Escursione Fioritura(parziale)di Castelluccio

Secondo me la soluzione migliore è quella che già applicano alle Tre Cime di Lavaredo. Numero chiuso per i parcheggi e pedaggio salato (25 euro in questo caso). Prima della salita c'è un specie di casello, che limita il transito. In alternativa se si vuol salire ci sono i bus (anche questi se li fanno pagare).
Pagare per visitare un posto così devastato dal terremoto, gioverebbe alla comunità locale e servirebbe a preservare questa meraviglia. Non è possibile che un posto così bello venga preso d'assalto solo per 2/3 settimane l'anno e poi venga dimenticato da tutti. Bisogna saperlo valorizzare con un turismo sostenibile tutto l'anno, se lo meritano gli abitanti del luogo.
Come tutti gli anni dal 1995, sono salito anch'io la settimana scorsa sulla piana, per fortuna in un giorno feriale e nel pomeriggio. Stavo in bici e sono partito da Rieti per arrivare poi a Norcia.
DSC00823.jpg


DSC00831.jpg


IMG_20200703_152953.jpg


IMG_20200703_154153.jpg


IMG_20200703_161550.jpg
 
Secondo me la soluzione migliore è quella che già applicano alle Tre Cime di Lavaredo. Numero chiuso per i parcheggi e pedaggio salato (25 euro in questo caso). Prima della salita c'è un specie di casello, che limita il transito. In alternativa se si vuol salire ci sono i bus (anche questi se li fanno pagare).

Questa sarebbe la soluzione peggiore di tutte, non risolve nulla. Hai mai visto coda che si crea dal casello fino alla zona di sosta per camper a Misurina quando il parcheggio del rifugio Auronzo su è pieno? Neppure i bus riescono più ad andare su perchè restano incolonnati, con la conseguenza che anche chi sceglie il bus si ritrova nel traffico 50/60min se va bene. Ti assicuro che se l'intento del pedaggio (che negli anni è salito a quota 30€) era quello di ridurre traffico, inquinamento acustico e affluenza, bhe... non ci sono riusciti neppure di striscio. Anzi è ancor più facile che arrivato, tu veda scendere da un macchinone il turista della domenica con i suoi mocassini da hiking fiammanti :lol: .
 
Comunque per smaltire lo "stress"della ripartenza in auto siamo andati alle sorgenti del Nera dove c'è una bella area pic-nic ben messa e ben attrezzata,un bel panino e acqua freschissima alla fontanella.
Infine per chiudere in bellezza la giornata siamo andati alla Cascata del Pisciatore,un percorso (A/R) di 5,400 km,tutto sotto il fresco del bosco.
Lungo il sentiero abbiamo incontrato solo una signora con due carinissimi bambini di quattro e sette anni che si sono aggregati,proseguito con noi,ogni tanto soste per raccogliere le numerose fragole.
Sorgenti del Nera:Regione Marche,Provicia Macerata,Comune Castelsantangelo sul Nera,Località (ahinoi,quel che resta)Macchie,Coordinate WGS 84 UTM 33T 350754-4750184
Inizio sentiero, Località Macchie Coordinate 33 T 351130-4750421
Cascata del Pisciatore Coordinate 33T 353255-4749582
Sarebbe molto interessante(eh,ho la fissa per le cascate) poterla osservare dopo forti piogge
Allego un brevissimo video girato da me e "sistemato" dall'amico utente jiva.
P S
Avrei dovuto aprire un altro thread ma ho pensato che non ne valeva la pena.
 
Allora rispondo in generale poi ognuno rimane certo della sua opinione. Continuare a sperare in un paesaggio o in un luogo incontaminato oppure per meglio dire senza esseri umani non ha senso. Poi se uno è imbecille rimane imbecille anche a numero chiuso o a pagamento. Con questi provvedimenti si penalizza solo il povero coglionello che viene da lontano per ammirare un luogo e che si comporterebbe comunque benissimo. Il problema è la mancanza di controlli e oso dire di repressione nei confronti di certi abusi,
 
Scusami ma di gps non ci capisco nulla :wall:
Per raggiungere le cascate si parte dall'abitato di Macchie di Vallinfante? o dalle sorgenti del Nera?
Grazie mille
 
Questa sarebbe la soluzione peggiore di tutte, non risolve nulla. Hai mai visto coda che si crea dal casello fino alla zona di sosta per camper a Misurina quando il parcheggio del rifugio Auronzo su è pieno? Neppure i bus riescono più ad andare su perchè restano incolonnati, con la conseguenza che anche chi sceglie il bus si ritrova nel traffico 50/60min se va bene. Ti assicuro che se l'intento del pedaggio (che negli anni è salito a quota 30€) era quello di ridurre traffico, inquinamento acustico e affluenza, bhe... non ci sono riusciti neppure di striscio. Anzi è ancor più facile che arrivato, tu veda scendere da un macchinone il turista della domenica con i suoi mocassini da hiking fiammanti :lol: .
Sono stato più volte alle tre cime sia con i mezzi pubblici, che in auto: non ho mai trovato il casino a cui ti riferisci, anche se devo ammettere che non sono mai stato ad Agosto.
Penso che la soluzione migliore sia l'utilizzo congiunto del pedaggio e numero chiuso per le auto e l'utilizzo navette.
 
carlo96,
allora,dall'abitato di Castelsantangelo sul Nera segui le indicazioni per le "Sorgenti del Nera",una volta arrivato sul posto parcheggi.
Inizi a camminare in lieve salita su strada asfaltata,ad un certo punto troverai tutto transennato,hai percorso 400 mt circa.
A destra c'è una fontanella e l'inizio del percorso,una mulattiera.
Non c'è margine di errore
a) O torni indietro
b) O prendi il sentiero per la cascata
Ti consiglio di aspettare periodi migliori perche ora o nei prossimi giorni ci sarà una scarsissima portata d'acqua,quindi,non ne vale la pena.
Il periodo migliore è dopo piogge abbondanti dove la cascata darà il meglio di se.
Ciao
 
Grazie mille, precisissimo.
Si si sarà un'escursione che farò o in primavera quando scioglie la neve o dopo un periodo bello piovoso.
 
Io rispetto il pensiero di tutti, ma un assalto ingiustificato da parte di migliaia di persone, che, invadono senza alcun rispetto, proprietà private coltivate e non solo, che pascolano senza cognizione e senza sapere cosa sia un Parco Nazionale protetto, non va bene, personalmente non lo tollero. Anche se il mio pensiero non risolve nulla, qualcosa si dovrà pure alla Montagna ed ai suoi posti magnifici, altrimenti si perde ciò che è. Cosa più vergognosa è che nessuno controlla e tutti sono padroni di tutto. Guardate a cosa mi riferisco, perché parte della piana di Castelluccio ora è questa, e bisogna provvedere.
Vedi l'allegato 209737
Vedi l'allegato 209738 Vedi l'allegato 209739
Le prime due foto sono di un'area privata gestita da due attività che senza quel piccolo parcheggio stenterebbero parecchio. Cosa ben diversa l'ultima foto...
Qust'ambiente ha bisogno della gente che ci vive che, a sua volta ha bisogno di turisti.
Non è facile trovare un compromesso.
Si tratta di un problema emerso particolarmente quest'anno, sia per il " turismo di prossimità" sia per una fioritura particolarmente bella.
E' un problema che comunque è limitato a 4-5 fine settimana e , forse, ferrsgosto.
A mio avviso si dovrebbe fare in modo che ci si ricordi di Castelluccio anche a..Ottobre, o in inverno.
Il paragone con le 3 cime, a mio avviso non regge.
Quella strada non è di passaggio, e porta solo al mega parcheggio del rifugio Auronzo, inoltre, credo sia privata, o in concessione.
Stefano
 
Corso di Orientamento
Alto Basso