"gli anni in bicicletta sempre in due"

Come certamente avrete capito, il titolo e' la semi citazione di una famosa canzone degli 883 quando Max Pezzali canta " gli anni in motorino sempre in due"
Bene, andare in motorino in 2 era (e'?) illegale, come oggi andarci in bici :D
Cio'detto: avete mai portato passeggeri? come li portate? ( parlo di passeggeri adulti, non bambini)
io ho portato qualche volta una mia amica a fare un giro, seduta sul portapacchi, poi evolutosi con l'istallazione di un vecchio portapacchi da motorino per renderlo piu' comodo, ha anche la maniglia per attaccarsi XD
Sulla canna stile anni '40 mi sembra quasi impossibile: non si riesce ad avere il controllo della bici col passeggero in mezzo alle braccia ( come facevano i nostri nonni? bici dalla geometria diversa?)
Sul portapacchi: la difficolta' e' la partenza, poi in pianura, una volta che la bici e' "lanciata" cioe' ha acquistato un minimo di velocita', il peso dietro quasi non si sente e si va spediti.
Il problema sono le salite; li il peso si sente tutto.. la ripartenza in salita e' la cosa piu' problematica, un trucco puo' essere accostarsi al marciapiede ( se c'e'..) appoggiare il piede destro, mettere le pedivelle parallele alla strada e spingere col sinistro per partire.
Se la bici sbanda causa bassa velocita', giu' un rapporto e pedalare come forsennati :puah: , la mia passeggera in salita si diverte perche' nei momenti di maggior sforzo, anzich' risparmiare il fiato, canto e faccio il verso dell'asino (quale sono, direte voi)
Discese: la cosa piu' bella, occhio a non raggiungere velocita' cosmiche perche' la capacita' frenante del mezzo, causa maggior peso, cala parecchio, quindi un tocco ai freni di tanto in tanto non fa male.
Che altro dire? ovviamente cervello sempre ben connesso e occhi aperti.
P.S. una volta, in zona di Erba, ho sorpassato ( ero in scooter) una bici da corsa: ciclista #1 che pedalava in piedi, ciclista#2 seduto sulla sella con una bici in spalla....
dai, raccontate le vostre esperienze di trasporto passeggeri con mezzi a trazione umana:biggrin:
 
Che bei tempi!! Da noi si faceva spesso, chi aveva la bmx il passeggiero stava in piedi sui tubi (quelle per le acrobazie) attaccati ai mozzi della ruota dietro. Sulle MTB normali invece si pedalava in piedi e il passeggiero seduto sul sellino. Quante volte si cadeva... era più il tempo per terra che sopra alla bici con tutti i ginocchi e i gomiti sgusciati!!!:rofl::rofl::wall: e poi le giornate passate a giocare all'aperto e le mamme che si sgolavano perché la cena era pronta!!
Che ricordi, oggi i bambini in bici li vedo che sembrano professionisti nel mio quartiere alla mia età eravamo sempre fuori a giocare ora invece niente li vedi uno per uno accompagnati dai genitori coi loro borsoni e le tute coordinate... nascondino se glielo chiedi lo cercano nel play store!! Come si è evoluto male il mondo!!
 
Per me la soluzione migliore per andare in due in bici è proprio la pedana posteriore delle bmx. Peccato non averne mai avuta una :-?. In mancanza di quelle, io trasportavo gli amici o il cugino sul portapacchi. Quando si era stancato... le chiappe... egli chiedeva a gran voce il diritto di sellino. E a quel punto si pedalava così.

Da bambina venivo sempre trasportata sul canotto della bici di papà, anche sulle salite più impervie. Da grande ci riprovai a mia volta, ma effettivamente è comodo solo se il trasportato è piccolo. Rimane comunque il ricordo dolcissimo di stare lì, protetta dal suo grande corpo, abbracciata quando la strada era pianeggiante e si poteva reggere il manubrio con una mano sola, rannicchiata sotto il mantello quando pioveva. E poi era facile smontare e rimontare, grande passo di indipendenza rispetto al seggiolino ;).


Sui bambini d'oggi il discorso è lungo e si va off topic. Io ci lavoro insieme quasi tutti i giorni. Io penso che la situazione sia molto varia e dipenda sostanzialmente dalle famiglie d'origine e, secondariamente, dal luogo di provenienza. Certi bimbi nati nei paesi di montagna son molto più autonomi, liberi, sani dei figli della città di 40 anni fa. Molte famiglie di città incominciano a pensare diversamente rispetto a come pensavano i loro genitori 30 anni fa. Io credo che il peggio ce lo siamo presi noi negli anni '80 e '90. A me è andata ancora bene perché son nata in montagna, ma ai miei coetanei di pianura... ::31:: Poi bisogna dire anche che spesso è un problema culturale italiano: appena vi affacciate nei paesi limitrofi, come Svizzera, Germania, Francia, l'approccio educativo cambia radicalmente. Ho lavorato con bimbi francesi e per loro, già a 7 o 8 anni, è normale andare a scuola da soli, cucinare, pulire la casa, uscire autonomamente tutto il pomeriggio per giocare, fare la spesa. Insomma una responsabilizzazione e al contempo una libertà che qui da noi sono impensabili anche per molti 12enni. Il problema è anche che da noi il sistema è pensato per un bambino sempre accompagnato, per giunta in macchina, e la società stessa non è più preparata a gestire un bambino autonomo: a scuola e in palestra non lasciano uscire i bimbi da soli, in farmacia non gli venderebbero neppure i fazzoletti di carta, idem al supermercato, sui mezzi di trasporto il personale non si farebbe mai carico di aiutare un seienne a scendere alla fermata giusta, per non parlare poi della pericolosità delle strade italiane rispetto a quelle del nord Europa, soprattutto per le bici... Vabbé, mi fermo qui, augurandomi di non scatenare il delirio. :help:
 
Ultima modifica:
Questa discussione mi ha rievocato bei ricordi, sarebbe un peccato sciuparla, io non volevo parlare troppo in generale insomma mi riferisco alla mia zona, del resto ho 25 anni non posso parlare di quando ero io bambino come se ne avessi 70 ma la differenza rispetto alla mia generazione la vedo in moltissimi cose e un po mi dispiace... anche perché non sono cambiamenti che condivido...
 
I casi sono due o avevo amici ciccioni o avevo un portapacchi posteriore che faceva schifo perchè le pochissime volte che ho portato qualcuno sulla mia 28" sul portapacchi l'abbiamo letteralmente massacrato. Quando c'era la necessità si portava sulla canna, ma torniamo indietro nel tempo quando le BMX erano ancora una novità in Italia da allora non mi è più capitato e non saprei neanche come fare :)

Sulla graziella, però, il portapacchi permetteva di trasportare, spesso in piedi, qualcuno ..... generalmente per poco se non si sedeva :)

Ciao :si:, Gianluca
 

Discussioni simili


Alto Basso