Escursione Escursione dalla LACINA alla COLLA DEI PECORARI (Monti delle Serre) - 28 aprile 2013

Parchi della Calabria
  1. Parco Regionale delle Serre
Data: 28 aprile 2013
Regione e provincia: Vibo Valentia e Reggio Calabria
Località di partenza: Lacina di Brognaturo (1040 m)
Località di arrivo: Colla dei Pecorari (1315 m)
Tempo di percorrenza: 6 ore
Grado di difficoltà: E
Descrizione delle difficoltà: Escursione lunga ma con poco dislivello
Periodo consigliato: tutto l'anno. In inverno si possono effettuare bellissime ciaspolate ed escursioni di sci-escursionismo
Segnaletica: nessuna
Dislivello in salita: 300 circa
Dislivello in discesa: 300 circa
Quota massima: 1315
Accesso stradale: Bisogna raggiungere prima di tutto Brognaturo.
- Da Vibo Valentia recarsi a Sant’Onofrio e, da qui, a Filogaso. Dall’appena detta località proseguire per San Nicola da Crissa e Serra San Bruno. Superato Simbario si entra subito dentro Spadola e, sempre dalla via principale (ex SS 110), sulla sinistra, si stacca una strada che attraversa subito un ponte (sul Fiume Ancinale). È l’ingresso dell’abitato di Brognaturo.
- Per chi viene da nord (Cosenza, ecc.), dall’A3 uscire a Pizzo Calabro. Proseguire sempre per Serra San Bruno (si passa accanto al Lago Angitola) fino a Spadola, dove, sulla sinistra, si stacca il ponte sull’Ancinale.

Superato il ponte svoltare subito a destra, per la Lacina (andando a sinistra si va nella piazza di Brognaturo). Seguire sempre la strada principale, che penetra in boscaglie di castagni e, successivamente, di pini larici e faggi. Si giunge così allo scoperto, dove, sulla sinistra, è adagiato l’invaso artificiale dell’Alaca. A circa 7 km e 60 metri, dal ponte sull’Ancinale, vi è un bivio (per la diga). Andare a destra. A venti metri dall’incrocio, sulla destra, si stacca una stradella a fondo naturale che si addentra nella faggeta. Lasciare l’auto (poco più avanti c’è uno spiazzo molto comodo per lasciare la macchina).


Che dire: sembra proprio estate; lo scirocco ha preso il sopravvento e ha fatto aumentare, decisamente troppo, le temperature, assolutamente al di sopra delle medie stagionali. In questa domenica di fine aprile abbiam fatto un’escursione dalla Lacina di Brognaturo (bivio per la diga dell’Alaca) alla Colla dei Pecorari. Su questa montagna ci sono stato parecchie volte e, l’ultima di queste, nell’agosto scorso: mi piace tornare a ripercorrere i percorsi precedentemente fatti. Siamo nella parte più settentrionale della selvosa dorsale del Pecoraro.

485568_4944161157034_1919627111_n.jpg

Bosco Reggio dalla Lacina

Dalla Lacina ci avviamo verso la radura Pomara. Raggiungiamo quest’ultima località attraverso il costone Schimen: possiamo dire un sentiero secondario rispetto alla più battuta sterrata, che si immerge in una bellissima foresta di faggi con tanto rinnovamento di abete bianco. Rappresenta anche il tratto più in salita della camminata.

374687_4944089635246_2110390917_n.jpg

La splendida foresta di faggi e rinnovamento di abete bianco lungo il costone Schimen

923102_4944090275262_1081227708_n.jpg

Lungo il costone Schimen

942224_4944090595270_1287874422_n.jpg

Masso di granito lungo il costone Schimen

24651_4944094675372_1816087050_n.jpg

Masso di granito lungo il costone Schimen


Raggiungiamo così il crinale e, dunque, la radura Pomara, ricca di abeti secolari e da alberi di mele.

923321_4944096875427_1167763979_n.jpg

Faggio nei pressi della radura Pomara

528283_4944120596020_2115580436_n.jpg

La radura Pomara

207112_4944122996080_2058860057_n.jpg

La radura Pomara

397857_4944123556094_1331287914_n.jpg

Fioritura di abete bianco


Dalla Pomara seguiamo lo sterrato di cresta, sempre nel bosco di faggi, parecchi di essi di dimensioni colossali, con qualche radura soleggiata, una di queste caratterizzata anche da un caratteristico laghetto stagionale (residuo della neve invernale), fino all’ameno belvedere di Colla dei Pecorari, dove si ammirano le coste del Mar Ionio, il Bosco di Stilo e i rilievi più meridionali delle Serre (Monte Mammicomito).

940803_4944095035381_1747057859_n.jpg


252277_4944094835376_1405484111_n.jpg

Laghetto stagionale

947171_4944097395440_933913582_n.jpg

Laghetto stagionale

315476_4944097755449_1905977575_n.jpg

Laghetto stagionale

397891_4944098075457_647192609_n.jpg

Laghetto stagionale

485536_4944099075482_1202744252_n.jpg

Faggio grosso

164205_4944099355489_582917813_n.jpg

Faggio grosso

65679_4944099435491_1659174331_n.jpg

La faggeta lungo il crinale di Colla dei Pecorari

945116_4944099715498_404832523_n.jpg

Il belvedere di Colla dei Pecorari

923267_4944100195510_1046731480_n.jpg

Il belvedere di Colla dei Pecorari

21286_4944100395515_135423963_n.jpg

Il grande Bosco di Stilo da Colla dei Pecorari

11890_4944110275762_1922785950_n.jpg


482507_4944110755774_160921906_n.jpg

Verso la costa ionica

303012_4944111035781_1489733347_n.jpg

Il belvedere di Colla dei Pecorari. In lontananza Monte Mammicomito

601031_4944111355789_256225018_n.jpg


21106_4944113315838_1146663553_n.jpg

A Colla dei Pecorari

935373_4944113475842_1827293404_n.jpg

Massi di granito alla Colla dei Pecorari

935533_4944123676097_1628208018_n.jpg


394533_4944124036106_564432134_n.jpg


217513_4944124756124_91180200_n.jpg
 
Ultima modifica di un moderatore:
Corso di Orientamento
Alto Basso