la sportiva trango

a dire il vero sono giovani! hanno poco più di un mese ma 5/6 escursioni le hanno superate a pieni voti!;)
NO niente freddo! per ora veramente nessuna pecca!:D
ciao!
 
riprendo questa discussione visto che si parla di La Sportiva Trango...
qualcuno può darmi qualche parere sui Trango Prime?
La Sportiva: Trango Prime

sto cercando uno scarpone per fare qualche 4000 "facile" in estate ed escursioni con le ciaspole in inverno (diciamo max 2500mt.)
secondo voi sono adatti all'utilizzo che voglio farne? possono essere dei buoni sostituti dei Nepal Evo? (considerando che prendendo i Trango Prime risparmio un buon centinaio di euro rispetto ai Nepal Evo)
 
Hanno una rigidità della Vibran spettacolare,...un pò troppo spettacolare per il trek
Giustissimo.....io ho intrapreso 5 giorni di trekking alpino a quota 2000/2200 mt....con i la sportiva karakorum...(più o meno stessa suola),mi sono rovinato i piedi e ho dovuto abbandonare il trek....suola troppo rigida.
Lo vuoi un consiglio da amico?
Se vuoi un paio di scarponi per un utilizzo fino ai 2500/2700,3 stagioni(ma secondo me reggerebbero anche di inverno),che ti permettano di camminare senza rovinarti i piedi,con una calzata comodissima e la suola rigida al giusto punto prendi i meindl vakuum gtx.
E' stato amore la prima volta che li ho provati,non me separerei per nulla al mondo e li ricomprerei altre 100 volte pagandoli anche il doppio di quello che costano.
Sono di nubuck,e da quando li ho trattati con la loro cera sono imperativi....
Fidati
 
Ok. Grazie.....
prego...

una cosa senza voler polemizzare, quando chiedi qualcosa chiedilo in modo più gentile e meno brusco a prescindere se uno possa dire sciocchezze o verità...

chiedendomi come hai fatto tu, ho avuto la sensazione quasi che mi stavi tirando le orecchie, e dicendo cosa casxo stai dicendo...

ho postato quel link perchè stavo sul loro sito perchè interessato all'acquisto, e prima di postarlo ho letto le tue risposte e degli altri utenti sui trango e considerato la richiesta dell'avventuroso sopra, ho ritenuto opportuno consigliargli le annapurna...

saluti
 
Guarda ti rispondo volentieri. A me non interessa far polemica però quando leggo di consigli così precisi come il tuo mi chiedo sempre il perchè. Per poter affermare che un prodotto è meglio di un'altro senza indugi bisogna aver provato entrambi i capi lungamente ed anche in questo caso sarebbe un "consiglio" molto personale da prendere con le molle. I vari commenti reperibili in rete non li ritengo validi per decidere se un prodotto è meglio o peggio di un'altro.....
Ciao.
 
Guarda ti rispondo volentieri. A me non interessa far polemica però quando leggo di consigli così precisi come il tuo mi chiedo sempre il perchè. Per poter affermare che un prodotto è meglio di un'altro senza indugi bisogna aver provato entrambi i capi lungamente ed anche in questo caso sarebbe un "consiglio" molto personale da prendere con le molle. I vari commenti reperibili in rete non li ritengo validi per decidere se un prodotto è meglio o peggio di un'altro.....
Ciao.

io non ho dato nessun consiglio!!!! e non vedo perchè tu lo interpreti in quel modo...
mi ero limitato a dire valuta i gronell annapurna che costano +- quanto i trango e sono più performanti...
non ho scritto comprali perchè sono migliori!!!!
e l'ho fatto solo ed esclusivamente perchè ha parlato di quota 4000 m e io stavo leggendo le info dei gronell annapurna, tutto qui.
il mio non è un consiglio, è una semplice informazione che ho dato.
sei tu che l'hai interpretata come un consiglio, e non ho nemmeno parlato migliore o peggiore dell'altro.
 
e ora gli posto pure una recensione... Alpinia.net - test materiali

GRONELL ANNAPURNA

Con questo test abbiamo avuto il piacere di incontrare una realtà che ci è piaciuta molto: quella di un'Italia che lavora in silenzio, con passione, professionalità e con risultati veramente ottimi: parliamo di GRONELL, produttore di calzature di montagna di Roverè Veronese, nella splendida Lessinia, e di OUTDRY, produttore lombardo di un innovativo sistema di impermeabilizzazione delle calzature.

