- FAI DA TE - Anorak da coperta in lana Esercito Italiano.

Ciao a tutti,
apro questa discussione, o per meglio dire "tutorial", nella quale cercherò di spiegare nel dettaglio i vari passaggi affrontati nella progettazione e realizzazione di un anorak, utilizzando delle coperte militari in lana.
Da premettere che ne esistono due tipi, entrambe in Pura Lana Vergine 100% :
la coperta "da campo" che misura ca. 190x150 cm di fattura e spessore più leggera,
la coperta "da casermaggio" che misura ca. 220x170 cm molto più pesante e spessa, tessuta fitta che sembra quasi feltro.
Per il progetto ho usato delle coperte "da casermaggio", volutamente scritto al plurale dato che ho dovuto tagliarne due per avere a disposizione tutti i pezzi necessari.
Non ho mai avuto esperienze in sartoria, a parte le classiche cose comuni del tipo: cucire qualche toppa, rifare un orlo, riattaccare un bottone o rammendare calzini;
nonostante ciò ho deciso di imbarcarmi in questo progetto "più grande di me", perché desideravo da tempo un capo del genere ma, avendo la famigliola sulla groppa, mi pareva improponibile spendere le cifre richieste per averne uno dai marchi più blasonati.
Siccome mi piace imparare sempre cose nuove, dopo essermi documentato un po', ho deciso che ero pronto ad iniziare!!!
Non sapendo come creare un "cartamodello" dalle misure, ho comprato in saldo un pile da caccia della Universe taglia 4XL (io vesto tra L ed XL) perfetto allo scopo, data la grandezza che mi permette di indossare altri strati al di sotto, dal quale ho ricavato i modelli di parte anteriore, parte posteriore e maniche.
Per il cappuccio stesso sistema, copiandolo da un anorak estivo in cotone.
Perfetto nella misura abbondante e nella forma, essendo composto da tre pezzi, evitando di avere quella punta a mo' di cappello di elfo che proprio non mi piace.
La protezione per il collo, come pure i passanti ed altre "migliorie" sono stati realizzati misurando il progetto in corso.
Bene, iniziamo il tutorial vero e proprio, buona lettura...…

Metro da sarta, metro rigido, carta, taglierino, forbici e qualche peso per tenere ben aperto il maglione che servirà da guida per ricavarmi le parti del modello...
CAM00790.jpg

CAM00791.jpg

CAM00792.jpg


CAM00793.jpg


CAM00794.jpg


CAM00795.jpg


CAM00796.jpg

Con la carta ho terminato, avendo l'accortezza di lasciare un margine ulteriore di 1.5cm lungo tutto il perimetro dove poi andranno le cuciture.
Inizio col riportare i modelli sulla coperta, utilizzando del gesso bianco
CAM00799.jpg

CAM00801.jpg

CAM00798.jpg


Lasciando il retro volutamente più lungo, per tenere le chiappe all'asciutto quando ci si siede a terra.

CAM00802.jpg


Stessa giostra con le maniche….
CAM00803.jpg


Ed ancora per il cappuccio….

CAM00824.jpg

CAM00821.jpg


CAM00825.jpg


CAM00826.jpg


e le tasche...
Pezzi tutti pronti, posso iniziare ad "imbastire" a mano utilizzando un ago da lana e del filo in poliestere con un buon carico di rottura.
All'interno del tascone a canguro, trova posto una seconda tasca più piccola corredata di una cinghia in cordura con anello a "d" (idea rubata a marchio U.S.A.) per le cose tipo chiavi, portafoglio o telefono...

CAM00814.jpg



CAM00831.jpg


CAM00832.jpg


Dimenticavo.....a proposito del cavo in basso a dx nella foto su, l'intenzione iniziale era di tentare a cucire il tutto a macchina.
Dopo tentativi vani con filo intrecciato, aghi piegati e bestemmioni come se piovesse, la macchina ha ritrovato il suo posto ideale sotto al tavolo onde evitare di finire lanciata dalla finestra.
Quindi l'intero progetto è stato cucito a mano, con la tecnica del "punto indietro", utilizzando il filo cerato che uso solitamente nei lavori in cuoio.
Praticamente indistruttibile!!!
Cucita quindi la tasca interna, passo ad imbastire la grande...

