Flashlight lunghe distanze animali

Buongiorno
Sto cercando una flashlight per illuminare eventuali animali in lunghe distanze. Generalmente porto sempre con me per uso generico Armytek barracuda 1800 lumens (gittata dichiarata dalla casa 800metri, per me distanza massima utilizzabile 550m.) e cercavo una flashlight con prestazioni elevate da tenere in casa. Mi vabbene qualsiasi dimenzione, peso ,prezzo. Le uniche batterie che uso sono 18650 al litio. vorrei che la torcia abbia un hotspot abbastanza ampio e anche lo spill.

Utilizzo: illuminazione lunghe distanze animali.
Caratteristiche ricercate: Gittata massima 1000< m/ 1800< lumens / autonomia turbo minimo 1ora e 30min /hotspot 5< gradi, spill 40< gradi.
Budget: illimitato
Prodotti già individuati: Acebeam k70 2600, imalent d35 8600,
 

Ultima modifica:
Facendo qualche ricerca la Acebeam x65 12.000 lumens ha catturato la mia attenzione. Che ne pensate?
E la imalent r90c?
 
Ultima modifica:
Occhio che la distanza espressa non è in metri reali ma ANSI. Quella reale, che l'occhio vede, è circa la metà. La torcia che tira di più per eccellenza adesso è la blf GT (tinta neutra https://www.amazon.it/Lumintop-2000-lumen-XHP35-Hi-Distance-2000-meter/dp/B07G84XHSR/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&qid=1542009752&sr=8-1&keywords=blf+gt&&linkCode=ll1&tag=feder0d-21&linkId=c0a527fe4af8b645756d48b91561ed67&language=it_IT) e una astrolux/mateminco MF04 (tinta fredda https://www.amazon.it/MATEMINCO-Meters-Raggio-Torcia-Elettrica/dp/B07KB5LGBV/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&qid=1542009896&sr=8-2&keywords=astrolux+mf04&linkCode=ll1&tag=feder0d-21&linkId=282a7303f2bd55d727f8061dd0c67f93&language=it_IT e tinta neutra https://www.amazon.it/MATEMINCO-Search-Flashlight-Outdoor-Natural/dp/B07DCC4LZ9/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&qid=1542009896&sr=8-1&keywords=astrolux+mf04&linkCode=ll1&tag=feder0d-21&linkId=7597c5d71508e1e832a9905e172093e5&language=it_IT *). Con la imalent vacci piano, alcuni sample hanno smesso di funzionare o presentavano problemi dopo pochi mesi di utilizzo e altri dichiarano dati un po ottimistici sul turbo.

Ad ogni modo quelle su necessitano di batterie (sempre 18650) nuove perche con le torce multibatteria è meglio far lavorare, per questioni di sicurezza, batterie che hanno gli stessi cicli di lavoro alle spalle le quali non dovranno mai essere separate.

* sicuramente c'è un errore con l'inserzione, una versione a tinta neutra/calda di una torcia avrà sempre meno tiro e meno lumen (7-10%) della sua contoparte a tinta fredda.
 
Ultima modifica:
Occhio che la distanza espressa non è in metri reali ma ANSI. Quella reale, che l'occhio vede, è circa la metà. La torcia che tira di più per eccellenza adesso è la blf GT (tinta neutra https://www.amazon.it/Lumintop-2000-lumen-XHP35-Hi-Distance-2000-meter/dp/B07G84XHSR/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&qid=1542009752&sr=8-1&keywords=blf+gt&&linkCode=ll1&tag=feder0d-21&linkId=c0a527fe4af8b645756d48b91561ed67&language=it_IT) e una astrolux/mateminco MF04 (tinta fredda https://www.amazon.it/MATEMINCO-Meters-Raggio-Torcia-Elettrica/dp/B07KB5LGBV/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&qid=1542009896&sr=8-2&keywords=astrolux+mf04&linkCode=ll1&tag=feder0d-21&linkId=282a7303f2bd55d727f8061dd0c67f93&language=it_IT e tinta neutra https://www.amazon.it/MATEMINCO-Search-Flashlight-Outdoor-Natural/dp/B07DCC4LZ9/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&qid=1542009896&sr=8-1&keywords=astrolux+mf04&linkCode=ll1&tag=feder0d-21&linkId=7597c5d71508e1e832a9905e172093e5&language=it_IT *). Con la imalent vacci piano, alcuni sample hanno smesso di funzionare o presentavano problemi dopo pochi mesi di utilizzo e altri dichiarano dati un po ottimistici sul turbo.