La GRONELL, Fondata nel 1937 da Nello Grossule, prese aspetto di piccola industria nel 1950, fino ad affermarsi come una delle migliori produttrici di pedule e scarponi per escursionismo e alpinismo.
Oggi GRONELL vede tre generazioni all'opera, con un prodotto tecnicamente all'avanguardia e la finitura di alto livello artigianale.

Abbiamo testato il modello ANNAPURNA, che appartiene alla linea Mountain, studiata per alpinismo già di grande impegno, con vie di misto o ghiaccio e consigliato fino ad un'altezza di 6.000 metri, può essere usato anche per haut routes e raid ad altitudini abbastanza elevate, ma la sua costruzione e le caratteristiche non ne rendono difficoltoso l'uso anche nei percorsi di collegamannto a media altezza.



Caratteristiche Tecniche
Peso: 1100 grammi
Misure: 39-47
Colore: rosso, giallo
Tomaia in pelle idrorovesciata pieno fiore, con membrana OUTDRY.
Lacci con asole autobloccanti
Sottopiede Rigid System
Suola Vibram ramponabile

Commento Tecnico
Utilizzo: Ottimo in ogni occasione
Robustezza: Molto elevata
Versalitá: Molto ampia, dal trekking a quote elevate di parecchi giorni, a ghiacciaio e terreno di misto
Portabilitá: Elevata, adatta a ogni tipo di terreno anche estremo e a quote elevate
Comfort di marcia: Ottimo, la scarpa è sempre morbida e cofortevole su ogni tipo di terreno

Considerazioni
La prima cosa che colpisce di queste ANNAPURNA è l'aspetto sbarazzino che hanno: il colore rosso intenso della tomaia, accompagnato dal contrasto con le scritte gialle di fabbrica, non le fa passare inosservate, ma il bello viene al momento in cui si indossano.

La forma ricorda quella dei gloriosi Galibier, ma la calzata è, fortunamente, molto più confortevole e il minor peso ne favorisce l'utilizzo.



Questi scarponi sono molto ben disegnati, con un colletto morbido che avvolge il malleolo senza costringerlo dolorosamente, l'interno è ben imbottito e mantiene una temperatura adatta anche su ghiacciaio a oltre 4000 metri.
Gli snodi, disegnati in modo razionale, permettono una camminata sempre molto agevole.

Li abbiamo provati su terreni differenti: su rocce montonate, con una buona pendenza, sulle quali la suola Vibram ha dato prova di un'aderenza ottima, con una sensazione di sicurezza nella camminata veramente straordinaria.

La suola speciale e il plantare rigido hanno permesso di indossare con grande sicurezza i ramponi automatici, che non si sono mai sganciati, un inconveniente purtroppo non infrequente, ma molto pericoloso, questa caratteristica ne permette l'utilizzo anche su pendii ad pendenza molto elevata.

Un discorso più dettagliato merita l'impermeabilità: la Gronell si è affidata alla OUTDRY®, un prodotto decisamente all'avanguardia.

Sviluppata e brevettata in Italia, la tecnologia OUTDRY è una reale innovazione nel processo costruttivo delle calzature tecniche per montagna e non soltanto una membrana in più sul mercato.
Grazie ad un innovativo processo di laminazione diretta della membrana Impermeabile/traspirante sulla tomaia, ogni potenziale punto di ingresso dell’acqua nella calzatura viene perfettamente sigillato. OUTDRY migliora così notevolmente le prestazioni e il comfort rispetto al sistema tradizionale di fodera impermeabile collocata all’interno della calzatura ma separata dalla tomaia.
Questo tipo di costruzione tradizionale, noto anche come ‘bootie’, lascia uno spazio fra tomaia e barriera impermeabile dove l’acqua può penetrare e, anche se non raggiunge il piede, ristagnare, appesantendo la calzatura e limitando notevolmente il comfort.



