Trekking Il cammino dei Borghi Silenti

Io devo ancora farlo, spero nei prossimi mesi, cmq a che io ho comprato tutto x gli stessi motivi. Noi camminatori lasciamo poci sul territorio che ci accoglie, questo è proprio il minimo perché restino percorsi accessibili e curati.
 
Io devo ancora farlo, spero nei prossimi mesi, cmq a che io ho comprato tutto x gli stessi motivi. Noi camminatori lasciamo poci sul territorio che ci accoglie, questo è proprio il minimo perché restino percorsi accessibili e curati.
Mi unisco alla discussione. Trovo il pagamento relativo all'aggiornamento squallido e scorretto. Premetto che il sottoscritto ha acquistato le credenziali lo scorso anno ma per vari motivi non è più partito. Aprile/maggio spero di poterlo intraprendere.........magari avrò la fortuna di incontrare qualcuno e poter condividere (se non l'intero cammino), due "chiacchiere"....
 
Mi indispone questo modo poco ''simpatico'' di fare cassa.
Non solo un novello camminatore, ho fatto molti cammini ma è la prima volta che trovo una situazione di questo tipo.
Ad esempio nel sito del Cammino dei Briganti o in quello della via del Tratturo c'è tutto o quasi( e parliamo di due piccoli cammini partiti da niente), gratuitamente concesso ai viaggiatori e in più per chi vuole c'è la guida ufficiale a pagamento.
 
Per l'organizzazione e l'efficienza perfetta di questo cammino dare un contributo per la guida mi sembra il minimo. Certo il dover ripagare per avere le informazioni più aggiornate non è una gran cosa, su questo dovrebbero avere più elasticità.
 
Ultima modifica:
Mi indispone questo modo poco ''simpatico'' di fare cassa.
Non solo un novello camminatore, ho fatto molti cammini ma è la prima volta che trovo una situazione di questo tipo.
Ad esempio nel sito del Cammino dei Briganti o in quello della via del Tratturo c'è tutto o quasi( e parliamo di due piccoli cammini partiti da niente), gratuitamente concesso ai viaggiatori e in più per chi vuole c'è la guida ufficiale a pagamento.
Ti è stato spiegato il perché…non è un’iniziativa che parte dal basso, con dei volontari che hanno costituito un’associazione per creare, promuovere e mantenere il cammino (come ad esempio per il Cammino dei Briganti) ma è un iniziativa privata, nata dalla mente di un singolo cittadino che di professione fa la guida escursionistica e al quale è stato demandato il compito di gestire la promozione e la rete delle strutture convenzionate…E’ chiaro che, fintanto che gli risulterà possibile, cercherà di trarre un profitto dal suo lavoro…ne più ne meno di quello che fa un consulente: ti spiega le cose, ti da dei consigli e stacca la parcella ;)
 
Ti è stato spiegato il perché…non è un’iniziativa che parte dal basso, con dei volontari che hanno costituito un’associazione per creare, promuovere e mantenere il cammino (come ad esempio per il Cammino dei Briganti) ma è un iniziativa privata, nata dalla mente di un singolo cittadino che di professione fa la guida escursionistica e al quale è stato demandato il compito di gestire la promozione e la rete delle strutture convenzionate…E’ chiaro che, fintanto che gli risulterà possibile, cercherà di trarre un profitto dal suo lavoro…ne più ne meno di quello che fa un consulente: ti spiega le cose, ti da dei consigli e stacca la parcella ;)

