Viaggio La mia America

La preparazione del viaggio è durata circa 3 mesi e sarò a disposizione di chi desiderasse conoscere tutti i risvolti più o meno occulti dell'organizzazione di un viaggio del genere (durata 12 giorni).
Doveroso un enorme GRAZIE al miticissimo Crafter, senza la cui gentilezza ed enorme disponibilità nulla sarebbe stato possibile se non, forse, il solo viaggio andata e ritorno.
Arrivati negli USA, iniziamo con qualche attività di pulizia successiva all'uragano a noi tutti noto che ha recentemente devastato la zona
8572266392_d5663cdba5_z.jpg

se ne approfitta per fare legna in modi più o meno moderni
8572264586_905e49caee_z.jpg

ma alla fine eccoci qui pronti per la partenza con un minivan (in America lo chiamano mini ma in Italia di mini avrebbe solo il nome) carico all'inverosimile con tutto il necessario.
qui in posa con un amico 'mericano mentre Crafter scatta la foto.
8572074136_6a7f62de97_z.jpg

dopo una tappa all'OCC (Orange County Chopper) proseguiamo fino a destinazione.
8571180503_2c9c4e0902_z.jpg

l'arrivo nell'Adirondak è con il buio e presto presto accendiamo il fuoco visto che la colonnina di mercurio tende ai -15 C° in diminuzione
8570984487_3c4e6e1778_z.jpg

alle mie spalle il "lean-to" nel quale dormiremo si può dire virtualmente all'aperto con indosso abbigliamento tecnico, dentro sacchi a pelo per clima artico e sotto coperte a doppia trapunta per scongiurare il windchill :Wind chill - Wikipedia, the free encyclopedia.
L'indomani mattina all'alba subito in piedi e, dopo una buona colazione ipercalorica, subito in movimento.
La tabella di marcia prevede una lunga ciaspolata lungo un bellissimo sentiero dentro uno stupendo bosco alla volta di un lago gelato.
Primo step la registrazione all'ingresso, così che se in serata qualcuno ha avuto la malaugurata idea di perdersi o farsi male il Ranger del parco non trovando la sigla d'uscita allarmerà i soccorsi.
8570985273_bb78ed532b_z.jpg

l'itinerario si incrocia con passaggi di animali quali daini ma anche lupi testimoniati dalle tracce nella neve
8572083990_e903bf66e6_z.jpg

comunque, piano piano, dopo qualche ostacolo
8572091220_2f22ed5b13_z.jpg

8572082622_40749f0e21_z.jpg

si arriva al lago
8572092974_9d91f8b948_z.jpg

piccola pausa ristoro, dove delle impertinenti cincie vengono a rubarci i biscotti dalle mani
8572283546_72a5d56902_z.jpg

giusto per non sbagliare torniamo sui nostri passi, seguendo le tracce, la segnaletica e dando comunque un occhio al GPS.
la sera comunque botta di cività
8571001839_ffeb1c02be_z.jpg

Salendo verso il Canada, che dista circa due ore d'auto, ci fermiamo in un altro lago ghiacciato ben più grande. Qui l'attraversata richiede qualche precauzione come una corda di sicurezza, senza imbragatura, ma è comunque è sempre meglio che niente.
8571191489_7609d5f9f9_z.jpg

avanti andava Crafter che con le ciaspole batteva la neve, consentendomi così di sprofondare il meno possibile
8571193123_e7cefc1a0d_z.jpg

cercando comunque di essere rapidi perchè il disgelo era già iniziato e con il bastoncino si sentiva con facilità il ghiaccio a meno di 10cm di neve
ecco come andava posizionata la corda in caso di emergenza, per un punto di ancoraggio fermo e sicuro sul quale fare forza per tirarsi fuori dall'acqua
8572287970_da00e84594_z.jpg

due giri sotto il piede, poi uno dietro il polpaccio, quindi tirare con presa in basso verso l'alto caricando tutto il peso sul piede.
dopo la lunga traversata and after the thrill is gone un meritato riposo (sapete com'è, quando sentite scricchiolare il ghiaccio sotto i piedi...) ci vuole
8572289212_f83376c6bc_z.jpg

per il ritorno usiamo la stessa strada dell'andata, notando con sgomento che in neanche un'ora lo strato di neve si è ulteriormente assottigliato. fortunatamente la strada è battuta e si fa ancora più velocemente.
verso la strada per il Canada, faccio conoscenza con l'arcinota possessività americana per la proprietà privata
8572098490_e1c5590925_z.jpg

Crafter mi assicura che ci sono anche quelli dove c'è scritto che si spara a vista, ma purtroppo non siamo riusciti a trovarne neanche uno :(
giunti a Montreal ci sistemiamo in un bellissimo albergo (wifi, hall, reception, letti, cuscini insomma c'è tutto...)
triste città, specialmente il centro e specialmente di domenica:
8572296356_688fa00de8_z.jpg

scale. infatti le città canadesi per il freddo invernale si sviluppano anche nel sottosuolo dove per il rigido freddo hanno una doppia vita. ecco uno dei tanti accessi.
8571203539_2dd4b9ca5a_z.jpg

Solo un giorno e poi di corsa di ritorno negli USA in direzione di Witheface Mounatin dove c'è una bellissima strada che porta in vetta.
ecco l'ingresso qualche giorno prima
8571200585_cca4cb4080_z.jpg

ed ecco la salita
8571005525_02ffeb943a_z.jpg

8571007145_cf6f042d6b_z.jpg

foto volutamente sottoesposte (non ritoccate) per descrivere la cupezza della giornata
8572103630_ed6ce89967_z.jpg

eccomi con la vetta sullo sfondo
8572105158_110a873ffc_z.jpg
.

