Trekking Giro lungo della Valle Santa di Rieti

Dati

Data: 29/05/21-02/06/21
Regione e provincia: Lazio
Località di partenza: Rieti
Località di arrivo: Rieti
Tempo di percorrenza:
Chilometri: 83
Grado di difficoltà: E
Descrizione delle difficoltà: nessuna difficolt tecnica, cammino in cinque tappe giornaliere mai superiori ai 22 km
Periodo consigliato: tutto l'anno, ideale a ottobre
Segnaletica: segnavia giallo/azzurro del Cammino di Franscesco, su alcuni tratti ci sono segnavia CAI, l'ultima tappa usa anche i segnavia del Cammino di Benedetto
Dislivello in salita: 3137 mt
Dislivello in discesa: 3137 mt
Quota massima: 1196 mt
Accesso stradale:
Traccia GPS: https://www.avventurosamente.it/xf/pagine/mappa/?do=loadmarker&id=8467


Descrizione
Il percorso è il classico Cammino di Francesco, che fa il giro della Valle Santa di Rieti toccando i quattro Santuari della zona (Fonte Colombo, Greccio, Poggio Bustone, La Foresta), con due piccole varianti (la salita alla Cappelletta sui monti dietro Greccio e il passaggio per Piediluco ). L’avevo scelto un anno fa ai tempi del primo lockdown quando decisi di iniziare a camminare, per avere un percorso facile per iniziare, per restare “in regione” in caso di chiusure inprovvise e per stare su un territorio ed una esperienza cui fossi personalmente legato. Iniziato a ottobre 2020, dovetti interromperlo per problemi ai piedi e l’ho rifatto completo in questi giorni. Il percorso è estremamente semplice, ben segnalato, alterna lunghi tratti di bosco, a tratti in montagna (soprattutto seconda e quarta tappa) a tratti intermedi di strada asfaltata con passaggio per Paesi. Lungo il percorso si toccano diversi paesi di interesse (S.Elia, Contigliano, Greccio, Piediluco, Morro Reatino, Poggio Bustone, Cantalice). Io l’ho fatto appoggiandomi a B&Bs, ma ci sono moltissime forme di ospitalità, compresi i “donativi” in cui si ospiti di famiglie a fronte di dinazione volontaria e prezzi simbolici, se si è pellegrini. Di seguito una breve sintesi delle tappe.


1 tappa: Rieti-Greccio
(21 km, altezza min/max 385/868 mt).
Classica tappa mista di bosco e strade. Partenza da Rieti in corrispondenza del ponte sul Velino in fondo a via Roma, si percorre la pista ciclabile alberata sul lungo fiume sinistro fino a che dopo 2 km si conclude. Di lì 2km di anonima strada asfaltata (a sinistra per via Di Carlo, poi la provinciale, si passa sotto il ponte della ss Rieti-Terni, si gira a destra), quindi a sinistra si entra nel bosco e si comincia a salire sulla montagna fino ad arrivare al Santuario di Fonte Colombo (6 km). Di nuovo 2km stradine asfaltate in altura pssando per S. Elia (seguendo l'inducazione “fonte villa”), dove alla piazzetta con fontana si gira attorno al paesino e si prende per una lunga discesa sassosa e boscosa che sbuca a Piani di Poggio Fidoni. Di qui tratti urbani attravreso la Frazione di S. Lorenzo (con bellissimi ruderi di una chiesa abbandonata e sfondo dei monti reatini), si sale fino a Contigliano, di lí attraverso il bosco all'Abbazia di San Pastore e infine Greccio. Ospite del BB Il Cammino, semplice, familiare.

2 tappa: Greccio-La Cappelletta-Santuario di Greccio
(14 km, altezza min/max 523/1196 mt).
Tappa di bosco e montagna, con ripida salita e successiva ripida discesa, splendide viste sulla Valle Santa, tracciata da segnavia CAI. Si attacca la salita dal parcheggio all’ingresso di Greccio, prendendo via San Marco. Una lunga salita scoperta e sassosa attraverso diversi tornanti molto panoramici porta senza deviazioni fino ad una selletta. Qui si entra in una faggeta ampia e suggestiva, scendendo in un canalone per 100 mt, quindi in corrispondenza di un incrocio con altro canalone si gira a destra e seguendo i segnavia sulla sinistra si arriva alla Cappelletta, punto più alto su questo lato della valle ed ottimo punto sosta, dove Francesco si ritirava a meditare e osservare la valle.
Aggirando la punta verso nord e scollinando si trova in breve un faggio cavo in fondo ad un canalone, di li si risale di poco verso destra e quindi si prende una strada forestale ancora verso destra che porta senza deviazioni fino ad un incrocio a T in prossimità del cartello di confine con l’Umbria. Li si svolta a sinistra, si prosegue fino ai Piani di Ruschio, di li a destra e quindi giù lungo una lunga discesa lastricata fino al Santaurio. Qui si possono trovare BB in zkna o tornare inidetro al Cammino, 5 km indietro.