CAM00836.jpg


Per poi cucirla al suo posto saldamente...

CAM00841.jpg

e bloccare infine il filo con un nodo piano….

CAM00843.jpg


E con le tasche ci siamo....
CAM00846.jpg


Intanto ho cucito anche il fronte ed il retro sulle spalle, ed imbastito la manica sinistra al busto per rendermi bene conto della situazione.
Qui un dettaglio del punto indietro visto dal lato interno...
CAM00844.jpg

la parte esterna "a vista" ha un effetto simile alla cucitura a macchina, ed è anche più resistente se non fosse per i tempi assurdi che richiede l'esecuzione.

Poi taglio l'apertura verticale sul collo, di cui non ho foto, e da lì misuro il pezzo che sarà il paravento...

CAM00848.jpg


"Punto quadro" tutt'intorno per evitare sfilacciamenti
CAM00849.jpg

ed imbastitura sul busto con relativa prova di vestibilità e misure
CAM00852.jpg


Paravento cucito e aggiunta di un rinforzo in cordura nella parte bassa centrale, per distribuire lo stress sul tessuto

CAM00863.jpg


Cucito il tutto saldamente e poi imbastito il cappuccio sul busto...
CAM00877.jpg


Preparo poi con altra cordura i pezzi che saranno le asole per il laccetto
CAM00881.jpg

e prendo del filo cerato nero per cucirle in posizione
CAM00885.jpg

operazione difficile che ha richiesto l'uso della pinza, dato che si inizia a cucire più strati di materiale
CAM00888.jpg


Passanti cuciti, adesso è ora di mettere un liner in pile all'interno del colletto che vada a nascondere le cuciture ed anche evitare di avere la lana a diretto contatto con il naso
CAM00896.jpg


Ora è il turno del cappuccio, trasformare le imbastiture in cuciture definitive….
CAM00898.jpg


e preparare anche per lui un liner in pile, riutilizzando i cartamodelli che avevo lasciato da parte....

CAM00904.jpg


CAM00907.jpg


CAM00909.jpg

solito margine in più per le cuciture e via….
cappuccio pronto a riceverlo
CAM00916.jpg


Nel frattempo ho cucito anche il bordo del cappuccio dove passerà internamente del cordino per stringerlo, rinforzando le asole con due pezzetti di cuoio forati con la fustellatrice
CAM00919.jpg


Poi ancora pile per il bordo inferiore frontale e sui polsini, prima di cucire le due maniche al busto….
CAM00923.jpg


CAM00922.jpg


CAM00928.jpg


Per cucire il liner nel cappuccio, ho lavorato a rovescio infilandoci dentro un maglione appallottolato, che tenesse tutto ben teso e in forma
CAM00930.jpg


E' arrivato il momento di cucire le maniche sul lato inferiore, sempre con "punto indietro", per poi infine chiudere anche i lati del busto e terminare così il grosso del lavoro….

CAM00932.jpg


Adesso si può giocare ad abbellire e personalizzare...
CAM00944.jpg


creo due alamari con del corno di cervo, che serviranno a tenere collegato il cappuccio col paravento frontale
CAM00946.jpg

utilizzando anche qui del cordino e della cordura come supporto da cucire
CAM00949.jpg


CAM00951.jpg


CAM00952.jpg


CAM00955.jpg


CAM00956.jpg


Ho aggiunto successivamente ulteriori due asole più all'interno, per avere il colletto ancor più aderente al viso, in caso di tempesta con forti venti.
Più due ulteriori passanti per il laccio sul collo, anch'essi per migliorare le prestazioni con clima proibitivo.
Di queste due ultime modifiche aggiungerò le foto appena possibile.