Ad ogni modo quelle su necessitano di batterie (sempre 18650) nuove perche con le torce multibatteria è meglio far lavorare, per questioni di sicurezza, batterie che hanno gli stessi cicli di lavoro alle spalle le quali non dovranno mai essere separate.

* sicuramente c'è un errore con l'inserzione, una versione a tinta neutra/calda di una torcia avrà sempre meno tiro e meno lumen (7-10%) della sua contoparte a tinta fredda.
La blf non è male anche se non mi piace la tinta 4000k e ha un hotspot stretto e poco spill, comunque posso valutarla per un futuro acuisto. Riguardo alla gittata purtroppo mi ha fregato quando ho comprato Armytek predator v3 1700 lumens, gittata dichiarata dalla casa 500m circa, gittata utile 250. Mi servirebbe una flashlight con gittata utile 700m-800m con un hotspot ampio e uno spill decente. La acebeam x65 come si comporta ad una distanza di 700-1000m?
 
la acebeam x65 ha, secondo il produttore, 423,000 candela che equivalgono a circa 650 metri reali raggiungibili solamente dal livello massimo. In quasi tutte le torce il livello massimo dura poco e niente (devi cercare una recensione di quella torcia che ha anche le curve di scarica per capire come si comportano i livelli) quindi devi vedere il livello inferiore, scendendo di livello scende anche la distanza massima raggiunta. Se ti occorre realmente raggiungere 700m o + devi puntare su una torcia che va oltre (e sono poche) che abbia anche il foro per il 3 piedi. per illuminare e vedere a quelle distanze immagino che utilizzi un binocolo.

P.s. le vere torce da tiro sono così e lo spill della torcia non ti serve a 700 metri. La blf gt esiste anche a tinta fredda ma la si deve comprare in cina
 
la acebeam x65 ha, secondo il produttore, 423,000 candela che equivalgono a circa 650 metri reali raggiungibili solamente dal livello massimo. In quasi tutte le torce il livello massimo dura poco e niente (devi cercare una recensione di quella torcia che ha anche le curve di scarica per capire come si comportano i livelli) quindi devi vedere il livello inferiore, scendendo di livello scende anche la distanza massima raggiunta. Se ti occorre realmente raggiungere 700m o + devi puntare su una torcia che va oltre (e sono poche) che abbia anche il foro per il 3 piedi. per illuminare e vedere a quelle distanze immagino che utilizzi un binocolo.

P.s. le vere torce da tiro sono così e lo spill della torcia non ti serve a 700 metri. La blf gt esiste anche a tinta fredda ma la si deve comprare in cina
Per ora vado con la acebeam x65 sicuramente L illuminerà di più e più lontano della mia Armytek barracuda 1800 lumen e come gittata mi trovo molto bene. Sicuramente dopo Natale un’altra flashlight me la compro e probabilmente sarà una blf gt 4000k ameno così sarà l’unica con la tinta adatta per la natura. Ora vediamo come va con la x65.
 
Per ora vado con la acebeam x65 sicuramente L illuminerà di più e più lontano della mia Armytek barracuda 1800 lumen e come gittata mi trovo molto bene. Sicuramente dopo Natale un’altra flashlight me la compro e probabilmente sarà una blf gt 4000k ameno così sarà l’unica con la tinta adatta per la natura. Ora vediamo come va con la x65.
Perfetto. Se le torce non hanno il pacco batteria e necessitano di più celle ricorda di comprarle nuove e non separarle mai. E compra batterie adeguate alla potenza della torcia, usa un buon caricabatterie e occhio alle ciofeche su amazon ;)
 
Perfetto. Se le torce non hanno il pacco batteria e necessitano di più celle ricorda di comprarle nuove e non separarle mai. E compra batterie adeguate alla potenza della torcia, occhio alle ciofeche su amazon ;)
Le battere e caricatori le compro solo in un sito specializzato, ( non so se posso fare nomi) comunque anche le flashlight cerco di comprarle li.
Dunque anche su la mia Armytek barracuda devo prestare attenzione anche con batterie protette?
 