3 tappa: Santuario Greccio- Piediluco
(14 km, altezza min/max 370/560 mt).
Tappa breve di bosco e campagna, tutta tendenzialmentebin discesa modesta, con tratti su strada. Dal Santuario si scende lungo la provinciale, che si lascia salendo verso sinistra lungo una stradina in salita tra le case in corrispondenza di un paletto con segnavia. Dopo poche centinaia di metri si prende un comodo tratturo a sinistra con segnavia che ci farà aggirare in costa la montagna per circa un’ora di cammino senza alternative, fino a sbucare sulla regionale pedemontana. Di li si prende a sx e poco dopo a destra in zona di campagna nel borgo abbandonato si Reopasto. Passato sotto il ponte della super strada Risti/Terni, si usano le ramoe di salita e discesa dello stesso per scavalcare il Velino, quindi tratto strada asfaltata verso sinistra per un paio di km con salita a Colli sul Velino. Arruvati alla piazzetta con la statua del pescatore, si scende lungo un tratturo tra le case (segnavia CSI 366) e quindi si attraversa una macchia di bosco, per poi girare su strada asfaltata che portera a Madonna della Luce e quindi, tagliando per i campi in corrispodnenza di una grande casa colonica dopo a Piediluco.

4 tappa: Piediluco - Poggio Bustone
(22 km, altezza min/max 370/1088 mt).
Tappa lunga di strada, bosco e montagna. Da Piediluco si va verso Labro, visibile da lontano, prima lungo la Ternana e poi entrando nel bosco attraverso una svolta a destra ben segnalata. Di li si sale fino a Labro, ridiscendendo dall’altra parte. I segnavia ci portano, lungo un sentiero di bosco che costeggia la statale e poi lungo strade asfaltate, a Salire a Colle Rucciolo e a passare vicino a Morro Reatino. Arrivati al Ristornate da Maria, sulla statale 521, iniziamo una salita che dopo un primo tratto in cemento cira a sinistra su fondo sassoso. Arrivati in quota, inizia un lungo percorso di montagna segnato dai cartelli in legno che portano verso “ il faggio di francesco”. Di li, salendo alla chiesetta sopra il faggio, si ridiscende per lo “sbalzo della zitella”, si costeggia dall’alto il fiume in fondo al canalone, quindi attraverso il bosco si aggirano gli “scogli di Bobbio” e di arriva a Poggio Bustone. Salendo sopra il paese si possono visitare il santuario e ancora più su il sacro speco.

5 tappa: Poggio Bustone - La Foresta- Rieti
(19 km, altezza min/max 394/815 mt).
Tappa prevalentemente boschiva, guidata dai segnavia giallo azzurro della via di francesco per LaForesta e da quelli marroni del cammino di Benedetto. Dal Santuario si scende a sinistra in fondo valle e di li si prosegue in piano per diversi km in direzione ovest fino a sbucare su strada asfaltata, che porterà a San Liberato e a Cantalice. Saliti in cima al paese lungo la ripida svalinata, si seguono le indicazioni prima per il Santuario La Foresta prima lungo strada asfaltata e poi nel bosco. Arrivati al Santuario, si scende a Rieti visibile in distanza lungo 5 km seguendo la strada asfaltata nel bosco e quindi attraversando la città.
--- ---

FOTO

Prima tappa
1. Uscendo da Rieti
2. Salendo verso Fonte Colombo
3. S.Elia
4. Chiesa abbandonata verso S. Lorenzo
5. Contigliano
6. Abbazia S.Pastore

Seconda tappa
7. Greccio
8/9. Vista della Valle Santa salendo verso la Cappelletta

Terza tappa
10. Borgo abbandonato di Reopasto
11/12/13. Campagna
14/15. Attraversamento campi in arrivo a Piediluco
16. Castello di Piediluco

Quarta tappa
17. Labro
18. Piediluco visto da Labro
19. Morro Reatino
20. Faggio di San Francesco
21/22. Vista della Valle in arrivo a Poggio Bustone

Quinta tappa
23. Santuario Poggio Bustone
24. Fondo valle
25. Cantalice
26/27. Cripta cattedrale di Rieti
--- ---

