Escursione Fosso Fioio da Camerata Nuova...impronte, resti e km

Parchi del Lazio
Parco Regionale dei Monti Simbruini
Data: 18.03.2012
Regione e provincia: Lazio (RM)
Località di partenza: Camerata Nuova
Località di arrivo: Valle del Tagliacozzano
Tempo di percorrenza: 5h
Chilometri: 18
Grado di difficoltà: E
Segnaletica: segnavia bianco-rossi rari
Dislivello in salita: 305 m
Quota massima: 1125 mslm
Accesso stradale: col fuoristrada lungo tutto il percorso



Noi ci abbiamo provato ad essere seri, proprio per seguire la richiesta di Piervi. Io mi ero anche chiuso le tasche laterali dei pantaloni e con Anna ci davamo del lei…quindi questa volta non è colpa nostra, ma di tutto il resto intorno a noi.

Partiamo dal fontanile della paese per perlustrare la zona di Fosso Fioio ultimamente al centro di molte polemiche per un prossimo intervento di “battimento” del tracciato. Camminiamo agevolmente su ampia sterrata immergendoci pian piano nel fondo del fosso tra due alte dorsali che ci fanno sentire minuscoli e soli. Dopo poco iniziamo a sentire dei boscaioli e le loro motoseghe.:)
Passiamo vicino e salutiamo uno dei due, che ci risponde. Fin qui tutto normale, capita! Ma quest’uomo cambierà la nostra escursione.

Sicuramente gentile e disponibile, probabilmente segreto sceneggiatore di vari thriller, ci ferma e scandisce testuali frasi, che nella profonda gola del fosso riecheggiano come un canto di morte: “Eh ma almeno un bastone però dovevate portarvelo!”

Io, sorridendo esclamo: “Eh per i cinghiali? Ne abbiamo viste di impronte anche quando siamo stati a Camposecco!”

Boscaiolo, lapidario: “No! I cinghiali quanno vedono l’omo se ne scappano!”

Io, meno sorridente: “Ah allora dice che me lo dovevo portare per gli uomini?”

Boscaiolo, cruento: “Voi non vi immaginate la quantità di lupi che abbiamo quì. Hanno sterminato cinghiali, caprioli, recinti. Più giù ho trovato anche una carcassa!”

Secondo Boscaiolo: “Eh sì la carcassa…”

Anna: “Eh ce ne sono, vedemmo anche qualche impronta su”

Boscaiolo, serio: “Sì su, ma quì ce ne sono”

Il discorso poi vira sulla logistica del sentiero e altro e poi salutiamo ringraziando il buon uomo. Ringraziando sì…Un’escursione con questa ansia non l’avevamo mai fatta. :-?
Da quel momento in poi ogni passo rappresentava una minaccia. Dopo poche curve non sentivamo più il rumore delle motoseghe, ma solo il nostro passo. Quanto abbiamo desiderato che i lavori di battimento della strada potessero iniziare proprio in quel momento. O magari un raduno di pellegrini. Un rave party. Un circo itinerante…un raduno di alieni o anche di maniaci squartatori…tutto ma soli nooo! E invece, soli!

Dopo qualche km iniziamo a trovare i resti di un cavallo fino a scorgere la carcassa, più avanti quelli di alcuni cinghiali. Poco oltre però sentiamo arrivare una batteria di fuori strada ed io e Anna festeggiamo come fosse l’ingresso degli americani il 4 giugno 1944. :si:
Salutiamo la colonna e ci re-incamminiamo, dopo altri 5 km raggiungiamo la diramazione per il Vallone del Tagliacozzano. E’ tardi, iniziamo comunque a salire e notiamo che da non molto ci ha preceduto un gruppo di lupi di cui uno abbastanza pesante. Così tante orme insieme non le avevamo mai viste. Tutto il sentiero era battuto con una direzione non definibile. Pochi metri più su sentiamo spostarsi dei rami e vediamo una macchia muoversi. Pochi minuti dopo sulla sinistra vedo correre qualcosa che si nasconde dietro dei rami. Quadrupede scuro non marrone e non alto. Escludo quindi capriolo e cinghiale. Anche perché i cinghiali incontrati finora sono sempre scappati. Qualsiasi animale fosse quello, non è scappato è dietro dei rami a 15-20 metri osserva e si muove. Indietreggiamo poco alla volta, è tardi e i km da fare al ritorno sono tanti, vabbè torniamo va.

Sempre armati di bastoni, ma che dico bastoni, tronchi, ma che dico tronchi, conifere intere…camminiamo lungo il fosso con la neve alta anche mezzo metro. Spesso si affonda. Spezzo un ramo e il rumore mi fa sobbalzare, che idiota…! :D

Il ritorno è tutto in allerta. Non siamo impauriti, non c’è storia di un lupo che attacca l’uomo, però siamo tesi con i sensi a mille, immersi in questo canale affascinante e misterioso, fino a tornare a Camerata Nuova a conclusione di 18 km davvero particolari.

Luca


01_fosso.jpg
il fosso fioio

02_gola.jpg
la gola restringe il percorso

03_resto1.jpg
la zampa di un cavallo...poco più avanti tutta la carcassa

Vedi l'allegato 18130
un rumore? dove? che è stato?

05_impronta1.jpg
impronta

06_impronta2.jpg
ancora impronta

07_sperone.jpg
uno sperone lungo il percorso

08_camerata.jpg
ritorno nel bosco sotto il paese
 
Ultima modifica di un moderatore:
Wow!!! Mi hai fatto venire i brividi (misti a risate!)!! :D
La faccia di super-Anna preoccupata è emblematica!
Non oso pensare se ci fossimo stati anche noi (le zie ed io): Tiziana avrebbe sicuramente usato le "conifere" di Luca contro di me e mi avrebbe sacrificato alle sacre fauci, avrebbe anche costretto Luca a un corpo a corpo contro il Bestio, tutto pur di salvarsi! XD san daniele da cave e zia donatella potrebbero assicurare! ahah!!
Comunque accidenti... in fondo però il ritorno in natura è anche questo, non solo foto bucoliche a fiorellini o sfide agonistiche, ma anche storie di vita vera dove è il più forte a vincere e vale il "mors tua, vita mea" (riferito al cavallo e ai cinghiali)!
La domanda è: tornerete al Fosso Fioio? vi è piaciuto?
 
Hahahahha!;-p
Questo perchè prendete in giro il povero Last impegnato nel WeekEnd....Ne seguiranno molte altre simili se continuate!!;-p
Bel giro antipatici!!!!
 
Bella quest'uscita ragà, complimenti, anche se come hai visto, i lupi per loro natura stanno molto lontani dall'animale uomo, soprattutto quelli nostrani, fidati li ho visti varie volte qui dove abito, e tutti per puro caso, sempre intenti a sottrarsi alla vista e stare lontani dall'essere umano, comunque se è uno scherzo che hai fatto ad Anna, sei un grande, un mesetto fa l'ho fatto a mia moglie con alcuni resti di capra appena sbranata, stava collassando :rofl:
 
mett: guarda le impronte erano davvero un bel pò! E diverse. Ce n'erano alcune più piccole vicino a quelle del "papà"

marco-zimmer: credo che torneremo sicuramente, ci piacerebbe completare un paio di anelli...magari la prossima volta se siamo un pò più persone è meglio...così siamo più persone a scappare almeno...

anna
 
Daniele- last: guarda, stavolta non ti dico niente, solo perchè il tuo socio ha detto che stai un pò incasinato, e quindi ti giustifico, ma stai attento...ti tengo d'occhio...

Nuvola: guarda, ti posso dire che mai abbiamo fatto un trek così svegli e coi riflessi pronti:biggrin:

anna
 
francè-cicciobike: ammazza che infamone! no no io non "mi impressiono" tanto!
Comunque, vicino a casa tua gira di tutto: cinghiali, lupi, capre,alpinistiinletargo...zona strana:lol:

anna
 
Luca e Anna...Vi piace giocare eh?!;-p
Perchè domenica non vi aggregate alla direttisima al Corno Grande!?;-p
Prrrrrrrrrrrrrr!
quella è una cosa che ci stiamo a tenere per Luglio, sai com'è, se non ci bruciamo ben bene sul Gran Sasso noi, non siamo contenti...stai a fare il pistola solo perché mo hai imbroccato la domenica in cui puoi andare in montagna ihihihih:biggrin:

anna
 
Complimenti per il sangue freddo, ma la vera domanda è: almeno un po' avete rosicato per non essere riusciti a vederli distintamente e magari a fare una foto?
Almeno un pò???? Guarda Ciccio noi ad un certo punto stavamo tutti e due inchinati come due cecchini scemi..e a quel punto ho pensato " Ma se noi mo stiamo tutti e due a guardare da una parte abbassati e un lupettino arriva da dietro???"
E' stato allora che abbiamo iniziato la 'ritirata'

anna
 
Ultima modifica:

Discussioni simili



Alto Basso