non nominare il sito se vuoi, il nome delle batterie e del caricatore li puoi dire. L'attenzione maggiore si ha con torce multibatteria (2 o più), devi vedere se vengono scaricate e/o ricaricate (se hanno il circuito di ricarica) in maniera omogenea (aiutandoti con un multimetro) e, come ho detto, devono essere nuove per avere lo stesso lavoro alle spalle, una batteria più "vecchia" nel gruppo subirà maggiori stress e può far lavorare male il tutto, si rischia di compromettere la torcia.
Con il discorso sopra c'entrano poco le batterie protette perchè anche loro invecchiano e possono lavorare male.
L'unico vantaggio delle protette è che hai una protezione da cariche o scariche eccessive. Prima le protette avevano il malus che non andavano bene con le torce prestanti (non stavano dietro alla potenza richiesta dalla torcia), oggi si possono comprare delle protette ad alte prestazioni ma costano 15-20 euro l'una. Ricorda: il circuito di protezione delle protette è ingombrante, potrebbero non entrare in alcune torce.
Se si usano le non protette con torce e caricabatterie di buona fattura non si corrono rischi perchè questi strumenti hanno i loro sistemi di protezione. Si dovrà solo controllare, di tanto in tanto, che le celle lavorano bene con il multimetro.

I vantaggi delle non protette sono: costo e dimensioni minori e prestazioni maggiori.

Le regole che valgono per entrambe sono: non sbatterle, non bagnarle, fai dei controlli tattilo visivi per vedere se la guaina presenta lacerazioni o rigonfiamenti e, nel caso, sostituisci la guaina o la batteria
 
non nominare il sito se vuoi, il nome delle batterie e del caricatore li puoi dire. L'attenzione maggiore si ha con torce multibatteria (2 o più), devi vedere se vengono scaricate e/o ricaricate (se hanno il circuito di ricarica) in maniera omogenea (aiutandoti con un multimetro) e, come ho detto, devono essere nuove per avere lo stesso lavoro alle spalle, una batteria più "vecchia" nel gruppo subirà maggiori stress e può far lavorare male il tutto, si rischia di compromettere la torcia.
Con il discorso sopra c'entrano poco le batterie protette perchè anche loro invecchiano e possono lavorare male.
L'unico vantaggio delle protette è che hai una protezione da cariche o scariche eccessive. Prima le protette avevano il malus che non andavano bene con le torce prestanti (non stavano dietro alla potenza richiesta dalla torcia), oggi si possono comprare delle protette ad alte prestazioni ma costano 15-20 euro l'una. Ricorda: il circuito di protezione delle protette è ingombrante, potrebbero non entrare in alcune torce.
Se si usano le non protette con torce e caricabatterie di buona fattura non si corrono rischi perchè questi strumenti hanno i loro sistemi di protezione. Si dovrà solo controllare, di tanto in tanto, che le celle lavorano bene con il multimetro.

I vantaggi delle non protette sono: costo e dimensioni minori e prestazioni maggiori.

Le regole che valgono per entrambe sono: non sbatterle, non bagnarle, fai dei controlli tattilo visivi per vedere se la guaina presenta lacerazioni o rigonfiamenti e, nel caso, sostituisci la guaina o la batteria
le batterie che uso sono ( ne ho prese 6) eagtac Ic protection 3500mah 3.7v 13wh, come caricatore usavo uno della Fenix non ricordo il modello, e ora uso ntitecore digicharger d2 eu. Che multimetro mi consigli?
 
per il multimetro puoi vedere questo https://www.amazon.it/Multimetro-Rilevamento-Retroilluminato-Resistenza-Continuità/dp/B071HJR5BG/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&qid=1542020604&sr=8-4&keywords=multimetro+digitale&linkCode=ll1&tag=feder0d-21&linkId=94fae47250c68115b5dc3d0913c4068b&language=it_IT, in alternativa ce ne sono tanti altri. I valori per le batterie agli ioni di litio (come le 18650) da sapere sono:
-4,20V batteria carica (4,21/4,22/4,23 non fà nulla, in più hai un problema con il caricabatterie o con la torcia)
-3,60/3,70 valore nominale della batteria, la cella con questi valori non è in grado di fornire potenze elevate, i livelli alti/altissimi non sono più richiamabili
-3,00V/3,10V momento in cui le torce con protezione staccano l'assorbimento (la batteria non è veramente scarica ma scendere di più non avrebbe molto senso)
-2,70V valore che può raggiungere la batteria in sicurezza (disponibili solo livelli bassissimi)
-2,50V o inferiore ammazzi la batteria
-0,00V su una batteria protetta, hai mandato in blocco il circuito di protezione

per provare a resuscitare una batteria morta o sbloccare una batteria bloccata ci vuole un caricatore che ha un programma di ricarica in grado farlo. Le batterie resuscitate sono "zombi", usare con estrema cautela (NO in torce potenti).
Il mio consiglio è di non scendere sotto i 3,30V, la torcia è quasi inutile, hai solo livelli bassi.