Esatto e francamente pago ben volentieri: traccia gps impeccabile con tanto di punti acqua, punti di interesse, punti ristoro. Rete di ospitalità nettamente superiore al tanto osannato Cammino dei Briganti con prezzi molto più popolari. In alcuni casi ho pagato 25 euro in stanza privata con bagno in camera e negli ostelli comunali costa ancora meno. Nel cammino laziale-abruzzese si paga sempre sopra i 30-35 con punte di 50 se si è soli e fino a un mese fa non fornivano nemmeno le lenzuola obbligando al sacco a pelo. In aggiunta si trova il menu del pellegrino quasi in ogni tappa, un numero di assistenza a cui rivolgersi in qualsiasi momento all'occorrenza, una segnatura a dir poco straordinaria con segnaletica dedicata di una frequenza imbarazzante e con addirittura segni di dissuasione sulle vie da non prendere, un posto auto custodito a 5 euro per l'intero cammino se se ne vuole usufruire (e non è obbligatorio ovviamente).
D'accordo l'essere "pellegrini" ma se non si è disposti a pagare nulla non si deve allora pretendere nulla e quindi sono più indicate le alte vie in autonomia. Che poi volendo un minimo sbattersi le tracce gps si trovano facilmente su varie app e le ospitalità sono in gran parte su google o booking, certo poi non si pretenda di avere trattamenti da pellegrini.
 
Pienamente d'accordo. Bisogna anzi essere grati a chi fa questo servizio in modo preciso come in questo caso.
Se non si è disposti a riconoscere una cifra, tutto sommato accettabile, per il lavoro svolto, si può sempre scegliere di fare in autonomia.

Sono d'accordo, se confermato, che per l'aggiornamento informazioni (a chi ha già acquistato la guida) sia fuori luogo chiedere altri soldi.
 
@mezcal @southrim mi pare di capire dalla discussione che siete stati molto felici dell'esperienza. Domanda tecnica: a livello di difficoltà come valutate il tutto? Fattibile per chi è quasi a secco di montagna/cammini?
Tolto il mio gruppetto "base", questo cammino mi sembra ragionevolmente accessibile da poter proporlo a qualche altro amico più schiappa.
 
@mezcal @southrim mi pare di capire dalla discussione che siete stati molto felici dell'esperienza. Domanda tecnica: a livello di difficoltà come valutate il tutto? Fattibile per chi è quasi a secco di montagna/cammini?
Tolto il mio gruppetto "base", questo cammino mi sembra ragionevolmente accessibile da poter proporlo a qualche altro amico più schiappa.
Ti rispondo in tempo reale da Baschi ;)

Domani noi affrontiamo l'ultima tappa e, salvo la ascesa alla Pania della Croce (seconda tappa da Melezzole a Morre) e la salita dall'Eremo della Pasquarella a Scoppieto (meno di due chilometri con pendenze del 30%) il resto dell'itinerario si svolge sostanzialmente tutto su strade sterrate o asfaltate poco trafficate.
Noi lo stiamo percorrendo con un bimbo di 6 mesi e un bimba di 4 anni che cammina autonomamente dai 7 ai 10 chilometri al giorno
 
Ultima modifica:
Visto che io lo sto programmando per il ponte del 25 aprile e tu hai l'esperienza fresca, puoi darmi dritte sui posti per dormire a Tenaglie, Melezzole, Morre, Baschi? Grazie
 
Ti rispondo in tempo reale da Baschi ;)

Domani noi affrontiamo l'ultima tappa e, salvo la ascesa alla Pania della Croce (seconda tappa da Melezzole a Morre) e la salita dall'Eremo della Pasquarella a Scoppieto (meno di due chilometri con pendenze del 30%) il resto dell'itinerario si svolge sostanzialmente tutto su strade sterrate o asfaltata poco trafficate.
Noi lo stiamo percorrendo con un bimbo di 6 mesi e un bimba di 4 anni che cammina autonomamente dai 7 ai 10 chilometri al giorno
Wow grazie mille, non mi aspettavo di beccare qualcuno con l'esperienza COSÌ fresca :woot:


A questo punto approfitto, a che punto è la primavera lì? Ho visto video per ogni stagione, ed è sempre bello, ma una fonte diretta vale oro. Intendo proprio la natura, come sta messa in questo periodo li?
 
