La mia prima notte in tenda in solitaria sul Gran Sasso

Ciao a tutti, volevo raccontare la mia prima esperienza con un trekking di più giorni in solitaria pernottando in tenda.

Quest'anno ho avuto modo di fare varie escursioni in giornata con amici, tra le quali Monte Brancastello, Monte Aquila, Monte Costone (gruppo Velino) e Terminillo. Un giorno di punto in bianco ho deciso di provare a fare un trekking di più giorni per arrivare sul Corno Grande in solitaria e nel giro di 3 settimane ho organizzato tutto e son partito.
Premetto che ho 26anni e pratico ciclismo, sia su strada che mtb, facendo circa 15mila km l'anno quindi sono mediamente allenato ma non ho troppa esperienza con la montagna e non avevo nessun tipo di attrezzatura se non le scarpe (adidas terrex swift r3 basse).

Di seguito i principali pezzi di attrezzatura che ho comprato cercando il miglior compromesso peso/prezzo:
-zaino lowealpine trek 35:45 (preso per utilizzarlo sia per escursioni di 1gg che di più giorni ma per 1gg è troppo e per più giorni con tutto il cibo che mi porto mi servirebbero più litri forse)
-tenda naturehike cloud up 2
-sacco a pelo naturehike 15gradi super economico
-materassino decathon schiuma, cuscinetto aliexpress
-fornellino e pentolino in titanio aliexpress
-coltello morakniv classic n3 (totalmente non necessario ma ha fatto da placebo per farmi dormire al "sicuro":lol:)
-bastoncini decathlon

Vestiti:
-pile columbia
-calzoncino e maglia corti running decathlon indossati
-calzoncino e maglia uguali di ricambio
-calzettoni indossati e 1 di ricambio
-scaldacollo e guanti leggeri


Per il cibo invece (si lo so è tanto ma il ciclista che è in me viaggia sulle 4000/5000kcal al giorno):
-1 risotto, 1 zuppa, 1 couscous, 2 noodles
-300g biscotti
-500g mix anacardi, datteri, albicocche
-500g di taralli napoletani
-500g di pane da farcire con burro arachidi e marmellata
-parmigianini monoporzione, fonzies, nutella b-ready, cappuccino pronto :lol:
-sacca idrica 1L e 2 bottiglie di plastica 1L

Peso a pieno carico con 2L di acqua circa 11kg ma senza giacca antipioggia, senza raincover, senza kit medico e con pochissimo vestiario di ricambio.

Di seguito il percorso che ho fatto:

GIORNO 1:
-Sono partito da roma Tiburtina in autobus, arrivato a l'Aquila alle 12.
-Da l'Aquila a Fonte Cerreto (20km) in circa 4ore e mezza, poi pausetta di 30min
-Da Fonte Cerreto a Campo imperatore passando per Fonte Portella e Passo del Lupo in circa 2ore e mezza
-Ho riempito l'acqua alla fontanella vicino l'arrivo della funivia e poi sono sceso di 2km verso la piana per montare la tenda in una piazzola dove c'erano diversi camper, giusto in tempo prima che facesse buio.
-Ho mangiato a volontà e dormito un po' maluccio per il freddo. La temperatura è scesa sui 12gradi e avevo solo il pile e il sacco a pelo quindi stavo bene solo ranicchiato.
-Totale giornata 31km e 1800 di dislivello circa (un po' troppi)

GIORNO 2:
-Sveglia alle 6, colazione, bagno, acqua e son partito per il Corno Grande con addosso un po' della stanchezza del giorno prima. Me la son presa comoda, essendo un lunedì c'era poca gente in giro. E' stato impegnativo il percorso perchè la parte finale richiedeva di mettere le mani su roccia e non l'avevo mai fatto in vita mia, ma nel complesso mi son divertito. L'unica cosa che mi ha fatto storcere il naso è stato avere 10-11kg in spalla con il materassino legato fuori che mi facevano sentire poco stabile.
-Son sceso giù, arrosticini e birra con dei simpaticissimi abruzzesi conosciuti lungo il percoso che mi hanno gentilmente riaccompagnato giù a fonte cerreto poichè non avevo voglia di addentrarmi per la ripida discesa da fonte a campo.
-Il programma iniziale prevedeva di pernottare nel campeggio di Fonte e ripartire il giorno dopo tornando a L'Aquila a piedi ma ho trovato il campeggio chiuso nonostante sul sito ci fosse scritto "APERTO FINO ALL'11 SETTEMBRE" e guarda caso era proprio l'11... VERGOGNOSO.
-Per fortuna i miei compagni di avventura conosciuti poco prima mi han dato uno strappo a L'Aquila e ho anticipato il rientro a Roma.
-Totale giornata 15km e 1100 di dislivello circa


L'obbiettivo era arrivare sul Corno Grande partendo da L'Aquila quindi poco male. Nel complesso l'esperienza è stata di mio gradimento e ne organizzerò altre in futuro facendo dei miglioramenti.

Le cose da migliorare:
-provare ad alleggerire lo zaino perchè dopo 30km trapezi e fianchi erano indolenziti.
-sicuramente cambiare sacco a pelo
-organizzare tappe più soft perchè alla fine dei 2 giorni ero abbastanza stanco
-il percorso da l'Aquila a Fonte seppure su strade sterrate e non trafficate non è stato particolarmente bello
-portarmi dell'abigliamento per dormire per evitare di stare di notte/mattina in calzoncini
-comprare dei calzini in lana merino perchè a sera i calzini avevano vita propria
-pensare di eliminare il telo sotto la tenda per risparmiare peso

Volevo chiedere consigli sia di carattere tecnico per migliorare l'organizzazione e l'attrezzatura, sia per idee di nuovi trekking di più giorni da fare.
Mi piacerebbe provare ad alzare il livello magari iniziando a fare ferrate ma per il momento il livello di difficoltà tecnica rimane simile a quello del Corno Grande mentre non ho particolari problemi per distanza e dislivello.

Allego qualche foto dell'attrezzatura e della tenda.
 

Allegati

  • WhatsApp Image 2023-09-13 at 23.53.02 (1).jpeg
    WhatsApp Image 2023-09-13 at 23.53.02 (1).jpeg
    260,8 KB · Visite: 136
  • WhatsApp Image 2023-09-13 at 23.52.04.jpeg
    WhatsApp Image 2023-09-13 at 23.52.04.jpeg
    365,6 KB · Visite: 151
  • WhatsApp Image 2023-09-13 at 23.53.03.jpeg
    WhatsApp Image 2023-09-13 at 23.53.03.jpeg
    385,9 KB · Visite: 132
  • WhatsApp Image 2023-09-13 at 23.53.02.jpeg
    WhatsApp Image 2023-09-13 at 23.53.02.jpeg
    282,9 KB · Visite: 131
Ultima modifica:
Ciao a tutti, volevo raccontare la mia prima esperienza con un trekking di più giorni in solitaria pernottando in tenda.

Quest'anno ho avuto modo di fare varie escursioni in giornata con amici, tra le quali Monte Brancastello, Monte Aquila, Monte Costone (gruppo Velino) e Terminillo. Un giorno di punto in bianco ho deciso di provare a fare un trekking di più giorni per arrivare sul Corno Grande in solitaria e nel giro di 3 settimane ho organizzato tutto e son partito.
Premetto che ho 26anni e pratico ciclismo, sia su strada che mtb, facendo circa 15mila km l'anno quindi sono mediamente allenato ma non ho troppa esperienza con la montagna e non avevo nessun tipo di attrezzatura se non le scarpe (adidas terrex swift r3 basse).

Di seguito i principali pezzi di attrezzatura che ho comprato cercando il miglior compromesso peso/prezzo:
-zaino lowealpine trek 35:45 (preso per utilizzarlo sia per escursioni di 1gg che di più giorni ma per 1gg è troppo e per più giorni con tutto il cibo che mi porto mi servirebbero più litri forse)
-tenda naturehike cloud up 2
-sacco a pelo naturehike 15gradi super economico
-materassino decathon schiuma, cuscinetto aliexpress
-fornellino e pentolino in titanio aliexpress
-coltello morakniv classic n3 (totalmente non necessario ma ha fatto da placebo per farmi dormire al "sicuro":lol:)
-bastoncini decathlon

Vestiti:
-pile columbia
-calzoncino e maglia corti running decathlon indossati
-calzoncino e maglia uguali di ricambio
-calzettoni indossati e 1 di ricambio
-scaldacollo e guanti leggeri


Per il cibo invece (si lo so è tanto ma il ciclista che è in me viaggia sulle 4000/5000kcal al giorno):
-1 risotto, 1 zuppa, 1 couscous, 2 noodles
-300g biscotti
-500g mix anacardi, datteri, albicocche
-500g di taralli napoletani
-500g di pane da farcire con burro arachidi e marmellata
-parmigianini monoporzione, fonzies, nutella b-ready, cappuccino pronto :lol:
-sacca idrica 1L e 2 bottiglie di plastica 1L

Peso a pieno carico con 2L di acqua circa 11kg ma senza giacca antipioggia, senza raincover, senza kit medico e con pochissimo vestiario di ricambio.

Di seguito il percorso che ho fatto:

GIORNO 1:
-Sono partito da roma Tiburtina in autobus, arrivato a l'Aquila alle 12.
-Da l'Aquila a Fonte Cerreto (20km) in circa 4ore e mezza, poi pausetta di 30min
-Da Fonte Cerreto a Campo imperatore passando per Fonte Portella e Passo del Lupo in circa 2ore e mezza
-Ho riempito l'acqua alla fontanella vicino l'arrivo della funivia e poi sono sceso di 2km verso la piana per montare la tenda in una piazzola dove c'erano diversi camper, giusto in tempo prima che facesse buio.
-Ho mangiato a volontà e dormito un po' maluccio per il freddo. La temperatura è scesa sui 12gradi e avevo solo il pile e il sacco a pelo quindi stavo bene solo ranicchiato.
-Totale giornata 31km e 1800 di dislivello circa (un po' troppi)

GIORNO 2:
-Sveglia alle 6, colazione, bagno, acqua e son partito per il Corno Grande con addosso un po' della stanchezza del giorno prima. Me la son presa comoda, essendo un lunedì c'era poca gente in giro. E' stato impegnativo il percorso perchè la parte finale richiedeva di mettere le mani su roccia e non l'avevo mai fatto in vita mia, ma nel complesso mi son divertito. L'unica cosa che mi ha fatto storcere il naso è stato avere 10-11kg in spalla con il materassino legato fuori che mi facevano sentire poco stabile.
-Son sceso giù, arrosticini e birra con dei simpaticissimi abruzzesi conosciuti lungo il percoso che mi hanno gentilmente riaccompagnato giù a fonte cerreto poichè non avevo voglia di addentrarmi per la ripida discesa da fonte a campo.
-Il programma iniziale prevedeva di pernottare nel campeggio di Fonte e ripartire il giorno dopo tornando a L'Aquila a piedi ma ho trovato il campeggio chiuso nonostante sul sito ci fosse scritto "APERTO FINO ALL'11 SETTEMBRE" e guarda caso era proprio l'11... VERGOGNOSO.
-Per fortuna i miei compagni di avventura conosciuti poco prima mi han dato uno strappo a L'Aquila e ho anticipato il rientro a Roma.
-Totale giornata 15km e 1100 di dislivello circa


L'obbiettivo era arrivare sul Corno Grande partendo da L'Aquila quindi poco male. Nel complesso l'esperienza è stata di mio gradimento e ne organizzerò altre in futuro facendo dei miglioramenti.

Le cose da migliorare:
-provare ad alleggerire lo zaino perchè dopo 30km trapezi e fianchi erano indolenziti.
-sicuramente cambiare sacco a pelo
-organizzare tappe più soft perchè alla fine dei 2 giorni ero abbastanza stanco
-il percorso da l'Aquila a Fonte seppure su strade sterrate e non trafficate non è stato particolarmente bello
-portarmi dell'abigliamento per dormire per evitare di stare di notte/mattina in calzoncini
-comprare dei calzini in lana merino perchè a sera i calzini avevano vita propria
-pensare di eliminare il telo sotto la tenda per risparmiare peso

Volevo chiedere consigli sia di carattere tecnico per migliorare l'organizzazione e l'attrezzatura, sia per idee di nuovi trekking di più giorni da fare.
Mi piacerebbe provare ad alzare il livello magari iniziando a fare ferrate ma per il momento il livello di difficoltà tecnica rimane simile a quello del Corno Grande mentre non ho particolari problemi per distanza e dislivello.

Allego qualche foto dell'attrezzatura e della tenda.
Fighissimo! Ma quanto cavolo mangi:D? Mi pare che l'ingombro del cibo sia notevole, praticamente l'intero zaino. Io preferisco i muesli ai biscotti, occupano poco spazio. Al ritorno avrai avuto molta plastica, hai aperto le confezioni prima di partire? io comprimo il cibo e lo avvolgo nella carta.
 
Bel giro, non ho capito se sei stato sulla vetta orientale o occidentale. E non potevi lasciare le cose superflue dietro una roccia prima di partire per la cima? Io lo faccio spesso.

Ho dormito 2 settimane fa a campo imperatore nei pressi del laghetto sono arrivati 3 indiani a dormire che urlavano e hanno tenuto la musica dalla cassa fino all'una sti maledetti.
In caso qualcuno voglia dormire al gran sasso evitate il laghetto si riempie di gente!
 
Fighissimo! Ma quanto cavolo mangi:D? Mi pare che l'ingombro del cibo sia notevole, praticamente l'intero zaino. Io preferisco i muesli ai biscotti, occupano poco spazio. Al ritorno avrai avuto molta plastica, hai aperto le confezioni prima di partire? io comprimo il cibo e lo avvolgo nella carta.
Si alla fine ho travasato tutto in dei sacchetti dell'ikea e poi tutto dentro una drybag. Con tutti quei km al giorno non posso rinunciare al cibo ma sicuro devo orientarmi su cose che occupino meno spazio perchè appunto metà zaino era occupato dal cibo :lol:
Bel giro, non ho capito se sei stato sulla vetta orientale o occidentale. E non potevi lasciare le cose superflue dietro una roccia prima di partire per la cima? Io lo faccio spesso.

Ho dormito 2 settimane fa a campo imperatore nei pressi del laghetto sono arrivati 3 indiani a dormire che urlavano e hanno tenuto la musica dalla cassa fino all'una sti maledetti.
In caso qualcuno voglia dormire al gran sasso evitate il laghetto si riempie di gente!
Ho fatto la normale alla vetta occidentale e non mi son fidato di lasciare roba nascosta.

Invece per dormire effettivamente avrei preferito un posto più tranquillo ma essendo la prima volta ed essendo quasi buio sono andato sul sicuro.

Alle 22 è arrivato un camper puntando i fari propro verso la mia tenda e mi ha fatto agitare non poco, facendo poi rumore con bambini urlanti al seguito.:lol:
 

Avventurosamente guadagna dagli acquisti idonei dei prodotti linkati.

L'avevo visto e mi sembra ottimo per quel prezzo (anche molto bello).
Ma non penso dormirò mai a 0gradi per il momento poichè mi manca tutto il resto dell'attrezzatura.
La mia idea era orientarmi su qualcosa tra 5 e 10 gradi da usare per 3 stagioni.
Capisco, io sto sulle Alpi percui mi capita di dormire a 0° anche in estate... vedi tu cosa vuoi fare, in genere però per uso 3 stagioni si consiglia uno zero gradi...
 
Confermo che per i trek lo zaino si riempie anche oltre la metà di cibo e acqua, ma d'altronde sono fondamentali.
Secondo me hai fatto una bellissima esperienza, intesa come tale, appunto, perchè al rientro hai già seguito la regola aurea degli scout "Quando torni a casa, svuota lo zaino e fai tre mucchi: quello che hai usato, quello che avresti potuto usare e quello che non hai usato. La volta dopo prenderai solo la roba del primo mucchio". Da prendersi cum grano salis, ma sempre valida.
Interessantisime le Tue osservazioni, che Ti permetteranno l'upgrade, e ogni volta sarà meglio!
 
Complimenti: ottima esperienza, ottime lezioni apprese, direi anche buon approccio iniziale! Vedrai che l'appetito vien mangiando!
 
Grazie a tutti delle risposte.
Sicuramente cambierò sacco a pelo, orientandomi sul Forclaz consigliatomi sopra oppure sul Ferrino lightech 500 comfort 7gradi per 450grammi che per il mio utilizzo potrebbe essere l'ideale.

Per il cibo non mi è piaciuto il risotto knorr. Ho provato a cuocerlo versando l'acqua in busta e mettendo la busta dentro un'altra busta isolante ma dopo 20minuti il riso era ancora fin troppo al dente. Ti obbliga a cuocerlo sulla fiamma ma poi devi lavare il pentolino cosa che non gradisco. Mi orienterò su cibi a cottura più veloce tipo couscous o risotti Gallo 3minuti.
Inoltre potevo decisamente lasciare a casa il mezzo kg di taralli napoletani:lol:

Per quanto riguarda il telo sotto la tenda avete idea se è necessario? Non so quanto possa reggere il fondo in nylon della cloud up 2 su terreni sassosi.

Per il resto a parte lasciare a casa il coltello non penso di poter limare molto altro riguardo il peso.
 
Cibo. Io prendo da un pò i noodles, perchè in pratica si cucinano al contrario: scaldi con il bicchiere al max 20-30 cl d'acqua e li versi nel pentolino dove hai messo il nido, poi aspetti circa 10 minuti perchè assorbano e poi condisci. Vantaggio ineludibile di dover scaldare pochissima acqua per volta e consumare poco combustibile, quindi si riverbera anche sul peso di questo da portare.
Materiale: non ho mai portato in vita mia il telo di protezione per la tenda e penso che una buona tenda possa (debba) non averne bisogno. Lavora sul materassino e vedrai che il terreno non lo senti più.
 
Cibo. Io prendo da un pò i noodles, perchè in pratica si cucinano al contrario: scaldi con il bicchiere al max 20-30 cl d'acqua e li versi nel pentolino dove hai messo il nido, poi aspetti circa 10 minuti perchè assorbano e poi condisci. Vantaggio ineludibile di dover scaldare pochissima acqua per volta e consumare poco combustibile, quindi si riverbera anche sul peso di questo da portare.
Materiale: non ho mai portato in vita mia il telo di protezione per la tenda e penso che una buona tenda possa (debba) non averne bisogno. Lavora sul materassino e vedrai che il terreno non lo senti più.
Esatto, noodles ma anche couscous pronti in 5-10 minuti con poca acqua e sporcano pochissimo il pentolino.
Per quanto riguarda la mia tenda non ha nessun dipo di rinforzo al catino ed è quindi un velo di nylon proprio come sulle pareti. Però penso convenga correre il rischio di dover rattoppare il fondo e risparmiarsi 300grammi.
Il materassino ho scelto quello in schiuma perchè è il miglior compromesso peso-prestazioni-velocità e alla fine sono stato abbastanza comodo.
Hai osato dire in questo forum che non porterai il coltello. A questo punto sei pronto per provare il K2 in infradito!
Il coltello è l'unica cosa che ero certo non avrei mai usato, poi con la lama in carbonio manco posso cucinarci:lol:
Io sono pro coltello ma un opinel n8 inox penso vada più che bene per tagliare il parmigiano.
 
arrosticini e birra con dei simpaticissimi abruzzesi
Che invidia!!!
non penso dormirò mai a 0gradi per il momento poichè mi manca tutto il resto dell'attrezzatura.
La mia idea era orientarmi su qualcosa tra 5 e 10 gradi da usare per 3 stagioni.
Se hai già un 15º per quando resti in basso, ti conviene fare il salto e prenderne uno 0º. Io ho preso gelata sabato scorso a 2500m (2º all'interno della tenda) e ho dormito bene con il Ferrino Lightec 1100.
Materassino ho usato il Naturehike R5.8 che è compattissimo e super isolante. Anche io nella CloudUp 2
 
Che invidia!!!

Se hai già un 15º per quando resti in basso, ti conviene fare il salto e prenderne uno 0º. Io ho preso gelata sabato scorso a 2500m (2º all'interno della tenda) e ho dormito bene con il Ferrino Lightec 1100.
Materassino ho usato il Naturehike R5.8 che è compattissimo e super isolante. Anche io nella CloudUp 2
Ne approfitto allora, te usi il telo da mettere sotto al catino della cloud up? Inoltre come ti sei trovato in condizioni di vento forte se mai l'hai provata?
 
il footprint, serve per preservare il catino della tenda da danneggiamenti.
Di solito il catino è la parte più robusta della tenda e non dovrebbe patire più di tanto, ma con la riduzione dei pesi hanno assottigliato il catino quindi è sulle tende più leggere è meno resistente è per questo che ti danno il footprint.

Detto questo, se controlli bene il terreno prima di piazzare la tenda e lo liberi da materiale pericoloso non dovresti avere problemi, molti non lo usano.
 
Ne approfitto allora, te usi il telo da mettere sotto al catino della cloud up? Inoltre come ti sei trovato in condizioni di vento forte se mai l'hai provata?
Il telo sotto lo metto sempre. Magari non serve, ma preferisco avere uno strato in più a proteggere
1) il materassino da perforazioni
2) il catino da perforazioni, sporcizia e usura (puoi sostituire il telo sotto con qualsiasi telo da picnic, ma il catino è uno solo).

Provata a 2000m con vento a 70km/h con raffiche fino a 100km/h (secondo windy app, non avevo anemometro) e ha retto bene sbatacchiando solo un po’. Avevo solo messo i 9 picchetti alla base, non ho fissato ulteriormente il telo esterno con i cordini in dotazione.
https://www.facebook.com/1000041225...4FnWmbDTzo3WrwRownx5NGRU9fNv3oxVfttUDpgsE9l/?
 
Alto Basso