Escursione Giro sull'altopiano per testare tenda.

Data: 13.06.13
Regione e provincia: Veneto - Vicenza
Località di partenza: Malga Galmarara
Località di arrivo: Stesso
Tempo di percorrenza: 4 + 1,30
Chilometri:
Grado di difficoltà: Facile
Descrizione delle difficoltà: Strada sterrata e sentiero
Periodo consigliato: dalla primavera all'autunno
Segnaletica: Ottima
Dislivello in salita: 400 mt.
Dislivello in discesa: steso
Quota massima: 2.055 mt.
Accesso stradale:

Giro per testare la nuova tenda una Vango soul 200, una due posti minimal di soli 2 kg. di peso e il sacco a pelo un Ferrino nightec 600 lite pro.
In autunno avendo in programma di fare la translagorai dovevo quindi provare i miei nuovi acquisti, finora il tempo non aveva concesso tregua, neve in quota e acqua in pianura, finalmente una finestra di bel tempo e temperature quasi estive, scelgo l'altopiano di Asiago per l'escursione, zona che conosco bene e con quote discrete.
Lascio l'auto a malga Galmarara, 1.600 mt. circa e salgo per il sentiero 830

3.jpg

che con un lungo giro mi porterà prima alla zona monumenti, passando sopra alla malga Portule

8.jpg

poi a Campo Gallina, vallone a circa 1.800 mt. ospitava duranye la grande guerra una "citta" militare austriaca, ospedale, cimitero, chiesa, comando di divisione, teatro, cisterne d'acqua ......, di tutte queste opere non c'è rimasto che qualche rudere

11.jpg

si vede chiaramente il basamento della chiesa e le cisterne dell'acqua potabile che veniva pompata dalla val Renzola per 600 mt. di dislivello, poco a nord del vallone, dopo l'enorme monumento ai caduti, nei pressi dei resti del comando di divisione, sorge il cippo a ricordo del generale mecenseffy, comandante di tutte le truppe di stanza sull'altopiano e morto colpito da un fortunato colpo di cannone italiano mentre in auto scendeva dalla zona dell'Ortigara

12.jpg

finalmente arrivo al bivio Italia, 15 kg. di zaino si fanno sentire, individuo una piazzola dove sorgeva una baracca militare, abbastanza riparata dal vento e in piano, comincio a montare la tenda, primo intoppo, non riesco a piantare i picchetti, il terreno e sassoso, prova e riprova, alla fine battendo con un sasso ci riesco quasi con tutti, per il resto mi ingegno con grossi sassi per fermare il picchetto appoggiato per il lungo sul terreno.

27.jpg

Le istruzioni danno 7/8 minuti per il montaggio, sehhh !!:lol: visto la mia prima volta e inesperienza ci avrò messo minimo mezzora, alla fine il risultato non è perfetto ma sono soddisfatto.
La tenda è più spazioza di quel che pensavo, dentro ci sto comodo anche seduto e a fianco c'è spazio per lo zaino, l'abside è invece piccolissima,

15.jpg

20.jpg

23.jpg

le prese d'aria sono due, ma piccole e secondo la mia opinione insufficienti, la mattina la condensa interna era tantissima, tanto dentro

26.jpg

come l'umidità depositatasi all'esterno

24.jpg

Il sacco a pelo ........... la temperatura + + 18, confort da + 1 a - 4, con temperatura limite a - 21, mah!! due sono le cose, o sono io che ho problemi o hanno esagerato e non di poco, nonostante indossassi anche la calzamaglia ho sofferto il freddo, sarò io che sono freddoloso e va bene che sull'etichetta è precisato che la soglia del freddo è soggettiva, resta il fatto che la temperatura esterna non è scesa sotto lo zero, infatti non ha gelato (per fortuna) :biggrin:
Tirando le somme della tenda sono soddisfatto, visto il peso ridotto e anche il costo 64€, mentre il sacco è stata una delusione, l'avevo scelto appunto per la temperatura abbastanza bassa e per il peso 1.400 gr., vorrà dire che dovrò vestimi di più o usarlo con temperature meno "rigide".
 