Ultima modifica:
Ragazzi, grazie delle idee, ho deciso e mi organizzo per farlo in mtb in tarda primavera.
vediamo cosa ne viene fuori :)
--- ---

io non ho preso guide, mi organizzerò in qualche modo, alla buona, anche perchè andando in bici, è tutto molto più rapido
 
Grazie mille. Il primo e il terzo erano quelli che avevo adocchiato
20220325_141608.jpg
 
Visto che io lo sto programmando per il ponte del 25 aprile e tu hai l'esperienza fresca, puoi darmi dritte sui posti per dormire a Tenaglie, Melezzole, Morre, Baschi? Grazie

Dunque noi abbiamo dormito qui:

- Non abbiamo soggiornato a Tenaglie ma ci siamo spostati a Montecchio (2,5km): B&B “la Casa di Benvenuto”, molto carina, pulita e curata - 70€ x due adulti e due bambini
- Melezzole: abbiamo dormito appena fuori dal centro storico al donativo “Harmony”, un appartamento (certamente non moderno ma nemmeno fatiscente) a nostra disposizione, pulito e con colazione inclusa. Cucina attrezzata e funzionale, bagno con lavatrice, una camera matrimoniale ed una con due singoli. Materasso del matrimoniale molto buono, meno quello dei singoli. Abbiamo sofferto un po’ il freddo perché non era stato preventivamente riscaldato.
- Morre: abbiamo dormito in pieno centro di fronte alla chiesa, al donativo “Welcome Morre”. Appartamento su tre piani curato e pulito, cucina non disponibile, bagno nuovissimo, una camera con due singoli e una con un matrimoniale in mansarda. Martina è una donna eccezionale, ci ha accolto come se fossimo la sua famiglia e ci ha coccolato per mezza giornata addirittura accompagnandoci in macchina ad un agriturismo li vicino e venendo a riprenderci quando abbiamo finito di cenare. Consigliatissimo! PS: offre anche delle piazzole per tende nel suo giardino.
- Baschi: abbiamo soggiornato al donativo “La casetta della nonna“ appena fuori dal centro storico. Appartamento pulito e di dimensioni generose, cucina buona giusto per preparare una colazione, bagno con lavatrice ma doccia piuttosto scalcinata, due camere matrimoniali (ma a noi ne ha aperta una soltanto, forse per non dover riscaldare tutto l’appartamento) con materassi a fine vita tecnica…la signora è molto gentile e disponibile, ma la casa avrebbe bisogno di qualche intervento di manutenzione.

Wow grazie mille, non mi aspettavo di beccare qualcuno con l'esperienza COSÌ fresca :woot:


A questo punto approfitto, a che punto è la primavera lì? Ho visto video per ogni stagione, ed è sempre bello, ma una fonte diretta vale oro. Intendo proprio la natura, come sta messa in questo periodo li?

La primavera è piuttosto avanti; i ciliegi sono in fiore, hanno sostanzialmente già completato la potatura degli ulivi e i campi si colorano di verde nonostante non piova da quattro mesi. Noi abbiamo goduto di una settimana molto favorevole dal punto di vista metereologico: un po’ di vento il primo giorno e mezzo, poi da Morre solo belle temperature tanto che ho addirittura accorciato i pantaloncini modulari.

Per tutti gli interessati conto di condividere nei prossimi giorni un piccolo resoconto, anche fotografico, di questo cammino, così da aggiornare un po’ di informazioni e condividere la nostra esperienza di cammino con bambini piccoli.
 
@mezcal @southrim mi pare di capire dalla discussione che siete stati molto felici dell'esperienza. Domanda tecnica: a livello di difficoltà come valutate il tutto? Fattibile per chi è quasi a secco di montagna/cammini?
Tolto il mio gruppetto "base", questo cammino mi sembra ragionevolmente accessibile da poter proporlo a qualche altro amico più schiappa.
Non mi è sembrato particolarmente duro (fatto in 4 giorni), e penso che è fattibile anche per chi è a secco di montagna/cammini. Le salite non sono ripidissime e sono abbastanza agevoli (ho fatto tutto il cammino con sandali tipo Teva senza calze)
Essendo un anello abbastanza articolato potete tagliare in alcuni punti e abbreviare i km.
 
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso