Fallkniven F1 PRO VS TRC Bushcraft

Il concetto di acciaio superiore o inferiore non vuol dire proprio nulla, quello di supersteel poi mi fa sorridere......esiste l'acciaio adatto per una cosa e l'acciaio adatto per un'altra.
Quindi tra gli inox Elmax può essere un'ottima scelta su coltelli di queste dimensioni? come tenuta del filo/elasticità/inissidabilità e facilità di riaffilatura? A questo link soltengono questo...http://bestpocketknifetoday.com/discovering-the-best-knife-steel/
 
Tu, @ROCKY77 e @copacunici dovete andare... sento che vi chiamano... là, aff... :biggrin::biggrin:
Siccome avevo dato a prestito il mio Fiskark (inox) stavo usando come lama da giardino il Robust
E' lì che il carbonioso ti frega, le piccole cose che inducono in piccole dimenticanze.
questo è poi il motivo per cui i miei EDC sono sempre stati inox
perchè non ammetti che sei diventato vecchio? dai non è così difficile!:biggrin::p
 
Quindi tra gli inox Elmax può essere un'ottima scelta su coltelli di queste dimensioni? come tenuta del filo/elasticità/inissidabilità e facilità di riaffilatura? A questo link soltengono questo...http://bestpocketknifetoday.com/discovering-the-best-knife-steel/

Non lo conosco, so che è carissimo impestato......mi sorge la domanda però, con tutti gli acciai che ci sono in giro perchè proprio l'elmax? Se vuoi un inox un comunissimo n690 va più che bene, se vuoi un semi-inox il D2 è ottimo, se vuoi un carbonioso non hai che da sbizzarrirti.......
 
Non lo conosco, so che è carissimo impestato......mi sorge la domanda però, con tutti gli acciai che ci sono in giro perchè proprio l'elmax? Se vuoi un inox un comunissimo n690 va più che bene, se vuoi un semi-inox il D2 è ottimo, se vuoi un carbonioso non hai che da sbizzarrirti.......
In realtà cercavo un prodotto buono/ottimo e mi sono imbattuto in questo TRC Bushcraft che come forme mi piace molto ma siccome non è regalato volevo informarmi se può essere un prodotto valido sia come acciaio che geometrie...
 
S

Speleoalp

Guest
Io mi trovo assolutamente meglio con gli Scandi..... parlando di farlo a mano, in loco, velocemente....
 
S

Speleoalp

Guest
Comunque non preoccuparti troppo di quello.... in base a quello che possiedi, farai pratica e abitudine.... ;)
 
Ciao a tutti, ho un po' di informazioni utili per voi :)
Posseggo diverse lame, fra cui 2 fallkniven e il Benchmade 162.
Il benchmade è un coltello eccezionale sotto molti aspetti, il primo fra tutti è proprio la scelta dell'acciaio e la qualità costruttuva; l's30v è un acciaio di fascia elevata, è un Powder Metallurgy di prima generazione prodotto dalla Crucible in America, la struttura minerale è molto fina e omogenea. La tenuta del filo è stratosferica, anche se questo va a scapito della facilità di affilatura. La geometria della lama è un altro grosso bonus, il drop è molto pronunciato e la punta del coltello è in linea con il centro della lama, il che la rende resistentissima. Il manico è in g10 e io l'ho trovato un po' troppo spigoloso per l'uso prolungato, con un po' di carta abrasiva l'ho stondato e ora è perfetto.
Ho usato questo coltello in maniera molto vigorosa per una moltitudine di lavori e non mi ha mai lasciato a piedi. I 4.5 mm di lama e la geometria a sciabola aiutano quando si tratta di splittare legno e quando il coltello subisce forti sollecitazioni torsionali e laterali.
L'unico neo è il fodero, che a io parere è veramente una ciofeca :)

Passiamo ai fallkniven, posseggo l'f1 e l's1.
Tecnicamente parlando i fallkniven sono un pelo inferiori al Benchmade, per lo meno parlando di materiali.
Il Thermorun del manico è un materiale gommato ed è resistente, ma non come il G10. L'acciaio utilizzato è un laminato, significa che al centro c'è uno stainless di ottima qualità (vg10), "sandwitchato" fra 2 strati di acciaio molto più flessibile ed elastico. Questo tipo di lavorazione aumenta la resistenza strutturale pur permettendo di utilizzare un nucleo più duro e affilato per il filo.
Detto ciò, non so dirvi per quale motivo, ma i Fallkniven hanno un qualcosa che nell'uso pratico li rende superiori al Benchmade... Probabilmente il fatto che sono lame convesse, non lo so, comunque sembrano perfettamente a loro agio quale che sia il compito che gli viene assegnato... Maneggevoli, grippanti anche con neve e bagnato, leggeri ma resistenti, facili da affilare anche sul campo.
I foderi in Zytel sono bruttini, ma sono incredibilmente funzionali... Resistono a tutto, pesano poco e col freddo non diventano eccessivamente fragili (cosa che può capitare invece al Kydex).
Ho utilizzato molti coltelli, ma i Fallkniven probabilmente sono fra i migliori che mi siano capitati.

Il fallkniven f1 pro di cui parlate è una specie di f1 "potenziato", e il nucleo centrale del laminato è un Powder Metallurgy anche lui, come l's30v del Benchmade. Ci sono ancora poche info in merito a questo acciaio, ma sulla carta ha tutte le qualità per essere eccellente.
E' a tutti gli effetti un full tang, come tutti i Fallkniven, lo si può vedere perché la barra d'acciaio spunta fuori dal codolo.

L'Elmax è un Powder Metallurgy di fattura europea, dovrebbe essere un terza generazione, quindi penso sia parecchio parecchio simile all's30v in tutto, magari è un pelo migliore e più bilanciato, ma dubito che si possa dire la differenza fra i due nell'uso.

Ciò che invece fa molta differenza è il tipo di filo... Lo scandi è perfetto per intagliare, ma sul filo è molto molto fino e di conseguenza è il tipo di filo che risente maggiormente della grande durezza degli acciai stainless... Laddove un 1095 o un a2 magari si torcono un po', un Elmax o un s30v è più facile che faccia un microchip.
Mio personale parere, se volessi uno scandi prenderei un coltello in A2 o in O1, mentre se volessi i benefici di uno stainless penso proprio che mi affiderei alla maggiore resistenza di una gometria saber o convessa.

Quindi per me meglio il Fallkniven, per un uso generico :)

Spero di aver dato una mano, buon bushcraft a tutti!
 
Ah, una cosa importante, gli stainless fatti con la tecnologia delle polveri, come l'Elmax, l'm390, e l's30v e s35vn, se temprati con una durezza non superiore ai 60 hrc, sono davvero molto resistenti all'impatto. Se un produttore sa che un coltello verrà usato come coltello da sopravvivenza e vuole comunque usare un Elmax, può temprarlo a 59-60 hrc e ottenere una lama di una resistenza incredibile, sicuramente comparabile a un D2 o in alcuni casi anche a un A2.
Ecco perché ultimamente si vedono molti coltelli di 4'' e oltre fatti con questi acciai... Alcuni esempi lampanti sono i Bark River, fatti in s35vn / elmax, in Survive! GSO, e i nuovi Fallkniven pro :)
 
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso