki/Rotaia_Phoenix
 
scusate ma entro in merito al discorso rotaie. oltre alla classica rotaia phoenix, c'e' la maledetta rotaia translohr, come quella del tram di padova

https://it.wikipedia.org/wiki/NTL_Translohr#Svantaggi_e_problemi

https://it.wikipedia.org/wiki/Tranvia_di_Padova#Critiche,_divieti_e_incidenti

che, per la sua conformazione, fa in modo che se ci finisci dentro la ruota si incastri, e voli. a me e' andata bene e sono riuscito a stare in piedi, ma sono tornato a casa con una ruota tutta imbarcata.

su quelle servirebbe veramente una gomma da fat bike, e ancora non sono sicuro che riuscirebbe a passarci sopra indenne. l'unica e' stare alla larga o, se rischi di scivolare, girarsi di colpo e cercare di mettersi trasversali. e il bello e' che avevano dimostrato che sarebbe bastato cambiare la forma della scanalatura, da inclinata a solco a L, per risolvere o almeno ridurre di molto il problema.
 
Qualche anno fà passavo ore intere e godermi lo spettacolo in piazza... dove ci sono solo alcune decine di metri dei vecchi binari di un "trenino/tram".... e vedere le persone che non sapevano prenderli nel senso giusto, facendo "voli" degni di "Mission Impossible", vederli era spassoso. Ma anche quando erano bagnati... e nonostante li prendevano più o meno nel verso giusto, piegavano per curvare e "via"...ahah Un pò di esperienza in bici e ovviamente non si sarebbero più fatti sorprendere,...

Senza parlare dei marciapiedi, quelli "smussati", ahahah
 
bisognerebbe misurarne la larghezza
il problema non e' solo la larghezza, ma anche la sezione



con quella forma, appena ci scivoli dentro la ruota si incastra e vieni catapultato. poi se piove le pavimentazioni sono scivolosissime, le rotaie pure e rischi di finir dentro comunque. soluzione geniale? divieto (disatteso da tutti e neppure verificato a dire il vero, serve solo a pararsi le terga legalmente) di andare in bici in alcune strade. sarebbe bastato riprofilare la canalina allargandola e facendola a L.

per inciso, mentre a padova ci va bene e il tram si limita a deragliare a random, a mestre qualcuno c'e' anche morto cadendo in scooter o bici (o si e' incastrato con l'auto tra muro e tram perche' i vigili gli hanno detto di sorpassare e poi c'erano strettoie, ma ovviamente i vigili stessi non ne sanno nulla...)

Qualche anno fà passavo ore intere e godermi lo spettacolo in piazza... dove ci sono solo alcune decine di metri dei vecchi binari di un "trenino/tram".... e vedere le persone che non sapevano prenderli nel senso giusto, facendo "voli" degni di "Mission Impossible", vederli era spassoso. Ma anche quando erano bagnati... e nonostante li prendevano più o meno nel verso giusto, piegavano per curvare e "via"...ahah Un pò di esperienza in bici e ovviamente non si sarebbero più fatti sorprendere,...

Senza parlare dei marciapiedi, quelli "smussati", ahahah
ti diro', non so come siano le rotaie normali, ma le translohr non perdonano. non e' questione di esperienza, proprio sono fatte ad schifum di loro.
 
non e' questione di esperienza, proprio sono fatte ad schifum di loro.
È tutto questione di esperienza, ahahah Solo il fatto che ne state parlando così specificatamente é esperienza e questa vi permette di decidere come comportarvi sul "campo", se ci finisci dentro, in corsa non sarà più un imprevisto. Questo non vuol dire che sia sempre possibile lo stesso approccio, perché ovviamente non essendo gli unici utenti delle strade non ci si può comportare liberamente con curve allargate, frenate, ecc... ma si può sempre decidere, in base alle possibilità, di prenderle perpendicolarmente, passarci a lato senza toccarle, ecc... d'altra parte, come nell'immagini, se il binario é al centro del veicolo... vuol dire che non é sul lato e i mezzi a due ruote, soprattutto le bici, dovrebbero starsene sempre sulla destra. Poi ovvio... ci sono tutta una serie di dinamiche che porta a dover superare un ostacolo, ma conoscendone le insidie... ci si può comportare di conseguenza, se lo si vuole... ovviamente. Senza dimenticare che i pericoli, soprattutto quando si và sulle due ruote sono piuttosto logici,...

Io devo ammettere che tutte quelle volte che sono volato in bici.... dopo il volo, ecc... ricordo di essermi sempre detto "...coglioxx potevi arrivarci che quello scivolava, quello si muoveva, quello ti incastrava, ecc...".
 
Ultima modifica:
Tralasciando problema rotaie, che qui a Genova l unico problema penso siano strade strette e salite.
La bici comunque è per mio padre che ne farebbe uso casa-lavoro, alla fine ho puntato sulla piega-s prezzo 600 euro con bonus, in quanto la bici tanto in voga(FIIDO D2S e i vari modelli) su YouTube non è a norma qui in Italia.
 
Ne parlavo l'altra sera con un mio amico... Cioè, sono più sere che ne parliamo... Da agosto/settembre a Modena si vedono solo dei monopattini partiti con lo sharing..
..e devo ammettere che è veramente bello, comodo ed "economico".

L'ho provato 1 sera e ne sono rimasto entusiasto, l'ho provato almeno altre 3/4 volte.. ho speso in tutto circa 15 euro... La gran figata, passatemi il termine, è che se una persona deve andare in centro a lavorare, o in zone dove il parcheggio si fa fatica a trovare, e abita poco distante, il monopattino sharing è furbo.. con un abbonamento da 30 euro al mese, puoi usarlo tutti i giorni per 30 minuti al giorno.. una fischiata... Gran comodità perchè esci di casa, qualche minuto a piedi per recarne uno, lo attivi dall'app, parti, arrivi, scatti una foto e vai a lavorare... Stessa cosa al ritorno.. direi che sia una buona soluzione come mezzo alternativo.. e la cosa ottima è che paghi un canone mensile, che puoi staccare quando vuoi, e non devi sclerare per portarti quel bagaglio sul posto di lavoro, oppure essere in patema se te lo rubano in un parcheggio..

Penso che i monopattini saranno una vera rivoluzione, già il fatto di avere convinto mia moglie a salirci sopra, ed aveva una paura matta di farsi male, e poi l'ho vista scendere col sorriso dicendo "bè effettivamente hai ragione, è comodo"..
 
inoltre quelle sfigatissime ruotine sembrano fatte apposta per piantarsi ovunque.
Un gradino più alto del 50% dell'altezza ruota e si sente fare TRUNK...
Il pezzo che unisce la ruota al telaio si trancia visto che è fatto di sfigatissima lega e sei per terra.

Anche con una bmx degli anni 80 (le meno dotate di comodità che avevano una sella rigida di plastica) senti la botta dell'ostacolo e intoni un me ne frego.

Anche se è sporchevole,ti viene male al di dietro e i calli alle mani
 
Ultima modifica:

Discussioni simili


Alto Basso