Garmin, Suunto e rotte senza mappa, quanto sono buone?

Vorrei acquistare uno smartwatch per fare escursionismo.

Considerandolo un investimento non ho problemi a valutare top di gamma come fenix 7 o epix 2 di Garmin.

Per risparmiare qualcosa non disdegno nemmeno Garmin Instinct 2 e Suunto 9 Peak che però non hanno le mappe complete come i Fenix o Epix.

A questo punto mi chiedo quanto è davvero buona la navigazione con la sola rotta sui dispositivi dove non ci sono mappe complete.

Io sono abituato a usare Komoot che mi dice quando svoltare, ma quando ho dei dubbi, dalla mappa riesco sempre a capire se mi sta prendendo in giro e decidere di cambiare strada.

A chi utilizza la modalità di navigazione ma senza mappa completa, posso chiedervi come vi trovate? Con esattezza mi riferisco alla modalità di navigazione da usare su tracce GPX precaricate o salvate da app come Komoot o Wikiloc.

La presenza di mappe complete è davvero un "game changer"? vale la pena l'upgrade solo per questo?

Grazie
 
La presenza di mappe complete è davvero un "game changer"? vale la pena l'upgrade solo per questo?
Per me, assolutamente sì. Però con alcune considerazioni.

-Se ti serve un device SOLO per escursionismo, allora è molto meglio andare con un classico eTrex o GPSmap. Schermo più grande, più reattività, possibilità di cambiare batterie e in generale GPS più preciso. Io ho preso il Fenix 6X Pro perché lo uso per escursionismo, corsa, bici, e non aveva senso comprare tre device differenti.
- non pensare di pianificare un percorso direttamente sull'orologio, anche se ha le mappe: il sistema è troppo macchinoso ed è complicato (leggo che il Fenix 7 con il touchscreen rende questa operazione un po' più semplice, ma col 6 è un delirio). La traccia la si scarica da internet o la si crea tramite komoot e similari, le mappe sono utili per deviazioni estemporanee, per trovare ad es fonti, monumenti, luoghi interessanti.

Avevo un Suunto Ambit 2 per la corsa con la funzione gps senza mappe, ma per escursionismo - per me - era totalmente inutile.
 
Grazie mille per la tua esperienza!

Sì in effetti faccio anche allenamenti di forza in casa e yoga, quindi alla fine lo userei anche per questo, anche se fino ad ora ho vissuto senza pertanto l'uso più utile che ne farei è per non dovermi togliere di tasca il telefono per controllare il sentiero.

Ah sì, anche per vedere che ore sono :D:D

Nemmeno con Komoot e iPhone faccio le tracce dal telefono...faccio comunque tutto dal computer perché sono meno abile su schermi più piccoli, quindi questo non mi preoccupa.

Anche se costa una fiammata l'Epix è quello che mi piace di più visto lo schermo Amoled e comunque per il mio uso e le impostazioni con cui lo userei almeno 10-15 giorni di batteria sicuramente me li farebbe.

Peccato per il Suunto...il 9 peak mi piace perché si vede essere un orologio essenziale, ma se mi devo perdere nei boschi ne faccio anche a meno
 
Grazie mille per la tua esperienza!

Sì in effetti faccio anche allenamenti di forza in casa e yoga, quindi alla fine lo userei anche per questo, anche se fino ad ora ho vissuto senza pertanto l'uso più utile che ne farei è per non dovermi togliere di tasca il telefono per controllare il sentiero.

Ah sì, anche per vedere che ore sono :D:D

Nemmeno con Komoot e iPhone faccio le tracce dal telefono...faccio comunque tutto dal computer perché sono meno abile su schermi più piccoli, quindi questo non mi preoccupa.

Anche se costa una fiammata l'Epix è quello che mi piace di più visto lo schermo Amoled e comunque per il mio uso e le impostazioni con cui lo userei almeno 10-15 giorni di batteria sicuramente me li farebbe.

Ecco, un wearable ha anche la misurazione della frequenza cardiaca che, sebbene non di eccellente qualità, può essere spesso utile.
L'Epix è funzionalmente identico al Fenix 7, l'unica differenza essendo lo schermo, appunto AMOLED, che però riduce drasticamente la durata della batteria. 15 giorni di batteria l'epix te lo fa se non accendi mai il GPS, sennò vedrai che si riduce parecchio. Poi ci sono un sacco di personalizzazioni quindi magari puoi aumentare la durata a scapito di qualcosa.
 
Personalmente ero partito da un palmare (nel mio caso oregon) per avere mappe complete e precisione, poi mi sono convertito alla soluzione "smartwatch basic (nel mio caso instinct) per vedere direzione e POI + smartphone con app quando le direzioni sono dubbiose e ho bisogno di mappa.