Ultima modifica di un moderatore:
Che bella la tenda....ce l' ho anche io! Eheh! Strano che hai sentito freddo con quel sacco, tutti ne parlano benissimo! Sarà il materassino che non isola a sufficenza?
 
Grazie per aver condiviso uscita e test! ;)

Mi sembra di capire che hai preso la Vango Soul 200 per utilizzarla cmq in solitaria... d'altronde per i pochi etti che la separano dalla Soul 100 meglio a questo punto avere una tenda utilizzabile anche, se capita, in due persone.
Prob una presa d'aria posteriore non avrebbe fatto male... però di solito è normale, la mattina, trovare un sacco di condensa sul lato interno del sovratelo (su quello esterno è fisiologico e non ci si può fare nulla), ti è sembrato che ne avesse di più di altre tende che hai provato? E' entrata condensa nel telo interno?

Se l'usassi in due, nell'atrio davanti 2 zaini da 40 litri (mezzi vuoti) secondo te ci starebbero, o bisognerebbe tenerli all'esterno dentro ad un classico "sacchettone nero da immondizie"?

Hai utilizzato un sotto-telo? (mi sembra di intravederlo in una foto...o è un pezzo di telo interno ancora da tendere?)
 
Ultima modifica:
Data: 13.06.13 Tirando le somme della tenda sono soddisfatto, visto il peso ridotto e anche il costo 64€, mentre il sacco è stata una delusione, l'avevo scelto appunto per la temperatura abbastanza bassa e per il peso 1.400 gr., vorrà dire che dovrò vestimi di più o usarlo con temperature meno "rigide".
Anche io ho il ferrino NIGHTEC 600 lite pro... e tra le tante ci ho dormito quest'anno a febbraio a 2100 m di quota
dentro ad una vango tempest 300
sopra un materassino espanso deca da 1 cm + thermarest neoair versione Trekker....

temperatura minima la notte -5

vestiario:
calzamaglia decathlon..(quella per sci di fondo)
calzettoni pesanti in pile
maglietta termica Mizuno
pile del decathlon da 6 euro
piumino ultralight di quelli della patagonia
passamontagna...

beh... qualche leggero brividino al mattino l'ho sentito!!....

ed è qui che mi sono deciso a prendere un sacco invernale serio...

ora ho un Salewa Phantom 3d Flex in piuma con comfort -14 che pesa 1,7 kg
purtroppo non è molto che cel'ho... quindi.. lo testerò bene il prossimo inverno...
cmq...
ci ho dormito a 2500 m qualche mese fa con temperatura
minima la notte di -3

IN MUTANDE.....

no
non sei tu che sei freddoloso!....
è un sacco relativamente economico e leggero che ha buone prestazioni CONSIDERANDO il costo!!!....
io credo che
vista la mia esperienza...

quel ferrino sia un sacco confortevole intorno a +2...+3 gradi... da li in giù ti devi vestire...

e cmq... si.. il materassino che hai sotto il culo è molto molto molto importante...

infatti a breve voglio sostituire il thermarest Trekker con la versione allseasons!... con rvalue da 4,9 e ovviamente un espanso dietro bisogna sempre e cmq averlo!....

ciao Andrea ;)
 
Ultima modifica:
Per rispondere a tutti ....... si in effetti un materassino isolante potrebbe fare la differenza, ho usato solo un materassino gonfiabile della Camp, visto la mia inesperienza di pernottare in tenda con basse temperature non ci ho pensato, mi sono affidato completamente alla protezione del sacco che è stata insufficiente, mi consola l'idea che non solo stato l'unico ad avere sentito freddo con questo sacco a pelo .......:D
Che materassino leggero ma isolante mi consigliate ?

Sotto la tenda ho messo un telo impermeabile spesso che sicuramente mi ha isolato dall'umidità ma non dal freddo, la condensa non ha bagnato il telo interno, solo smontando la tenda si è bagnato e concordo con il fatto che la rugiada condensi sul telo esterno e che non si può evitare, l'anno scorso ho pernottato con la tenda di un mio amico, una North Face, non conosco il modello, ricordo che la condensa era minore, su consiglio dell'amico avevo però lasciato un pò aperto il telo delle due entrate e quindi la ventilazione era maggiore.

L'abside è minuscola con l'inclinazione verso l'interno molto accentuata, la sistemazione di due zaini fa si che gli stessi vadano a scaricare il loro peso sul telo interno e questo potrebbe dare fastidio una volta sdraiati, ma questa è una opinione mia e quindi da verificare.
 
Se hai usato un semplice gonfiabile (neanche un autogonfiante), è un'ottima spiegazione del perché hai avuto freddo... la prox volta portati un CCF da metterci sopra e già andrà molto meglio.

Guardando meglio le foto di Vacca, vedo che nell'abside un paio di zaini (obliqui) ci starebbero, poi però uscire la notte per una pipì può diventare un'impresa... ;)

Se invece si volesse cucinare nell'atrio, ci si potrebbe forse riuscirebbe sganciando momentaneamente la parte anteriore del telo interno in modo da accorciare temporaneamente la camera per ampliare l'abside... dici che sia fattibile?

(PS: Dato che i 15Kg di zaino si son fatti sentire, ti consiglio di valutare di sostituire il mezzo Kg di fornello a gas + bombola con l'etto di un semplice fornellino ad alcool + bottiglietta d'alcool... vedi "zuppa fumante" qui sotto... e qui chiudo lo spot al mio sito ;) )
 
Per rispondere a tutti ....... si in effetti un materassino isolante potrebbe fare la differenza, ho usato solo un materassino gonfiabile della Camp, visto la mia inesperienza di pernottare in tenda con basse temperature non ci ho pensato, mi sono affidato completamente alla protezione del sacco che è stata insufficiente, mi consola l'idea che non solo stato l'unico ad avere sentito freddo con questo sacco a pelo .......:D
Che materassino leggero ma isolante mi consigliate ?
[...]
therm-a-rest z-lite per uso in tre stagioni (4 etti @ R 2,6)
therm-a-rest neoAir AllSeason per l'inverno(6 etti @ R 4,9), o se hai soldi l'x-therm
Se sei alto 1,80 o piu' consiglio in aggiunta lo z-seat se prendi lo z-lite(quest'ultimo c'e' solo in regular) oppure se prendi l'all season la versione long

ps: belle le prime 2 foto :)
ciao
 
therm-a-rest z-lite per uso in tre stagioni (4 etti @ R 2,6)
therm-a-rest neoAir AllSeason per l'inverno(6 etti @ R 4,9), o se hai soldi l'x-therm
Se sei alto 1,80 o piu' consiglio in aggiunta lo z-seat se prendi lo z-lite(quest'ultimo c'e' solo in regular) oppure se prendi l'all season la versione long

ps: belle le prime 2 foto :)
ciao
ma l'xtherm mi sa di plasticoso e delicato... ho letto in diversi posti che si rompe...
 
ma l'xtherm mi sa di plasticoso e delicato... ho letto in diversi posti che si rompe...
non saprei, io ho l'all season e un mio amico lo z-lite ed entrambi si comportano egregiamente, l'x-therm invece non l'ho mai provato
il mio comunque ci metto sempre per sicurezza almeno la coperta termica fra suolo e materassino quando non sono in tenda/amaca :)
Con lo z-lite l'amico mio ha sentito passare il freddo solo parecchi gradi sotto zero sulla neve, proprio col nightec 600 pro lite
 
Ciao Gianca! io volevo chiederti qualche informazione sui sentieri... ho visto che c'è ancora abbastanza neve, ma i sentieri si riescono a seguire facilmente anche da chi non ci è mai stato o la segnaletica è ancora coperta di neve? altra domanda, per andare a Cima 12 come ti è sembrata la situazione? secondo te potrebbe essere fattibile raggiungere la cima senza attrezzatura particolare ed usando solamente gli scarponi?
Ultima domanda, in che periodo di settembre pensi di fare la translagorai? :) perchè io ci sto pensando abbastanza seriamente (sto iniziando a prepararla facendo varie uscite, ma in realtà non ho ancora deciso se farla o meno)

PS ultimissima domanda :D il piccolo bivacco al bivio italia che vedo in alcune foto in internet è accessibile? perchè mi piacerebbe usarlo in futuro come punto di appoggio per andare a cima 12 dividendo in 2 giorni la camminata (e non portando la tenda dietro potrei portarmi il treppiede per fare qualche foto notturna!)
 
Ultima modifica:
il piccolo bivacco al bivio italia che vedo in alcune foto in internet è accessibile? perchè mi piacerebbe usarlo in futuro come punto di appoggio per andare a cima 12 dividendo in 2 giorni la camminata
A quest'ultima domanda so rispondere anch'io: il bivacco di bivio Italia è una piccola topaia... lo userei più come ricovero d'emergenze che come bivacco per una sosta programmata! In zona cima 12 di bivacchi utilizzabili (ed anche belli) ci sono:
- Biv. busa delle dodese (bel bivacco con tavolato per 4-6 pesone)
- Biv. Bordignon (un po' nascosto, minuscolo ma grazioso bivacco con 2-4 posti letto)
- Biv. Campi Lussi (bel bivacco in legno, spazioso a due piani, vicino a Piazzale Lozze)

KOMPASS.Maps

Lascia stare anche Baita Cuvolin, è una stalla...però vicino c'è una fontanella minuscola ma che può essere la salvezza per l'appovvigionamento d'acqua nel caso di giri da due giorni
 
A quest'ultima domanda so rispondere anch'io: il bivacco di bivio Italia è una piccola topaia... lo userei più come ricovero d'emergenze che come bivacco per una sosta programmata! In zona cima 12 di bivacchi utilizzabili (ed anche belli) ci sono:
- Biv. busa delle dodese (bel bivacco con tavolato per 4-6 pesone)
- Biv. Bordignon (un po' nascosto, minuscolo ma grazioso bivacco con 2-4 posti letto)
- Biv. Campi Lussi (bel bivacco in legno, spazioso a due piani, vicino a Piazzale Lozze)

KOMPASS.Maps

Lascia stare anche Baita Cuvolin, è una stalla...però vicino c'è una fontanella minuscola ma che può essere la salvezza per l'appovvigionamento d'acqua nel caso di giri da due giorni
Grazie per la dritta! Non riesco ad individuare sulla mappa il Bivacco Campi Lussi... Mentre invece tempo fa avevo preso in considerazione il bivacco busa delle dodese ma ho letto su internet che è aperto solo su prenotazione >:( ۞ Altopiano7Comuni - Bivacco Busa delle Dodase e dal numero di telefono sembrerebbe che sia di trento il Sing. Bernardi, quindi per non fare il giro dell'oca per andare a prendere le chiavi sono costretto a scartarlo!
Il bivacco Bordignon invece sembrerebbe in una posizione ragionevole ed anche abbastanza comodo per un eventuale rifornimento d'acqua al fontanello del cuvolin (sperando che non sia a secco! ma in questo periodo non credo!).
 
A quest'ultima domanda so rispondere anch'io: il bivacco di bivio Italia è una piccola topaia... lo userei più come ricovero d'emergenze che come bivacco per una sosta programmata! In zona cima 12 di bivacchi utilizzabili (ed anche belli) ci sono:
- Biv. busa delle dodese (bel bivacco con tavolato per 4-6 pesone)
- Biv. Bordignon (un po' nascosto, minuscolo ma grazioso bivacco con 2-4 posti letto)
- Biv. Campi Lussi (bel bivacco in legno, spazioso a due piani, vicino a Piazzale Lozze)

KOMPASS.Maps

Lascia stare anche Baita Cuvolin, è una stalla...però vicino c'è una fontanella minuscola ma che può essere la salvezza per l'appovvigionamento d'acqua nel caso di giri da due giorni
Grazie per la dritta! Non riesco ad individuare sulla mappa il Bivacco Campi Lussi... Mentre invece tempo fa avevo preso in considerazione il bivacco busa delle dodese ma ho letto su internet che è aperto solo su prenotazione >:( ۞ Altopiano7Comuni - Bivacco Busa delle Dodase e dal numero di telefono sembrerebbe che sia di trento il Sing. Bernardi, quindi per non fare il giro dell'oca per andare a prendere le chiavi sono costretto a scartarlo!
Il bivacco Bordignon invece sembrerebbe in una posizione ragionevole ed anche abbastanza comodo per un eventuale rifornimento d'acqua al fontanello del cuvolin (sperando che non sia a secco! ma in questo periodo non credo!).
Concordo con Paiolo, il bivacchi più decente è quello di Busa delle Dodese, il migliore, pulito e ben fornito di tutto, il bivacco è sempre aperto, non c'è bisogno di chiavi, conviene prenotare solo per saper se è disponibile e non trovarlo occupato da altre persone.
I sentieri sono tutti liberi non c'è problema, gli accumuli di neve cominciano a circa 1.900 mt., il terreno è perlopiù sgombro, cima XII secondo me la puoi fare tranquillamente, ci sono solo alcune lingue di neve nei canali.
Il bivacco Campi Lussi, sulla cartina lo trovi a sinistra della malga Moline e lungo il sentiero 839 che parte dal piazzale delle saline e che va verso il Campigoletti.
La translagorai l'ho programmata per la seconda settimana di settembre, due anni fa ho fatto il tratto dal Rolle al Manghen, quest'anno voglio farla completa :D
 
...E tornando un attimo anche alla Vango Soul 200 (se non si fosse capito mi stuzzica molto... ;) ) ho trovato una interessante recensione di un utente (purtroppo in inglese, spero non sia un problema) che mi saembra ne riassuma molto bene le caratteristiche, e conferma alcune note fatte dallo stesso Gianca (tipo la mancanza di una presa d'aria posteriore...speriamo che nell'edizione 2014 sistemino questo dettaglio); ho evidenziato alcuni punti di rilievo:

"I was curious to see if this tent was a viable tent at this low price. Firstly it has a reputable name, Vango, who have never let me down in the past.

Straight out of the box I could tell the Soul was made out of good polyester and the seams are well taped. The poles are fibreglass, not aluminium, but the tent still weighs just under 2.0 kgs,on my scales - less than many expensive 2 person tunnel tents.

It is put up inner first, but is so quick to slot in the two poles and tie the outer on, in a shower it does not matter too much. The outer streched over the top makes for an extremely stable and tent, making the skeleton rigid, once the guys are in place. The tent does not move much, even in a strong breeze.

The downsides are few. There is front venting, but an extra vent in the rear would be better. The porch is small for two, however it is adequate for one person. When raining the door must be kept partially closed, or water will get in the tent, but I could name many tents like this.

Room wise, as can be seen from a photo, two thermarests will fit in and my 5 ft 8 ins frame can sit up in it.

Yes two people CAN sleep in it. One is better.


This tent is much more than a cheap starter tent. It will give anyone starting backpacking a real feel for the joy of the trail without breaking their wallet
. Well done Vango. This tent is sold everywhere, so you might get it cheaper. Highly recommended."
 

Discussioni simili



Alto Basso