Ho fatto l'orto invernale

Ho sempre avuto l'orticello in famiglia e da quando mi son trasferito continuo a farlo per conto mio. Orticello che, anche se uso sempre il diminutivo, in realtà è un bell'orto ed ospita solitamente almeno 300 piante. Lo faccio in primavera per la raccolta estiva solo perché con più ore di luce posso dedicargli qualche oretta ogni sera.
Questa volta ho deciso di fare anche quello invernale ma ho un po' esagerato. Ogni tanto con mio padre ci vengono le bell'idee... quelle famose, quelle che molto spesso sono quel passo più lungo della gamba :biggrin: e così abbiamo deciso di fare questo
IMG-20180913-WA0000.jpeg


Dove di piantine ce ne sono 3300 circa. divise equamente in verza liscia, riccia e cavolfiore romanesco :biggrin:
 
:biggrin: diciamo che di verdure ne mangio tante ma l'idea sarebbe quella di venderle, magari all'ingrosso. Questo è più che altro un impianto pilota per stimare i costi di produzione e tastare il mercato. Alla fine si faranno i conti e si vedrà. Alla peggio riempio il mercatino di avventurosamente di cavoli invece di piccozze :rofl:
 
:biggrin: diciamo che di verdure ne mangio tante ma l'idea sarebbe quella di venderle, magari all'ingrosso. Questo è più che altro un impianto pilota per stimare i costi di produzione e tastare il mercato. Alla fine si faranno i conti e si vedrà. Alla peggio riempio il mercatino di avventurosamente di cavoli invece di piccozze :rofl:
Checché se ne pensi, la parte piu difficile è la commercializzazione, per la produzione basta tanta fatica e un po di esperienza...
 
in bocca al lupo per il progetto, se ti va bene pensa ad investire un minimo su un irrigazione localizzata, spendi/sprechi meno ma soprattutto avrai meno problemi con le infestanti, per contenere quest'ultime puoi valutare tappeti o strisce pacciamanti in polietilene preforate, con esse aiutarerai anche uno sviluppo radicale di superficie maggiore e userai meno acqua, usando un telo bianco nero poi aumenteresti la luce riflessa a tutto vantaggio delle piantine.
 
Vedi l'allegato 177902
Quasi 10.000 euro in piantine di datterino, il vivaio e l'azienda sementiera hanno di certo guadagnato, noi staremo a veder....

Intanto domani il trapianto e sveglia alle 04:30...
Io in confronto a te ho fatto l'orticello per davvero!!! Avete la trapiantatrice al trattore immagino. Quello dell'irrigazione è un problemaccio in effetti. Abbiamo scartato l'impianto a goccia solo per via dei costi e solo per questa volta però è da fare.

Questo è l'accrocco autocostruito per innaffiare mentre stavamo trapiantando
IMG_20180907_180812.jpg
 
Io in confronto a te ho fatto l'orticello per davvero!!! Avete la trapiantatrice al trattore immagino. Quello dell'irrigazione è un problemaccio in effetti. Abbiamo scartato l'impianto a goccia solo per via dei costi e solo per questa volta però è da fare.

Questo è l'accrocco autocostruito per innaffiare mentre stavamo trapiantando
Vedi l'allegato 177918
una rottura, ma ingegnoso e ben meglio degli irrigatori da campo, beh per la mia famiglia e per quella di mio padre (che poi è la stessa) è il lavoro principale dai tempi di mio nonno e che regge le famiglie, per cui tu e tuo padre state già andando oltre il "dovuto"... vi faccio i miei migliori auguri

trapianto a mano su sacchi di fibra di cocco su fuorisuolo in serra, il trapianto in se è rapido, tutto ciò che viene prima invece ricgiede un impegno economico e di tempo ben più influente.

ogni piantina costa poco piu di un euro piu iva, a parte esser impossibile una piantumazione meccanica in quel contesto, col piffero che lascerei quelle piantine in mano a dei sistemi meccanizzati, poi del resto è un azienda di famiglia con in più un paio di operai e non una distesa canadese di un miliardiario...
 
Ammazza!!! Un'euro a piantina! Come mai cosi tanto? Sono particolari?
sono una varietà di datterino con svariate resistenze a patogeni, innestate su piante con altre resistenze sull 'apparato radicale e successivamente cimate per farne 2 spalle distinte.

domani vado a prender delle piante di pomodoro cuore di bue per un altro trapianto.


visto la quantità "limitata" iniziate ad informarvi per la distribuzione diretta in ristoranti, attività di ristorazione e rivendite locali, serve meno fatica di produrle, un tempo di poco superiore, ma i guadagni son ben altri rispetto all'ingrosso per la GDO.
 
Si, stiamo gia prendendo contatti. In realtà la mia idea sarebbe l'ingrosso solo perché ho gia il mio lavoro e quindi sarebbe difficile conciliare una vendita al dettaglio soprattutto per le tempistiche. Certo per l'ingrosso 3000 piante non son niente ma volevo fare una stima dei costi reali di produzione per poterne mettere di più negli anni futuri.... se conviene. Considera che ora le piantine occupano circa un quinto del terreno disponibile ed il sesto di impianto è molto più ''largo'' di quello necessario e sufficiente solo perché con il nostro trattore attuale non potevamo far di diversamente. Poi se a qualcuno della mia famiglia piace l'idea nulla vieta di provare a vendere una quota del raccolto al dettaglio. Tu, giusto per curiosità, come li vendi?
 
. Tu, giusto per curiosità, come li vendi?
generalmente spediamo ai mercati ortofrutticoli italiani tramite una piccola società agricola di cui siam cofondatori e che si occupa della logistica, poi qui a Vittoria Rg ci sta uno dei mercati piu grossi d'italia, che poi è un insieme di operatori con i propri box che si occupano di spedire in italia e all'estero.
sempre all'ingrosso, qui son migliaia le aziende agricola piu o meno attigue, per cui distribuire localmente avrebbe poco senso a meno di ridurre e differenziare parecchio la produzione.
per la quantità non potrai far un contratto diretto con la coop ad esempio, ma puoi portar ad esempio al mercato di Fondi anche quantità piu esigue o affidarti a degli operatori locali che se ne occupino.
poi non conosco la realtà della zona, magari ci son vari mercatini giornalieri di coldiretti et similia o validi mercati equo/solidali, ma ovviamente richiedon piu tempo che vender un unica partita ad un grossista.
 
diciamo che di verdure ne mangio tante ma l'idea sarebbe quella di venderle, magari all'ingrosso. Questo è più che altro un impianto pilota per stimare i costi di produzione e tastare il mercato. Alla fine si faranno i conti e si vedrà. Alla peggio riempio il mercatino di avventurosamente di cavoli invece di piccozze
Già che ci sei puoi allargarti ai "piatti pronti" dove del resto sei già esperto : dai cavoli alle...cavolate :p. Belle fumanti :biggrin:
 
Bellissimo, a me i cavoli/cavolfiori sono stati attaccati dalla cavolaia, una guerra...., ma è possibile che avessero già le larve? perchè li abbiamo piantati in due campi distanti tra loro 20 metri e tutti erano impestati.
 

Discussioni simili



Contenuti correlati

Alto Basso