Smartwarch è veloce per 9 svolte su 10 e il biscio senza mappa basta e avanza.
Quando serve la mappa qualunque palmare non regge lo smartphone (che è anche gratis).

È vero che posso essere in difficoltà se mi serve leggere la mappa e piove...ma fino ad oggi mi so o trovato bene sempre.
 
Io ho un Garmin Instinct 1 e uso spesso la navigazione caricando tracce gpx che scarico da wikiloc, o che mi preparo da solo con Komoot.

La navigazione è buona, non ho mai avuto problemi a seguire la traccia e le indicazioni anche in corrispondenza di bivi e incroci. Certo se due sentieri corrono affiancati può essere necessario fare qualche metro per capire se si è preso quello giusto, ma in generale, anche in zone sconosciute e poco segnalate, sono riuscito ad orientarmi con il solo puntatore e la linea nera della traccia.

Quello che manca, non avendo le mappe, è la possibilità di orientarsi guardando appunto la mappa e raffrontandola con ciò che abbiamo attorno e la possibilità di creare o ricalcolare nuovi percorsi direttamente dall'orologio per eventuali deviazioni. Per entrambe le due operazioni devo ricorrere allo smartphone. Non che sui Fenix sia facile, per quanto possibile.

I Fenix sono dei mostri e due o tre cose gliele invidio, ma preferisco spremere il 100% dal mio Instinct che non usare solo il 70% di un Fenix. Inoltre esteticamente preferisco l'Instinct.
 
Personalmente ero partito da un palmare (nel mio caso oregon) per avere mappe complete e precisione, poi mi sono convertito alla soluzione "smartwatch basic (nel mio caso instinct) per vedere direzione e POI + smartphone con app quando le direzioni sono dubbiose e ho bisogno di mappa.

Smartwarch è veloce per 9 svolte su 10 e il biscio senza mappa basta e avanza.
Quando serve la mappa qualunque palmare non regge lo smartphone (che è anche gratis).

È vero che posso essere in difficoltà se mi serve leggere la mappa e piove...ma fino ad oggi mi so o trovato bene sempre.
Una giusta considerazione la tua! Biscio di norma e smartphone in caso di dubbi.
 
Sì, ognuno ha le proprie esigenze e le proprie preferenze. Io ad esempio non userei mai uno smartphone, avrei troppa paura di scassarlo.

Perché non prendi un orologio senza mappe e uno con le mappe su Amazon, li usi un po' vedi quello che preferisci e poi fai il reso dell'altro?
 
Sì, ognuno ha le proprie esigenze e le proprie preferenze. Io ad esempio non userei mai uno smartphone, avrei troppa paura di scassarlo.

Perché non prendi un orologio senza mappe e uno con le mappe su Amazon, li usi un po' vedi quello che preferisci e poi fai il reso dell'altro?
Ci penserò su ma alcuni modelli non sono disponibili come piacciono a me :D.

Alcuni sono andato a provarli in negozio per vedere come mi stavano al polso.

Sicuramente le vostre informazioni mi stanno aiutando molto nella scelta.

Instinct 2 era tra le mie opzioni, ma devo ammettere che è bruttino fuori da uso sport/avventura. Fenix o Epix uno lo può usare anche come orologio da tutti i giorni...una caratteristica da non sottovalutare. Ovviamente perché sono pignolo io, ognuno usa gli orologi come vuole.
 
Ultima modifica:
Assolutamente, sono gusti, con il suo aspetto da Casio rugged preferisco l'Instinct ed è il mio daily, metto l'orologio serio, quello in acciaio, una volta a settimana, a volte nemmeno.

Instinct 2 colma ulteriormente il divario con i Fenix visto che ora è compatibile con Connect IQ e permette quindi qualche personalizzazione e funzioni aggiuntive.
 
Tieni cmq. sempre in considerazione l'area di visualizzazione che un qualsiasi orologio ti consente...Per una rapida visualizzazione o per seguire una traccia precaricata ok ma se devi cominciare a ricercare qualche punto di riferimento sulla mappa o avere una visione d'insieme più ampia, mille volte uno smartphone con una bella APP precaricata. Il fenix 6 con le openmtbmap premium e layout specifico per il fenix è cmq. un bel vedere ;)
 
rispondendo alla domanda iniziale, ovvero smartwatch con mappe, io ti dico no, non vale la pena.....
e io sono un grande utilizzatore di gps, anche se ho iniziato ad andare in montagna con cartine e bussola
attualmente ho al polso un fenix3, ma solo per registrare percorso, frequenza cardiaca ecc

per seguire la traccia utilizzo o un etrex o un gpsmap66 (con fuoristrada montana)
il 66 l'ho preso proprio per il fatto che ha lo schermo un po' più grande

tieni presente che anche con un fenix7 avresti uno schermo che è la metà di un etrex

non considero MAI l'eventualità di utilizzare il mio telefono per navigare durante un'escursione, come ho già sostenuto in varie discussioni; rischi di trovarti batterie a zero e quindi impossibilitato a seguire traccia e a comunicare, capitato a diversi amici in moto e fortunatamente avevamo noi i gps.
 