In conclusione, con poca spesa (ca. 10 euro complessivamente) in merceria per:
1 ago da lana a punta viva (non stondato),
4 rocchetti di filo in poliestere resistente per le imbastiture,
4 ferma-cordino a molla in plastica nera;

e tutto il resto dei materiali riciclati:
la cordura nera e l'anello a D, da un vecchio zaino da trekking che tengo come riserva pezzi e tessuto,
la cordura verde da un vecchio cinturone militare,
il pile da una vecchia maglia con zip rotta ed ormai in disuso.

Il filo cerato e il paracord li avevo già, come anche le coperte (che aspettavano ormai da un anno nell'armadio), anche se è possibile trovarne in rete per chi volesse cimentarsi.

L'unica cosa, ma credo la più importante di tutte: la PAZIENZA, unita alla passione in quel che si fa, che mi ha permesso di terminare un progetto così, totalmente a mano.
Ci è voluto quasi un mese e mezzo dal fare i cartamodelli a poter indossarlo, momenti in cui ti prende lo sconforto, altri in cui devi ripensare più volte a ciò che stai facendo, vedendo la fine sempre lontana.
Tanti bei buchi sulle dita e imprecazioni da licenza poetica, ma alla fine di tutto la soddisfazione che provo, quella si, non ha prezzo!!!!!
 
Ultima modifica:
Premettendo subito che hai delle capacità tecnico-pratiche non indifferenti, mi complimento con te e con il tuo lavoro.

Un unico appunto, ma che nulla vuole togliere a quanto hai realizzato; le coperte dell'EI hanno due consistenze non tanto perché destinate alla truppa o agli ufficiali ma in relazione al loro scopo. Quelle leggere erano destinate ad un uso campale e facevano parte della dotazione dello zaino tattico, mentre quelle pesanti erano destinate ad essere utilizzate all'interno della caserma.
 
Bellissimo tutorial Giulio, complimenti davvero, un lavoro eccezionale e curato in ogni dettaglio.
Però c'è un però... :D
Questo tutorial è incompleto.
Vorrei, e credo di non essere il solo, qualche foto dell'anorak finito, per vedere com'è il risultato finale, anche indossato, per vedere come veste, e magari sapere le tue impressioni di mobilità, comfort e quant'altro, ovviamente se possibile.
Grazie mille e complimenti ancora per il fantastico lavoro!
:si::si::si:
 
Ma come non hai fatto praticantato presso un sarto?!? Non è possibile... :eek:

Complimentissimi, abilità manuali per me impensabili.
Anche io pensavo fosse impensabile, preso per matto anche da due amici (una sarta e un tappezziere) che mi hanno offerto il loro appoggio.
Ma quando mi metto una cosa in testa, non c'è verso....la devo fare e basta!!!
Ho lavorato prevalentemente la sera, per 3/4 ore dopo aver addormentato i figli, ed il fatto di cucire a mano mi ha permesso di "riflettere" bene su ogni passo e di strafare con la precisione.
Credo che se avessi usato una macchina, sarebbe venuto tutto storto :rofl::rofl::rofl::rofl:
Non vado troppo d'accordo con la tecnologia, le mani le controllo meglio.
 
Bellissimo tutorial Giulio, complimenti davvero, un lavoro eccezionale e curato in ogni dettaglio.
Però c'è un però... :D
Questo tutorial è incompleto.
Vorrei, e credo di non essere il solo, qualche foto dell'anorak finito, per vedere com'è il risultato finale, anche indossato, per vedere come veste, e magari sapere le tue impressioni di mobilità, comfort e quant'altro, ovviamente se possibile.
Grazie mille e complimenti ancora per il fantastico lavoro!
:si::si::si:
Ciao Gabri, grazie :si:
devo farne due foto del lavoro finito, a quelle che avevo postato sul thread di Maduva mancavano ancora un paio di cosette.
Sta settimana promette bene come venti e temperature, provo, documento con foto e vengo ad aggiungere al tutorial:si:
Se qualcuno abbia bisogno di consigli, non si faccia problemi a chiedere!
 
Lavoro magistrale Giulio, giù il cappello!!!
Grazie per aver documentato in maniera accurata ogni passaggio, presumo non sarò il solo a ispirarmi al tuo progetto visto che mi ronza in testa da tempo di realizzare qualcosa di simile...
APPLAUSI!!!
 