La tecnologia OUTDRY e` stata ideata proprio per risolvere questi problemi: la membrana impermeabile è solidamente unita alla tomaia, evitando così qualsiasi rischio di penetrazione attraverso di essa e lasciando intorno al piede uno strato di aria asciutta che facilità la traspirazione ed evita la condensa.

Per questo motivo Silvio `Gnaro` Mondinelli e Mario Merelli hanno scelto OUTDRY e Gronell per le loro calzature da avvicinamento e da alta quota.
Il sistema OUTDRY elimina infatti il rischio di formazione di ghiaccio fra tomaia e membrana e riduce notevolmente il rischio di condensa dovuta alla eccessiva traspirazione.

OUTDRY e una tecnologia sviluppata in Italia e brevettata internazionalmente (WO 02/11571 e 04/112525). Per maggiori informazioni sulla tecnologia OUTDRY visitate il sito www.outdry.com

Ogni scarpa Gronell è realizzata con pellami a concia naturale e di primissima scelta.
Le fasi di lavorazione sono eseguite con una severa cura artigianale utilizzando tuttavia tecnologie assolutamente nuove. La forma delle scarpe è stata accuratamente studiata per garantire il massimo comfort.

In conclusione, possiamo dire che il nostro test è stato estremamente positivo per questi scarponi Gronell Annapurna, belli come aspetto, comodissimi da indossare, sicuri su ogni tipo di terreno, perfettamente impermeabili e traspiranti grazie alla membrana OUTDRY: un ottimo acquisto!
 
Grazie TheProf! sembrano degli ottimi scarponi...il problema è che non saprei dove andare a trovarli...vorrei evitare di prendere un paio di scarponi senza averli prima provati...
 
Una recensione sulle caratteristiche di un prodotto sono sempre molto ben accette

invece una sentenza che il prodotto A è meglio di B no

meglio per che cosa o per chi?? che hanno fatto una corsa con due gemelli ed uno è arrivato prima?
le caratteristiche di un prodotto e le esigenze di chi le usa sono così uniche che ritengo ai limiti dell'impossibile fare un confronto.
 
Sicuramente ottimi scarponi,anche se personalmente uso e preferisco i Triolet della scarpa....E per il trekking uso un'altro modello sempre Scarpa(non ricordo il modello preciso) diciamo,piu adatto allo scopo! Infatti i Triolet o vari modelli La sportiva sono scarponi chiamiamoli piu tecnici,per ferrate,alpinismo ecc e non molto adatti al trekking....ogni attività richiede il suo scarpone.....
 
qualche valutazione dopo anni di utilizzo: rispolvero questo post per aggiungervi una mini recensione dopo anni che ce li ho, siccome laspo continua a mantenerli in produzione

li ho comprati cinque anni fa usati (ma sostanzialmente nuovi)

+ molto leggeri, sembrano scarpe da ginnastica
+ belli rigidi e precisi in punta, ci si può appoggiare anche su tacche minuscole per uno scarpone
+ tengono bene la caviglia e sono rigidi per percorrere pietraie e ghiaioni, ma non eccessivamente da infastidire la camminata su sentieri
+ traspirazione OK, non sono molto termici e quindi vanno bene anche in estate

- la tomaia in cordura sembra bella consumata
- il fascione in gomma è tutto scollato e distrutto (non so la sportiva che colle del cavolo usi)
- la suola (vibram mulaz), sebbene non sia particolarmente consumata, ha parecchi tasselli strappati via, in particolare quelli al centro.
- le cuciture su quella protezione per il tallone stan partendo (durata... idem)
- un po di mal di piedi dopo molte ore camminando (ma questo penso sia dovuto alla rigidità strutturale dello scarpone

di seguito qualche immagine per farvi vedere in che condizione sono... proprio come longevità non ci siamo.
IMG_20160828_121256.jpg IMG_20160828_121426.jpg 20160826_092554.jpg IMG_20160828_121218.jpg
in conclusione posso dire che mi sembrano degli scarponi molto performanti ma non costruiti per durare nel tempo.
 

Discussioni simili



Contenuti correlati

Alto Basso