kit pannellino + powerbank (+ caricacabatterie stilo usb) per agresti?

Ok, ho letto velocemente i calcoli teorici e sono perfettamente paragonabili alla situazione reale che ho riscontrato io, il ciclista incontrato da @GRM, e @Alessandra01 che lamentava i "soli 10W"... tre conferme che il rendimento effettivo non è lontano dal teorico che hai calcolato. Anche i tempi di carica del PB sono quelli, per mia esperienza giusto un po' meglio ma ero in posizione più favorevole.

Sinceramente se uno, per scelta o necessità, vuole rendersi autonomo per più dei giorni garantiti dal PB, la vedo come unica soluzione di ricarica, seppur a bassa efficienza. Quindi per me, è una soluzione che funziona.

Se @walterfishing parte con tutto scarico e si mette a pescare per tre orette, la sera ha di che caricare due telefoni. Non mi pare poco.
 
con 3 ore si porta a casa 6000mA a 3.7 volt, totale 22,2W. sempre considerando un'efficienza tesliana e, perfetta esposizione e buon sole.

Non so che telefono tu o l'autore abbiate, ma il mio ha 4500mAh di capacità, e quindi gli servono 4500mAh a 5 volt per essere caricato completamente, trascurando qualunque inefficienza, il totale richiesto è 22W. Quindi (se hai efficienza del 100%) ti carichi appieno un solo telefono. In realtà, molto meno, senza contare le AA da ricaricare.
con 100 grammi di meno hai un altro powerbank da 20'000mAh a 3.7 volt, o 14800mAh a 5 volt. Li si che carichi 2 telefoni e hai margine per caricare altro.

su un'uscita di più giorni varrebbe la pena fare i conti con il fabbisogno energetico, quantificandolo in maniera più precisa possibile; il pannello potrebbe essere da favorire (se correttamente dimensionato) su un'uscita particolarmente lunga. Tenendo sempre conto che la maggiorparte dei pannelli anche con tanti W ha uscite 5v 2.4A (valore massimo che viene raggiunto più facilmente tanto più è grande il pannello). Il resto è tutto a voltaggi più alti, con spinotti che non sono compatibili con i telefoni.



o si sale per prezzo e dimensioni, e si prendono soluzioni con circuito esterno che fa da convertitore buck / boost e permette di avere uscite QC (sempre da avere abbastanza luce da convertire), come questa https://www.amazon.it/BigBlue-Panne...Generatore/dp/B08DC9M5CB?ref_=ast_sto_dp&th=1
Ma anche questa soluzione, potenzialmente adatta a generare più corrente e quindi per "più giorni", pesa 3.6 kg. Quanti powerbank ti puoi portare dietro con un "budget" di 3.6 kg?

se @walterfishing vuole caricare di più, si deve prendere un pannello più grande e pregare che ci sia una buona esposizione al sole e buon meteo; oppure fare un nodo al fazzoletto per ricordarsi di caricare i powerbank prima dell'uscita.

altre soluzioni, con i calcoli della maestra delle elementari, non vedo.
Ma se qualcuno le ha, per favore, si faccia avanti perché sono qui per imparare.
 
Ultima modifica:

Avventurosamente guadagna dagli acquisti idonei dei prodotti linkati.

se veramente gli arrivano 60W all'accendisigari, si può pensare a un caricatore con buon QC e si può caricare un powerbank mentre si va in auto. Certo, magari non al 100%, però se uno lo carica mentre sta tornando dall'escursione, e si ricorda di caricarlo mentre va in auto all'escursione successiva, ci si può portare a casa un po' di mAh. Ogni ora di auto a 45 w, vale come 2 ore di piena esposizione con un pannellone con QCe tutto il sole di cui abbisogna.
 
Ultima modifica:
ho un inverter in auto, attaccato due volte per provarlo e basta. e ho anche caricabatterie usb da auto, se e' per quello :)

pero' il mio caso e' proprio: mi accorgo mentre sono svaccato con la canna da carpe che la fotocamera o il cellulare sono scarichi. cosa faccio, a parte automaledirmi? e qua entrerebbe in gioco tutto il trabiccolo :)
 