Lavoro magistrale Giulio, giù il cappello!!!
Grazie per aver documentato in maniera accurata ogni passaggio, presumo non sarò il solo a ispirarmi al tuo progetto visto che mi ronza in testa da tempo di realizzare qualcosa di simile...
APPLAUSI!!!
Grazie Giò ;)
ti tocca pagare pegno per aver ceduto la Swanndri Mosgiel al Gabri :rofl::rofl::rofl:
sarai costretto a rifarti una bush-shirt da solo :p
Sono certo che anche tu, lavorando con la stessa "testa" di quando ti metti su un arco, sicuramente riusciresti a fare un ottimo lavoro:si:
 
Ciao a tutti,
apro questa discussione, o per meglio dire "tutorial", nella quale cercherò di spiegare nel dettaglio i vari passaggi affrontati nella progettazione e realizzazione di un anorak, utilizzando delle coperte militari in lana.
Da premettere che ne esistono due tipi, entrambe in Pura Lana Vergine 100% :
la coperta "da campo" che misura ca. 190x150 cm di fattura e spessore più leggera,
la coperta "da casermaggio" che misura ca. 220x170 cm molto più pesante e spessa, tessuta fitta che sembra quasi feltro.
Per il progetto ho usato delle coperte "da ufficiali", volutamente scritto al plurale dato che ho dovuto tagliarne due per avere a disposizione tutti i pezzi necessari.
Non ho mai avuto esperienze in sartoria, a parte le classiche cose comuni del tipo: cucire qualche toppa, rifare un orlo, riattaccare un bottone o rammendare calzini;
nonostante ciò ho deciso di imbarcarmi in questo progetto "più grande di me", perché desideravo da tempo un capo del genere ma, avendo la famigliola sulla groppa, mi pareva improponibile spendere le cifre richieste per averne uno dai marchi più blasonati.
Siccome mi piace imparare sempre cose nuove, dopo essermi documentato un po', ho deciso che ero pronto ad iniziare!!!
Non sapendo come creare un "cartamodello" dalle misure, ho comprato in saldo un pile da caccia della Universe taglia 4XL (io vesto tra L ed XL) perfetto allo scopo, data la grandezza che mi permette di indossare altri strati al di sotto, dal quale ho ricavato i modelli di parte anteriore, parte posteriore e maniche.
Per il cappuccio stesso sistema, copiandolo da un anorak estivo in cotone.
Perfetto nella misura abbondante e nella forma, essendo composto da tre pezzi, evitando di avere quella punta a mo' di cappello di elfo che proprio non mi piace.
La protezione per il collo, come pure i passanti ed altre "migliorie" sono stati realizzati misurando il progetto in corso.
Bene, iniziamo il tutorial vero e proprio, buona lettura...…

Metro da sarta, metro rigido, carta, taglierino, forbici e qualche peso per tenere ben aperto il maglione che servirà da guida per ricavarmi le parti del modello...
Vedi l'allegato 185332
Vedi l'allegato 185333
Vedi l'allegato 185334

Vedi l'allegato 185335

Vedi l'allegato 185336

Vedi l'allegato 185337

Vedi l'allegato 185338
Con la carta ho terminato, avendo l'accortezza di lasciare un margine ulteriore di 1.5cm lungo tutto il perimetro dove poi andranno le cuciture.
Inizio col riportare i modelli sulla coperta, utilizzando del gesso bianco
Vedi l'allegato 185343
Vedi l'allegato 185345
Vedi l'allegato 185346

Lasciando il retro volutamente più lungo, per tenere le chiappe all'asciutto quando ci si siede a terra.

Vedi l'allegato 185347

Stessa giostra con le maniche….
Vedi l'allegato 185348

Ed ancora per il cappuccio….

Vedi l'allegato 185350
Vedi l'allegato 185351

Vedi l'allegato 185352

Vedi l'allegato 185353

e le tasche...
Pezzi tutti pronti, posso iniziare ad "imbastire" a mano utilizzando un ago da lana e del filo in poliestere con un buon carico di rottura.
All'interno del tascone a canguro, trova posto una seconda tasca più piccola corredata di una cinghia in cordura con anello a "d" (idea rubata a marchio U.S.A.) per le cose tipo chiavi, portafoglio o telefono...

