Escursione La lunga cresta innevata della Cimata del Puzzillo

Parchi d'Abruzzo
  1. Parco Regionale Sirente-Velino
Dati

Data: 8 Gennaio 2022
Regione e provincia: L'Aquila, Abruzzo
Località di partenza: Rif. Alantino (Campo Felice)
Località di arrivo: Idem
Tempo di percorrenza: 6h30'
Chilometri: 15,5
Grado di difficoltà: EAI
Descrizione delle difficoltà: Pendii e traversi ghiacciati, tratti di misto, in cresta frequenti buche di neve tra le rocce.
Periodo consigliato: sempre
Segnaletica: assente
Dislivello in salita: 700 m
Quota massima: Cimata di Puzzillo (2141 m)
Traccia GPS: https://www.wikiloc.com/hiking-trails/cresta-delle-cimate-per-la-dorsale-nord-92385407

Descrizione
Non ho la pretesa di aggiungere qualcosa al già nutrito contributo di racconti e recensioni di innumerevoli escursioni già avvenute per questo itinerario. Tuttavia intendo condividere la traccia GPS e qualche mio scatto.
Già conoscevo la lunga e panoramica cresta della Cimata di Puzzillo: in passato l'avevo percorsa per intero o anche parzialmente per 4 volte, quindi non mi sarei atteso grandi sensazioni nel calcare nuovamente quel lungo saliscendi che separa Campo Felice dai Piani di Pezza.
Invece mi sbagliavo: il percorso alternativo ma soprattutto la bellissima veste invernale indossata da tutte le montagne di questo comprensorio mi hanno fatto realizzare un'escursione strepitosa, sicuramente migliore delle precedenti sortite.

Le nebbie mattutine di Campo Felice si stanno diradando mentre percorriamo la sterrata imbiancata che conduce al Rifugio Sebastiani / Colletto di Pezza risalendo la valle del Puzzillo:
IMGP9611.JPG

Prima di giungere alla vecchia miniera, abbandoniamo la sterrata e deviamo a sinistra per salire sulla cresta boscosa che su IGM è nominata come Macchia Rotonda.
Nel bosco viviamo un magico e inaspettato incantesimo: la neve intonsa che crepita sotto i nostri scarponi, la faggeta immersa nel silenzio assordante rotto solo dal nostro respiro, le soventi aperture che regalano spettacolari visuali del Puzzillo:
IMGP9619.JPG IMGP9620.JPG IMGP9622.JPG

Seguendo la linea di cresta in direzione Nord - Sud raggiungiamo facilmente l'uscita dalla faggeta quando siamo ormai quasi al cospetto della cresta sommitale:
IMGP9631.JPG
IMGP9632.JPG
IMGP9637.JPG

Ormai ci siamo: la dorsale Nord si interseca con la cresta della Cimata di Puzzillo ed ora possiamo percorrere questa linea, un pò come volare senza ali:
IMGP9645.JPG IMGP9646.JPG
IMGP9650.JPG IMGP9659.JPG

La progressione prsegue facilmente, benchè talora ci si imbatte in tratti caratterizzati da profonde buche. Ciononostante, lo sguardo resta rapito dagli scenari che ci circondano:
Piani di Pezza:
IMGP9662.JPG

Valle del Puzzillo
IMGP9664.JPG

Verso Sud, Punta Trento, Punta Trieste e in lontananza la piramide del Velino:
IMGP9670.JPG

Un sguardo a ritroso sulla cresta percorsa, un setto affilato tra i due altopiani di questo comprensorio:
IMGP9673.JPG

L'ultima elevazione prima di scendere al Colletto di Pezza, mentre il Costone sta contenendo le nubi che provengono dall'altro versante:
IMGP9679.JPG

In vetta alla Cimata di Puzzillo:
IMGP9700.JPG

I nembi che avvolgono il settore meridionale:
IMGP9706.JPG

La discesa con insidiosi tratti di misto dalla Cimata di Puzzillo:
IMGP9712.JPG

Perocrrendo la valle del Puzzillo, uno sgurado indietro agli ambienti che ci lasciamo alle spalle mentre soddisfatti rientriamo alla base:
IMGP9719.JPG IMGP9728.JPG
 
Non praticando l'invernale dovrei astenermi dal commentare ma avendo fatto la cimata d' estate (ormai un bel po' di tempo fa) credo di intuire cosa significhi farla con la neve.

Grazie per la condivisione!
 
Non praticando l'invernale dovrei astenermi dal commentare ma avendo fatto la cimata d' estate (ormai un bel po' di tempo fa) credo di intuire cosa significhi farla con la neve.

Grazie per la condivisione!
Effettivamente farla con questo grado di innevamento è stata proprio tutta un’altra esperienza.
Grazie a Te per la visita.
 
Bellissime immagini, caratterizzate da una luminosità elettrica. Il carattere isolato di quella dorsale regala splendide sensazioni e immagino quali possano essere se percorsa in bianco, così come immagino cosa sia scendere con la neve dalla Cimata, che già senza richiede cautela.
 
