Escursione Facile anello per cima Tulsti da Prato di Resia Friuli.

#1
Regione e provincia: Udine - Friuli
Località di partenza: Prato di Resia
Località di arrivo: Idem
Tempo di percorrenza: 4/5 h
Chilometri: circa 9
Grado di difficoltà: E-
Descrizione delle difficoltà: nessuna
Periodo consigliato: A/I/P - escludo l'estate per via del troppo caldo
Segnaletica: qualche cartello della via degli alpini ma sentiero sempre tracciato.
Dislivello in salita: 750m
Dislivello in discesa: idem
Quota massima: 1184
Accesso stradale: Dalla statale 13 arrivati a Resiutta prendere la strada della Val Resia si prosegue fino a Prato di Resia e si oltrepassa tutto il paese fino alle prime case di Crisacis. Sulla sinistra si può lasciare l'auto nel parcheggio del cimitero.
Traccia GPS: https://www.avventurosamente.it/xf/pagine/mappa/?do=loadmarker&id=8130

Cercando un'escursione di pochi Km e dislivello non superiore ai 5/600m (l'anello dello Zaiavor si fa ancora sentire sulle caviglie) trovo su Wikiloc un giro che interessa questa montagnetta di poco più di 1200m "Cima Tulsti".
Essendo rinfrescato in questo periodo decido che nonostante la "bassezza" può andare bene.
Il giro proposto aveva partenza dalla Val Raccolana ed era per i miei intendimenti troppo lungo ma comunque interessante perché in val Resia che io continuamente non frequento.
Prendo le carte e sviluppo il percorso che oggi vi illustro.
Si tratta di un'escursione di soli 9 km circa e 750 m di dislivello che però si rivela appagante.
La partenza è alle spalle del cimitero :p (fin quando lo eviti va tutto bene).

La giornata non si manterrà fresca :puah: ma per fortuna quasi tutto il tragitto è all'interno di bosco.

Parto dalle stazioni della via Crucis a lato del cimitero e passando dietro alla chiesetta arrivo ad un monumento ai caduti e da li inizia il "sentiero degli Alpini n°1".
_DSC0581.jpg

Inizialmente il sentiero percorre in piano il bel bosco a pino nero.
_DSC0469.jpg

Arrivo ad un impluvio dopo qualche centinaio di metri.
_DSC0472.jpg
Da qui in poi il sentiero cambia completamente inerpicandosi deciso con strette svolte nel bosco e diversi affioramenti rocciosi diventando veramente divertente.
Salendo noto diverse piante di ginepro e finalmente ne trovo un paio piene di bacche e mi fermo a raccoglierne riempiendo un fazzoletto (il pensiero ha lasciato la montagna e va alle lenticchie che cucinerò con cardamomo e alloro :roll:).
Finita la raccolta riprendo la la salita ed arrivato ad una ancona con Madonna.
Mi fermo a mettere un po' di verde fresco ed un fiore nel bicchiere che fa da portafiori.
_DSC0475.jpg

Rifiato un momento e riparto, poco più in su il sentiero si appiana e per un brevissimo tratto e poi prosegue su un impluvio.
Pochi metri e devio a sinistra in una piccola valle e la si risalgo interamente, tratto molto bello da percorrere.
_DSC0487-HDR-2.jpg

Al termine della valle trovo un incrocio che prendo a destra (sentiero Cai 631), (cartello cima Tulsti per sentiero degli Alpini).
Da qui al ritorno prenderò il sentiero per gli stavoli Goslo.
Qualche centinaio di metri ed abbandono il sentiero 631 e tengo la destra per Cima Tulsti (cartello).
Il sentiero continua in leggera risalita piacevolmente fino ad arrivare ad un rudere che mi incuriosisce.
_DSC0497-HDR.jpg

Poco oltre il sentiero riprende pendenza ed in poco tempo arrivo a destinazione.

Ciao Avventurosi.:)
_DSC0521.jpg

Verso est si apre al di sopra delle cime degli alberi la parte finale della Val di Resia e le cime dei Tauri.
_DSC0505-HDR.jpg

Scendo e decido di seguire, senza troppe aspettative, un sentierino che viene indicato per un avere una panoramica della Val di Resia.
Sorpresa!:D
C'e un belvedere, che è stato anche ripulito dagli alberi, che offre una vista stupenda.
_DSC0529.jpg

Scatto una foto, e mi dispiaccio per l'ora inclemente che mi impedirà di rendere giustizia al panorama splendido sulla Val Resia (è l'una del pomeriggio) e mi riprometto di tornare qui ad ottobre/novembre di primo mattino e con l'attrezzatura fotografica pesante :puah:.
_DSC0532-HDR-Pano.jpg

Ridiscendo fino all'incrocio al termine della piccola valle e prendo la direzione per gli stavoli Goslo.
Oltrepasso gli stavoli e continuo su un bel sentierino fino ad arrivare alla strada forestale che ho scelto per fare un anello.
Proprio di fronte ad una panca con tavolo.
_DSC0575.jpg

Fortuna che c'è la panca, infatti decido di fermarmi un momento e mi accorgo che dietro alla panca scende una traccia che non mi aspettavo di trovare :si:.
in questo modo, attraverso varie tracce in discesa taglierò quasi tutti i tornanti e scenderò per pista solo un breve tratto nel finale.
Incrocio una vipera molto tranquilla che nonostante io sia un elefante nel classico negozio di cristalli non fugge precipitosamente.
Allungo un bastone e devo quasi toccarla prima che si metta sull'avviso e prenda posizione con il corpo raggomitolato e pronta a mordere per difesa.
Aspetto un attimo e finalmente si decide a spostarsi a lato in mezzo alle erbe.:)
Non so voi, ma a me piacciono molto.
Arrivato all'asfalto prendo a sinistra fino a passare sotto le prime stazione della via Crucis.
_DSC0578.jpg
Di li a pochissimo eccomi sul viale antistante il cimitero dove riprenderò l'auto al termine di una escursione piccola ma sorprendentemente piacevole ed appagante.
 

Contenuti correlati

Alto