Trekking La montagna dei Fiori, di bianco vestita (invernale, anello da San Giacomo)

#1
Parchi d'Abruzzo
Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
Data: 18 dicembre 2017
Regione e provincia: Abruzzo, Teramo
Località di partenza: impianti sciistici San Giacomo di Monte Piselli
Località di arrivo: Idem
Tempo di percorrenza: ...
Chilometri: 9.5 km
Grado di difficoltà: EEAI
Descrizione delle difficoltà: il primo tratto di percorso fino a Monte Piselli è agevolmente fattibile con le ciaspole, anche il tratto fino alla vetta può esserlo, ma trattandosi di una cresta seppure molto larga vanno valutate le condizioni. Il tratto successivo, la discesa al lago, il passaggio per il vallone del Vescovo e l'ultimo fuori bosco fino agli impianti va ben valutato per innevamento e presenza di ghiaccio perchè può diventare tutt'altro che banale ed inoltre non vi è segnaletica quindi bisogna conoscere il percorso e la morfologia dei luoghi.
Periodo consigliato: tutto l'anno
Segnaletica: buona nel primo pezzo, assente dalla vetta in poi
Dislivello in salita: 600m
Dislivello in discesa:
Quota massima: 1814m vetta del monte Girella
Accesso stradale: per chi proviene da Teramo, causa interruzioni varie, procedere sulla SS81 fino a Villa Lempa e poi seguire le indicazioni per "Cerqueto" e impianti sciistici Monte Piselli.


Descrizione

Dopo il bellissimo post del socio @Leo da solo su questa splendida giornata, arrivo anche io con le mie sensazioni e le mie fotografie di questa "piccola" montagna che non finisce mai di stupirci in ogni stagione...

Tante emozioni in un giorno le cui premesse erano nuvole dense e poco decifrabili ed una lupetta Linda non al top della forma. Ma partiamo ugualmente su una strada che sarà ricca di deviazioni causa lavori e, fino all'arrivo agli impianti in piena attività di manutenzione, ci ripetiamo che oggi faremo quello che sentiamo di fare con un occhio attento a Linda ed alle sue condizioni...
Ci diciamo che già solo sgambettare un po' nella neve ci basterebbe ed è con questo spirito positivo e scanzonato che, messe le ciaspole, mettiamo le zampe su una pista battuta dal gatto delle nevi mentre un cielo livido invece di incutere timore disegna un paesaggio sospeso

_MG_2029.jpg

Siamo nella località nota come "Tre Caciare", di caciara se ne vede solo una in mezzo alla neve, ma sembra un presepe per quanto è bello... Zoe come sempre guarda con diffidenza le cose nuove e le capanne dette anche "tholos" non fanno eccezione

_MG_2031.jpg

Ci addentriamo quindi nel bosco, si potrebbe tagliare e salire seguendo i piloni della seggiovia (l'ho fatto in estate, una bella pendenza...) fino a Monte Piselli, ma non avrebbe senso visto che non abbiamo fretta, che non vogliamo stressare Linda (che però già saltella più spensierata) e che il bosco appare troppo invitante.

_MG_2052.jpg

Ed i passi volano nonostante dopo la deviazione segnalata "per ciaspolatori" la traccia la battiamo noi e spesso si affonda anche di 20cm. L'uscita dal bosco ci riserva la sorpresa di un sole che finalmente ha fatto capolino

_MG_2057.jpg

E non è l'unica sorpresa, la passeggiata nel bosco ci ha anche protetti dalla vista che si gode da questo versante della montagna e che si scopre come un regalo dopo la salita

_MG_2063.jpg

La neve qui in cresta è spazzata dal vento, a tratti si ammucchia per diversi cm e cede, Zoe sembra comunque perfettamente a suo agio anche se il freddo inizia a farsi sentire

_MG_2066.jpg

Procediamo in direzione della vetta del Monte Girella lasciandoci Monte Piselli alle spalle ed incrociamo un'altra caciara, però glassata

_MG_2078.jpg

Dopo un tratto pianeggiante, ma con neve pesantuccia, siamo alla base dell'ultimo strappo in salita prima del pianoro che conduce alla vetta e ci godiamo la vista sul vallone del Vescovo, ancora non sappiamo se ci saranno le condizioni per scendere, quindi ci fermiamo un po' ad ammirarlo, di bianco vestito, con una caciara che spicca in mezzo alle linee sinuose

_MG_2084.jpg

La salita richiede sempre un certo tributo di fatica, ma è agevolata dal vento che ha spolverato le rocce che si offrono come gradini fortunatamente per nulla gelati, guadagnamo nuovamente una zona pianeggiante che però sembra più fuori dal mondo della precedente, mi giro indietro e guardo le antenne e gli impianti di Monte Piselli e le nostre orme sul manto nevoso

_MG_2093.jpg

Come spesso accade, io e Zoe ci separiamo da Leo e Linda, siamo a vista e ci godiamo questa montagna "tutta per noi"

_MG_2097.jpg

Ci ricongiungiamo quasi alla base dell'ultima salita, quando già la croce di vetta inizia a farsi notare, dopo un pezzetto di neve ghiacciata che ha agevolato i nostri passi, il vento ha nuovamente ammucchiato svariati cm di neve che sfondano

_MG_2099.jpg

Ma la vista della vetta infonde nuove energie e poi Linda è finalmente raggiante anche se dolorante ed oggi non ha voglia di giocare, Leonardo è felice di vedere la sua compagna non troppo sofferente ed anche la piccola ed irrequieta Zoe pare aver capito che oggi non ci sarà la possibilità di giocare ma solo di godere della compagnia reciproca

_MG_2101.jpg

Gli ultimi strappi in salita, un po' di neve che sfonda, un po' di quella ghiacciata che scrocchia sotto le lame delle ciaspole e siamo alla croce vetta


_MG_2108.jpg

Che balcone meraviglioso sull'Adriatico!

_MG_2109.jpg

Ed è agghindata come un albero di Natale, ma il freddo è davvero pungente qui!

_MG_2112.jpg

Infatti sostiamo giusto il tempo di far due foto e godere della vista e della "conquista", poi puntiamo verso l'affaccio al laghetto e lascio un po' Zoe libera di trotterellare


_MG_2115.jpg

L'indicazione non è chiarissima in effetti, ma la strada la conosciamo...

_MG_2118.jpg

Ci affacciamo verso il vallone del Vescovo per valutare la situazione di innevamento ed una eventuale discesa, Zoe però è ancora in modalità "free" e parte come una talpa a scavare solchi... La richiamo subito perché qui dobbiamo valutare le condizioni del pendio e successivamente il da farsi

_MG_2122.jpg

Decidiamo di scendere, le condizioni ci sembrano fattibili, non montiamo i ramponi (ma va detto che abbiamo ciaspole abbastanza cattive entrambi) e con una piccolissima deviazione rispetto al tracciato, estivo per non caricare troppo trasversalmente un crinale con una certa pendenza, scendiamo verso il laghetto ormai ghiacciato e la sua caciara

_MG_2123.jpg

Dopo la deviazione, come avevamo deciso dall'alto vedendo la conformazione del terreno e la distribuzione della neve, riprendiamo il solco del sentiero estivo che appare senza accumulo di neve tanto che sporge qualche ciuffo d'erba: la vista del laghetto e dal laghetto è come sempre un'emozione

_MG_2130.jpg

Prestando massima attenzione ci avviciniamo all'affaccio offerto dalle Porchie, ed è da togliere il fiato

_MG_2139.jpg

Zoe è ubbidiente ma ancora cucciola ed esuberante, quindi al cospetto di questo dirupo è legata da un po'... anche perchè la sosta qui è d'obbligo sia per il pranzo sia per un bel te caldo

_MG_2146.jpg

Leo si attarda per fumare approfittando della vista selvaggia e meravigliosa, io non fumo e poi voglio rimettere Zoe a sgambettare libera (e farla muovere, fa freddo) quindi riparto e mi affaccio nel vallone del Vescovo imbiancato mentre le ombre già iniziano a prenderne possesso

_MG_2155.jpg

Anche qui per vento e conformazione del terreno ci sarà da scegliere bene le linee da seguire, tutto sommato devo dire che tenendosi sulla traccia del sentiero estivo si riesce a scendere abbastanza agevolmente senza affrontare o caricare pendii con pendenze accentuate, rallento comunque il passo per aspettare Leo, almeno vederlo e farmi vedere, ed infatti spunta la sua sagoma e quella di Linda mentre il sole inizia a salutarci

_MG_2157.jpg

Zoe sembra sentire un po' il freddo su una zampetta (in realtà poi appurerò che è semplicemente una postura nuova che fa in alcune condizioni, anche senza neve) ma l'occasione mi sembra buona per educarla un po' a farsi trasportare... con me non gradisce molto mentre con Leo resiste qualche minuto in più.. comunque meritano una foto in concomitanza di una dolina che con la neve ha un fascino pauroso tanto che le stiamo ben lontani nonostante la curiosità

_MG_2160.jpg

Ci avviciniamo ad un tratto che non abbiamo mai percorso, di solito noi passiamo in alto per tornare indietro, passiamo a mezzacosta fino a Monte Piselli, si aggiunge quindi il fascino di un angolo nuovo che non tradisce le aspettative

_MG_2164.jpg

Siamo nuovamente in un bosco e dobbiamo (ne eravamo a conoscenza) superare i resti di una valanga dello scorso inverno che ha spazzato via parte del sentiero qui in basso.

_MG_2168.jpg

Ma proseguendo nel bosco il sole fa nuovamente capolino e l'ambiente muta ancora

_MG_2170.jpg

Ancora quella sensazione di esser soli al mondo, il sole, i colori che si incendiano, il bosco... scatta un'altra sosta, che ce la siamo meritati

_MG_2172.jpg

Ed anche questa volta lascio Leo a fumare e mi avvio ad affrontare l'ultimo pezzo per chiudere questo anello, questo è un sentiero che d'estate è percorso anche da famiglie con bambini ed invece mi ritrovo su un misto di neve e roccia a tratti stretto e con uno strapiombo assolutamente da non sottovalutare a valle: anche l'adrenalina oggi, che meraviglia! Ci sono altre impronte che però ignoro, procedo sondando bene le linee e l'innevamento, a volte preferendo il rumore della ciaspola sulla roccia invece che su tratti nevosi poco sondabili a vista. All'inizio ho anche pensato se non fosse il caso di mettere i ramponi, in realtà le lame ed il rampone delle mie ciaspole mi consentono di procedere in grande sicurezza e senza mai un cedimento.... mi volto indietro e guardo il tratto percorso con Zoe che è stata bravissima a starmi in scia e non indugiare troppo sui bordi innevati (cornici) che meraviglia!

_MG_2177.jpg

Telefono quindi a Leo per preannunciargli il tratto avventuroso, lui mi dice che è appena arrivato all'imbocco e se lo sta pregustando, anche se non ne ha bisogno gli do un paio di indicazioni e poi mi avvio su un sentiero che ormai è diventato una carrabile innevata, il sole ha reso il manto poco consistente, ma il ciclo dei passi ed il loro rumore, il mio respiro ed il cuore che batte diventano come un mantra nella testa e procedo come in trance, riassaporando i momenti di questa splendida giornata... poi mi desto per un istante e mi fermo, non voglio disturbare Leo con un'altra telefonata ma voglio aspettare di vederlo spuntare ed eccolo lì, con Linda all'inizio della "carrabile meditativa innevata".

_MG_2181.jpg

Rallento molto la mia andatura mentre noto a distanza che anche lui entra in loop con i suoi passi, ci ricongiungiamo che siamo quasi al parcheggio, Zoe festeggia Leo e Linda, io ed il socio ci guardiamo negli occhi per l'ennesima passeggiata tranquilla che è diventata qualcos'altro, sorridiamo e vola qualche espressione più da osteria che da racconto social.
La Montagna dei Fiori ci ha nuovamente regalato una giornata splendida e per concludere con il giusto tributo la nostra avventura, una sosta ad una macelleria sulla strada per una birra ed un panino con la rinomata porchetta di Campli è pressoché obbligatorio... salute!
 

Ultima modifica:
#2
Che spettacolo Francesco!
Bellissima giornata, con un cielo azzuro che è qualcosa di poetico davvero.
Le foto del bosco innevato, poi, in completo silenzio e solitudine sono una chicca.
Sempre più invidia per le vostre "passeggiate tranquille"...
A presto
 
#5
Che spettacolo Francesco!
Bellissima giornata, con un cielo azzuro che è qualcosa di poetico davvero.
Le foto del bosco innevato, poi, in completo silenzio e solitudine sono una chicca.
Sempre più invidia per le vostre "passeggiate tranquille"...
A presto
Grande Marco, ti ringrazio! È vero, questo anno stiamo inanellando una bella serie di esperienze sia con meteo plumbeo che con giornate terse... Che dire, spero che anche tu riesca a sgambettare, grazie ancora! ;)

Come sempre ottimo fotoracconto. Grazie per aver condiviso.
Grazie come sempre, Orso! :si:

la seconda foto mela metto come fondoschermo! :woot:
Onoratissimo, Kima! Una condizione di luce davvero particolare, quella foto piace anche a me ;)
 
#9
Bellissimo e coinvolgente fotoracconto di una strepitosa giornata in montagna, in cui mi sono sentito piacevolmente trascinato e investito dalle vostre stesse emozioni.
Super!

“Io ed il socio ci guardiamo negli occhi per l’ennesima passeggiata tranquilla che è diventata qualcos’altro” ... questa frase racchiude tutta l’essenza, tutto ciò che ci spinge e che non si può spiegare a chi ci chiede: “perché vai in montagna?”
 
#12
"La Montagna dei Fiori ci ha nuovamente regalato una giornata splendida"
Grazie a voi per le splendide f0t0 regalateci.
Gentilissimo cross, grazie!

Bellissimo e coinvolgente fotoracconto di una strepitosa giornata in montagna, in cui mi sono sentito piacevolmente trascinato e investito dalle vostre stesse emozioni.
Super!

“Io ed il socio ci guardiamo negli occhi per l’ennesima passeggiata tranquilla che è diventata qualcos’altro” ... questa frase racchiude tutta l’essenza, tutto ciò che ci spinge e che non si può spiegare a chi ci chiede: “perché vai in montagna?”
Grazie Stefano, si è stata una giornata davvero splendida e come dicevo in apertura ricca di tantissime emozioni e sfumature, come quella che hai evidenziato.

Molto bello. Complimenti.
Grazie Nico!
 
#14
Un portafoglio di splendidi scatti, valorizzati anche dal sole radente di alcune situazioni. Dopo averle conosciute in verde grazie a voi, fa un certo effetto vederle in bianco con questo effetto presepe.
Grazie di cuore, Marco!

Pensavo proprio oggi al fatto che non ti leggevo da un po'... felice che ti sia piaciuta la "nostra montagnetta" innevata... auguri di buon anno!
 
#17
Mi ero perso questo resoconto. Molto molto bello.
Le foto sono magnifiche e me lo sono gustate ingrandendole per dagli la giusta dignità.
Ma quanto neve che c'era e vedere il mare l'ha sotto, ricordano scenari che si trovano me più a Nord delle nostre latitudini.
Complimenti a tutti
 
#18
Grazie di cuore, Marco!

Pensavo proprio oggi al fatto che non ti leggevo da un po'... felice che ti sia piaciuta la "nostra montagnetta" innevata... auguri di buon anno!
Eh, eh, eh... siamo stati qualche giorno a Torino con la famiglia e sai che quando stacco, stacco proprio tutto: anche la mia scarsa socialità virtuale. Erano anni che non ci andavo: mamma mia come ce le hanno vicine
Torino.jpg
le montagne da quelle parti!
Buon anno anche a te!
 
#19
Mi ero perso questo resoconto. Molto molto bello.
Le foto sono magnifiche e me lo sono gustate ingrandendole per dagli la giusta dignità.
Ma quanto neve che c'era e vedere il mare l'ha sotto, ricordano scenari che si trovano me più a Nord delle nostre latitudini.
Complimenti a tutti
Grazie Sandro! Io fotografo per amore, è proprio qualcosa dalla quale non posso prescindere, quindi il tuo apprezzamento è davvero molto gradito.
La Montagna dei Fiori, così piccola e che non arriva a 2000m, non finisce mai di stupire me e Leo... Ed ancora ha tanti angoli, più o meno nascosti, che non abbiamo visto! E poi, come tu stesso dicevi giustamente, è un balcone sul mare davvero invidiabile.
 
#20
Eh, eh, eh... siamo stati qualche giorno a Torino con la famiglia e sai che quando stacco, stacco proprio tutto: anche la mia scarsa socialità virtuale. Erano anni che non ci andavo: mamma mia come ce le hanno vicine Vedi l'allegato 166753 le montagne da quelle parti!
Buon anno anche a te!
Lo avevo intuito... e condivido lo stacco, io ho potuto farlo tra 31 ed 1 (non ho fatto ferie queste feste) ed è sempre rigenerante.

Confesso di non essere mai stato a Torino, proprio due giorni fa ne parlavo con mia moglie anche perché ci vive mia cognata e nonostante la mia idiosincrasia per le città è una lacuna che vogliamo colmare.

Immagino che sentirò forte il richiamo di quelle "montagnette" lì :lol:
 

Discussioni simili

Contenuti correlati

Alto