Io resto avventurosamente a casa! Consigli per sopravvivere a casa in tempo di pandemia

kit pannello solare - torcia a led per terzo mondo

ciao a tutti

scrivo dopo un paio di anni.... ma ogni tanto bazzico nel forum a leggere avventure, viaggi e racconti.
Vivo nell'Etiopia del nord, ad Adwa, dove lavoro per conto di una missione umanitaria (se vi interessa: www.amicidiadwa.org).

Sebbene ad Adwa ci siano ormai tanti servizi per noi considerati primari (energia elettrica in primis), ci sono ancora tante persone che qui e specialmente nei dintorni vivono in case senza energia elettrica. La cosa piu' importante per loro sarebbe avere almeno la luce la sera; non tutti infatti hanno la possibilità di comprarsi una lampada a pile (unica possibilità di avere luce la sera, fuoco a parte).

Assieme ad un collega stavamo pensando di fare un piccolo investimento in una soluzione semplice e robusta per fornire di una lampada ricaricabile almeno le persone piu' bisognose che non possono permettersela.

Non sto a spiegarvi tutta la storia ma inoltre idealmente i prodotti dovrebbero provenire dalla Cina come venditore (non quindi per esempio da ebay, sito americano); per esperienza possibilmente su www.aliexpress.com o www.alibaba.com, infatti a causa di dazi doganali esagerati (100% e oltre) comprare online su altri siti non dichiaratamente cinesi porta ad avere il prodotto bloccato in dogana ad Addis Abeba. Portarli con me dall'Italia sarei a rischio controlli all'arrivo e non vorrei rischiare. Così é....

Ci sono venute un paio di idee:
- lampada a led ricaricabile a manovella; PRO: (forse) la piu' semplice ed economica; CONTRO: conoscendo la poca manualità di certi soggetti, sarei propenso a limitare al minimo le parti meccaniche onde evitare rotture dopo una settimana;
- lampada a led ricaricabile via USB + pannellino solare; PRO: parti meccaniche ridotte al minimo, permetterebbe inoltre di ricaricare in futuro altro (vedi cellulare?) CONTRO: probabilmente piu' costosa.

Avete qualche idea da segnalarmi?
grazie!
 
Non scarterei la manovella o un meccanismo a leva (da premere), anche se devo ammettere che erano progetti datati (ora), gli apparati radio (riceventi) destinati a paesi in via di sviluppo prevedevano spesso quel metodo (mi sembra di capire che siate più propensi per il solare).

Fermo restando che non mi è chiaro se vuoi rivolgerti a prodotti già finiti o a singoli componenti da assemblare, presumo al secondo caso (se è così perchè escludere prodotti già fatti ?) .

Se ipotizzi un assemblaggio il pannello solare è sicuramente più interessante e facile, poichè non ti poni problemi meccanici, però nell'ottica di una salvaguardia dell'inevitabile batteria di capacità adeguata (più capiente) una ricarica solare che, probabilmente, non è per definizione costante (ma parlo per le mie latitudini) comporterebbe, secondo me, un maggior costo/complicazione sul piano elettronico..... però sono considerazioni che si dovrebbero fare con carta penna e calcolatrice una volta definito i vari parametri (costo finale, autonomia, lumen ect), per lo meno io le farei dopo

Ciao :si:, Gianluca
 
Ultima modifica:
S

Speleoalp

Guest
Tipo le LuminAid, magari ci sono di vari tipo e di varie dimensioni e comunque potrebbe essere uno spunto.
Nascono con gli stessi, simili, scopi ai vostri....
Sono resistenti e buone,....
 
Non scarterei la manovella o un meccanismo a leva (da premere), anche se devo ammettere che erano progetti datati (ora), gli apparati radio (riceventi) destinati a paesi in via di sviluppo prevedevano spesso quel metodo (mi sembra di capire che siate più propensi per il solare).

Fermo restando che non mi è chiaro se vuoi rivolgerti a prodotti già finiti o a singoli componenti da assemblare, presumo al secondo caso (se è così perchè escludere prodotti già fatti ?) .

Se ipotizzi un assemblaggio il pannello solare è sicuramente più interessante e facile, poichè non ti poni problemi meccanici, però nell'ottica di una salvaguardia dell'inevitabile batteria di capacità adeguata (più capiente) una ricarica solare che, probabilmente, non è per definizione costante (ma parlo per le mie latitudini) comporterebbe, secondo me, un maggior costo/complicazione sul piano elettronico..... però sono considerazioni che si dovrebbero fare con carta penna e calcolatrice una volta definito i vari parametri (costo finale, autonomia, lumen ect), per lo meno io le farei dopo

Ciao :si:, Gianluca
Mi sono spiegato male.... non escludo nulla tranne prodotti finiti, non voglio mettermi ad assemblare nulla.
Avresti qualche suggerimento?
 
Non parliamo ancora di grandi numeri....al momento abbiamo la segnalazione di un paio di casi diretti (studenti della scuola elementare della missione che la sera non possono leggere perché non hanno la luce), il budget sarebbe diciamo un 100 euro circa e li metteremmo noi di tasca nostra (soluzione piu' costosa, pannello solare piu lampada). L'idea di LuminAid devo capirla meglio prima di giudicarla, il fatto che sia stata regalata ad una missione in malawi non significa sia una soluzione ideale....
Se la cosa funziona (prodotto buono e utilizzato dalle persone) potremmo muoverci per fare un'elenco di altre situazioni da aiutare direttamente. I numeri sono potenzialmente alti, man mano che ti allontani dalla città aumentano le abitazioni senza luce.
Per ora vogliamo capire cosa ci sarebbe disponibile per aiutare queste due persone.
 
S

Speleoalp

Guest
L'idea di LuminAid devo capirla meglio prima di giudicarla, il fatto che sia stata regalata ad una missione in malawi non significa sia una soluzione ideale....
Non intendevo quello, intendevo dire che è un prodotto resistente, efficace in se. Lo utilizzo da anni in situazioni molto più stressanti, intendo sull'oggetto, e non hanno mai avuto un minimo segno di cedimento.
Prestazioni e affidabilità idem. Le accendo spesso nei locali di casa, la notte per leggere e fare quello che devo. Le ho regalate anche a mia mamma per la casa in montagna in cui vive, per risparmiare soldi... Conosco vari gruppi umanitari che scendono a fare cose simili e che le utilizzano spesso, quindi presumo siano valide non solo per me.

Poi certamente, questa era una mia opinione/segnalazione, il che non deve essere necessariamente l'ideale per voi. Era un'idea come le altre. Tutto qui... non volevo "offendere" niente e nessuno.
 
Molte torce con la dinamo a manovella sono ricaricabili anche via USB.

Se posso darti un consiglio, qualsiasi soluzione scegli, inizia con un piccolo investimento che ti permetta di fare una sperimentazione su un numero piccolo di casi.
Come ben saprai, tu introduci una tecnologia che non ha in loco alcuna possibilità di essere riparata o sostituita in caso di guasto.
Inoltre ci potrebbero essere "difficoltà culturali" non prevedibili facilmente.
Quindi è meglio iniziare distribuendo 5-10 kit a soggetti che puoi seguire e da cui puoi avere un feedback.
Poi farete le vostre considerazioni in vista di spendere il grosso del vostro budget.

Te lo dico sulla base di esperienza diretta per aver lavorato/vissuto in paesi africani per diversi periodi, nell'arco di una decina d'anni.
 
Non intendevo quello, intendevo dire che è un prodotto resistente, efficace in se. Lo utilizzo da anni in situazioni molto più stressanti, intendo sull'oggetto, e non hanno mai avuto un minimo segno di cedimento.
Prestazioni e affidabilità idem. Le accendo spesso nei locali di casa, la notte per leggere e fare quello che devo. Le ho regalate anche a mia mamma per la casa in montagna in cui vive, per risparmiare soldi... Conosco vari gruppi umanitari che scendono a fare cose simili e che le utilizzano spesso, quindi presumo siano valide non solo per me.

Poi certamente, questa era una mia opinione/segnalazione, il che non deve essere necessariamente l'ideale per voi. Era un'idea come le altre. Tutto qui... non volevo "offendere" niente e nessuno.
ma figurati. Ottimo se l'hai provato, qui se finisce in mano a bambini credo si mettano a giocare a pallone visto che é gonfiabile... questo il mio dubbio. Tra le caratteristiche ci deve essere anche il fatto che non deve essere facilmente utilizzabile come un giocattolo altrimenti rischia la rottura.
 
Molte torce con la dinamo a manovella sono ricaricabili anche via USB.

Se posso darti un consiglio, qualsiasi soluzione scegli, inizia con un piccolo investimento che ti permetta di fare una sperimentazione su un numero piccolo di casi.
Come ben saprai, tu introduci una tecnologia che non ha in loco alcuna possibilità di essere riparata o sostituita in caso di guasto.
Inoltre ci potrebbero essere "difficoltà culturali" non prevedibili facilmente.
Quindi è meglio iniziare distribuendo 5-10 kit a soggetti che puoi seguire e da cui puoi avere un feedback.
Poi farete le vostre considerazioni in vista di spendere il grosso del vostro budget.

Te lo dico sulla base di esperienza diretta per aver lavorato/vissuto in paesi africani per diversi periodi, nell'arco di una decina d'anni.
Questo é il piano, vedere come viene utilizzato e poi eventualmente se é il caso andare avanti.
 
Direi di si, anche se i 3 link di mezzo non mi fanno vedere nessun oggetto.
Ottimo il fatto che alcuni abbiano sia la ricarica a manovella che USB (se si rompe una si puo' utilizzare l'altra). Quello con ricarica solare non mi convince, per esperienza é difficile che quei pannellini siano efficaci (a meno che non l'hai testato personalmente).
Hai usato qualcuno di questi prodotti?

Piuttosto ne prenderei uno con USB ed eventualmente manovella per poi investire in un pannello 4-5W %v usb che eventualmente permetta anche la ricarica di un cellulare, così almeno siamo sicuri che anche se rompono la manovella un'altra fonte di ricarica ce l'hanno.
 
Riprova ora :)

No, non ho provato nulla. I panellini di quel genere funzionano solo in caso di forte intensità della luce.

Il terzo, dall'alto, sembra promettente..... ma è da provare.

Cercando un prodotto finito, personalmente, guarderei a qualcosa che nasce con tutte e quattro le opzioni di ricarica (manovella, solare, usb e rete o pile).

Ciao :si:, Gianluca
 
Forse una cosa del genere potrebbe andare bene

http://www.aliexpress.com/item/highlighted-6v-500mA-solar-plate-390LM-LED-led-Flashlight-Zoomable-Focus-Torch/2044286100.html?spm=2114.01010108.3.225.ygEtM1&ws_ab_test=searchweb201556_9,searchweb201644_3_505_506_503_504_10020_502_10001_10002_10017_10005_10006_10021_10003_10004_10022_10018_10019,searchweb201560_1,searchweb1451318400_-1,searchweb1451318411_-1&btsid=7eb63978-6e35-4e1a-951f-d2ed1e4e436c

La luce é tanta (1000 lumen), devo illuminare potenzialmente una stanza, non una tenda, la durata anche (batteria da 4000 Mah), ricaricabile via USB o da pannello solare da 6V 500Mah di dimensioni discrete, fa anche da power bank. Unica cosa che non mi piace: l'attacco per la ricarica via USB é proprietario (non é micro-usb).
 
Ultima modifica:

Discussioni simili



Alto Basso