rispondendo alla domanda iniziale, ovvero smartwatch con mappe, io ti dico no, non vale la pena.....
e io sono un grande utilizzatore di gps, anche se ho iniziato ad andare in montagna con cartine e bussola
attualmente ho al polso un fenix3, ma solo per registrare percorso, frequenza cardiaca ecc

per seguire la traccia utilizzo o un etrex o un gpsmap66 (con fuoristrada montana)
il 66 l'ho preso proprio per il fatto che ha lo schermo un po' più grande

tieni presente che anche con un fenix7 avresti uno schermo che è la metà di un etrex

non considero MAI l'eventualità di utilizzare il mio telefono per navigare durante un'escursione, come ho già sostenuto in varie discussioni; rischi di trovarti batterie a zero e quindi impossibilitato a seguire traccia e a comunicare, capitato a diversi amici in moto e fortunatamente
Il problema batterie lo risolvi facilmente con 3 accorgimenti da usarsi insieme: a) tieni lo smartphone in modalità aereo (cosa da farsi a prescindere)...ovviamente prims ti scarichi le mappe in modalità offline ; b) lo usi come eccezione quando il biscio è ambiguo (ad es. Trivio); c) hai con te il powerbank.

Il problema della incolumità dello smartphon lo risolvi con uno di qs sistemi alternativi: a) usi un vecchio cellulare dismesso (tenuto offline non serve abbia la sim. Per altro lo puoi usare amche per foto e altre app presrvando il telefono); b) gli metti un guscio meliconi; c) ti compri un ruggedphone dedicato.

Il vero limite dello smartphone è un altro: se puove o fa freddo fai fatica a usarlo. Per quello l'unica alternativa valida è il gpsmap, cioè un palmare con tasti fisici.

PER IL MIO USO (non alpino e non invernale) la maggior fruibilità del gpsmap con meteo avverso non vale la minor leggibilità ordinaria. Ma si potrebbe osservare che il muo sistema ti molla quando più ne hai bisgno, sebbene imprevisto!
 
Personalmente non credo di voler virare verso un altro dispositivo da tenere in mano a meno che non sia qualcosa con connessione satellitare che compensi i momenti in cui il telefono non prende.

Perché voler tenere in tasca un oggetto (smartphone) che fa comunque un lavoro decente, per tenerne un altro non vale la pena per me. Inoltre io uso sempre i bastoni e non avendo una terza mano a disposizione... :D

Il problema della batteria del telefono si risolve banalmente con una powerbank a mio avviso. Basta non prendere la peggior cinesata che potrebbe abbandonarti sul più bello.
 
Io uso un Suunto 9 baro con le tracce e mi trovo veramente molto bene, però ho anch'io sempre il cell con oruxmaps che uso al bisogno, ed effettivamente ogni tanto il bisogno lo avverto.
Sinceramente se mettessero le mappe su un Suunto farei l'upgrade, ma i Garmin non mi piacciono per cui rimango così
 
Mi domando sempre perché garmin non rilanci il modello Foretrex (per capirci quello rettangolare orizzontale da polso di origine militare) in modalità più leggera e schermo più moderno, tipo uno smartphone da polso. Secondo me avrebbe il suo mercato...
 
Scusate la domanda stupida: ma se carico un'app con le mappe sul mio smartphone, quando sono in zone sui monti dove la rete per telefonare non prende, le mappe continuano a funzionare ugualmente? :-?
 
Dipende dall'app e se prevede le mappe offline. In linea di massima si, può essere necessario un abbonamento a pagamento.
 
Scusate la domanda stupida: ma se carico un'app con le mappe sul mio smartphone, quando sono in zone sui monti dove la rete per telefonare non prende, le mappe continuano a funzionare ugualmente? :-?
solitamente le app hanno due modalità, mappe online e mappe offline.
Se usi quelle offline ovviamente non hai problemi sono sempre disponibili.
Quelle online le carica man mano in base alla tua posizione quando l'app è attiva; però, attenzione, una volta caricate rimangono nella cache, non è che spariscono subito, per cui se le carichi alla partenza o durante il percorso e poi arrivi in un'area dove non prende, te le ritrovi comunque.
Io di solito le carico online la sera prima a casa, così poi sono tranquillo per tutta la gita.
 
Corso di Orientamento
Alto Basso