Vedi l'allegato 185355


Vedi l'allegato 185356

Vedi l'allegato 185357

Dimenticavo.....a proposito del cavo in basso a dx nella foto su, l'intenzione iniziale era di tentare a cucire il tutto a macchina.
Dopo tentativi vani con filo intrecciato, aghi piegati e bestemmioni come se piovesse, la macchina ha ritrovato il suo posto ideale sotto al tavolo onde evitare di finire lanciata dalla finestra.
Quindi l'intero progetto è stato cucito a mano, con la tecnica del "punto indietro", utilizzando il filo cerato che uso solitamente nei lavori in cuoio.
Praticamente indistruttibile!!!
Cucita quindi la tasca interna, passo ad imbastire la grande...

Vedi l'allegato 185358

Per poi cucirla al suo posto saldamente...

Vedi l'allegato 185366
e bloccare infine il filo con un nodo piano….

Vedi l'allegato 185387

E con le tasche ci siamo....
Vedi l'allegato 185403

Intanto ho cucito anche il fronte ed il retro sulle spalle, ed imbastito la manica sinistra al busto per rendermi bene conto della situazione.
Qui un dettaglio del punto indietro visto dal lato interno...
Vedi l'allegato 185410
la parte esterna "a vista" ha un effetto simile alla cucitura a macchina, ed è anche più resistente se non fosse per i tempi assurdi che richiede l'esecuzione.

Poi taglio l'apertura verticale sul collo, di cui non ho foto, e da lì misuro il pezzo che sarà il paravento...

Vedi l'allegato 185411

"Punto quadro" tutt'intorno per evitare sfilacciamenti
Vedi l'allegato 185412
ed imbastitura sul busto con relativa prova di vestibilità e misure
Vedi l'allegato 185413

Paravento cucito e aggiunta di un rinforzo in cordura nella parte bassa centrale, per distribuire lo stress sul tessuto

Vedi l'allegato 185414

Cucito il tutto saldamente e poi imbastito il cappuccio sul busto...
Vedi l'allegato 185415

Preparo poi con altra cordura i pezzi che saranno le asole per il laccetto
Vedi l'allegato 185416
e prendo del filo cerato nero per cucirle in posizione
Vedi l'allegato 185417
operazione difficile che ha richiesto l'uso della pinza, dato che si inizia a cucire più strati di materiale
Vedi l'allegato 185418

Passanti cuciti, adesso è ora di mettere un liner in pile all'interno del colletto che vada a nascondere le cuciture ed anche evitare di avere la lana a diretto contatto con il naso
Vedi l'allegato 185419

Ora è il turno del cappuccio, trasformare le imbastiture in cuciture definitive….
Vedi l'allegato 185420

e preparare anche per lui un liner in pile, riutilizzando i cartamodelli che avevo lasciato da parte....

Vedi l'allegato 185421

Vedi l'allegato 185422

Vedi l'allegato 185423
solito margine in più per le cuciture e via….
cappuccio pronto a riceverlo
Vedi l'allegato 185424

Nel frattempo ho cucito anche il bordo del cappuccio dove passerà internamente del cordino per stringerlo, rinforzando le asole con due pezzetti di cuoio forati con la fustellatrice
Vedi l'allegato 185429

Poi ancora pile per il bordo inferiore frontale e sui polsini, prima di cucire le due maniche al busto….
Vedi l'allegato 185435

Vedi l'allegato 185436

Vedi l'allegato 185437

Per cucire il liner nel cappuccio, ho lavorato a rovescio infilandoci dentro un maglione appallottolato, che tenesse tutto ben teso e in forma
Vedi l'allegato 185438

E' arrivato il momento di cucire le maniche sul lato inferiore, sempre con "punto indietro", per poi infine chiudere anche i lati del busto e terminare così il grosso del lavoro….