Dati

Data: 8 Gennaio 2022
Regione e provincia: L'Aquila, Abruzzo
Località di partenza: Rif. Alantino (Campo Felice)
Località di arrivo: Idem
Tempo di percorrenza: 6h30'
Chilometri: 15,5
Grado di difficoltà: EAI
Descrizione delle difficoltà: Pendii e traversi ghiacciati, tratti di misto, in cresta frequenti buche di neve tra le rocce.
Periodo consigliato: sempre
Segnaletica: assente
Dislivello in salita: 700 m
Quota massima: Cimata di Puzzillo (2141 m)
Traccia GPS: https://www.wikiloc.com/hiking-trails/cresta-delle-cimate-per-la-dorsale-nord-92385407

Descrizione
Non ho la pretesa di aggiungere qualcosa al già nutrito contributo di racconti e recensioni di innumerevoli escursioni già avvenute per questo itinerario. Tuttavia intendo condividere la traccia GPS e qualche mio scatto.
Già conoscevo la lunga e panoramica cresta della Cimata di Puzzillo: in passato l'avevo percorsa per intero o anche parzialmente per 4 volte, quindi non mi sarei atteso grandi sensazioni nel calcare nuovamente quel lungo saliscendi che separa Campo Felice dai Piani di Pezza.
Invece mi sbagliavo: il percorso alternativo ma soprattutto la bellissima veste invernale indossata da tutte le montagne di questo comprensorio mi hanno fatto realizzare un'escursione strepitosa, sicuramente migliore delle precedenti sortite.

Le nebbie mattutine di Campo Felice si stanno diradando mentre percorriamo la sterrata imbiancata che conduce al Rifugio Sebastiani / Colletto di Pezza risalendo la valle del Puzzillo:
Vedi l'allegato 231072

Prima di giungere alla vecchia miniera, abbandoniamo la sterrata e deviamo a sinistra per salire sulla cresta boscosa che su IGM è nominata come Macchia Rotonda.
Nel bosco viviamo un magico e inaspettato incantesimo: la neve intonsa che crepita sotto i nostri scarponi, la faggeta immersa nel silenzio assordante rotto solo dal nostro respiro, le soventi aperture che regalano spettacolari visuali del Puzzillo:
Vedi l'allegato 231073 Vedi l'allegato 231074 Vedi l'allegato 231075

Seguendo la linea di cresta in direzione Nord - Sud raggiungiamo facilmente l'uscita dalla faggeta quando siamo ormai quasi al cospetto della cresta sommitale:
Vedi l'allegato 231076
Vedi l'allegato 231077
Vedi l'allegato 231078

Ormai ci siamo: la dorsale Nord si interseca con la cresta della Cimata di Puzzillo ed ora possiamo percorrere questa linea, un pò come volare senza ali:
Vedi l'allegato 231079 Vedi l'allegato 231080
Vedi l'allegato 231081 Vedi l'allegato 231082

La progressione prsegue facilmente, benchè talora ci si imbatte in tratti caratterizzati da profonde buche. Ciononostante, lo sguardo resta rapito dagli scenari che ci circondano:
Piani di Pezza:
Vedi l'allegato 231104

Valle del Puzzillo
Vedi l'allegato 231105

Verso Sud, Punta Trento, Punta Trieste e in lontananza la piramide del Velino:
Vedi l'allegato 231106

Un sguardo a ritroso sulla cresta percorsa, un setto affilato tra i due altopiani di questo comprensorio:
Vedi l'allegato 231108

L'ultima elevazione prima di scendere al Colletto di Pezza, mentre il Costone sta contenendo le nubi che provengono dall'altro versante:
Vedi l'allegato 231109

In vetta alla Cimata di Puzzillo:
Vedi l'allegato 231110

I nembi che avvolgono il settore meridionale:
Vedi l'allegato 231111

La discesa con insidiosi tratti di misto dalla Cimata di Puzzillo:
Vedi l'allegato 231112

Perocrrendo la valle del Puzzillo, uno sgurado indietro agli ambienti che ci lasciamo alle spalle mentre soddisfatti rientriamo alla base:
Vedi l'allegato 231113 Vedi l'allegato 231114
Immagini spettacolari.Complimenti.Spero di farmi un giro sul Sirente a fine inverno
 
Quella mattina ero al Sebastiani proveniente da Vado di Pezza (prima volta al Sirente-Velino), giornata magica per luoghi magici!
Ma dall'Alantino al Sebastiani si può percorrere la Piana di Campofelice (ciaspolando) o bisogna fare la Cimata del Puzzillo?
A me sembra che si eviti passando per la miniera di bauxite o sbaglio?
Grazie e complimenti
 
Bellissime immagini, caratterizzate da una luminosità elettrica. Il carattere isolato di quella dorsale regala splendide sensazioni e immagino quali possano essere se percorsa in bianco, così come immagino cosa sia scendere con la neve dalla Cimata, che già senza richiede cautela.
grazie @Montinvisibili, vedo che da profondo conoscitore del settore VS hai colto perfettamente nel segno sia per le sensazioni suscitate nel percorrere quella dorsale isolata che nelle sue insite difficoltà. Grazie per gli apprezzamenti ai miei scatti.
--- ---

Immagini spettacolari.Complimenti.Spero di farmi un giro sul Sirente a fine inverno
Grazie, sul Sirente vorrei andare anche io prima che finisca la stagione. Fosse la volta buona che dopo ripetuti rinvii riesca a fare il Maiori.
--- ---

Quella mattina ero al Sebastiani proveniente da Vado di Pezza (prima volta al Sirente-Velino), giornata magica per luoghi magici!
Ma dall'Alantino al Sebastiani si può percorrere la Piana di Campofelice (ciaspolando) o bisogna fare la Cimata del Puzzillo?
A me sembra che si eviti passando per la miniera di bauxite o sbaglio?
Grazie e complimenti
Grazie.
In realtà risalire la valle del Puzzillo è la via più semplice e diretta per giungere al Sebastiani. La mia deviazione per la dorsale N e poi il percorso per la Cimata è stato un modo per effettuare un giro ad anello ed evitare l'itinerario A/R a cui io sono molto allergico.
 
Ultima modifica:
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso