Recensione Ferrino Lightent 1 (2016)

C

ciclotore2

Guest
Estrema, minimalista, ultraleggera e progettata unicamente per il bivacco itinerante. Dopo di lei solo i bivy bag ed i tarp.
E' un buon riparo, costruito per reggere bene le intemperie e con un sacco a pelo maggiorato può essere usata ovunque ed in qualunque periodo dell'anno.
Non e' una tenda idonea a viverci, a cucinare, ci entri al tramonto e ne esci all'alba.

FB_IMG_1470593685268.jpg


Qualche anno fa avevo pubblicato una recensione sulla Ferrino T-_Lite 1 e posso affermare che in confronto quest'ultima e' più comoda e vivibile della Lightent 1.

FB_IMG_1470593696879.jpg


Ho scelto il sovratelo verde olivo trattato col ritardante di fiamma in quanto consente un ottimo mimetismo in ogni situazione. Montaggio intuitivo e rapido dai 3 ai 5 minuti (dipende dal tipo di terreno) anche con poca luce. E' stato cambiato il sistema di montaggio che prevede delle guaine corte in poliestere dove si inseriscono i pali e doppio occhiello per i terminali di ogni palo per aumentare la durata della tenda.
Questa microtenda a tunnel e' fra i migliori prodotti per chi viaggia in solitaria e leggerezza e minimo ingombro sono vitali.

FB_IMG_1470593679949.jpg


L'ho provata al mare ed in montagna con gli stessi buoni risultati. E' una tenda arieggiata, com camera in zanzariera e viste le dimensioni non potrebbe essere diversamente o si soffoca. Si dorme in uno spazio ristretto ma non scomodo, come in tutte le cose bisogna farci l'abitudine. Il problema si risolve con un buon sacco a pelo ed il giusto equipaggiamento. Ho dormito a 1600 metri con in sacco a pelo +10/+7 con l'aggiunta del liner che ne ha aumentato le prestazioni di qualche grado. Niente condensa o altre noie. Lo zaino lo Uso sempre come cuscino, quindi nell'abside lasciato gli scarponi ed altra attrezzatura. Se si intende cucinare o svolgere altre attività in loco il tarp e' d'obbligo.
Al mare col solo liner ho percepito il fresco notturno anche se era fine luglio.
Mi tornerà molto utile nelle lunghe scarpinate in natura.


Dati Tecnici

Altezza: 80 cm
Lunghezza: 220 cm
Larghezza: 80 cm
Profondità abside: 50 cm
Tenuta pioggia sovratelo:,3000mm
Tenuta pioggia catino: 4000m
Trattamento Fire Retard
Paleria in alluminio
Picchetti di burro
Peso: 1,300 kg
Costo: 143 euro
 
Ultima modifica di un moderatore:
C

ciclotore2

Guest
Provata per tre giorni nei boschi di Val Pellice a quote variabili fra gli 800 ed i 1500 metri. Cielo terso, fresco in nottata con temperature minime i torno ai +7/+5 gradì, ho usato una stuoia di 10 mm di spessore, un sacco a pelo +10/+7 con liner in cotone. Brezza notturna frenata con muretto di fogliame secche. Nessun problema per cucinare visto che a me farlo in veranda non piace. Forse l'aggiunta di un tarp potrebbe essere utile per chi la utizza in climi instabili. Per noi in Italia le condizioni meteo so o abbastanza prevedibili a patto di non superare certe quote o andare in luoghi climatici particolari.
Faro' ancora altre l
Prove. Ci aggiornano.
 
tenda molto interessante, tra l'altro è da una vita che è in commercio, direi quindi parecchio testata.
minimale quanto basta, per gente che come hai detto non ha voglia di passare tutto il giorno in tenda, cammina, monta, dorme, smonta e ricomincia a camminare. ottimo il peso, difficilmente per quel prezzo si riesce a portare a casa un oggetto simile, forse la camp minima che però ha di contro l'apertura sul davanti, secondo me più scomoda rispetto alla ferrino che è bella grossa laterale.
seguirò gli aggiornamenti!
 
C

ciclotore2

Guest
tenda molto interessante, tra l'altro è da una vita che è in commercio, direi quindi parecchio testata.
minimale quanto basta, per gente che come hai detto non ha voglia di passare tutto il giorno in tenda, cammina, monta, dorme, smonta e ricomincia a camminare. ottimo il peso, difficilmente per quel prezzo si riesce a portare a casa un oggetto simile, forse la camp minima che però ha di contro l'apertura sul davanti, secondo me più scomoda rispetto alla ferrino che è bella grossa laterale.
seguirò gli aggiornamenti!
A saperci fare l'abside e' più che sufficiente per metterci ciò che occorre: scarponi ed altri accessori. Lo zaino come sempre lo uso come cuscino, non riesco a dormire con la testa bassa. D'estate meglio non usare il sovratelo ma averlo comunque disponibile in caso di repentino cambiamento del clima. Non e' una tenda da campeggio ne da trascorrervi del tempo dentro. La Minima1 è ancora più estrema, non ha abside (che serve sempre) ed e'adatta solo a corporature piccole.
 
Ho la Camp minima 1 sl e l'ho usata in un trekking di 5 giorni.

Il suo grandissimo pregio è il peso, per il resto è minimale al massimo, nell'abside non ci entra nemmeno lo zaino, l'ho dovuto mettere in un sacco dell'immondizia, sotto la pioggia.


Ovviamente se si sceglie una tenda di questo tipo è solo per il peso.
Se fuori piove sarà scomodissimo arrotolare il sacco a pelo e il materassino dall'interno della tenda
 
C

ciclotore2

Guest
Guarda, io non mi posso lamentare. La Lightent 1 ha le stesse prerogative d'uso della Minima 1.
Tuttavia, in ambito minimalista ha spazi meglio sfruttabili. L'entrata laterale rimane assai comoda ed anche in abside lo spazio per riporre scarponi, bastoncini, fornelletto e popote c'è. Lo zaino lo uso come cuscino.. Se poi dovesse piovere pazienza, fa parte del gioco.
 

Discussioni simili


Alto Basso