Recensione Il coltello survival..i tempi cambiano..non per tutti..

Ciao a tutti, nel corso degli anni la passione per i coltelli e per le lame mi ha portato a provare numerosi tipi di coltelli, chiudibili, fissi, full tang, hidden tang etc..etc..
Da qualche anno a questa parte mi sono trovato a rivalutare dei coltelli che nei tempi recenti da molti su forum e gruppi venivano sempre sconsigliati e cioè coltelli a manico cavo definiti alla Rambo, come coltelli da sopravvivenza e per gestire situazioni impreviste.
A parer mio su questo argomento c è una confusione enorme, i manici cavi vengono considerati tutti in egual modo sia quelli di livello che le copie cinematografiche e si fa spesso confusione tra un coltello da sopravvivenza e un coltello da campo che sono secondo me due cose ben distinte.
Qualcuno considera ogni coltello un coltello da sopravvivenza ma non è cosi, se è vero che ogni coltello può fungere come strumento da sopravvivenza non tutti i coltelli sono un coltello da sopravvivenza.
Un coltello da sopravvivenza è un coltello in grado portando solo quello strumento(sopravvivenza implica situazione non prevista no patch, no kit extra, etc) di darti le maggiori probabilità di sopravvivere in una situazione imprevista in natura.
Usando e essendomi appassionato sulla storia di questa tipologia di coltelli ad oggi quando giro per boschi è questo il coltello che maggiormente porto con me, pur avendo molti coltelli da campo full tang.
In moltissime occasioni mi è tornato utile, dalle uscite in estate a quelle in pieno inverno, il coltello in situazioni reali di necessità un riparo o un fuoco non ha mai dovuto essere sollecitato più del dovuto o usato come cuneo e sempre ha svolto i suoi compiti portando a termine il lavoro, altre volte invece i piccoli materiali contenuti nel suo kit si sono rivelati oro quando un imprevisto o una dimenticanza si presentavano, sbrogliando situazioni dove anche il coltello più robusto del mondo sarebbe stato poco utile o comunque poco determinante.
Il coltello da sopravvivenza è un coltello, che oltre a svolgere l importante ruolo del coltello, porta con se quasi incorporati, le risorse preziose di altri piccoli strumenti, come una bussola per orientarsi, materiale per il fuoco, piccoli oggetti per automedicazione, materiale per potabilizzare acqua, filo per legature o pesca, tutte cose che potrebbero essere presenti si, ma con un accurata preparazione a monte e spesso con un patch o un contenitore extra ingombrante o separato dal coltello stesso.
Il fatto di avere queste risorse nel coltello samplifica le potenzialità e l utilità di questo strumento.
Infine, la vera origine di questo coltello non nasce dal film Rambo, bensì dalla richiesta di un militare medico operante sugli elicotteri in vietnam, all' azienda Randall nel lontano 1963..che in caso di necessita permettesse al soldato di sopravvivere in terriororio ostile fino al raggiungimento di soccorsi, quindi di cinematografico c' era ben poco.
Qui potete vedere situazioni dove uno dei miei coltelli è stato impiegato e dove da solo è stato sufficiente per affrontare piccole e grandi necessità in natura.
Resta imprescindibile il fatto che la nostra mente e la nostra conoscenza restano le migliori risorse per la sopravvivenza.
 

Allegati

Visto che non siamo in guerra gli oggetti nel manico sarebbero il piano b/c... Non so, uscire solo con quello per scelta mi sembra un po' stiracchiato...poi se il piano A mi viene portato via in un fiume e mi rimane solo quello può fare la differenza fra un we da incubo e una bella avventura...
 
Visto che non siamo in guerra gli oggetti nel manico sarebbero il piano b/c... Non so, uscire solo con quello per scelta mi sembra un po' stiracchiato...poi se il piano A mi viene portato via in un fiume e mi rimane solo quello può fare la differenza fra un we da incubo e una bella avventura...
Hai perfettamente ragione ma in ciò che hai svritto c è esattamente il concetto di sopravvivenza, una situazione imprevista, lo zaino scivola, cade in un burrone o in un fiume, resti senza nulla, oppure spesso io giro col quad non sempre mi porto di tutto e di più per fare un giro che presumo di 3-4 ore..diverso giustamente come dici l uscita prevista, il materiale ben organizzato il coltello, il patch, l ascia, il seghetto il kit medico etc etc..resta comunque questo coltello anche in quel caso uno strumento di back up ulteriore.
 
Giusto. Avere un coltello abbastanza robusto in acciaio inox semplifica molto i lavori in natura. Anche senza andare su coltelli specifici da sopravvivenza o bushcraft.
 
Ancora prima di leggere il testo avevo capito di che coltello parli!
Apprezzo il post: l'Aitor Jungle King è stato uno dei miei primi coltelli da scout e, nei primi anni 90, nell'Esercito.
Sono anch'io appassionato di coltelli militari e ho cominciato ad avvicinarmi alle lame collezionando appunto baionette e coltelli militari di tutti gli eserciti (NDR ho il porto d'armi da collezione, a scanso di equivoci).
Questo non è un coltello "militare" in senso stretto, ovviamente, ma lo è diventato in pratica grazie alla storia che racconti e al film di Stallone, volenti o nolenti. Che interpreta un personaggio di reduce appunto dal VietNam, in particolare operatore delle SF, pertanto uno dei più accreditati per portarsi a casa un "giocattolo" fuori ordinanza di quel genere.
Lo stesso Palkiewicz (che Dio lo abbia in gloria) agli esordi lavorava con un coltello simile.
Purtroppo l'ho venduto ad un collega straniero durante un'esercitazione in Norvegia nel 1994, e poi, per i casi della vita, non ho più pensato a riprendermelo.
Niente a che fare comunque con le banali imitazioni da poco prezzo, era un gran coltello. E sicuramente fa parte di una famiglia di coltelli molto particolare, non per tutti e non per tutto.
 
