Escursione Gruppo Carega - Traversata invernale Cresta Sud

Parchi del Veneto
Parco Naturale Regionale della Lessinia
Data: domenica 18/01/15
Provincia: Vr-Tn
Località di partenza: Revolto
Grado di difficoltà: EE-F
Descrizione delle difficoltà: Uscita in ambiente innevato, su cresta. Passo sicuro, ramponi, picca e allenamento necessari. Consigliabile avere la corda a disposizione. Attenzione alla presenza di cornici.
Dislivello: 800m
Quota massima: 2140m
Accesso stradale: Val d'Illasi SP 10

Premessa, sabato 3 gennaio. Niente di meglio che un salto al Fraccaroli per iniziare l'anno come si deve. Così si parte: l'idea è quella di seguire il valon della Teleferica (sent.108) ma la giornata è così bella che ben presto decido di deviare verso la cresta, giusto per verificarne le codizioni.
La raggiungo in prossimità di una selletta poco oltre cima Madonnina: la neve è quello che è, cioè poca in questo strano inverno: niente cornici, fondo compatto, in poco raggiungo il rifugio e la vicina vetta.
Però, durante il rientro, comincia a girarmi in testa un'idea: percorrere l'intera cresta a partire da passo Pertica seguedo il 108b, ancora mai provata in invernale. Nel corso della settimana il meteo peggiora, piove al piano ma sù è certamente neve.
Si arriva così a sabato, quando il tempo vira nuovamente al bello. Il Carega, finalmente imbiancato, fa lo sborone nel suo nuovo abito bianco, ora già più credibile: domani si va.

Lascio la macchina a Revolto che sono quasi le nove. Non fa freddo, si capisce che sarà una bella giornata anche se il clima è ancora un po'incerto e alla partenza una spolverata di neve mi accompagna fino alla cengia di Pertica, dove attacca il nostro 108.

2015-01-18 11.31.05.jpg


001 2015-01-18 09.48.41.jpg



La salita è tosta, la neve fresca e farinosa. Sono il primo a tracciare dopo le recenti nevicate, sensazione particolare e inesprimibile....

005 2015-01-18 10.16.52.jpg


Sempre bello essere il primo, no? ;)
Beh, a parte loro...loro non contano!

006 2015-01-18 10.11.43.jpg



006a 2015-01-18 11_47_10.jpg



008 2015-01-18 10.20.22.jpg


Superati rapidamente i bastioni d'uscita della ferrata Biasin, guadagno la Costa Media, dove lo spessore del manto nevoso aumenta. Inizia un lungo e inesorabile combattimento con i mughi che, sempre più fitti, si mangiano letteralmentela la via che a tratti bisogna indovinare a "sentimento".
La linea di salita però è abbastanza logica e gli eventuali dubbi fugati da qualche sporadico segno che emerge ogni tanto, nonchè dalle tracce dei camosci. Loro sanno dove si passa.

009 2015-01-18 10.19.46.jpg


010 2015-01-18 10.21.34.jpg


011 2015-01-18 11.09.47.jpg


0015 2015-01-18 12.31.49.jpg


L'ultimo tratto, prima di guadagnare la cresta, è il più duro: ora si affonda fino al ginocchio e la pendenza si fa davvero impegnativa. Ma l'ambiente in cui sono immerso ripaga della fatica, che presto si dimentica.
Gli spiriti della montagna sono favorevoli, e il sole diventa un piacevole compagno d'ascesa.

012 2015-01-18 11.11.19.jpg


013 2015-01-18 11.27.30.jpg


014 2015-01-18 11.27.56 (1).jpg


018 2015-01-18 11.48.26.jpg


Ecco il filo della nostra cresta, che appare ingannevolmente vicino: a destra, illuminata dal sole, cima Madonnina.

017 2015-01-18 11.39.02.jpg


019 2015-01-18 12.52.45.jpg


Poco prima di raggiungere i ruderi di una baracca nei pressi della cava abbandonata, breve sosta per bere un the caldo.
Mi raggiunge un gruppetto di ragazzi salito per la stessa via, che si complimenta con me per aver battuto da solo la pista.
Il nonno se la cava piuttosto bene! :lol:

Di fatto, da qui in avanti proseguiamo assieme. Ecco cima Tibet, siamo finalmente sulla cresta:

020 2015-01-18 12.55.51.jpg


021 2015-01-18 13.04.35.jpg


Particolare di una bandierina tibetana: Lung-Ta, cavallo del vento.

