Escursione La cresta delle Mainarde

Parchi del Lazio
Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise
Dati

Data: 5 Maggio 2014
Regione e provincia: Lazio, FR
Località di partenza e arrivo: Prati di mezzo, 1438 metri (Picinisco)
Tempo di percorrenza: 10 ore 27 minuti
Chilometri: 20.60 Km
Grado di difficoltà: EE
Descrizione delle difficoltà: Nessuna difficoltà in particolare. Il dislivello è distribuito lungo tutto il percorso. Solo la notevole lunghezza rendono questo giro adatto a escursionisti bene allenati.
Periodo consigliato: Data la notevole lunghezza è sconsigliato con forte innevamento
Segnaletica: Presente (ma parzialmente nascosta dalla neve ancora presente in alcuni tratti)
Salita accumulata:
Quota massima: 2160 metri (Monte a mare)
Accesso stradale: Da Picinisco (FR) si seguono le indicazioni per Prato di Mezzo (12 Km dal paese)

Descrizione

Ciao a tutti,

Dopo il Murolungo fatto lo scorso mese, per riprendere in pieno l'attività ho organizzato questo bel giro sulle Mainarde, insieme a Marco (the President) Agostino e Roberto.

L'idea nasce con lo stimolo del Club dei 2000 metri e comunque, collezione di cime a parte questa bellissima cresta che tocca una zona del parco Nazionale non frequentatissima dalla folla degli escursionisti merita a prescindere.

L'itinerario parte dal parcheggio in località Prati di Mezzo, e inizia seguendo il grosso prato, sotto lo sky-lift. Il sentiero è segnato e dopo una iniziale salita sfocia nell'ampio pratone a sinistra del Forcellone. Si prosegue verso la sella che si trova a Nord del monte Cavallo (sulla destra della direzione di marcia) e da li si scende nella sottostante valle seguendo il (poco) segnato sentiero in direzione Sud - Est fino ad arrivare ai piedi della sella che separa il Cappello del Prete dal Monte Mare. Qui si ricomincia a salire dentro ad un bosco e, appena usciti dagli alberi, si arriva alla sella, intorno ai 1850 metri.

Ora ci aspetta la salita fino al Monte Mare e al vicino Ferruccia, ripida ma non lunghissima e poco dopo mezzogiorno raggiungiamo la coppia di cime.

Dopo una piccola pausa e qualche foto ripartiamo per ridiscendere di nuovo alla sella e da qui di nuovo per un ripido pendio fino al Cappello del Prete, terza cima della giornata.

Proseguiamo nel nostro saliscendi di cime per raggiungere Costa dell'Altare prima e Monte a Mare (quota massima della giornata) dopo.

A questo punto ci dirigiamo verso la Metuccia che viene raggiunta nonostante qualche indecisione sulla sua esatta posizione e nonostante la neve che qui è presente in quantità maggiore rispetto al resto del percorso.

Sono ormai le cinque del pomeriggio e tocca pure sbrigarsi a scendere e toccherebbe arrivare ancora a passo dei Monaci per poi iniziare la discesa verso il parcheggio ma la neve è tanta e il percorso non è agevole.

A questo punto giochiamo il Jolly: Fra i vari percorsi avevo con me anche la discesa fatta da Gerifalco e compagni che avevano già fatto un giro simile e come diceva lui, complice la forza di gravità e aitutati dalla neve ci siamo buttati giù per una specie di direttissima che ci ha riportati velocemente e agevolmente all'auto. Solo il passaggio nel bosco ha richiesto qualche attenzione particolare ma alla fine siamo arrivati a Prati di Mezzo dopo oltre 10 ore di camminata.

Sul mio sito, all'indirizzo http://www.scarponiepedali.it/02_05_escursioni_2014/05-05-2014/index.shtmlhttp://www.scarponiepedali.it troverete una ampia selezione fotografica della giornata

Ed ora qui, qualche anticipo ...

2014-05-05-Mainarde-001.jpg

2014-05-05-Mainarde-002.jpg

2014-05-05-Mainarde-003.jpg

2014-05-05-Mainarde-005.jpg

2014-05-05-Mainarde-010.jpg

2014-05-05-Mainarde-011.jpg

2014-05-05-Mainarde-016.jpg

2014-05-05-Mainarde-017.jpg

2014-05-05-Mainarde-018.jpg

2014-05-05-Mainarde-023.jpg

2014-05-05-Mainarde-028.jpg

2014-05-05-Mainarde-033.jpg

2014-05-05-Mainarde-037.jpg

2014-05-05-Mainarde-040.jpg

2014-05-05-Mainarde-041.jpg

2014-05-05-Mainarde-049.jpg

2014-05-05-Mainarde-050.jpg

2014-05-05-Mainarde-052.jpg

2014-05-05-Mainarde-054.jpg

2014-05-05-Mainarde-056.jpg

2014-05-05-Mainarde-061.jpg

2014-05-05-Mainarde-066.jpg

2014-05-05-Mainarde-070.jpg

2014-05-05-Mainarde-075.jpg

2014-05-05-Mainarde-082.jpg

2014-05-05-Mainarde-084.jpg

2014-05-05-Mainarde-086.jpg

2014-05-05-Mainarde-092.jpg

2014-05-05-Mainarde-094.jpg

2014-05-05-Mainarde-096.jpg

2014-05-05-Mainarde-104.jpg

2014-05-05-Mainarde-106.jpg

2014-05-05-Mainarde-112.jpg

2014-05-05-Mainarde-115.jpg

2014-05-05-Mainarde-118.jpg

2014-05-05-Mainarde-122.jpg

2014-05-05-Mainarde-128.jpg

2014-05-05-Mainarde-133.jpg

2014-05-05-Mainarde-135.jpg

2014-05-05-Mainarde-137.jpg

2014-05-05-Mainarde-140.jpg

Un saluto a tutti,

:)

Mactom
 
Ultima modifica di un moderatore:
Bellissimo giro, complimenti! foto che parlano da sole per quanto sono belle..
Ho apprezzato le Mainarde quando andai con Valerio un mese fa a fare il canale obliquo al Forcellone..rimasi incantato dalla cresta selvaggia e solitaria della Meta e dalle cime delle Mainarde vere e proprie, Cavallo e A Mare.
E' uno dei giri che voglio e devo fare in assoluto quanto prima, anche se avrei voluto molto farlo in invernale.
Il tuo post mi ha fatto venire ancora piu' voglia :)
 
@ Mett Grazie, ovviamente

@ Alex Grazie per la visita e per i complimenti. Guarda che anche adesso hai la bellezza del paesaggio semiinnevato senza averne le controindicazioni.
In invernale penso che l'attraversamento della piana fino alla sella del Cavallo (detto cosi fa quasi ridere ...) e della piana sottostante con molta neve potrebbe avere qualche difficoltà se fatto a piedi.

Un saluto a tutti,

Mactom
 
Beh, ormai è arcinota in almeno mezzo forum la mia passione per le Mainarde che purtroppo a causa della troppa distanza frequento poco.
Questa bella traversata mi fa apprezzare meglio quell'ambiente e mi scatena tanti ricordi di gite fatte pochi anni fa, come per esempio un lungo bivacco a Fonte Fredda, dove abbiamo apparecchiato una "tavola" degna dei migliori ristoranti sfruttando una grande pietra calcarea perfettamente piatta e ricoperta con ogni prelibatezza... dagli affettati alle bottiglie di vino, ai pasticcini, pane, pizzette, e chi più ne ha...e mi fermo qui.

Vedo che la neve è ancora abbondante anche da quelle parti. L'ho constatato di persona anche ieri sugli Ernici. E poi quei soliti simpatici abitanti del Parco che puntualmente si mettono in posa davanti all'obbiettivo sono sempre irresistibili.
 
Beh, ormai è arcinota in almeno mezzo forum la mia passione per le Mainarde che purtroppo a causa della troppa distanza frequento poco.
Questa bella traversata mi fa apprezzare meglio quell'ambiente e mi scatena tanti ricordi di gite fatte pochi anni fa, come per esempio un lungo bivacco a Fonte Fredda, dove abbiamo apparecchiato una "tavola" degna dei migliori ristoranti sfruttando una grande pietra calcarea perfettamente piatta e ricoperta con ogni prelibatezza... dagli affettati alle bottiglie di vino, ai pasticcini, pane, pizzette, e chi più ne ha...e mi fermo qui.

Vedo che la neve è ancora abbondante anche da quelle parti. L'ho constatato di persona anche ieri sugli Ernici. E poi quei soliti simpatici abitanti del Parco che puntualmente si mettono in posa davanti all'obbiettivo sono sempre irresistibili.
... sante parole, Fabrizio,

Sulle Mainarde ci sono stato solo tre volte e sempre "per colpa" del club dei 2000 altrimenti, vista la distanza, ma chi ci andava?

Tutte e tre le volte però devo dire che ho apprezzato queste belle montagne e alla fine il sacrificio del viaggio è stato ampiamente ripagato (lunedi, fra una cosa e l'altra sono arrivato a casa dopo le dieci e mezzo di sera).