Ancora prima di leggere il testo avevo capito di che coltello parli!
Apprezzo il post: l'Aitor Jungle King è stato uno dei miei primi coltelli da scout e, nei primi anni 90, nell'Esercito.
Sono anch'io appassionato di coltelli militari e ho cominciato ad avvicinarmi alle lame collezionando appunto baionette e coltelli militari di tutti gli eserciti (NDR ho il porto d'armi da collezione, a scanso di equivoci).
Questo non è un coltello "militare" in senso stretto, ovviamente, ma lo è diventato in pratica grazie alla storia che racconti e al film di Stallone, volenti o nolenti. Che interpreta un personaggio di reduce appunto dal VietNam, in particolare operatore delle SF, pertanto uno dei più accreditati per portarsi a casa un "giocattolo" fuori ordinanza di quel genere.
Lo stesso Palkiewicz (che Dio lo abbia in gloria) agli esordi lavorava con un coltello simile.
Purtroppo l'ho venduto ad un collega straniero durante un'esercitazione in Norvegia nel 1994, e poi, per i casi della vita, non ho più pensato a riprendermelo.
Niente a che fare comunque con le banali imitazioni da poco prezzo, era un gran coltello. E sicuramente fa parte di una famiglia di coltelli molto particolare, non per tutti e non per tutto.
Ti ringrazio, ho sentito di molti che lo hanno usato sotto le armi, io sono da sempre appassionato di coltelli e di outdoor ho moltissimi coltelli di tutti i generi e di tutte le costruzioni, sono stato sempre attirato dai manici cavi ma poi seguendo forum etc venivano sempre sconsigliati e per molto tempo non ne presi uno..
Ho e ho avuto tra le mani coltelli di marche molto più moderne e "famose" poi ho deciso un giorno di prendere questa vecchia gloria e da li poi mi sono appassionato, oggi ho alcuni tra i più famosi coltelli a manico cavo in circolazione, reeve, randall, neeley e perfino Lile..sono coltelli che se realizzati bene, per me hanno il loro senso e la loro utilità se ti trovi tu il tuo coltello e poco altro nella natura.
Con l aitor che è quello che ho usato e uso di più io ci ho fatto davvero tante cose, dal pescarci qualche trota, a potabilizzare acqua, a medicare vesciche, orientarmi etc..etc..non escludo gli altri coltelli ma ancora oggi questo genere resta uno dei miei preferiti per escursionismo e per l' avventura.
 
Un giorno di qualche anno fa, quando ero ancora un giovane bischero, aprì una rivista di armi e c'era un articolo che presentava una 1911 in calibro .357M, più precisamente, la Coonan .357, me ne innamorai subito ...... ma come tante cose di allora amore e portafoglio (o più semplicemente la realtà) non andavano a braccetto ....... subito dopo c'era la pubblicità di un coltello "con le ancorette"...... IL BUCKMASTER 184 :wub:

224200


La Coonan, anni dopo, ebbi la possibilità di concretizzare ma non la comprai, preferì un'altra semiautomatica sempre in .357 ma anche in .44 ....... MA il buckmaster è ancora lì che mi aspetta e prima o poi ......

Della Aitor ho una vecchia accetta tutta in metallo (ribatezzata carlotta) che mi regalò buon anima di mio nonno ed un Oso Blanco.

Ciao :si:, Gianluca
 
Mi ci sono avvicinato da ragazzo, ma i prodotti spagnoli, come peraltro molti italiani, mi hanno sempre indotto parecchia diffidenza. Già allorà ero prevenuto nei confronti del punto di giunzione lama impugnatura e lo sono ancora oggi, gli unici che vedo interessanti a livello di manici cavi con con fine di contenere cose sono per me i Chris Reeves e gli Schrades costruiti su licenza CR e recensiti da GrrenGabri qui su avventurosamente.
 
Mi ci sono avvicinato da ragazzo, ma i prodotti spagnoli, come peraltro molti italiani, mi hanno sempre indotto parecchia diffidenza. Già allorà ero prevenuto nei confronti del punto di giunzione lama impugnatura e lo sono ancora oggi, gli unici che vedo interessanti a livello di manici cavi con con fine di contenere cose sono per me i Chris Reeves e gli Schrades costruiti su licenza CR e recensiti da GrrenGabri qui su avventurosamente.
Eppure anche se i monolitici sembrano più robusti non sono i più robusti...e lo dico da ppssessore di reeve..il problema non è il punto di giunzione ma il bisello concavo molto sottile..
Gli Aitor sono tra i cavi più robusti, io col 2 ho fatto tutto ciò che serviva anche del chopping abbastanza intenso è ancora solido come una roccia l 1 avendo anche il manico in acciaio è ancora più robusto...poi c è il boker apparo sistema martin newton, ti invito a vederne qualche video, inoltre il buon caro glock..non è altro che un manico cavo...il codolo arriva a meno di metà lama..eppure...dipende come vengono fatti..
 
Con tutto il rispetto, ma non è una caratteristica legata al modello? Perché di modelli di lama ce ne sono vari nella produzione CR
R.....
 
Le bisellature sui monolitici sono quasi le stesse dallo shadow al project..al bisello a parer mio resta molto sottile, quindi paradossalmente il problema non è la giunzione lama manico ma la lama a essere il punto più fragile..ma ovviamente parliamo di abusi..chopping spinto e batoning..restano comunque dei coltelli robusti..questo è l apparo..durante i test böker ci ha impresso un carico di 600 kg..la lama si è rotta il raccordo no..
 

Allegati

Discussioni simili



Alto Basso