il nostro pianeta è agonizzante

posso dire che non è un problema mio? Non penso che mi arrivino uova o pomodori?

A molti di noi hanno fatto buttare la macchina perchè non era "eco" altri hanno dovuto mettere l'appiccino sul termosifone che si fa gli affari toi. NOI abbiamo già dato.
 
SIAMO 7 MILIARDI , non so se mi spiego
almeno un terzo se ne frega,un terzo vorrebbe fare qualcosa ma non può,l'altro terzo è quello che si ingrassa sulle produzioni e responsabile...ma il sistema intero...qualsiasi cosa compriamo una parte forma i rifiuti e per produrla alimentiamo la macchina dell'inquinamento.Invertire questa tendenza la vedo impossibile .
 
La soluzione è ridurre il numero di abitanti nel pianeta. E per chi vive oggi nei paesi ricchi ridurre ciò che consumiamo. Comprare le patate sfuse dal contadino anziché quelle nella plastica che vengono dalla Polonia. Consumare meno, consumare meglio. :)
 
abbastanza agghiacciante.

mi sono sempre chiesto se un cataclisma portasse via tutte le grandi citta, ad es da 500mila abitanti in su, come cambierebbe il mondo. beh, direi che stiamo sprofondando di brutto.
 
Torino,Milano,Roma ....KABOOM....occhio che tra un pò ci sarà chi lo farà in nome del proprio dio. E magari in una giù al sud ci pensa la lava.

E' sbagliato dire che mi sto toccando le parti intime,a me stanno antipatiche le città ma preferirei una cosa non troppo violenta
 
Torino Milano e Roma? Niente in confronto a new York, Rio, Pechino, Tokyo... megalopoli disumane.

non credo che la dimensione sia per forza correlata all'inumanita'. credo che conti anche la mentalita' della gente. trovo padova assolutamente disumana anche se relativamente piccola. idem mestre. se intendi a livelli sociali o di degrado, allora posso capirlo :)

quando sono andato in cina, ero a weihai. quasi 3 milioni di abitanti, e in espansione. parlando con una ragazza cinese, lei mi ha detto che si trovava male in "questo paese di campagna"... ok, lei era da shanghai, ma ci sono rimasto di cacca!!! per me padova e' gia' grande!!!
 
Purtroppo su questi argomenti non posso che esprimere tutto il mio pessimismo. Per invertire la rotta bisognerebbe riporre la fiducia in qualcuno: l'uomo. Partire già con una contraddizione non mi sembra il massimo visto che il casino è stato provocato dall'uomo. Il mega convegno di Parigi con i grandi del mondo a piangere e l'Europa a fare da capofila per l'accordo è stato qualcosa di tremendamente ipocrita. Due settimane dopo, dico due soltanto, l'Europa innalza i limiti di inquinamento delle auto rendendo permissivo inquinare di più. Non voglio criticare nessuno ed è soltanto un ragionamento più ampio ma anche noi siamo protagonisti di questo disastro. Il cellulare, le scarpe, l'auto, gli alimenti che compriamo, i centri commerciali ec ec. come facciamo a rinunciare a queste cose quando ci sono persone che il problema non sanno manco che esiste?
 
Una città grande non può essere mai a misura d'uomo. A meno che chi l'ha progettata non voglia farti vivere solo una piccola zona, ma allora è una prigione...
 
fidati che se per caso i cammellari cominciano a giocare con i petardi anche loro rinunceranno perchè la città non è sicura
 
"Gli otto peccati capitali di Konrad Lorenz" " ,Medioevo prossimo venturo di Roberto Vacca". Tutti libri giustamente apocalittici scritti circa quaranta anni fa, eppure siamo ancora qui. Significa che non ostante tutto la Natura immeritatamente ci aiuta.
 
Grazie @Freewolt. E' vero che la natura ci aiuta come conferma l'ipotesi Gaia,libro assolutamente da leggere,però e forse qui mi contraddico,almeno per quanta riguarda le città il futuro ha le ambientazioni da Blade Runner!!
 
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso