Informazione Kungsleden 2022

Riporto su per affrontare la questione scarpe: il dubbio è tra il mio scarpone Scarpa ormai pensionato ma ultracomodo e dall'impermeabilità collaudata, o acquistare un paio di scarpe basse più leggere e probabilmente più adatte a macinare km.

Mi pare di capire che non essendoci terreni eccessivamente impegnativi la scelta potrebbe ricadere su una scarpa bassa e più agile, ma per tenere i piedi asciutti tenderei a preferire gli scarponi (questi: link).

Pareri?
 
Riporto su per affrontare la questione scarpe: il dubbio è tra il mio scarpone Scarpa ormai pensionato ma ultracomodo e dall'impermeabilità collaudata, o acquistare un paio di scarpe basse più leggere e probabilmente più adatte a macinare km.

Mi pare di capire che non essendoci terreni eccessivamente impegnativi la scelta potrebbe ricadere su una scarpa bassa e più agile, ma per tenere i piedi asciutti tenderei a preferire gli scarponi (questi: link).

Pareri?
Nooooo. scrivo appunto di evitare la scarpa bassa...
io cammino sempre con le scarpe basse (la sportiva stream) ma il terreno e' infido, pieno di sassi, fango e passerelle scivolose. Cole le basse rischi distorsioni in metà dei km.
Magari per alleggeristi prova delle mid più leggere dei scarponi e più contenitive delle basse.
Ovviamente il mio e' un suggerimento basato sulla mia esperienza e sul mio fisico, magari a te va benissimo la scarpa bassa.

Saluti The_Hawk
 
Nooooo. scrivo appunto di evitare la scarpa bassa...
io cammino sempre con le scarpe basse (la sportiva stream) ma il terreno e' infido, pieno di sassi, fango e passerelle scivolose. Cole le basse rischi distorsioni in metà dei km.
Magari per alleggeristi prova delle mid più leggere dei scarponi e più contenitive delle basse.
Ovviamente il mio e' un suggerimento basato sulla mia esperienza e sul mio fisico, magari a te va benissimo la scarpa bassa.

Saluti The_Hawk
Anche io avevo scritto "Più che le rocce io ricordo il camminare spesso su travi di legno a pelo d'acqua. Scarponi alti obbligatori e pure bastoncini."
 
Sinceramente lo scarpone tendo a preferirlo solo per la speranza che possa tenermi i piedi più asciutti, ma non lo vedo necessario per il tipo di terreno che non mi sembra peggiore, anzi, di quello che affronto solitamente con le scarpe da trail basse. Non a caso i "camminatori professionisti" da cui ho appreso di questo percorso, lo fanno con scarpe basse.

Credo alla fine per loro sia una scelta più filosofica: l'idea è che, se è quasi scontato che a sera avrai le scarpe bagnate, meglio che siano facili da asciugare.
 
Ciao, voto anche io per gli scarponi perché appena si esce dal sentiero principale si trovano molto spesso tratti paludosi e piccoli acquitrini sui sentieri tracciati (senza le classiche passerelle di legno) anche in assenza di precipitazioni. Non sono certo sabbie mobili, però se metti il piede nel punto sbagliato non è difficile arrivare col fango alle caviglie.
 
Per il compleanno della mia ragazza, in vista del Kungsleden, le ho preso un Osprey Kyte 46, mentre io userò il mio Kestrel 48.

Sinceramente voglio evitare di usare i nostri datati 65litri di quando eravamo bambini (a 8 anni per gli scout era consigliato un 65litri, vabeh, follie).

Nonostante siamo già abituati a cavarcela con poco e parzialmente dotati di attrezzatura light/compatta, dovremo comunque limare ancora dove possibile perché lo spazio sarà poco.

Avendo entrambi un Thermarest gonfiabile che terremo all'interno dello zaino, la tenda potremmo dividercela in due sacche stagne da tenere all'esterno... lo so, soluzione non ottimale ma suddividendola appunto in due non dovrebbe creare problemi.

Il vero svantaggio è che in questo modo dovremo probabilmente rinunciare agli z-pad che avrei voluto invece portare come ulteriore strato isolante/protezione/comfort.

Che ne pensate?
 
Per il compleanno della mia ragazza, in vista del Kungsleden, le ho preso un Osprey Kyte 46, mentre io userò il mio Kestrel 48.

Sinceramente voglio evitare di usare i nostri datati 65litri di quando eravamo bambini (a 8 anni per gli scout era consigliato un 65litri, vabeh, follie).

Nonostante siamo già abituati a cavarcela con poco e parzialmente dotati di attrezzatura light/compatta, dovremo comunque limare ancora dove possibile perché lo spazio sarà poco.

Avendo entrambi un Thermarest gonfiabile che terremo all'interno dello zaino, la tenda potremmo dividercela in due sacche stagne da tenere all'esterno... lo so, soluzione non ottimale ma suddividendola appunto in due non dovrebbe creare problemi.