foto
 

Allegati

  • 1. Uscendo da Rieti.jpg
    1. Uscendo da Rieti.jpg
    130,9 KB · Visite: 165
  • 2. Salendo verso Fonte Colombo.jpg
    2. Salendo verso Fonte Colombo.jpg
    79,6 KB · Visite: 177
  • 3. S.Elia.jpg
    3. S.Elia.jpg
    79,6 KB · Visite: 161
  • 4. Chiesa abbandonata a S.Lorenzo.jpg
    4. Chiesa abbandonata a S.Lorenzo.jpg
    54,5 KB · Visite: 164
  • 5. Contigliano.jpg
    5. Contigliano.jpg
    64,1 KB · Visite: 157
  • 6. Abbazia S. Pastore.jpg
    6. Abbazia S. Pastore.jpg
    114,5 KB · Visite: 173
  • 7. Greccio.jpg
    7. Greccio.jpg
    58,8 KB · Visite: 170
  • 8. Vista dei monti della Valle salendo alla Cappelleta.jpg
    8. Vista dei monti della Valle salendo alla Cappelleta.jpg
    59,2 KB · Visite: 176
  • 9. Vista della Valle salendo alla Cappelletta.jpg
    9. Vista della Valle salendo alla Cappelletta.jpg
    54 KB · Visite: 177
  • 10. Borgo abbandinato di Reopasto.jpg
    10. Borgo abbandinato di Reopasto.jpg
    91,8 KB · Visite: 175
  • 11. Campagna.jpg
    11. Campagna.jpg
    68 KB · Visite: 179
  • 12. Campagna1.jpg
    12. Campagna1.jpg
    124,2 KB · Visite: 169
  • 13. Vista dei monti reatini dalla valle.jpg
    13. Vista dei monti reatini dalla valle.jpg
    92,5 KB · Visite: 165
  • 14. Accesso a Piediluco attraverso i campi.jpg
    14. Accesso a Piediluco attraverso i campi.jpg
    101,1 KB · Visite: 175
  • 15. Campi di grano vicino Piediluco.jpg
    15. Campi di grano vicino Piediluco.jpg
    63 KB · Visite: 183
  • 16. Castello di Piediluco.jpg
    16. Castello di Piediluco.jpg
    80,9 KB · Visite: 160
  • 17. Labro.jpg
    17. Labro.jpg
    101,6 KB · Visite: 156
  • 18. Lago di Piediluco da Labro.jpg
    18. Lago di Piediluco da Labro.jpg
    57,5 KB · Visite: 174
  • 19. Faggio di S.Francesco.jpg
    19. Faggio di S.Francesco.jpg
    118,4 KB · Visite: 158
  • 19. Morro Reatino.jpg
    19. Morro Reatino.jpg
    90,2 KB · Visite: 156
  • 20. Valle Santa da Poggio Bustone.jpg
    20. Valle Santa da Poggio Bustone.jpg
    75,3 KB · Visite: 160
  • 21. Valle Santa da Poggio Bustone1.jpg
    21. Valle Santa da Poggio Bustone1.jpg
    52,4 KB · Visite: 162
  • 22. Santuario Poggio Bustone.jpg
    22. Santuario Poggio Bustone.jpg
    69 KB · Visite: 163
  • 23. Fondovalle verso La Foresta.jpg
    23. Fondovalle verso La Foresta.jpg
    132,9 KB · Visite: 153
  • 24. Cantalice.jpg
    24. Cantalice.jpg
    67,6 KB · Visite: 156
  • 26. Cripta Cattedrale Rieti.jpg
    26. Cripta Cattedrale Rieti.jpg
    49,7 KB · Visite: 158
  • 25. Cripta Cattedrale Rieti 1.jpg
    25. Cripta Cattedrale Rieti 1.jpg
    58,2 KB · Visite: 166
Ultima modifica:
È veramente un bel percorso, ricco di suggestioni. Ne ho percorso alcune tappe in questi anni portandoci anche gli scout.
Credo che vista la quota siamo ormai ai limiti di tempo per la percorrenza: forse l'autunno e la primavera sono i mesi migliori. Sicuramente non presenta alcuna difficoltà logistica.
Splendido il borgo abbandonato di Reopasto.
 
È vero, Reopasto è suggestivo, a me piace molto anche la chiesa “a cielo aperto” vicino San Lorenzo.
concordi che ottobre è forse il mese migliore, per le temperature ma soprattutto per i colori del bosco e delle montagne. Di seguito alcune delle foto che avevi fatto in ottobre quando avevo iniziato e poi ho dovuto interrompere.
 

Allegati

  • 6CCE9C0F-5EAC-4D22-8910-14AA6C3BA251.jpeg
    6CCE9C0F-5EAC-4D22-8910-14AA6C3BA251.jpeg
    662,1 KB · Visite: 144
  • 95818B6A-00AF-40C4-8CA4-63CB79E78D2C.jpeg
    95818B6A-00AF-40C4-8CA4-63CB79E78D2C.jpeg
    506,6 KB · Visite: 137
  • C531DC6C-3D3C-4EEF-8421-E7EB5959CB66.jpeg
    C531DC6C-3D3C-4EEF-8421-E7EB5959CB66.jpeg
    247,9 KB · Visite: 144
  • 3259E3FC-5D7B-4D20-96C4-ADDBA5334A0E.jpeg
    3259E3FC-5D7B-4D20-96C4-ADDBA5334A0E.jpeg
    263,6 KB · Visite: 145
  • AB2141A9-7F01-4D3D-BBDA-C524A9C44AFB.jpeg
    AB2141A9-7F01-4D3D-BBDA-C524A9C44AFB.jpeg
    174,1 KB · Visite: 142
  • EE249E7F-4810-4760-897B-6F067596FE85.jpeg
    EE249E7F-4810-4760-897B-6F067596FE85.jpeg
    412,5 KB · Visite: 142
  • 2C6ED157-470C-4664-A02A-D9A547266C54.jpeg
    2C6ED157-470C-4664-A02A-D9A547266C54.jpeg
    439,5 KB · Visite: 154
  • 369C5ACB-C6E7-4BD4-B842-2C2D845960E7.jpeg
    369C5ACB-C6E7-4BD4-B842-2C2D845960E7.jpeg
    229,4 KB · Visite: 147
Dati

Data: 29/05/21-02/06/21
Regione e provincia: Lazio
Località di partenza: Rieti
Località di arrivo: Rieti
Tempo di percorrenza:
Chilometri: 83
Grado di difficoltà: E
Descrizione delle difficoltà: nessuna difficolt tecnica, cammino in cinque tappe giornaliere mai superiori ai 22 km
Periodo consigliato: tutto l'anno, ideale a ottobre
Segnaletica: segnavia giallo/azzurro del Cammino di Franscesco, su alcuni tratti ci sono segnavia CAI, l'ultima tappa usa anche i segnavia del Cammino di Benedetto
Dislivello in salita: 3137 mt
Dislivello in discesa: 3137 mt
Quota massima: 1196 mt
Accesso stradale:
Traccia GPS: https://www.avventurosamente.it/xf/pagine/mappa/?do=loadmarker&id=8467


Descrizione
Il percorso è il classico Cammino di Francesco, che fa il giro della Valle Santa di Rieti toccando i quattro Santuari della zona (Fonte Colombo, Greccio, Poggio Bustone, La Foresta), con due piccole varianti (la salita alla Cappelletta sui monti dietro Greccio e il passaggio per Piediluco ). L’avevo scelto un anno fa ai tempi del primo lockdown quando decisi di iniziare a camminare, per avere un percorso facile per iniziare, per restare “in regione” in caso di chiusure inprovvise e per stare su un territorio ed una esperienza cui fossi personalmente legato. Iniziato a ottobre 2020, dovetti interromperlo per problemi ai piedi e l’ho rifatto completo in questi giorni. Il percorso è estremamente semplice, ben segnalato, alterna lunghi tratti di bosco, a tratti in montagna (soprattutto seconda e quarta tappa) a tratti intermedi di strada asfaltata con passaggio per Paesi. Lungo il percorso si toccano diversi paesi di interesse (S.Elia, Contigliano, Greccio, Piediluco, Morro Reatino, Poggio Bustone, Cantalice). Io l’ho fatto appoggiandomi a B&Bs, ma ci sono moltissime forme di ospitalità, compresi i “donativi” in cui si ospiti di famiglie a fronte di dinazione volontaria e prezzi simbolici, se si è pellegrini. Di seguito una breve sintesi delle tappe.


1 tappa: Rieti-Greccio
(21 km, altezza min/max 385/868 mt).
Classica tappa mista di bosco e strade. Partenza da Rieti in corrispondenza del ponte sul Velino in fondo a via Roma, si percorre la pista ciclabile alberata sul lungo fiume sinistro fino a che dopo 2 km si conclude. Di lì 2km di anonima strada asfaltata (a sinistra per via Di Carlo, poi la provinciale, si passa sotto il ponte della ss Rieti-Terni, si gira a destra), quindi a sinistra si entra nel bosco e si comincia a salire sulla montagna fino ad arrivare al Santuario di Fonte Colombo (6 km). Di nuovo 2km stradine asfaltate in altura pssando per S. Elia (seguendo l'inducazione “fonte villa”), dove alla piazzetta con fontana si gira attorno al paesino e si prende per una lunga discesa sassosa e boscosa che sbuca a Piani di Poggio Fidoni. Di qui tratti urbani attravreso la Frazione di S. Lorenzo (con bellissimi ruderi di una chiesa abbandonata e sfondo dei monti reatini), si sale fino a Contigliano, di lí attraverso il bosco all'Abbazia di San Pastore e infine Greccio. Ospite del BB Il Cammino, semplice, familiare.

2 tappa: Greccio-La Cappelletta-Santuario di Greccio
(14 km, altezza min/max 523/1196 mt).
Tappa di bosco e montagna, con ripida salita e successiva ripida discesa, splendide viste sulla Valle Santa, tracciata da segnavia CAI. Si attacca la salita dal parcheggio all’ingresso di Greccio, prendendo via San Marco. Una lunga salita scoperta e sassosa attraverso diversi tornanti molto panoramici porta senza deviazioni fino ad una selletta. Qui si entra in una faggeta ampia e suggestiva, scendendo in un canalone per 100 mt, quindi in corrispondenza di un incrocio con altro canalone si gira a destra e seguendo i segnavia sulla sinistra si arriva alla Cappelletta, punto più alto su questo lato della valle ed ottimo punto sosta, dove Francesco si ritirava a meditare e osservare la valle.
Aggirando la punta verso nord e scollinando si trova in breve un faggio cavo in fondo ad un canalone, di li si risale di poco verso destra e quindi si prende una strada forestale ancora verso destra che porta senza deviazioni fino ad un incrocio a T in prossimità del cartello di confine con l’Umbria. Li si svolta a sinistra, si prosegue fino ai Piani di Ruschio, di li a destra e quindi giù lungo una lunga discesa lastricata fino al Santaurio. Qui si possono trovare BB in zkna o tornare inidetro al Cammino, 5 km indietro.

