Informazione Escursione Marmolada

1) Seleziona il prefisso adeguato alla discussione che vuoi iniziare:
  • Informazione: Buongiorno a tutti e grazie per il caloroso benvenuto! Vorrei fare un'escursione, perciò partire e rientrare in giornata, sulla Marmolada. Ricordo un' escursione molto bella ed impegnativa fatta da bambina con la mia famiglia, (mio padre era un grande amante della montagna) ma non ricordo assolutamente quale fosse stato il punto di partenza nè quello di arrivo. Partendo da Padova (o in alternativa da Feltre), e considerando che siamo in due, buoni camminatori, resistenti ed agili ma non esperti, come avrete certamente capito, quale tragitto ci consigliate di seguire? Ogni contributo sarà ben accetto. Grazie in anticipo!
 
se vuoi salire dalla via normale verso punta Penia dovete partire da sopra la diga del lago al passo fedaia (2050m), salire verso il rifugio al Pian dei Fiacconi (2550m circa) e da lì salire lungo il ghiacciaio: attenzione ai crepacci che credo siano ben aperti in questa stagione.
A quota 2900/3000 c'è un tratto di sentiero attrezzato che porta alla spalla finale.
tenete sempre conto del fatto che si tratta di una salita alpinistica anche su ghiacciaio, quindi indispensabili ramponi e piccozza, e sul ghiacciaio sempre in cordata, mai slegati.
in totale sono circa 1300m di dislivello
 
se vuoi salire dalla via normale verso punta Penia dovete partire da sopra la diga del lago al passo fedaia (2050m), salire verso il rifugio al Pian dei Fiacconi (2550m circa) e da lì salire lungo il ghiacciaio: attenzione ai crepacci che credo siano ben aperti in questa stagione.
A quota 2900/3000 c'è un tratto di sentiero attrezzato che porta alla spalla finale.
tenete sempre conto del fatto che si tratta di una salita alpinistica anche su ghiacciaio, quindi indispensabili ramponi e piccozza, e sul ghiacciaio sempre in cordata, mai slegati.
in totale sono circa 1300m di dislivello
Ti ringrazio molto Tita97!! In verità non avevo in mente di affrontare un ghiacciaio e non ho esperienza di cordate, anche se spero di rimediare al più presto..per caso avresti altri suggerimenti su escursioni realizzabili sempre sulla Marmolada ma senza bisogno di ramponi e piccozza o credi che siano comunque indispensabili?
 
ciao, ho salito due volte la Marmolada quest'anno, e vi vado in media almeno una con i corsi CAI. Se vuoi salire dal basso e fare un'escursione, è tassativamente necessario avere esperienza di ghiacciaio e di uso di piccozza e ramponi. Oggi i ghiacci si sono molto ritirati e soprattutto d'estate la superficie è molto secca, quindi scivolosa, anche dove ci sono le peste alla mattina presto è scivoloso, quindi sono sempre obbligatori (su neve) i rampooni. La via normale a Punta Rocca, che ti consiglio, presenta poi alla fine, prima di arrivare in vetta, un tratto di circa 75 metri di "ferrata", piuttosto ripida e con tratti rocciosi, dove l'esistente corda fissa (cavo d'acciaio) aiuta ma non è sufficiente. Anche perchè poi lo stesso tratto lo dovrai fare in discesa, è non è per nulla banale (a volta quando c'è affollamento da lì scendiamo in corda doppia per non scaricare neve sugli altri e per fare prima...). Insomma, anch'io feci la prima oltre 30 anni fa ed era una cosa diversa, ti dico solo che facevamo la Nord con una piccozza sola e gradinavamo, mentre se guardi le foto adesso non c'è addirittura più neve e quindi non sia sale più...
 
ciao, ho salito due volte la Marmolada quest'anno, e vi vado in media almeno una con i corsi CAI. Se vuoi salire dal basso e fare un'escursione, è tassativamente necessario avere esperienza di ghiacciaio e di uso di piccozza e ramponi. Oggi i ghiacci si sono molto ritirati e soprattutto d'estate la superficie è molto secca, quindi scivolosa, anche dove ci sono le peste alla mattina presto è scivoloso, quindi sono sempre obbligatori (su neve) i rampooni. La via normale a Punta Rocca, che ti consiglio, presenta poi alla fine, prima di arrivare in vetta, un tratto di circa 75 metri di "ferrata", piuttosto ripida e con tratti rocciosi, dove l'esistente corda fissa (cavo d'acciaio) aiuta ma non è sufficiente. Anche perchè poi lo stesso tratto lo dovrai fare in discesa, è non è per nulla banale (a volta quando c'è affollamento da lì scendiamo in corda doppia per non scaricare neve sugli altri e per fare prima...). Insomma, anch'io feci la prima oltre 30 anni fa ed era una cosa diversa, ti dico solo che facevamo la Nord con una piccozza sola e gradinavamo, mentre se guardi le foto adesso non c'è addirittura più neve e quindi non sia sale più...
Grazie Giulio!
 
Grazie Giulio!
prego, sempre disponibile (sono Istruttore di Alpinismo), il mio consiglio è non disperare ma cercare un gruppo di amici/soci CAI che facciano l'escursione con tutti i crismi (può aiutare consultare online i siti delle sezioni CAI vicino a te, la Sezione è obbligata a prendere anche i soci di altre Sezioni alle proprie gite), ti portino il sabato vicino al rifugio Pian dei Fiacconi (disolito si dorme lì) per provare i ramponi, la piccozza e le tecniche di autoarresto, e poi la mattina presto della domenica fai la salita, e vedrai che sarai soddisfatta!
 
prego, sempre disponibile (sono Istruttore di Alpinismo), il mio consiglio è non disperare ma cercare un gruppo di amici/soci CAI che facciano l'escursione con tutti i crismi (può aiutare consultare online i siti delle sezioni CAI vicino a te, la Sezione è obbligata a prendere anche i soci di altre Sezioni alle proprie gite), ti portino il sabato vicino al rifugio Pian dei Fiacconi (disolito si dorme lì) per provare i ramponi, la piccozza e le tecniche di autoarresto, e poi la mattina presto della domenica fai la salita, e vedrai che sarai soddisfatta!
D'accordo, proverò ad informarmi (non conoscevo il CAI...) Grazie per il consiglio!
 

Discussioni simili



Contenuti correlati

Alto Basso