Io resto avventurosamente a casa! Consigli per sopravvivere a casa in tempo di pandemia

Il miglior test per valutare un coltello bushcraft?

Secondo voi quale può essere il miglior test da eseguire per valutare se il nostro coltello bushcraft è un buon coltello?
Secondo me potrebbe essere una buona prova per il coltello (e per noi) partire prendendo un tronchetto di legno secco, il coltello e un acciarino (senza raschietto) e vedere se si riesce ad avviare un fuoco solo con questi elementi, se si riesce quanto ci si mette e con quanta difficoltà, secondo me questa potrebbe essere una buona prova per valutare se il coltello è buono e adatto a noi, fatemi sapere cosa ne pensate.....
 
salute, si ma per l' aciarino basta che abbia un bordo a 90° e vai di scintille , io faccio così batoning, feather stick ,e taglio del pomodoro a fettine fini se poi vuoi provare se è temprato come Cristo comanda taglio del chiodo (è difficile e sono pochi i coltellinai che riescono ad ottenere questa tempra io no ancora) e poi per finire faccio un po di sbatacching ovvero lancio il coltello contro un ceppo e verifico che non si sia ne piegato ne spuntato sepro di esserti stato d'aiuto
 
salute, si ma per l' aciarino basta che abbia un bordo a 90° e vai di scintille , io faccio così batoning, feather stick ,e taglio del pomodoro a fettine fini se poi vuoi provare se è temprato come Cristo comanda taglio del chiodo (è difficile e sono pochi i coltellinai che riescono ad ottenere questa tempra io no ancora) e poi per finire faccio un po di sbatacching ovvero lancio il coltello contro un ceppo e verifico che non si sia ne piegato ne spuntato sepro di esserti stato d'aiuto
Il mio ha superato queste prove????
 
Secondo voi quale può essere il miglior test da eseguire per valutare se il nostro coltello bushcraft è un buon coltello?
Secondo me potrebbe essere una buona prova per il coltello (e per noi) partire prendendo un tronchetto di legno secco, il coltello e un acciarino (senza raschietto) e vedere se si riesce ad avviare un fuoco solo con questi elementi, se si riesce quanto ci si mette e con quanta difficoltà, secondo me questa potrebbe essere una buona prova per valutare se il coltello è buono e adatto a noi, fatemi sapere cosa ne pensate.....
Seguendo questa logica la barretta degli acciarini é ilmiglior coltello da bushcraft
 
Per usare il firesteel, in modo proficuo ti basta qualsiasi cosa che non abbia uno smusso arrotondato, tipicamente uno smusso ad angoli "vivi", però ai fini del taglio, che ovviamente è la caratteristica più importante per un coltello, questo è del tutto ininfluente perché, ovviamente, non tagli con il dorso per cui, ai fini del test di valutazione, a mio modesto avviso lascia molto il tempo che trova questa funzione, inoltre se non usi il dorso ma direttamente il filo qualsiasi coltello fa fare scintille al firesteel e se non gratti come se non ci fosse un domani non rovini il filo (opinel, victorinox etc etc).

Ciao :si:, Gianluca
 
In che senso scusa? Come fai senza coltello ad accendere il fuoco dal tronchetto di legno intero???
Come già risposto con qualsiasi cosa abbia un angolo adatto e sia di un materiale idoneo afare scintille, la Mia era Solo una battuta perché in realtà non la vedo come una prova per stabilire il giusto utilizzo del coltello ecco tutto qua poi io sono una capra in tutto ci mancherebbe potrei sbagliarmi
 
secondo me si possono fare tutte le prove che si vogliono per capire se il nostro è un buon coltello, ma l'importante credo sia conoscere il proprio coltello in modo da farci di tutto, anche se non è da bushcraft, da caccia da chopping etc. Credo che più ci lavori col tuo coltello più ne capisci i limiti e più superi i tuoi limiti e mi riferisco a situazioni reali di utilizzo. ci riuscirò? direi di si se non compro troppi coltelli e quelli che ho li uso pedissequamente. Invece ho la coltellite..:):)
 
secondo me si possono fare tutte le prove che si vogliono per capire se il nostro è un buon coltello, ma l'importante credo sia conoscere il proprio coltello in modo da farci di tutto, anche se non è da bushcraft, da caccia da chopping etc. Credo che più ci lavori col tuo coltello più ne capisci i limiti e più superi i tuoi limiti e mi riferisco a situazioni reali di utilizzo. ci riuscirò? direi di si se non compro troppi coltelli e quelli che ho li uso pedissequamente. Invece ho la coltellite..:):)
Mah io ne capisco poco ma alla fine con un coltello x non puoi fare agevolmente, o non puoi proprio, fare tutto. Però invece di 100 coltelli forse è meglio averne 3 o 4 top nella loro "categoria" primo da taglio intaglio lavori di fino tipicamente bushcraft lama non spessa e corta sui 10 cm meglio meno che più'
due coltellone devastante nel chopping peso importante lama dai 21 cm in su bisello convex
tre coltello survival bello spesso non full flat che regga batoning e più o meno tutto lama dai 14 cm in su
E non è detto che il due e il tre siano lo stesso coltello. Ovvio che ciascun coltello eccellera in determinati test e fallira più o meno miseramente in altri
Poi conta la mano di chi li porta nulla vieta di farsi la barba con l acetta :p
 