Vedi l'allegato 185439

Adesso si può giocare ad abbellire e personalizzare...
Vedi l'allegato 185440

creo due alamari con del corno di cervo, che serviranno a tenere collegato il cappuccio col paravento frontale
Vedi l'allegato 185441
utilizzando anche qui del cordino e della cordura come supporto da cucire
Vedi l'allegato 185442

Vedi l'allegato 185443

Vedi l'allegato 185444

Vedi l'allegato 185445

Vedi l'allegato 185446

Ho aggiunto successivamente ulteriori due asole più all'interno, per avere il colletto ancor più aderente al viso, in caso di tempesta con forti venti.
Più due ulteriori passanti per il laccio sul collo, anch'essi per migliorare le prestazioni con clima proibitivo.
Di queste due ultime modifiche aggiungerò le foto appena possibile.

In conclusione, con poca spesa (ca. 10 euro complessivamente) in merceria per:
1 ago da lana a punta viva (non stondato),
4 rocchetti di filo in poliestere resistente per le imbastiture,
4 ferma-cordino a molla in plastica nera;

e tutto il resto dei materiali riciclati:
la cordura nera e l'anello a D, da un vecchio zaino da trekking che tengo come riserva pezzi e tessuto,
la cordura verde da un vecchio cinturone militare,
il pile da una vecchia maglia con zip rotta ed ormai in disuso.

Il filo cerato e il paracord li avevo già, come anche le coperte (che aspettavano ormai da un anno nell'armadio), anche se è possibile trovarne in rete per chi volesse cimentarsi.

L'unica cosa, ma credo la più importante di tutte: la PAZIENZA, unita alla passione in quel che si fa, che mi ha permesso di terminare un progetto così, totalmente a mano.
Ci è voluto quasi un mese e mezzo dal fare i cartamodelli a poter indossarlo, momenti in cui ti prende lo sconforto, altri in cui devi ripensare più volte a ciò che stai facendo, vedendo la fine sempre lontana.
Tanti bei buchi sulle dita e imprecazioni da licenza poetica, ma alla fine di tutto la soddisfazione che provo, quella si, non ha prezzo!!!!!
Geniale, bravissimo!!:si:
 
Grazie Giò ;)
ti tocca pagare pegno per aver ceduto la Swanndri Mosgiel al Gabri :rofl::rofl::rofl:
sarai costretto a rifarti una bush-shirt da solo :p
Sono certo che anche tu, lavorando con la stessa "testa" di quando ti metti su un arco, sicuramente riusciresti a fare un ottimo lavoro:si:
Troppo buono Giulio!
Cmq la swanndri per me era un po' troppo "fresca".... Non ho mica il fisico dell'orco Gabri, io!:rofl:
 
Troppo buono Giulio!
Cmq la swanndri per me era un po' troppo "fresca".... Non ho mica il fisico dell'orco Gabri, io!:rofl:
Meglio così! :biggrin:
Io mi ci trovo benone, ma in effetti, come riportato nella recensione, non è troppo calda e bisogna adoperaqrsi per sfruttarla con un pò di strati sotto.
A proposito, mi sono trovato così bene con la swanndri e la lana come strato esterno per le attività nel bosco, che ho deciso di ampliare l'armamentario acquistando una Swanddri Ranger Bush shirt!
E' una sorta di maglione con zip da tenere come guscio esterno, ha il solito taglio ampio, sotto ci sto comodo con intimo merino, t-shirt, e camicia di flanella, eccola:
IMG-20190223-WA0027.jpg


IMG_20190310_103246.jpg


IMG_20190306_185222.jpg


e se fa fresco basta aggiungere il gilet di lana fatto con la coperta militare

IMG-20190310-WA0102.jpg

Non sarà un anorak ma pensavo che fosse pertinente con la discussione.
W la lana! :biggrin:
 
Autore Discussioni simili Forum Risposte Data
Maduva Abbigliamento 26
GiovanniS Abbigliamento 29
rob62 Abbigliamento 0
GiovanniS Abbigliamento 2

Discussioni simili



Contenuti correlati

Alto Basso