Le tue batterie sono buone protette.
 
per il multimetro puoi vedere questo https://www.amazon.it/Multimetro-Rilevamento-Retroilluminato-Resistenza-Continuità/dp/B071HJR5BG/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&qid=1542020604&sr=8-4&keywords=multimetro+digitale&linkCode=ll1&tag=feder0d-21&linkId=94fae47250c68115b5dc3d0913c4068b&language=it_IT, in alternativa ce ne sono tanti altri. I valori per le batterie agli ioni di litio (come le 18650) da sapere sono:
-4,20V batteria carica (4,21/4,22/4,23 non fà nulla, in più hai un problema con il caricabatterie o con la torcia)
-3,60/3,70 valore nominale della batteria, la cella con questi valori non è in grado di fornire potenze elevate, i livelli alti/altissimi non sono più richiamabili
-3,00V/3,10V momento in cui le torce con protezione staccano l'assorbimento (la batteria non è veramente scarica ma scendere di più non avrebbe molto senso)
-2,70V valore che può raggiungere la batteria in sicurezza (disponibili solo livelli bassissimi)
-2,50V o inferiore ammazzi la batteria
-0,00V su una batteria protetta, hai mandato in blocco il circuito di protezione

per provare a resuscitare una batteria morta o sbloccare una batteria bloccata ci vuole un caricatore che ha un programma di ricarica in grado farlo. Le batterie resuscitate sono "zombi", usare con estrema cautela (NO in torce potenti).
Il mio consiglio è di non scendere sotto i 3,30V, la torcia è quasi inutile, hai solo livelli bassi.

Le tue batterie sono buone protette.
Le celle che uso sono 3.7v sono in grado di erogare abbastanza energia per la mia Armytek?
 
I 3,7V sono valori nominali per identificare la cella. TUTTE le Li-Ion (18650, 26650, 21700, 16340, 18350, ecc.) hanno 3,6 o 3,7 nominali. Quando le misuri con il multimetro da cariche leggerai 4,20V. I circuiti delle torce mono batteria, salvo diversa comunicazione (vedi le specifiche), supportano 4,2V. La tua barracuda supporta 2x18650 Li-Ion / 4xCR123A / 4xR123 Li-Ion e cioè 2 o 4 batterie in serie. La RCR si chiama anche 16340 (2 di queste batterie sono lunghe come 1 18650), 4 16340 in serie fanno 16,8V (mettendo le batterie in serie si sommano i volt). La tua Armytek avrà un circuito che supporta 16,8/17V massimi. :si:

L'assorbimento dato dal LED comunque richiede Ampere. Le torce prestanti richiedono batterie in grado di erogare almeno 8A, le tue ne erogano 10. La migliore non protetta da 3500 mAh eroga 30A.
 
Ultima modifica:
I 3,7V sono valori nominali per identificare la cella. TUTTE le Li-Ion (18650, 26650, 21700, 16340, 18350, ecc.) hanno 3,6 o 3,7 nominali. Quando le misuri con il multimetro da cariche leggerai 4,20V. I circuiti delle torce mono batteria, salvo diversa comunicazione (vedi le specifiche), supportano 4,2V. La tua barracuda supporta 2x18650 Li-Ion / 4xCR123A / 4xR123 Li-Ion e cioè 2 o 4 batterie in serie. La RCR si chiama anche 16340 (2 di queste batterie sono lunghe come 1 18650), 4 16340 in serie fanno 16,8V (mettendo le batterie in serie si sommano i volt). La tua Armytek avrà un circuito che supporta 16,8/17V massimi. :si:
Grazie dell’informazione. Non sono molto pratico con questo genere di batterie e da poco mi sono immerso nel mondo delle flashlight. Vi terrò aggiornati su la x65
 
Flashlight arrivata, bellissima e possente, per il momento non ho la possibilità di verificare la gittata, comunque sono rimasto stupito dalla tinta della luce, mi aspettavo una luce fredda e invece è più calda della mia barracuda che è neutral white fortunatamente. La barracuda e leggermente più bluastra, nella parte hotspot color bianco ghiaccio e nello spill e leggermente bluastra, invece la x65 e un bianco neutro, anche mi aspettavo un colore su i 6500k. Solo per curiosità che temperatura avrà la mia x65? Credo che le mie Armytek neutral white (5500k credo) e una cool white, troppo bluastra.
 

Ultima modifica:
Autore Discussioni simili Forum Risposte Data
B Illuminazione 2

Discussioni simili

Contenuti correlati

Alto