Secondo me ognuno ha i propri gusti e non è possibile valutare se un coltello è buono o no. O meglio a parte alcuni coltelli che sono delle truffe esagerate, il resto è solo questione di gusti. Ad esempio io continuo a trovarmi meglio con un mora più di qualsiasi altro coltello, ma un altro magari ha bisogno di un angolo a 90 sul dorso, o un altro tipo di profilo o di acciaio. Ma come ho detto si parla di gusti non si possono valutare on dei test che vadano bene per tutti.
 
Secondo me le prove dovrebbero essere comparative, perché le caratteristiche del legno possono variare molto. Quindi meglio provare diversi coltelli con lo stesso legno e la stessa mano.
 
Ognuno ha le sue preferenze, ma piuttosto che provare l'angolo a 90° del dorso per grattare il firesteel, mi pare più opportuno valutare l'agilità e comodità del manico e la resileinza e tenuta del filo della lama. Quindi: intaglio, intaglio, intaglio. Di qualunque genere. Tutto il resto è secondario.
 
Personalmente, ritengo ci siano delle prove a cui una lama, per poter esser definita 'da bushcraft al 100%', debba superare.
-poterci intagliare un 'try stick'; questo esercizio riassume in se' tutte le operazioni di intaglio fondamentali per creare un campo;
-poterlo usare come all'occorrenza, come scalpello da legno, senza il terrore che si spezzi: in quanto pure questa è una prestazione essenziale, se si parla di 'bushcraft';
-dev'essere abbastanza comodo e leggero, da non stancare il polso e il braccio, durante una sessione di intaglio di almeno un'ora consecutiva(coltelli troppo pesanti risulteranno, alla lunga, inutili e scomodi)
-non avere il dorso a 90°. Nonostante la contemporanea opposta necessità, un dorso con lo spigolo vivo, tenderà a rendere il lavoro spiacevole se non doloroso;
-durezza non eccessiva: se è troppo duro, è più facile che si spezzi durante le giornate più fredde;
-buona tenuta del filo, ma anche facilmente affilabile: inutile un coltello che taglia i chiodi, se per affilarlo ci vogliono per forza gli ultimi ritrovati tecnologici al diamante ceramicato: è proprio l'opposto del concetto base del bushcraft;
-manico ergonomico e comodo da impugnare anche indossando i guanti
 
Secondo voi quale può essere il miglior test da eseguire per valutare se il nostro coltello bushcraft è un buon coltello?
Secondo me potrebbe essere una buona prova per il coltello
Personalmente il "test" che reputo più attendibile e semplicemente portarlo dietro durante un'esperienza di vita in natura, di natura e con la natura, concreta e reale e per un lasso di tempo di un certo tipo (non troppo breve insomma).
Facendo quel che serve concretamente, per utilità, in quelle situazioni. Non per simulazione, non per creare oggetti "tanto per test",...

Se permette di ottenere tutto ciò che é necessario alla permanenza in natura, indifferentemente dai materiali con cui é fatto, dalle specifiche tecniche, dal settore commerciale, dalle dimensioni, ecc... che spesso riprendono più dei gusti personali che delle necessità, ecco, per me é un attrezzo valido, ovviamente non vuol dire che sia indispensabile.

Poi chiaramente ciò che uno reputa indispensabile utile, importante cambia da persona a persona... é sempre impossibile fare delle valutazioni assolute ;)

Io per esempio non vedo mai la necessità di portare il "coltellone" e nemmeno di usare tante tecniche "famose" (batoning, chopping, ecc)
W il Vic, ahahah

Altrettanto importante é valutarlo in base alla propria persona, preferenze, approcci, filosofie, ecc...
Non tutti sono uguali e si trovano bene con le stesse cose.
 
Ultima modifica:
Il miglior test per un coltello bushcraft:
Un te caldo accendendo il fuoco per attrito nel bosco.

Il miglio test per un coltello survival:
Un te caldo acendendo il fuoco per attrito in un riparo improvvisato nel bosco quando piove.
 

Discussioni simili



Alto Basso