022 2015-01-18 12.59.58.jpg


024 2015-01-18 12.58.11.jpg


025 2015-01-18 12.58.38.jpg


026 2015-01-18 13.07.33 (1).jpg


023 2015-01-18 13.03.44.jpg


027 2015-01-18 13.40.54.jpg


Le condizioni sono diverse rispetto a due settimane fa, si è formata una discreta cornice ed occorre fare un po' di attenzione a dove si mettono i piedi.
L'atmosfera cambia repentinamente e siamo in breve avvolti dalle nubi, in un gioco mutevole di luci ed ombre surreale e magnifico.
Davvero chi non frequenta le terre alte non può capire...

028 2015-01-18 14.13.54.jpg


029 2015-01-18 14.14.01.jpg


030 2015-01-18 14.14.11.jpg


031 2015-01-18 14.14.22.jpg


In breve siamo a cima Madonnina, superiamo un altro paio di cime innominate fino a raggiungere un punto delicato in cui la cresta si restringe a fronte di un rapido aumento della pendenza ai due lati.
Due settimane prima di lì ero passato senza problemi disarrampicando su facili roccette: oggi invece si sprofonda per tutta la lunghezza della gamba in neve fresca non trasformata. Il rischio di smuovere lo strato nuovo su quello sottostante e andar giù è reale, la picca sarebbe inutile a frenare la caduta in queste condizioni. Riflettiamo per qualche minuto sul da farsi ma alla fine si decide, non senza qualche rimpianto, di non rischiare.
Per il ritorno siamo scesi dalla selletta sotto la Madonnina (da dove ero salito la volta precedente) fino ad incrociare il sentiero della Teleferica poco prima della forestale, per chiudere con un logico anello a Revolto.
Rifare l'andata a ritroso lottando coi mughi sarebbe stato troppo. :puah:


Alla prossima ;)
 
Ultima modifica:
Qualche foto della prima uscita del 3/1 :

2015-01-03 13.01.09 (1).jpg

Rocchetto di filo spinato, gavette, pala (reperti della Grande Guerra)

2015-01-03 13.12.50 (1).jpg

Rifugio Fraccaroli da cima Carega

2015-01-03 13.11.55.jpg

Croce di vetta

2015-01-03 13.13.44 (1).jpg

Graffito sulla cima

2015-01-03 13.38.20.jpg

Vallone della Teleferica
 
veramente molto entusiasmanti le creste invernali, come dimostrato dalle foto della vostra meravigliosa uscita..bravi!
Io forse, giusto per non trarre in inganno coloro che magari in montagna d'inverno vanno poco, avrei classificato il percorso di cresta come F-..ma sono sottigliezze.
Grazie della condivisione, veramente bravi..molto bello il Carega.
 
Grazie mille, Gianca e Alex....

Per quanto riguarda il grado di difficoltà, in effetti, forse un F per il tratto in cresta ci può stare. Cornici, ramponi, picca: e anche uno spezzone di corda al seguito non sarebbe stato una cattiva idea. Approvato e corretto :si:
 
Bella cresta, complimenti! Il posto ha un sicuro fascino, lo terrò a mente per quando passerò di lì. Avete fatto bene a non rischiare, la neve fresca e non portante in cresta è piuttosto infida. Anch'io quest'inverno ho dovuto rinunciare a diverse creste integrali proprio per questo motivo.
 
Grazie...brava: come si dice, le montagne non scappano! Penso che il posto ti piacerà...
Nel frattempo sono stato io in Lombardia una settimana fa: per cascate in Val Paghera, davvero bello. Prima montagna lombarda per me ;)
 
Nel frattempo sono stato io in Lombardia una settimana fa: per cascate in Val Paghera, davvero bello. Prima montagna lombarda per me ;)
Hai iniziato dal meglio! La val Paghera è famosa per le cascate! Io sul ghiaccio verticale sono ancora all'inizio, non ho mai fatto una cascata integrale, solo qualche salto ghiacciato su canali/misto. Tu hai fatto Albero?
 
Per me debutto assoluto su ghiaccio...era un "ice test day" con guide alpine. Loro hanno attrezzato le soste, per salire in moulinette alternandosi a fare sicura. Bellissima esperienza, e bel posto davvero...
 
Ultima modifica:

Discussioni simili



Alto Basso