Il vero svantaggio è che in questo modo dovremo probabilmente rinunciare agli z-pad che avrei voluto invece portare come ulteriore strato isolante/protezione/comfort.

Che ne pensate?
Sarebbe utile vedere il tuo Lighterpack per capire se c’è qualcosa di superfluo ed aiutarti a fare spazio nello zaino…sicuramente se lo scopo è togliere peso ed evitare di portare materiale ridondante non capisco la necessità di portare un Z-Lite per aumentare l’isolamento di un gonfiabile (immagino si parli del NeoAir) già performante di suo sotto questo profilo, specie affrontando il trekking nel periodo più caldo dell’anno.
A naso la maggior parte del peso/volume lo occuperai con cibo e vestiario: se sul primo c’è poco da limare (anche se non è del tutto vero), sul secondo quasi sempre c’è margine di miglioramento.
 
Devo aggiornare la lista e i pesi della mia attrezzatura poi configurerò lo zaino su lighterpack.

Lo z-lite sarebbe una richiesta dalla mia ragazza che teme il freddo/umido... è molto predisposta per queste attività, non si lamenta mai, ha solo questa richiesta e vorrei accontentarla, però o quello o la tenda appesi fuori, entrambi comincia ad essere troppo... Potrei valutare di portarne uno solo, magari tagliato.

Per cibo è vestiario sto seguendo le discussioni qui sul forum e se sui vestiti siamo già messi bene, sul cibo devo documentarmi perché punto ad essere quanto più indipendente dai negozietti lungo il percorso, dove mi limiterò a comprare il superfluo, ovvero qualcosa di buono per premiarsi.

Per il cibo sto valutando di arrivare a Stoccolma con una box di viveri e spedirmela a metà percorso presso un rifugio.
 
Ciao, sarò ad Abisko il primo settembre (partenza da Bergamo, sono di Bg, e arrivo a Stoccolma poi proseguirò con treno notturno fino ad Abisko appunto) per percorrere il primo step del Kungleden n solitaria con salita al Kebnekaise. Mi sono preso 10 giorni, ho calcolato l'incognita tempo per la salita al Kebnekaise e magari una tappa supplementare al ghiacciaio vicino a Tarfala.....per ora "sfrutto" tutte le risposte alla vostra discussione, di sicuro avrò domande anch'io.....grazie per ora
 
Ciao, farai dunque "solo" da Abisko a Vakkotavare? io punto ad arrivare a Kvikkjokk in 12 giorni effettivi di cammino ma non ho grandi deviazioni in programma e soprattutto, volendo che resti comunque una cosa piacevole, se vedo che abbiamo sopravvalutato la nostra preparazione, esco anche io a Vakkotavare... vedremo.

Ps io sono di Brescia, quindi faremo il tuo stesso itinerario BG - Stoccolma e da lì il treno
 
Ciao! Anche io e il mio ragazzo stiamo programmando di partire per il kungsleden per agosto e fare le prime due sezioni. Al momento siamo in fase di organizzazione/reperimento del materiale da portare...se ti va possiamo sentirci privatamente così ci scambiamo info per l'organizzazione, i voli ecc. Partiremo da Milano quindi facciamo lo stesso percorso per arrivare a Stoccolma.
 
Ultima modifica:
Ciao, farai dunque "solo" da Abisko a Vakkotavare? io punto ad arrivare a Kvikkjokk in 12 giorni effettivi di cammino ma non ho grandi deviazioni in programma e soprattutto, volendo che resti comunque una cosa piacevole, se vedo che abbiamo sopravvalutato la nostra preparazione, esco anche io a Vakkotavare... vedremo.

Ps io sono di Brescia, quindi faremo il tuo stesso itinerario BG - Stoccolma e da lì il treno
Ciao, grazie x la risposta. Io farò la tratta da Abisko a Singi, poi uscirò dal Kungsleden e mi dirigo verso Nikkaluokta, il mio arrivo, nel tratto Singi Nikkaluokta, tempo permettendo, vorrei salire al Kebnekaise.....come ti dicevo me la son presa larga di giorni ma dovrei non essere strozzato insomma. Per ora sono ancora in fase di preparazione, ho prenotato i voli qualche settimana fa, pagandoli poco, costa più il bagaglio/zaino in stiva, il treno ancora non mi permette di prenotare....per quanto riguarda me è il primo trekking di più giorni, ho sempre fatto al massimo 2 notti fuori in tenda, ma sono abituato a camminare per 20km al giorno e con dislivelli importanti e a quote intorno ai 2000....sto immaginando che campeggiare a 2000 metri in estate da noi possa essere paragonabile a Settembre a certe latitudini, magari mi sbaglio....se vuoi condividere consigli e pareri privatamente per me va benissimo!
--- ---

Ciao! Anche io e il mio ragazzo stiamo programmando di partire per il kungsleden per agosto e fare le prime due sezioni. Al momento siamo in fase di organizzazione/reperimento del materiale da portare...se ti va possiamo sentirci privatamente così ci scambiamo info per l'organizzazione, i voli ecc. Partiremo da Milano quindi facciamo lo stesso percorso per arrivare a Stoccolma.
Ciao, anche io sono stradisponobile a condividere privatamente.....
 
Io ho fatto anche 15gg consecutivi in tenda ma durante viaggi itineranti in moto, dove lo spazio è comunque poco, ma la fatica per portare in giro il tutto non la facevo io. Tante uscite da una notte in tenda, molte meno da 2 notti consecutive...

Devo mettere un po' di km nelle gambe perché la mia "comfort zone" attualmente è attorno ai 15km, con dislivello ma zaino leggero, quindi le tappe da 20+ con zaino pesante ma poco dislivello ad oggi sarebbero fattibili, ma impegnative.

Io ho già prenotato sia volo che treno perché vedevo i prezzi salire praticamente ogni giorno...
se dovessi rinunciare a fare la seconda sezione ne approfitterò per fare qualche giorno di vacanza a Stoccolma in attesa del volo di ritorno.

Tema cibo: come vi organizzate?
 
Il cibo sarà l'ultima cosa che prevedo di organizzare, diciamo che dipenderà molto dal peso del resto, voglio stare dentro un range tra 1 15 e 20kg zaino compreso, non ho attrezzatura elettronica (se non cellulare, powerbank e caricabatteria telefono, non sono uno malato di video, go pro, droni o altro....a proposito secondo voi è da folli non avere un satellitare dato nella tratta che percorreró non c'è campo?), di sicuro ho tenda (lanshan 2) di peso pari a circa 1.2kg, sacco Crivit con Tconfort -6°c di circa 1.75kg, materassino R 2.2 di peso 0.4kg; queste sono le cose certe, poi avrò tutto il resto, vestiario, e utensili vari insomma vorrei stare sotto i 20kg, per lo zaino devo scegliere tra il mio vecchio ma affidabile Mammut da 45litri oppure un 70, il primo pesa 1.7kg il secondo 2.2kg, probabilmente mi toccherà in quanto il mammut mi sa troppo piccolo.... per il cibo quindi vedrò alla fine, all'incirca penso di portarmi x 5 giorni, buste liofilizzate (a proposito, io di solito uso quelle della knorr, dosi x 3 che consumo da solo, costano pochissimo e pretendono solo l'ausilio di un pentolino da 1.5litri x cucinarle e qualche minuto in più...molto poco tecnico mi sa ), qualche fettina di formaggio o salume messa in buste sottili sotto vuoto (giusto qualcuna, per tirarmi un po' su ogni tanto insomma), barrette di cioccolato fondente, te, e magari una bustina di sali minerali da sciogliere in acqua... più o meno questa è l'idea....
Il treno come hai fatto a prenotarlo?
Scusate gli errori ma sto scrivendo senza rileggere col telefono....
 
Beh 20kg non sono affatto pochi... se pensi di portare quel peso secondo me nel 45 litri non ci stai. Io mi sono dato l'obiettivo dei 13kg, spero anche meno, dipende dal peso del cibo che porterò. Purtroppo potrei limare solo facendo un upgrade del sacco a pelo, per il resto sono già al limite con i vestiti che intendo portare (pochi) e non posso fare grandi migliorie all'attrezzatura che già ho.

Il treno l'ho prenotato online sul sito della Vy, alcune date non risultano disponibili o perché è troppo presto, o perché prevedono di fare dei lavori sulla linea e alcune tratte di treno saranno sostituite da autobus, almeno così mi è stato detto dal servizio clienti... io ho scelto le date di viaggio anche in funzione di questo visto che non mi andava di fare treno+bus di notte.

Ho pensato e ancora sto pensando se procurarmi un Garmin inReach per questioni di sicurezza... però alla fine:
- il tratto senza copertura è anche il più frequentato
- saremo in coppia, se succede qualcosa a uno, l'altro può raggiungere un punto presidiato
- un po' di strizza ci sta
Fossi da solo probabilmente avrei meno dubbi e lo prenderei.
 
Provato adesso sul sito della Vy, effettivamente non posso prenotare perchè ancora presto.........
Per i chili previsti naturalmente se riuscirò a stare sotto i 15kg meglio....
 
Domanda (forse stupida) per chi ha già effettuato il Kungsleden, sporco e immondizia varia che si accumula tra una tratta e l'altra è possibile smaltirla ai rifugi che si incontrano nella tratta? Grazie per chi mi risponderà
 
Corso di Orientamento
Alto Basso