A proposito poi dei simpatici abitanti, mi ricordo che in occasione della prima escursione, sul monte Meta, incontrammo un nutrito branco con tanto di cuccioli che, per nulla spaventati della nostra presenza rimasero in posa per molto tempo davanti alle nostre fotocamere.

Ciao Fabrizio e, grazie per la tua visita

Un saluto,

Marco
 
Bentornato ancora Marco, le Mainarde poi che hanno un sapore del tutto particolare, per me al limite del sentimento, come la Majella.
Hai fatto lo stesso giro che feci lo scorso autunno, al contrario però:
io salii sulla sulla Costa dell'Asino e dopo molti saliscendi raggiunsi la Metuccia, poi tutta cresta fino al Ferruccia, poi discesi verso la fonte Mangialatte, ai piedi della parete nord del cavallo, nella valle del Rio Chiaro, una valle spettacolare.
Luoghi selvaggi a dir poco, e intrisi di nefasti ricordi delle stragi della seconda guerra mondiale. Non so se hai notato, sulla crestina che va dal monte Mare al Ferruccia ci sono resti delle trincee.
Teniamo nella memoria la storia, ma assaporiamo le emozioni che ci regala oggi la natura.
a presto
augusto.
 
Bentornato ancora Marco, le Mainarde poi che hanno un sapore del tutto particolare, per me al limite del sentimento, come la Majella.
Hai fatto lo stesso giro che feci lo scorso autunno, al contrario però:
io salii sulla sulla Costa dell'Asino e dopo molti saliscendi raggiunsi la Metuccia, poi tutta cresta fino al Ferruccia, poi discesi verso la fonte Mangialatte, ai piedi della parete nord del cavallo, nella valle del Rio Chiaro, una valle spettacolare.
Luoghi selvaggi a dir poco, e intrisi di nefasti ricordi delle stragi della seconda guerra mondiale. Non so se hai notato, sulla crestina che va dal monte Mare al Ferruccia ci sono resti delle trincee.
Teniamo nella memoria la storia, ma assaporiamo le emozioni che ci regala oggi la natura.
a presto
augusto.
Ciao Augusto, grazie per il bel messaggio che hai lasciato.

Purtroppo devo ammettere che sul tratto che hai descritto non ho notato i resti delle trincee, forse anche a causa della neve presente anche se era poca.

Ci dovrò fare attenzione quando capiterà (e capiterà!) di riandarci.

Un saluto,

Marco
 
Ciao Marco,
Le Mainarde mi hanno cresciuto; sono state il palcoscenico di molte mie avventure, e mi fa sempre piacere anche solo leggere le escursioni di altri in quei posti.

Saluti anche a "the President", che ho avuto il piacere di incontrare dove non mi sarei mai aspettato.


Diego
 
Ciao Marco,
Le Mainarde mi hanno cresciuto; sono state il palcoscenico di molte mie avventure, e mi fa sempre piacere anche solo leggere le escursioni di altri in quei posti.

Saluti anche a "the President", che ho avuto il piacere di incontrare dove non mi sarei mai aspettato.


Diego
Ciao Diego,

Io invece le Mainarde le ho frequentate poco purtroppo per motivi logistici e devo ringraziare il Club dei 2000 per avermele fatte conoscere ed apprezzare.

riferirò i saluti al nostro presidente.

Grazie della visita e alla prossima ...

:)

Marco
 
:)

ciao Marco, vedo che, anche se sei stato lontano dalle montagne per un pò, l'allenamento non l'hai perso! :biggrin: :biggrin: 10 ore e rotte di camminata, niente male :biggrin: :lol:
 
:)

ciao Marco, vedo che, anche se sei stato lontano dalle montagne per un pò, l'allenamento non l'hai perso! :biggrin: :biggrin: 10 ore e rotte di camminata, niente male :biggrin: :lol:
Ciao Flavia,

fortunatamente il posto, il lavoro e la compagnia mi consentivano una corsetta quasi tutte le sere e questo mi ha permesso di non inflaccidire troppo.

Poi, è bastato sentire l'aria delle nostre montagne per avere le ali ai piedi ...

Adesso devo solo smaltire qualche chiletto accumulato durante i bagordi Pasquali dopo di che è fatta!

Grazie per la visita e a presto

:)

Marco
 
Ciao a tutti....
..domenica 11 Maggio organizzate qualche cosa? Siamo in due e ci piacerebbe camminare in compagnia.

Marco
... siamo un pochino OT :no:

Comunque, per Domenica 11 non abbiamo nulla in programma mentre per Sabato 10 si va su Cima ZIS guarda caso con ZainInSpalla per visitare la "nostra" cima.

Un saluto,

Marco
 

Discussioni simili



Alto Basso