Trekking Il Grande Anello della Valle Majelama

Parchi d'Abruzzo
Parco Regionale Sirente-Velino
Effettuato 8 e 9 ottobre 2011 da Velinosirente Falco e Camilla
con pernotto nel locale invernale del Rifugio Sebastiani

1° giorno:
Peschio Rovicino 1133 - Bivio Valle Genzana 1420 - Vado di Roscia Grande 2042 - Valico del Costone della Cerasa 2032 - Costone della Cerasa 2119 - Cimata della Cerasa 2159 - Costa della Tavola 2182 - Vado di Castellaneta 2068 - Punta Trieste 2230 - Colle dell'Orso 2175 - Rif. Sebastiani 2102
Dislivello in salita: mt. 1500 circa, tempo netto di percorrenza h. 6:15

2° giorno
Rif. Sebastiani 2102 - Colle dell'Orso 2175 - Colle del Bicchero 2075 - Velle del Bicchero - Valle Majelama - Peschio Rovicino 1133
Tempo di percorrenza h. 2:45







Magnifico itinerario ad anello che percorre le zone piu' aspre e meno frequentate del massiccio. La prima giornata, dall'elevato sviluppo chilometrico e dal dislivello tutt'altro che risibile, risale le magnifiche valli Majelama e Genzana, poi con un interminabile percorso di cresta costellato da numerose vette e saliscendi, offre una splendida galoppata fino al Rifugio Sebastiani. La discesa del secondo giorno, lunga ma sempre comoda, offre una panoramica completa della Valle del Bicchero e della Valle Majelama. Questo tratto è interdetto al transito pedestre dal 15 febbraio al 15 agosto di ogni anno.





***************************************

Da Forme, frazione di Massa d'Albe, si raggiunge tramite una stretta strada asfaltata la località Peschio Rovicino mt. 1133 e si parcheggia in corrispondenza dei segnali Cai che indicano l'inizio dei percorsi escursionistici. Si imbocca a destra il sentiero n. 8 il quale entra subito nella Valle Majelama, splendidamente incassata fra la Selva del Coco e la Costa della Sentina, e la risale dolcemente. A quota 1420, quando la valle si allarga e piega a sinistra (diventando Valle del Bicchero) si piega a destra sul sentiero 1g (indicazioni su un masso). Il sentiero sale subito deciso, poi traversa in direzione SE, infine risale ancora in direzione di un intaglio roccioso che costituisce l'ingresso della Valle Genzana. Si percorre il fondovalle poi il sentiero si biforca. Si ignora il ramo di sinistra che conduce direttamente al vado di Castellaneta, e si risale sul ramo di destra che a mezza costa prende quota rapidamente (in basso a sinistra si materializza in una valletta il Rifugio di pastori della velle Genzana) e raggiunge la cresta in corrispodenza del valico di Roscia Grande mt. 2042 dal quale si apre la vista sui Piani di Pezza, sul Piano del Ceraso, su Rocca di Mezzo e sul Sirente.
Si prosegue ora sulla evidente cresta erbosa in direzione Nord prima ed Est poi. Restando sulla cresta si superano le tre cime secondarie Costone della Cerasa, Cimata della Cerasa e Costa della Tavola (il sentiero ufficiale invece restando leggermente piu' in basso le evita volendo tutte e tre) fino a giungere al Vado di Castellaneta mt. 2068. Sempre in direzione est il sentiero attraversa le pendici della vetta demoninata Capo di Pezza, e traversa in salita fra roccette ed erba fino a raggiungere nuovamente la cresta nei pressi di Punta Trieste. Qui appaiono il Velino ed il Cafornia. Si prosegue sempre su cresta e a saliscendi fino al bivio per Punta Trento e al Colle dell'Orso. Qui si abbandona la cresta e si piega a destra per un sentiero che traversa a mezza costa e giunge infine al Rifugio Sebastiani.
Per il ritorno dal Rifugio Sebastiani si torna al Colle dell'Orso e al Bivio Punta Trento. Qui si abbandona il sentiero di cresta e ci si abbassa a destra verso l'evidente insellatura del Bicchero. Si piega a sinistra e si scende per la Valle del Bicchero su sentiero segnato e senza possibilità di errore fino a Peschio Rovicino.








DSCN0204.jpg






DSCN0207.jpg







DSCN0213.jpg








DSCN0214.jpg






DSCN0217.jpg







DSCN0218.jpg







DSCN0220.jpg






DSCN0227.jpg







DSCN0230.jpg








DSCN0228.jpg








DSCN0231.jpg









DSCN0232.jpg







DSCN0235.jpg






DSCN0236.jpg







DSCN0237.jpg








DSCN0238.jpg







DSCN0242.jpg







DSCN0246.jpg







DSCN0247.jpg






DSCN0249.jpg






DSCN0254.jpg






DSCN0255.jpg







DSCN0257.jpg







DSCN0259.jpg







DSCN0258.jpg








DSCN0265.jpg







DSCN0261.jpg







DSCN0262.jpg







DSCN0263.jpg








DSCN0264.jpg







DSCN0271.jpg







DSCN0269.jpg






DSCN0270.jpg






DSCN0273.jpg








DSCN0280.jpg






DSCN0281.jpg





DSCN0284.jpg






DSCN0288.jpg





DSCN0287.jpg




DSCN0291.jpg






DSCN0290.jpg





DSCN0293.jpg





DSCN0292.jpg
 
Ultima modifica:
Cavolo ma quella è la prima neve dell'anno????
Bellissimo giro e bellissime foto, soprattutto quelle al tramonto e quella con la pisciatina di Camilla.
Questa zona ce la stiamo iniziando a studiare, promette molto bene!

(Avete dormito al rifugio? Quindi siete soci CAI?? Ed è sempre aperto?)

Bel colpo!

anna
 
Yes, prima neve dell'anno e anche abbondante
Abbiamo dormito nel locale invernale del Rifugio (che è sempre aperto)
Il rifugio "normale" è aperto tutti i giorni dal 15/6 al 15/9, e i weekend di tutto l'anno su prenotazione. Ieri siccome c'erano 12 prenotati il rifugio era aperto ma noi non lo sapevamo. Ovviamente ne abbiamo approfittato per farci preparare la cena lasciando fornelli gas alcool e risotti nello zaino.
 
Ormai il duo (anzi, il trio sennò Camilla si offende) è stracollaudato! Belli i posti e bella la neve, ma il più bello di tutti si rivela Livio, che con la sua mise ad alta visibilità strappa lo scettro di "principe della montagna" alla pur bellissima Camilla. Menzione d'onore anche per il buon Federico, che rimane fuori concorso per la mancanza di foto.

Sapete, anche indicativamente, la temperatura minima che avete incontrato?
 
Appena ho letto le date, mi sono detto, e il meteo? Vista la giornta di oggi... ma sicuramente la prima neve è una gran soddisfazione! Complimenti bellissime foto
Toglimi una curiosità, quella che si vede nella foto 21 è la Val di Teve?
 
Roberto
al Sebastiani sabato sera poco prima di cena (ore 20) il termometro segnava - 2
ritengo che verso le 4 del mattino abbia toccato anche i 5-6 sottozero
Daniele
foto 21 Val di Teve esatto


La nevicata ci ha sorpresi (piacevolmente) a metà discesa quando per fortuna avevamo perso già 4-500 metri di quota e ci ha fatto compagnia fino all'arrivo alla macchina, dove si è trasformata in pioggia.
 
E' incredibile come sia selvaggia e isolata questa zona che avete attraversato.
Proprio l'anno scorso di questo periodo, ho fatto due giri ad anello percorrendo molti tratti in comune con quelli vostri.

Come sempre, ottima descrizione molto dettagliata, quasi da guida CAI/TCI.

Un saluto
Sandro:D
 
Bellissima escursione, prima o poi (prima...) mi piacerebbe tornare a trovare il Velino...ero un ragazzino la prima ed unica volta che ci sono stato..
 
Come sempre ottima e dettagliatissima descrizione del percorso,le foto non sono meno, vorrei aggiungere,per dovere di cronaca le distanze e i dislivelli che sono:

1 giorno:1240 m in salita,
300 discesa
Km percorsi 16,8

2giorno 1340 discesa
totale percorso 25,7
Non pochi ,ma sicuramente divertenti con la compagnia del magico Livio,a domani per le foto.:rofl:
 

Discussioni simili



Alto Basso