il mio primo coltello completamente autocostruito

Ciao a tutti vi posto il mio primo coltello completamente autocostruito.
In passato mi ero già cimentato nella creazione di qualche coltello partendo da lame puukko tipo lauri e polar , costruendone il manico e il fodero.
Ora ho fatto anche la lama partendo da una lastra di acciaio , con tutte le operazioni di tempra e rinvenimento dopo essermi costruito una piccola forgia a gas e spegnendo nell'olio.
Questo coltello mi ha permesso di iniziare ad imparare molte cose nuove e di fare pratica.
Come prima prova ne sono abbastanza contento l'unica cosa è che testandolo bene sul campo mi sono confermato un unico dubbio, ovvero il rinvenimento è stato fatto in un piccolo fornetto elettrico , mirando ai 200 gradi, purtroppo il fornetto non si è rilevato abbastanza potente raggiungendo a stento i 150-170 gradi e probabilmente mantenedo il coltello troppo duro dopo la tempra, presumo sopra i 60 hrc perchè batonandolo sul campo ho riscontrato delle infinitesimali microcippature, niente di grave anche perchè per un uso meno gravoso sembra avere una ottima tenuta del filo.
Il prossimo mi comprero un altro fornetto più nuovo in grado di reggiungere i 200-250 °C "reali" (misurati con apposito termometro da forno e non fidandosi del termoregolatore del forno stesso).
Spero vi piacerà è un coltello tipicamente bushcraft con lama in acciaio K720, da 11 cm di lunghezza , 4 mm di spessore e un bisello scandi con angolo da 15 gradi (30 gradi l'angolo competo) , il manico è in acero tigrato trattato semplicemente con varie mani leggere di olio di lino cotto e due mani di cera. La geometria e le forme si sono rivelate un ottimo strumento da lavoro , un piccolo castoro, ottimo sia nel batoning di cioccheti medi che nei lavori di fino tipo feather stick.

IMG_1246.jpg
IMG_1247.jpg
IMG_1248.jpg
IMG_1249.jpg
IMG_1250.jpg
IMG_1251.jpg
 

Ultima modifica:
Che sia il tuo primo coltello non si direbbe nel senso che, a vedersi, è decisamente ben fatto :) ovviamente visto i tuoi altri manufatti neanche commento il fodero :si:

Tanto di cappello.

Il rinvenimento lo puoi fare anche nel forno di casa, al limite.

Ciao :si:, Gianluca
 
impressionante veramente :si::si::si::si::si:

posso chiederti il costo dei materiali, degli strumenti di lavoro e del numero di ore di lavoro base (intendo un manico semplicemente funzionale, un fodero senza decorazioni...)?
 
Per essere il primo siamo già ad un livello buono....il fodero è fantastico.spero di farne anche io di simili....
A proposito questi fine settimana c'èuna bella mostra a Valdobbiadene....io ci sarò al sabato...
 
grazie a tutti ragazzi mi date un bell'incoraggiamento.


Che sia il tuo primo coltello non si direbbe nel senso che, a vedersi, è decisamente ben fatto :) ovviamente visto i tuoi altri manufatti neanche commento il fodero :si:

Tanto di cappello.

Il rinvenimento lo puoi fare anche nel forno di casa, al limite.

Ciao :si:, Gianluca
ciao Gianluca si lo potrei fare rinvenire nel forno di casa ma mia moglie non è molto contenta perchè teme che l'olio possa puzzolentire il forno, in verità io uso olio di colza per temprare quindi non dovrebbe puzzare, ma questo pomeriggio ho acquistato un altro fornetto e lo ho testato e raggiunge i 230-240 gradi quindi sarà adeguato alle operazioni di rinvenimento.
Complimenti, però 2mm di filo in più li potevi anche lasciare.
grazie se ti riferisci alla possibilità di fare un bisello più acuto ci avevo ragionato anche io, poi però mi sono voluto rifare al coltello tipo bushlore di rey mears e studiando bene le forme ho ricavato geometricamente un angolo di circa 15 ° (x2=30°) che abbinati ad uno spessore di 4mm in effetti hanno il loro perchè nell'ottica di creare un coltello medio piccolo con un ottima dote di cuneo nel batoning, (che penso fosse l'idea in testa dei creatori del coltello originale) la cosa che più mi ha stupito e la relativa possibilità di lavorare di fino nel fare trucioli e piccoli intagli con la punta a lancia (quasi simmetrica) che presumo sia abbastanza versatile anche in ambito venatorio e culinario
impressionante veramente :si::si::si::si::si:

posso chiederti il costo dei materiali, degli strumenti di lavoro e del numero di ore di lavoro base (intendo un manico semplicemente funzionale, un fodero senza decorazioni...)?
allora il costo dei materiali non è altissimo di per se, nel senso farselo è più economico che comperarne uno di marca , a patto di riuscire nel trattamento termico che se non hai un forno richiede esperienza(quella che devo farmi anche io) poi tieni conto che indipendentemente dalla super perfezione è un bel gioco divertente che ti da la bella soddisfazione di una cosa fatta da te.
per i costi diciamo che una lastra da 1 metro di k720 ci farai circa 4 coltelli come il mio e ti costerà 15 euro circa, il legno dipende dal legno se non usi legni superpregiati non costa tantissimo , poi i rivetti avvitabili costeranno 2 euro l'uno ma puoi spendere meno con soluzioni alternative, un po di resina epossidica che già avevo e un po di olio di lino cotto, e un po di cera , entrambi materiali facilmente reperibili, poco costosi e durano tanto.
Poi io mi sono costruito una miniforgetta a gas e ho comperato una levigatrice a nastro di quelle economiche cinesi che se non hai pretese professionali per farne uno ogni tanto con calma basta e avanza e per quella ho speso sugli 80 euro , ma essendo uno che ha una bella officinetta in garage e fa miliardi di cose e hobbies so che la userò anche in altri contesti oltre i coltelli quindi non sono soldi spesi male, in alternativa puoi usare una forgia a carbone ad aria forzata e fare la forma dei biselli con una lima bastarda magari usando un jig autocostruito , io ho usato anche un flessibile col disco da taglio per velocizzare lo sgrosso all'inizio
Per essere il primo siamo già ad un livello buono....il fodero è fantastico.spero di farne anche io di simili....
A proposito questi fine settimana c'èuna bella mostra a Valdobbiadene....io ci sarò al sabato...
Grazie purtroppo io lavoro tutti i giorni tranne la domenica ... e a volte anche la domenica
 
Una domanda per i più esperti, ma ora che ho comperato un fornetto adatto a raggiungere i 200 gradi per un rinvenimento corretto, potrei rinvenire nuovamente il coltello anche ora o è una cosa che va fatta assolutamente poco dopo la fase di tempra?
in teoria il coltello di per se dovrebbe resistere senza grossi problemi ad una temperatura di 200 gradi per 90 minuti anche se è già bello che finito e manicato...
 
È Un piacere vedere i tuoi lavori, perché che sia il primo o l'ultimo in cui ti cimenti rimango affascinato dall' artista che c'è in te. Bravo!!!!!
 
Complimenti!
Per il trattamento termico e meglio che vedi qualche manuale, tabelle. Ogni acciaio ha le sue caratteristiche. :si::si::si:
 
Adoro i coltelli bushcraft e questo è davvero bello, sobrio e pulito come dovrebbero sempre essere... facci sapere cosa ottieni col rinvenimento "a posteriori", siamo curiosi, molto curiosi :biggrin:
 
In teoria a scaldarlo un ora e mezza a 230 gradi dovrebbe raggiungere la durezza giusta per l'uso. Al tempo stesso il legno del manico non dovrebbe subire stress eccessivi spero e al massimo basterà ripetere una due mani di olio e cera
 
Fai attenzione al manico. La temperatura di accensione del legno è di circa 250°C, e considerando l'infiammabilità dell'olio e della cera assorbite questa temperatura potrebbe abbassarsi. Facendo il rinvenimento a 230°C potresti carbonizzare il manico
 
Fai attenzione al manico. La temperatura di accensione del legno è di circa 250°C, e considerando l'infiammabilità dell'olio e della cera assorbite questa temperatura potrebbe abbassarsi. Facendo il rinvenimento a 230°C potresti carbonizzare il manico
Non potrebbe smontare il manico, prima di procedere, in modo da limitare i rischi?
 
io davo per scontato che il manico venga smontato! Non mi risulta una T di innesco così bassa, ma sicuro non fa bene nè al legno nè al codolo del coltello che non riceverà il rinvenimento come si deve.
 

Discussioni simili


Contenuti correlati

Alto