Il primo giorno a New York è un vero tour de force
raggiungo Manhattan in treno e subito mi fiondo all'Empire State Building avendo preventivamente fatto il biglietto Speedy Gonzales che, si costa il triplo, ma mi fa saltare tutte le code.
A parte il siparietto al punto di controllo sicurezza dove, percependo che avrei dovuto spogliarmi, chiedo all'addetta alla sicurezza se ha tempo visto che io "EDC ambulante" di cose proibite addosso ne ho tante, lei risponde che ha tutta la giornata ed io replico che la trascorrerò con lei con tanto piacere.
Così tra l'ilarità (iniziale) degli astanti, vengono fuori prybar, leatherman, torcia di sicurezza, accendino a benzina, accendino antivento, ed altri oggettini che secondo loro erano decisamente utili per costruire un ordigno nucleare artigianale. Rilasciatami una ricevuta per tutto il ben di Dio che mi hanno trattenuto continuo la mia scalata al palazzone dove scatto un mare di foto tra le quali:

8571998702_a19d4a7640_c.jpg


8570905207_d392129080_c.jpg


8572000602_2a86b24fa2_c.jpg


8572000732_388c2fd942_c.jpg


8570911023_718d65cf53_c.jpg


quindi giù di corsa sempre esibendo il mio biglietto e quindi saltando tutte le code e con un breve giro di metro destinazione Coney Island in onore del miticissimo film I Guerrieri della Notte

8572010342_11639f6c0e_c.jpg


ecco il lungomare ed a seguire la stazione. il lunapark è un normalissimo lunapark :)

8572011266_81c6f5b9fc_c.jpg


adesso, il gioco si fa più difficile, perchè con un cambio di mezzo devo puntare al traghetto di Staten Island così da poter fotografare lo Skyline di Manhattan e la Statua della Libertà ed il tutto aggratis :)

8570916281_0c8e153243_c.jpg


8572012804_5717f096b4_c.jpg


8572012954_7d4ed8dbce_c.jpg


mentre ci avviciniamo alla statua delle libertà e tutti sgomitiamo per fotografarla, ecco che con la coda dell'occhio intravedo un gabbiano che vola a fianco del traghetto... è un attimo e mi volto dal lato opposto e comincio a scattare un tutt'altra direzione

8570919101_e0eefbfa7a_c.jpg


comunque tranquilli, la statua l'ho beccata comunque :)

8572014984_05f96ea68e_c.jpg


lo so la più bella pende, ma non ho avuto ancora voglia di raddrizzare cento e passa foto...

8570920331_d15e0c32b9_c.jpg


infine altra corsa (in metro) alla Central Station per scattare le ultime foto con il mio nuovo 10-22.

8572021264_0a5998b95e_c.jpg


- seguirebbero altri 3 giorni a New York - - seguirebbero altri 3 giorni a New York - - seguirebbero altri 3 giorni a New York -
 
Ultima modifica:
Certo che l'ammerega è tutta un altra cosa.
Nella prima foto sei molto ammeregano.
Ma nella terza in posa gangasta!
Cmq che dire a vederlo così, è tutto bigger & better.
Lodge enormi. strade nel parco enormi, ingressi nel parco enormi, laghi non calmi, ma placidi.
E poi, e poi quegli spazi, nelle foto si vedono poco, ma si intuisce dalla vetta, che lo sguardo spazia su un territorio che appare (e forse in molti punti lo è) vergine, e sconfinato. Non che voglia dire che sia più bello rispetto a una vetta italiana dove lo sguardo spazia d'intorno su boschi, colline, e paesini, è diverso.
Aspetto nuove.

P.S.
Sorprende la cura ad esempio dell'ingresso nel parco, "register here", tutto pulito, la vernice gialla visibile, la cartina, non da quel senso di abbandono che si trova qui.
 
Grande Spy! .......e io, che dalle prime foto, mi son detto: "ma questo mica è normale, c'è andato fino in America per spaccar legna". :biggrin:
 
Ma che ficata! Grandi Spyro e Crafter! Ma quello è lo stesso Lake Placid del film coi coccodrilloni giganti?
 
E' proprio vero, come dice qualcuno, che l'invidia è una brutta bestia. Ma prima o poi ci vado anch'io in ammerega.
 
Ho appena fatto (e da rifare... grrrrr!!!) il DVD con le foto. Appena ho 5 min. di tempo inserisco le ultime foto e termino il racconto del viaggio.
 

Discussioni simili


Alto Basso