3 tappa: Santuario Greccio- Piediluco
(14 km, altezza min/max 370/560 mt).
Tappa breve di bosco e campagna, tutta tendenzialmentebin discesa modesta, con tratti su strada. Dal Santuario si scende lungo la provinciale, che si lascia salendo verso sinistra lungo una stradina in salita tra le case in corrispondenza di un paletto con segnavia. Dopo poche centinaia di metri si prende un comodo tratturo a sinistra con segnavia che ci farà aggirare in costa la montagna per circa un’ora di cammino senza alternative, fino a sbucare sulla regionale pedemontana. Di li si prende a sx e poco dopo a destra in zona di campagna nel borgo abbandonato si Reopasto. Passato sotto il ponte della super strada Risti/Terni, si usano le ramoe di salita e discesa dello stesso per scavalcare il Velino, quindi tratto strada asfaltata verso sinistra per un paio di km con salita a Colli sul Velino. Arruvati alla piazzetta con la statua del pescatore, si scende lungo un tratturo tra le case (segnavia CSI 366) e quindi si attraversa una macchia di bosco, per poi girare su strada asfaltata che portera a Madonna della Luce e quindi, tagliando per i campi in corrispodnenza di una grande casa colonica dopo a Piediluco.

4 tappa: Piediluco - Poggio Bustone
(22 km, altezza min/max 370/1088 mt).
Tappa lunga di strada, bosco e montagna. Da Piediluco si va verso Labro, visibile da lontano, prima lungo la Ternana e poi entrando nel bosco attraverso una svolta a destra ben segnalata. Di li si sale fino a Labro, ridiscendendo dall’altra parte. I segnavia ci portano, lungo un sentiero di bosco che costeggia la statale e poi lungo strade asfaltate, a Salire a Colle Rucciolo e a passare vicino a Morro Reatino. Arrivati al Ristornate da Maria, sulla statale 521, iniziamo una salita che dopo un primo tratto in cemento cira a sinistra su fondo sassoso. Arrivati in quota, inizia un lungo percorso di montagna segnato dai cartelli in legno che portano verso “ il faggio di francesco”. Di li, salendo alla chiesetta sopra il faggio, si ridiscende per lo “sbalzo della zitella”, si costeggia dall’alto il fiume in fondo al canalone, quindi attraverso il bosco si aggirano gli “scogli di Bobbio” e di arriva a Poggio Bustone. Salendo sopra il paese si possono visitare il santuario e ancora più su il sacro speco.

5 tappa: Poggio Bustone - La Foresta- Rieti
(19 km, altezza min/max 394/815 mt).
Tappa prevalentemente boschiva, guidata dai segnavia giallo azzurro della via di francesco per LaForesta e da quelli marroni del cammino di Benedetto. Dal Santuario si scende a sinistra in fondo valle e di li si prosegue in piano per diversi km in direzione ovest fino a sbucare su strada asfaltata, che porterà a San Liberato e a Cantalice. Saliti in cima al paese lungo la ripida svalinata, si seguono le indicazioni prima per il Santuario La Foresta prima lungo strada asfaltata e poi nel bosco. Arrivati al Santuario, si scende a Rieti visibile in distanza lungo 5 km seguendo la strada asfaltata nel bosco e quindi attraversando la città.
--- ---

FOTO

Prima tappa
1. Uscendo da Rieti
2. Salendo verso Fonte Colombo
3. S.Elia
4. Chiesa abbandonata verso S. Lorenzo
5. Contigliano
6. Abbazia S.Pastore

Seconda tappa
7. Greccio
8/9. Vista della Valle Santa salendo verso la Cappelletta

Terza tappa
10. Borgo abbandonato di Reopasto
11/12/13. Campagna
14/15. Attraversamento campi in arrivo a Piediluco
16. Castello di Piediluco

Quarta tappa
17. Labro
18. Piediluco visto da Labro
19. Morro Reatino
20. Faggio di San Francesco
21/22. Vista della Valle in arrivo a Poggio Bustone

Quinta tappa
23. Santuario Poggio Bustone
24. Fondo valle
25. Cantalice
26/27. Cripta cattedrale di Rieti
--- ---

foto
Molto bello è interessante visto che abito in zona!
Grazie
 
Meraviglioso, complimenti per lo splendido viaggio.
Nota a margine: non ho capito benissimo a quale parte del Cammino di Francesco si riferisca, non va da Roma ad Assisi?
 
Wow mi riporti al mio primo cammino poi ripetuto la scorsa primavera. Grazie, in effetti a me é piaciuto molto, per tanti motivi.
Hai ragione, ma l'anello della valle santa di rieti viene anche definito come Via o Cammino di francesco, essendo un anello "a margine" del cammino che dici tu.
 
Bel post che mi era sfuggito. Feci in parte questo giro in bici tempo fa. Visitai San Pastore prima del restauro quando era tutto in rovina e avvolto dalla vegetazione. Fascinosissimo!
 
Wow mi riporti al mio primo cammino poi ripetuto la scorsa primavera. Grazie, in effetti a me é piaciuto molto, per tanti motivi.
Hai ragione, ma l'anello della valle santa di rieti viene anche definito come Via o Cammino di francesco, essendo un anello "a margine" del cammino che dici tu.

Cioè è un cammino a parte? Tu dove hai trovato informazioni?
 
Sì, di fatto un micro-cammino, che puoi organizzare in diversi modi come sempre.

Quando io iniziai a camminare fu la mia prima scelta, fare da solo 5 giorni a piedi in un contesto suggestivo ma antropizzato. Da giovane francescano, ne avevo sentito parlare e un mio amico di Poggio Moiano mi aveva proposto di farlo diverse volte. Di fatto è il giro della valle usando come tema i santuari francescani della valle.
Non avevo conoscenze, non avevo mappe, non avevo nè avrei saputo usare un gps....quindi cercai in rete e trovai questo https://www.ilmestierediviaggiare.c...ncesco-individuali/lanello-della-valle-santa/
E' un'agenzia viaggi mono-personale, ce mi diede la proposta di percorso, l'indicazione delle strutture, la mappa ma soprattutto LA GUIDA per orientarmi! Rivedere il tutto oggi mi fa tanta tenerezza :)
Poi mi feci fare delle modifiche che sono quelle che ho riportato, per aggiungere della montagna.

Informazioni generali le trovi anche qui https://it.wikipedia.org/wiki/Cammino_di_Francesco.
 
Sì, di fatto un micro-cammino, che puoi organizzare in diversi modi come sempre.

Quando io iniziai a camminare fu la mia prima scelta, fare da solo 5 giorni a piedi in un contesto suggestivo ma antropizzato. Da giovane francescano, ne avevo sentito parlare e un mio amico di Poggio Moiano mi aveva proposto di farlo diverse volte. Di fatto è il giro della valle usando come tema i santuari francescani della valle.
Non avevo conoscenze, non avevo mappe, non avevo nè avrei saputo usare un gps....quindi cercai in rete e trovai questo https://www.ilmestierediviaggiare.c...ncesco-individuali/lanello-della-valle-santa/
E' un'agenzia viaggi mono-personale, ce mi diede la proposta di percorso, l'indicazione delle strutture, la mappa ma soprattutto LA GUIDA per orientarmi! Rivedere il tutto oggi mi fa tanta tenerezza :)
Poi mi feci fare delle modifiche che sono quelle che ho riportato, per aggiungere della montagna.

Informazioni generali le trovi anche qui https://it.wikipedia.org/wiki/Cammino_di_Francesco.

Da quello che leggo in giro mi sa che l'originario "Cammino di Francesco" era questo. Successivamente sono arrivate le mille altre Vie (Nord - Sud e Protomartiri) che oggi sono racchiuse nel nome generico di "La Via di Francesco" che però non sembra più contemplare questo splendido anello come un cammino a parte almeno consultando il sito ufficiale.

https://www.viadifrancesco.it/

Ma tu avevi la credenziale e hai utilizzato i donativi?
 
Da quello che leggo in giro mi sa che l'originario "Cammino di Francesco" era questo. Successivamente sono arrivate le mille altre Vie (Nord - Sud e Protomartiri) che oggi sono racchiuse nel nome generico di "La Via di Francesco" che però non sembra più contemplare questo splendido anello come un cammino a parte almeno consultando il sito ufficiale.

https://www.viadifrancesco.it/

Ma tu avevi la credenziale e hai utilizzato i donativi?
Si anche io l'avevo capita come te. Comunque, io avevo la credenziale ma ho girato per B&B. Mi è pia iuto molto quello vicino a Greccio. Il Cammino: una casa di campagna rustica, dove sono stato da solo, cucinandomi le cose da me.
 
Leggo solo ora, ma non è mai troppo tardi per complimentarsi. Come molti ho fatto la sola tappa 2 senza nemmeno sapere che fosse parte integrante del "cammino", sono tuttavia luoghi affascinanti in cui mi piace tornare.

Aggiungo (riferendomi ad una mia precedente esperienza, la traversata Stroncone-Santuario di Greccio): simpatico il trenino locale Terni-Rieti(-Sulmona) che ferma a pochi Km dal santuario di Greccio, magari qualcuno che ci legge sarà interessato a partire in treno da Roma, credo che aggiungerebbe un po' di fascino, chissà.
 
Ultima modifica:
Dunque, sulla falsariga di quanto fatto sulla Via Francigena qualche weekend fa stavo ragionando per 2-3 giorni fuori da fare qui in Centro Italia di B&B in B&B ed ero intrigato da un itinerario che da Rieti conducesse alle cascate delle Marmore dato che poi da Marmore c'è un treno per Rieti che in pochissimo consente di tornare al punto di partenza.

Stavo ragionando come segue:

1. Rieti - Greccio sulla Variante della Via del Sud
2. Greccio - Cappelletta - Santuario di Greccio su sentieri CAI
3. Santuario di Greccio - Piediluco - Marmore (@C2C7 hai usato questo percorso fino a Piediluco) su sentieri/sterrate e Via di Francesco

Dovrebbero essere così ripartite:

1_Rieti - Greccio 21 km
2_Greccio - Santuario 14 km (20 se si torna a Greccio)
3_Santuario - Piediluco - Marmore 24 km con visita alle cascate

Suggerimenti particolari?
 
