Inizio vita al naturale

Per carità ma se a mio nonno gli avessi detto che era fortunato perché faceva ortoterapia non ho difficoltà a pensare che mi avrebbe fatto vedere come funzionava la calcio in culo terapia :)

Ciao :si:, Gianluca
Ma questo capita sempre e comunque, anche adesso e spesso quasi con qualsiasi tipo di "lavoratore".
Reclamare, enfatizzare ogni fatica, ogni cosa. Vittimizzarsi, trovare sempre qualcosa per non essere felici.
Comunque un discorso simile lo facevano anche a me, i miei zii, proprio con i prodotti dell'orto.
Ma la linea é sempre la stessa... "... se ti fanno schifo questi, se ti crea problemi quello... dovresti farti una settimana dove queste cose non ci sono del tutto e per avere il poco che hanno devono veramente fare chissà cosa...". Oppure vai sottopadrone e fai arricchire lui per ottenere il minimo per te e restando sempre dipendente da quel sistema,

Poi contano tanto le aspettative che avevano, o che hanno le persone e magari il non esserci riusciti e quindi frustrazione. I miei zii per esempio mi trasmettevano loro questa sorta di leggerezza, apprezzamento, felicità con cui vivere un'economia di sussistenza, che non significa che non sia faticosa, impegnativa... ma semplicemente rendendosi conto che c'é di molto peggio. Ma questo perché loro erano felici di vivere così, non avrebbero voluto vivere in altre maniere... e non potevano trasmettere nulla di diverso. Se una cosa vien trasmessa con negatività, vuol dire che non é vissuta con piacere e con volontà e di sicuro é un'eventualità possibilissima.

Personalmente sono sempre convinto che le esperienze di vita creano consapevolezza e spesso si giudicano le cose in base a quello. Per questo il mio discorso non é assolutamente un tentativo di trovare la "verità", "il giusto", ecc... perché ognuno vede le cose secondo il proprio percorso di vita.

A me coltivare e tutti i possibili annessi e connessi non creano alcun problema, ma mi baso su altre cose che ho vissuto. Addirittura, appunto, trovo che non sia nulla di così estremo.


In ogni caso l'ortoterapia non l'ho inventata io é qualcosa che c'é da centinaia di anni.

D'altra parte come mi dicono sempre alcune persone, l'evoluzione c'é... é stupido non seguirla.
Evidentemente al giorno d'oggi é più ben visto e di moda l'uomo che fà la manicure, la ceretta, la dieta precisa e fà crisi per andare dal parrucchiere... e piange perché si rovina la pelle, corre km e km.... anche se non sà cambiare una lampadina, una gomma, montare un mobile o sembra che stia morendo se deve alzare qualcosina, perché pesa...
Ci mancherebbe altro... i tempi cambiano ;) Infatti per fortuna adesso ci sono le "donne con le palle" che suppliscono a quelle cose.

Tutto questo PER AUGURARE IL MEGLIO PER IL PROGETTO DI VOLER VIVERE AL NATURALE...SE VIENI DA SOTTO PADRONE ED È VERAMENTE QUELLO CHE VUOI FARE... VEDRAI CHE Ê FANTASTICO
 
Ultima modifica:
Chi soprattutto in passato si è dovuto dedicare alla lavorazione della terra perché non aveva alternative,
difficilmente ne apprezzerà gli aspetti terapeutici.

La questione è farlo per scelta,
e dicendo per scelta significa che non tutti apprezzano, c'è chi preferisce sempre i pomodori del supermercato.

Chi apprezza ...i frutti dell'orto ma soprattutto il lavoro nell'orto viene ripagato ampiamente del suo impegno, ma e un guadagno non monetizzabile... o comunque in modo molto scarso.
--- Aggiornamento ---

Poi mentre dico questo penso a quei poveri sfortunati che non hanno avuto alternative
e devono tirare avanti facendo i fotografi per play boy o Penthouse
:biggrin:
 
he he io ne lavoro un bel po' di meno .... ma già così ho avuto grande soddisfazione
dall'acquisto di una vecchia motozappatrice

:biggrin:
salute, ti capisco bene ho anch'io una motozappa ma la parete bassa del campo risputa sassi in continuazione quindi ho deciso di farmela a vanga ma da un paio di anni la uso solo per lavorare i terreni altrui mi sono accorto che quando sono nel mio mi piace il silenzio ,per inciso e per chiarezza l'erba la taglio col frullino e la legna con la motosega
--- Aggiornamento ---

Complimenti per la scelta. Io ho un lavoro molto sedentario e distante da casa, il tempo a disposizione extra-lavoro è limitato alla fascia orario 18.30-6:30 quindi purtroppo avrei grossa difficoltà a mantenere un orto e una produzione che tu prospetti.
Mi piacerebbe molto anche a me iniziare con un pezzo di terra anche piccolissimo ma giusto per avere qualche sana coltura da mangiare.
salute, potrei risponderti volere è potere ma ti capisco bene quando lavoravo in falegnameria avevo poco tempo a disposizione ma ti dico anche che tutto sta nel cominciare poi diventa mantenimento nel senso che il lavoro grosso lo fai una volta sola poi diventa routine non è che ci devi passare le giornate
 
salute, ti capisco bene ho anch'io una motozappa ma la parete bassa del campo risputa sassi in continuazione quindi ho deciso di farmela a vanga ma da un paio di anni la uso solo per lavorare i terreni altrui mi sono accorto che quando sono nel mio mi piace il silenzio ,per inciso e per chiarezza l'erba la taglio col frullino e la legna con la motosega
--- Aggiornamento ---


salute, potrei risponderti volere è potere ma ti capisco bene quando lavoravo in falegnameria avevo poco tempo a disposizione ma ti dico anche che tutto sta nel cominciare poi diventa mantenimento nel senso che il lavoro grosso lo fai una volta sola poi diventa routine non è che ci devi passare le giornate
Certo. Dipende anche dalle dimensioni e varietà delle colture. Valuterò in futuro come organizzarmi, al momento diciamo che ho altre priorità...
 
Aggiornamento.
Da 10 giorni le galline hanno iniziato a deporre le uove. Che meraviglia. Niente di più genuino. Anche nell'orto inizia a muoversi qualcosa. Fra una settimana dovrei iniziare a raccogliere qualcosa.
Ho gia prenotato due maiali e 5 pecore per settembre.
 
Autore Discussioni simili Forum Risposte Data
stefanojoe Coltivazioni e allevamenti 26

Discussioni simili



Alto Basso