Alpinismo Gran Zebrù (3857m)

Questa è stata una bellissima esperienza in una delle più affascinanti cime del gruppo Ortles-Cevedale!!! Si tratta di una splendida piramide rocciosa della Valtellina. La sua forma la rende una montagna esteticamente appetibile e alpinisticamente interessante. La sua via normale è però tutt’altro che banale e seppure non oppone difficoltà particolari non va sottovalutata!


Dati

Data: 25-26 giugno 2021
Regione e provincia: Val Furva (SO) - Lombardia
Località di partenza: Rif. Pizzini
Grado di difficoltà: PD+
Descrizione delle difficoltà: pendenze su ghiaccio di 50-55° e cresta finale esposta da entrambi i lati.
Periodo consigliato: inizio estate
Dislivello in salita: +1700m (550 dal Rif. Forni al Pizzini e 1150m dal Pizzini alla cima).
Quota massima: 3857m


Descrizione

Da Santa Caterina di Valfurva si prende una comoda strada che porta al parcheggio del Rifugio Forni. Carico come un ciuccio raggiungo il pianoro dove si trova il Rif. Pizzini, e mi piazzo con la tenda non lontano da esso, accanto ad un altro paio di tende… sembra un mini “base camp”! :p

224440

Il mattino successivo, quando è ancora buio, si parte per un sentiero pietroso indicato da vari grossi ometti che si fa strada verso Nord, in un ambiente quasi lunare di morene e di massi detritici, torrentelli. Si arriva così alla Vedretta di Cedec, detta anche Vedretta del Gran Zebrù. La si attraversa spostandosi gradatamente a destra sino a raggiungere la base di un evidente scivolo nevoso piuttosto ripido. Lo si risale circa nel centro facendo molta attenzione (in estate inoltrata, in caso di poca neve, è facilissimo muovere pietre). Il famoso Col di bottiglia abbastanza ripido e da percorrere con cautela (soprattutto pensando alla discesa).
224442
224443

Dopo circa 200 metri si esce d’improvviso all’aperto in prossimità della “Spalla”. Quindi si piega a sinistra e si comincia la risalita del pendio sommitale. Il panorama ai miei piedi allarga sempre di più… ghiacciai immensi, guglie di roccia, montagne a perdita d’occhio, verdi vallate. Si arriva così alla piccola cresta finale che conduce alla grande croce che troneggia sulla cima.
224441
224444
Dalla cima sembra di poter toccare la mole dell’Ortles, la più alta montagna del massiccio, dall’altra parte la doppia vetta del Monte Cevedale (con la gemella Zufallspitze) rende ancora più affascinante il paesaggio.

Si torna lungo il medesimo itinerario di salita, facendo molta attenzione nei punti ripidi del canalone!
 

Allegati

Ultima modifica:
semplicemente favoloso!
sarà presto meta di un hike, grazie per la recensione.

Peccato che Confortola in questo momento sia sul Gasherbrum, sennò l'avresti incrociato con ottime probabilità!
 
semplicemente favoloso!
sarà presto meta di un hike, grazie per la recensione.

Peccato che Confortola in questo momento sia sul Gasherbrum, sennò l'avresti incrociato con ottime probabilità!
Grazie!
Infatti proprio un paio di settimane fa Confortola ha festeggiato le sue 300 volte sul Gran Zebrù!!!o_O:woot:
 
potrei buttarti lì un weekend di fine agosto - prima metà di settembre..
partenza venerdì dopo lavoro e ci vediamo a Trento, sabato saliamo da Trento a Solda e al Coston, domenica partenza notturna, cresta, cima (sperem!) e rientro a casa..

come la vedi?
 
:cry: Probabilmente sarò in Liguria con la famiglia… forse più a settembre inoltrato (meteo permettendo).
la seconda metà di settembre sono in sardegna ad arrampicare, ma vediamo di dettagliare verso fine agosto!

Ma che ci va a fare su 'sto Gran Zebrù?!? :-?
si allena!
non conosci Marco Confortola?! il cacciatore di 8000!
al momento a quota 11, di cui 5 senza le dita dei piedi (lasciate tutte e 10 sul K2)

un toro dalla Valfurva!
 

Discussioni simili



Alto Basso