Dunque, sulla falsariga di quanto fatto sulla Via Francigena qualche weekend fa stavo ragionando per 2-3 giorni fuori da fare qui in Centro Italia di B&B in B&B ed ero intrigato da un itinerario che da Rieti conducesse alle cascate delle Marmore dato che poi da Marmore c'è un treno per Rieti che in pochissimo consente di tornare al punto di partenza.

Stavo ragionando come segue:

1. Rieti - Greccio sulla Variante della Via del Sud
2. Greccio - Cappelletta - Santuario di Greccio su sentieri CAI
3. Santuario di Greccio - Piediluco - Marmore (@C2C7 hai usato questo percorso fino a Piediluco) su sentieri/sterrate e Via di Francesco

Dovrebbero essere così ripartite:

1_Rieti - Greccio 21 km
2_Greccio - Santuario 14 km (20 se si torna a Greccio)
3_Santuario - Piediluco - Marmore 24 km con visita alle cascate

Suggerimenti particolari?
Si, ho fatto esattamente quello, fermandomi a Piediluco. Direi che il percorso è molto tranquillo. Alcuni suggerimenti (poi se vuoi piu dettagli ci sentiamo in privato per non annoiare gli altri).
Tappa 1. Tranquilla. Suggerisco di fermarti a dormire al BB Il Cammino, poco prima di Greccio: è un casale di campagna molto semplice e bello, loro sono molto gentili, hai cucina (ti fanno trovare gli ingredienti che vuoi e un cestino x il giorno dopo) oppure ti portano ad un home restaurant li vicino (vai a mangiare a casa d'altri con la nonna la mamma e la.figlia).
Tappa 2. Se vuoi puoi lasciare lo zaino al Cammino, sali leggero e quando arrivi al Santuario ti fai venire a riprendere da loro. La salita è piu godibile e il giorno dopo aggiungi solo 5km ad un tapoa cmq breve.
L'orientamento ha solo due punti non ovii. Il primo è quando arrivi la cappelletta e inizi a scendere dopo pochi minuti ti trovi in un vallone davanti ad un tronco cavo (lo riconoscerai). Guardandolo da dove arrivi devi proseguire in avanti verso destra e risali su un sentiero boschivo visibile. Il seco do èun'oretta dopo quando, dopo lunga discesa in un canalone, arriverai ad un cartello che segna il confine regionale. Lì prosegui verso sinistra. Sbucato sul pratone puoi arrivare al Santuario sia guarndo a dx (piu veloce, dopo un pò scendi al santuario pe runa infinita orrobile scalinata in pietra) che a sx (ti farà fare un anello. Io non l'ho fatto, credo sia piu bello).
Tappa 3. Se vedi la la mia traccia, poco dopo Colli sul Velino non proseguo dritto per Madonna della Luce (strada piu diritta e bella) ma ho fatto un ansa a sx per Sella di Restano (lunga e brutta su strada statale). Il motivo è eviatre sulla prima strada un passaggio tra due cascine presidiato da diversi cani aggressivi e solitari, che avevo attraversato una prima volta con poco piacere.
Vedrai che ti piace!
 
Si, ho fatto esattamente quello, fermandomi a Piediluco. Direi che il percorso è molto tranquillo. Alcuni suggerimenti (poi se vuoi piu dettagli ci sentiamo in privato per non annoiare gli altri).
Tappa 1. Tranquilla. Suggerisco di fermarti a dormire al BB Il Cammino, poco prima di Greccio: è un casale di campagna molto semplice e bello, loro sono molto gentili, hai cucina (ti fanno trovare gli ingredienti che vuoi e un cestino x il giorno dopo) oppure ti portano ad un home restaurant li vicino (vai a mangiare a casa d'altri con la nonna la mamma e la.figlia).
Tappa 2. Se vuoi puoi lasciare lo zaino al Cammino, sali leggero e quando arrivi al Santuario ti fai venire a riprendere da loro. La salita è piu godibile e il giorno dopo aggiungi solo 5km ad un tapoa cmq breve.
L'orientamento ha solo due punti non ovii. Il primo è quando arrivi la cappelletta e inizi a scendere dopo pochi minuti ti trovi in un vallone davanti ad un tronco cavo (lo riconoscerai). Guardandolo da dove arrivi devi proseguire in avanti verso destra e risali su un sentiero boschivo visibile. Il seco do èun'oretta dopo quando, dopo lunga discesa in un canalone, arriverai ad un cartello che segna il confine regionale. Lì prosegui verso sinistra. Sbucato sul pratone puoi arrivare al Santuario sia guarndo a dx (piu veloce, dopo un pò scendi al santuario pe runa infinita orrobile scalinata in pietra) che a sx (ti farà fare un anello. Io non l'ho fatto, credo sia piu bello).
Tappa 3. Se vedi la la mia traccia, poco dopo Colli sul Velino non proseguo dritto per Madonna della Luce (strada piu diritta e bella) ma ho fatto un ansa a sx per Sella di Restano (lunga e brutta su strada statale). Il motivo è eviatre sulla prima strada un passaggio tra due cascine presidiato da diversi cani aggressivi e solitari, che avevo attraversato una prima volta con poco piacere.
Vedrai che ti piace!

Ti ringrazio moltissimo delle dritte, se avessi altri dubbi non esiterò a contattarti. Mi ispira tantissimo il B&B che mi hai consigliato!

In realtà stavo pensando ad una variante strana ma devo capire se è fattibile.

Tappa 1: Rieti - Greccio per la 15c come ti avevo detto (24 km)
Tappa 2: Greccio - Cappelletta - Santuario di Greccio (14 km), anche qui analogamente a prima
Tappa 3: Santuario di Greccio - Prati di Greccio - Marmore lungo questo fantomatico Cammino di San Valentino che pare sia in inaugurazione (presumo quindi esista una sentieristica CAI, devo approfondire) e che si connette alla Via di Francesco a Prati di Greccio (18 km-20km)

Guardando meglio per "i prati" si passa andando al Santuario, quindi non escluso che si possa anche ridurre tutto a 2 giorni accorpando il santuario alla prima o alla terza tappa (chiaramente accorciando rispetto ai 14 km originari). Che ne pensi?
Così eviterei di fare statali o robe simili, sembra tutto su sentiero in mezzo alle montagne.
 
Ti ringrazio moltissimo delle dritte, se avessi altri dubbi non esiterò a contattarti. Mi ispira tantissimo il B&B che mi hai consigliato!

In realtà stavo pensando ad una variante strana ma devo capire se è fattibile.

Tappa 1: Rieti - Greccio per la 15c come ti avevo detto (24 km)
Tappa 2: Greccio - Cappelletta - Santuario di Greccio (14 km), anche qui analogamente a prima
Tappa 3: Santuario di Greccio - Prati di Greccio - Marmore lungo questo fantomatico Cammino di San Valentino che pare sia in inaugurazione (presumo quindi esista una sentieristica CAI, devo approfondire) e che si connette alla Via di Francesco a Prati di Greccio (18 km-20km)

Guardando meglio per "i prati" si passa andando al Santuario, quindi non escluso che si possa anche ridurre tutto a 2 giorni accorpando il santuario alla prima o alla terza tappa (chiaramente accorciando rispetto ai 14 km originari). Che ne pensi?
Così eviterei di fare statali o robe simili, sembra tutto su sentiero in mezzo alle montagne.
Ehi hai visto, sulle bandierine di wikilock che posti cita il faggio cavo e il confine con l'umbria! :)

Si, certamente puoi accorpare la 2 e la 3 tagliando qualcosa. Non conosco il sentiero di S.Valentino che proponi, quindi non so dirti cosa trovi. Ti dico solo che la tappa 3 come l'ho fatta io ha secondo me tre attrattive che valgono la pena:
a) dopo il Santuario cammini lungamente in un bosco che gira attorno ad una cima, piuttosto piacevole;
b) quando esci dal bosco cammini per poche centianaia di metri sulla ss79 e poi la attraversi e cammini nel borgo fatasma di Repasto (molto bello, trovi anche le foto sul mio thread)
c) Piediluco ed il lago sono molto belli

dipende da cosa cerchi.
cmq con la storia di s. valentino mi hai incuriosito, quasi quasi me lo provo anche io, facendo il secondo il per orso che linki da stroncone alle marmore!
 
Ehi hai visto, sulle bandierine di wikilock che posti cita il faggio cavo e il confine con l'umbria! :)

Si, certamente puoi accorpare la 2 e la 3 tagliando qualcosa. Non conosco il sentiero di S.Valentino che proponi, quindi non so dirti cosa trovi. Ti dico solo che la tappa 3 come l'ho fatta io ha secondo me tre attrattive che valgono la pena:
a) dopo il Santuario cammini lungamente in un bosco che gira attorno ad una cima, piuttosto piacevole;
b) quando esci dal bosco cammini per poche centianaia di metri sulla ss79 e poi la attraversi e cammini nel borgo fatasma di Repasto (molto bello, trovi anche le foto sul mio thread)
c) Piediluco ed il lago sono molto belli

dipende da cosa cerchi.
cmq con la storia di s. valentino mi hai incuriosito, quasi quasi me lo provo anche io, facendo il secondo il per orso che linki da stroncone alle marmore!

Sì avevo notato.

Effettivamente è un bel dilemma, specialmente il borgo e il lago di Piediluco mi sembrano ottime attrattive (il lago lo conosco ed è splendido). Mi preoccupava più che altro il passaggio in zone antropizzate che mi descrivevi ma chiaro che se si passa principalmente in sentieri e sterrati cambia tutto. Questa variante mi interessava invece sia per la possibilità di accorciare a 2 giorni sia perché presumo passi tutta su sentieri o quasi.
Questo "Cammino di San Valentino", che sarà l'ennesimo cammino della zona, ha solo questa pagina facebook in cui sembra sia in tracciamento ed inaugurazione proprio in questi giorni https://www.facebook.com/ilcamminodisanvalentino/ ma chiaramente non ho idea di come possa essere quel tratto.
Qui un articolo.
 
Guardatela la mia tracia su quel tratto e vedila con mappa modalita satellite...poi decidi. Come vai vai caschi bene
 
Alto Basso