Anche io mi sono avvicinato ai power bank a cellule fotovoltaiche, per provare un po ho preso due settimane fa questo powerbank( ricarica da rete e solare) da amazon. è un 20.000 mAh https://www.amazon.it/gp/product/B097JLSDCM/ref=ppx_yo_dt_b_asin_title_o01_s00?ie=UTF8&psc=1
l'ho preso di backup, in genere porto sempre un powerbank precaricato.
A carico completo, ricarico contemporaneamente due cellulari e l'orologio digitale senza problemi e non si scarica del tutto. E' robusto come costruzione. Unico difetto non ha un passante per attaccarlo allo zaino...dovrò inventarmi qualcosa.
Dalla corrente si ricarica ma non è una palla da scoppio come si suol dire, ho provato a ricaricarlo al sole( ma ero in ufficio e dopo un po è sparito dietro i palazzi), ho visto che funzionava la ricarica, almeno quello!. Mi sa, però, che di sole ce ne vuole tanto e per 5/6 ore almeno, lo testerò bene appena possibile.
 

Avventurosamente guadagna dagli acquisti idonei dei prodotti linkati.

Io Provo prima questo vedo come va, per i pannelli che pure mi interessano ci vogliono altre cifre mica 25 euro........ Sulle 100 ore vediamo alla prova sul campo
 
Anche io mi sono avvicinato ai power bank a cellule fotovoltaiche, per provare un po ho preso due settimane fa questo powerbank( ricarica da rete e solare) da amazon. è un 20.000 mAh https://www.amazon.it/gp/product/B097JLSDCM/ref=ppx_yo_dt_b_asin_title_o01_s00?ie=UTF8&psc=1
l'ho preso di backup, in genere porto sempre un powerbank precaricato.
A carico completo, ricarico contemporaneamente due cellulari e l'orologio digitale senza problemi e non si scarica del tutto. E' robusto come costruzione. Unico difetto non ha un passante per attaccarlo allo zaino...dovrò inventarmi qualcosa.
Dalla corrente si ricarica ma non è una palla da scoppio come si suol dire, ho provato a ricaricarlo al sole( ma ero in ufficio e dopo un po è sparito dietro i palazzi), ho visto che funzionava la ricarica, almeno quello!. Mi sa, però, che di sole ce ne vuole tanto e per 5/6 ore almeno, lo testerò bene appena possibile.
Curiosità, quanti grammi pesa di preciso?
 

Avventurosamente guadagna dagli acquisti idonei dei prodotti linkati.

246 grammi +11 grammi il cavetto usb
È un buon esempio di quanto sia da evitare la roba senza "marca", tieni conto che un powerbank normale di marca da 10.000 mah pesa in media sui 200g, e uno da 20.000 mah 360-400g, contando di quello anche il peso del pannello, senza andare a prendere in causa l'efficienza, i conti su quello che dichiarano non mi sembrano reali.
Per sapere quanto eroga realmente basta sommare le capacità delle batterie dei vari dispositivi.
 
È un buon esempio di quanto sia da evitare la roba senza "marca", tieni conto che un powerbank normale di marca da 10.000 mah pesa in media sui 200g, e uno da 20.000 mah 360-400g, contando di quello anche il peso del pannello, senza andare a prendere in causa l'efficienza, i conti su quello che dichiarano non mi sembrano reali.
Per sapere quanto eroga realmente basta sommare le capacità delle batterie dei vari dispositivi.
Mi viene in mente il concetto espresso da un mio caro amico d'infanzia, poi diventato ingegnere elettronico, che mi diceva "se vuoi capire al volo se un prodotto elettronico è di qualità, sentine il peso: nel 99% dei casi, se è leggerino è una ciofeca, se pesa è buono..."
E' senza dubbio un sistema empirico, ma effettivamente in moltissimi casi, in particolare per quanto riguarda l'elettronica di largo consumo (non certo i prodotti di altissima tecnologia) si è dimostrato molto valido.
 
Ultima modifica:
Per il prossimo acquisto mi porto la bilancia...... vi farò sapere quanto è ciofeca, se è carico alimenta senza problemi la domanda è se riesce a ricaricarsi col sole che si sa se c'è è per 12 ore al giorno e con diversa intensità.
 
il mio 20'000 pesa sui 460 grammi. Fate un po' voi.
Difficile misurare quanto un pannellino carichi o meno senza apparecchiatura adatta a ciò.
--- ---

Mi viene in mente il concetto espresso da un mio caro amico d'infanzia, poi diventato ingegnere elettronico, che mi diceva "se vuoi capire al volo se un prodotto elettronico è di qualità, sentine il peso: nel 99% dei casi, se è leggerino è una ciofeca, se pesa è buono..."
E' senza dubbio un sistema empirico, ma effettivamente in moltissimi casi, in particolare per quanto riguarda l'elettronica di largo consumo (non certo i prodotti di altissima tecnologia) si è dimostrato molto valido.
è per questo che i cinesi hanno imparato a incollare con la colla a caldo viti e bulloni dentro le scocche di plastica ;)
gsmarena_002.jpg

maxresdefault.jpg
 
Dipende dall'utilizzo. Questo carica 1 o 2 cellulari diverse volte, o il pc 1 volta. Se il numero di ricariche ti basta non serve il pannello solare.
Per quanto riguarda la ricarica, va bene un trasformatore usb da 10w (quello con scritto 2 sulla usb) ci mette un sacco di ore, se no con un ca ricabatt da 45w e ci mette circa 3 ore.
Un pannello grosso come un foglio a4 produce al max circa 10w (come l'alimentatore di sopra).
Ho un pannello pieghevole da 80w teorici ma l'uscita usb è sempre limitata a 10w.
Quando vado al parco oltre al pannello porto una batteria di uno scooter da 12 volt con l'attacco dell'accendisigari e da lì esco con un maschio accendisigari con uscita a 85w.

Secondo me il pannello da zaino è per emergenza. Di solito si cammina all'ombra e l'inclinazione spesso non è ideale.
--- ---

Aggiungo che se si tratta di sola emergenza un pannelletto da 10w da parcheggiare nello zaino con un powerbank piccolino per fare da filtro e il relativo cavetto va benissimo. Per una volta che ci colleghi il telefono non succede niente.
Aggiungo 2 che ho un caricabatterie usb per 4 stilo ma ci mette una mezza giornata.
Il pannello montato sul power bank è troppo piccolo e di solito sul sito del produttore indicano che è solo per emergenza.
 

Allegati

  • DSC_0540.JPG
    DSC_0540.JPG
    133,8 KB · Visite: 137
Ultima modifica:
ho un inverter in auto, attaccato due volte per provarlo e basta. e ho anche caricabatterie usb da auto, se e' per quello :)

pero' il mio caso e' proprio: mi accorgo mentre sono svaccato con la canna da carpe che la fotocamera o il cellulare sono scarichi. cosa faccio, a parte automaledirmi? e qua entrerebbe in gioco tutto il trabiccolo :)
Ricapitolando la soluzione più economica e meno ingombrante sono due powerbank da 20.000/10.000 in base a quello che pensi di ricaricarci.
Marche elencate in precedenza, che abbia in ingresso (in) una ricarica rapida(qc 3.0/qc4.0, Pd 3.0).
Caricatore per l'accendisigari con uscita a ricarica rapida. Meglio da due usb se prendi due powerbank.
Cosa che non è stata menzionata, dei buoni cavi che supportano bene la ricarica rapida, soprattutto per avere il massimo nella ricarica dei powerbank, sempre delle marche citate prima.
Stilo Più il caricatore per le stilo, per avere una ricarica veloce, sul retro di solito scrivono gli ampere per singola uscita, un 0,5A a salire va bene.
Poi il pannello solare puoi sempre prenderlo in un secondo momento.
 

Avventurosamente guadagna dagli acquisti idonei dei prodotti linkati.

il pannello lo metterei soprattutto steso sull'argine o tenuto su da qualche ramo, "sullo zaino" sarebbe una opzione b non impossibile ma molto meno probabile :)
--- ---

Ricapitolando la soluzione più economica e meno ingombrante sono due powerbank da 20.000/10.000 in base a quello che pensi di ricaricarci.
Marche elencate in precedenza, che abbia in ingresso (in) una ricarica rapida(qc 3.0/qc4.0, Pd 3.0).
Caricatore per l'accendisigari con uscita a ricarica rapida. Meglio da due usb se prendi due powerbank.
Cosa che non è stata menzionata, dei buoni cavi che supportano bene la ricarica rapida, soprattutto per avere il massimo nella ricarica dei powerbank, sempre delle marche citate prima.
Stilo Più il caricatore per le stilo, per avere una ricarica veloce, sul retro di solito scrivono gli ampere per singola uscita, un 0,5A a salire va bene.
Poi il pannello solare puoi sempre prenderlo in un secondo momento.

ok per il powerbank enorme, vorrei anche il pannellino per fare tutto in un colpo unico :)
 

Avventurosamente guadagna dagli acquisti idonei dei prodotti linkati.

Alto Basso